Jacques Audiard

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jacques Audiard

Jacques Audiard (Parigi, 30 aprile 1952) è uno sceneggiatore e regista francese.

Biografia[modifica | modifica wikitesto]

Figlio del regista e sceneggiatore Michel Audiard, dopo aver abbandonato gli studi di Lettere entra nel mondo del cinema come montatore.[1] All'inizio degli anni ottanta si dedica alla sceneggiatura, collaborando fra l'altro con il padre per il film Mia dolce assassina diretto da Claude Miller.

Esordisce alla regia nel 1994 con il noir Regarde les hommes tomber, tratto dal romanzo Triangle di Teri White e interpretato da Jean-Louis Trintignant, Mathieu Kassovitz e Jean Yanne. Presentato nella Settimana Internazionale della Critica del 47º Festival di Cannes,[2] il film conquista tre Premi César, fra cui quello per la migliore opera prima.

La sua opera seconda, Un héros très discret (1996), di nuovo con Trintignant e Kassovitz, viene presentata in concorso al 49º Festival di Cannes, dove riceve il premio per la miglior sceneggiatura.[3]

Nel 2001 realizza Sulle mie labbra (Sur mes lèvres), con Emmanuelle Devos e Vincent Cassel, candidato a nove Premi César, tra cui miglior film e miglior regista, e vincitore di tre premi (migliore attrice, miglior sceneggiatura e miglior sonoro).

Il suo quarto film, Tutti i battiti del mio cuore (De battre mon coeur s'est arrêté) (2005), con Romain Duris, remake del film statunitense Rapsodia per un killer di James Toback, viene presentato in concorso al Festival di Berlino, dove riceve un Orso d'argento per la colonna sonora, e trionfa ai Premi César, vincendo otto premi (su dieci candidature), tra cui quelli per il miglior film e il miglior regista.

La definitiva consacrazione arriva con Il profeta (Un prophète) (2009), vincitore del Grand Prix Speciale della Giuria del 62º Festival di Cannes[4] e di nove Premi César, nonché candidato all'Oscar al miglior film straniero.

In occasione del 67º Festival di Cannes ha tenuto una masterclass aperta al pubblico durante la quale ha parlato della sua idea di cinema e del lavoro del regista.[5]

Vita privata[modifica | modifica wikitesto]

È stato sposato con la regista Marion Vernoux, dalla quale ha avuto tre figli.

Filmografia[modifica | modifica wikitesto]

Regista[modifica | modifica wikitesto]

Sceneggiatura[modifica | modifica wikitesto]

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ (FR) Jacques Audiard, AlloCiné. URL consultato il 12-7-2011.
  2. ^ (FR) 33e Selection de la Semaine de la Critique 1994, semainedelacritique.com. URL consultato il 30 giugno 2011.
  3. ^ (EN) Awards 1996, festival-cannes.fr. URL consultato il 2 luglio 2011.
  4. ^ (EN) Awards 2009, festival-cannes.fr. URL consultato il 12 luglio 2011.
  5. ^ Cannes 2014: a lezione di cinema con il grande Jacques Audiard, ScreenWeek Blog.

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Controllo di autorità VIAF: 103611240 LCCN: nr99035590