Jean Vigo

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jean Vigo

Jean Vigo (Parigi, 26 aprile 1905Parigi, 15 ottobre 1934) è stato un regista francese, da molti considerato uno dei massimi maestri del cinema, nonostante la sua breve vita, fu ritenuto dai più autore maledetto in virtù degli accostamenti agli scrittori Arthur Rimbaud e Louis-Ferdinand Céline che parte della critica fece.

Biografia[modifica | modifica sorgente]

La carriera[modifica | modifica sorgente]

Figlio dell'anarchico Eugène Bonaventure de Vigo, il direttore del giornale Le Bonnet Rouge, relativamente influente, il quale si firmava Miguel Almereyda (il cognome è anagramma di Y a la merde). Nel 1914 suo padre viene arrestato e chiuso nella prigione di Fresnes. Verrà trovato morto, strangolato dai lacci delle sue scarpe.

Negli anni della scuola passa da un liceo all'altro, senza riuscire a socializzare con i compagni di scuola.

Nel 1929 realizza À propos de Nice, un film muto di 25 minuti che esamina le disuguaglianze sociali nella Nizza degli anni 1920. Nel 1931 gira Taris, roi de l'eau, un elegante documentario di 11 minuti sul campione di nuoto Jean Taris, tra le prime opere con riprese subacquee.

Nel 1933 gira Zéro de conduite, film di soli 47 minuti che rappresenta una ribellione scolastica: quattro collegiali puniti per cattiva condotta si rivoltano contro le autorità scolastiche attaccandole con colpi di cuscino e sberleffi, fino a fuggire per i tetti del collegio verso un immaginario mondo di libertà.

Infine nel 1934 realizza L'Atalante, lungometraggio che la tubercolosi (peggiorata anche dalla lavorazione del film ambientato sui canali della Francia settentrionale) non gli consentirà di finire. Si tratta di una delle storie d'amore più amate dagli appassionati e dagli studiosi di cinema.

La fine[modifica | modifica sorgente]

Jean Vigo muore di tubercolosi a Parigi e viene sepolto nel Cimetière Parisien de Bagneux.

I suoi film negli anni trenta vengono giudicati antipatriottici e vengono censurati dalle autorità governative francesi. Successivamente sono entrate fra le opere che hanno influenzato maggiormente i successivi sviluppi della cinematografia francese e mondiale.

Tra i registi influenzati da Jean Vigo si possono citare Luis Buñuel, François Truffaut e Steve McQueen[1].

Nel 1951 viene istituito in suo onore il Premio Jean Vigo, premio che spesso è riuscito a segnalare validi giovani registi. In Francia sono numerosi i cineclub intitolati a Jean Vigo.

Filmografia[modifica | modifica sorgente]

Bibliografia[modifica | modifica sorgente]

  • Sulle tracce di Jean Vigo. Attualità di un visionario anarchico, prefazione di Roberto Faenza, a cura di Paolo Heritier, Edizioni ETS, 2010;
  • Pino Bertelli, Jean Vigo. Cinema della rivolta e dell'amour fou, prefazione di Alfonso Amendola, con uno scritto di Enrico Ghezzi, La Fiaccola, 2008;
  • Maurizio Grande, Jean Vigo, Il Castoro, 2004;
  • Paulo Emílio Salles Gomes, Jean Vigo, Feltrinelli, 1979;
  • Corrado Terzi, Jean Vigo, Federazione Italiana Circoli del Cinema, 1952;
  • Simone Ghelli, L'Atalante in Jean Vigo, Traccedizioni, 2000;

Note[modifica | modifica sorgente]

  1. ^ il venerdì di Repubblica 1243 del 13 gennaio 2012, pagina 123

Collegamenti esterni[modifica | modifica sorgente]

Controllo di autorità VIAF: 59115995 LCCN: n80014990