La donna che visse due volte

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
bussola Disambiguazione – Se stai cercando l'omonimo romanzo, vedi La donna che visse due volte (romanzo).
La donna che visse due volte
Vertigo 1958 trailer embrace 2.jpg
James Stewart e Kim Novak dal trailer del film
Titolo originale Vertigo
Paese di produzione Stati Uniti d'America
Anno 1958
Durata 128 min
Colore colore
Audio sonoro
Rapporto 1,85:1
Genere thriller
Regia Alfred Hitchcock
Soggetto Pierre Boileau, Thomas Narcejac
Sceneggiatura Alec Coppel, Samuel A. Taylor
Produttore Alfred Hitchcock
Casa di produzione Paramount
Distribuzione (Italia) Paramount
Fotografia Robert Burks
Montaggio George Tomasini
Musiche Bernard Herrmann
Scenografia Henry Bumstead, Hal Pereira
Interpreti e personaggi
Doppiatori italiani

Edizione originale

Ridoppiaggio (1984)

La donna che visse due volte (Vertigo) è un film del 1958 diretto da Alfred Hitchcock. Il film è tratto dal romanzo D’entre les morts (1954), scritto da Thomas Narcejac (1908–1998) e Pierre Boileau (1906–1989).

Nel 1989 il film è stato inserito fra quelli conservati nel National Film Registry presso la Biblioteca del Congresso degli Stati Uniti.[1] Nel 1998 l'American Film Institute l'ha inserito al sessantunesimo posto della classifica dei migliori cento film statunitensi di tutti i tempi,[2] mentre dieci anni dopo, nella lista aggiornata, è salito al nono posto.[3] Nell'agosto del 2012, secondo il sondaggio di Sight and Sound per conto del British Film Institute, ha scalzato Orson Welles e il suo Quarto potere andando ad occupare il primo posto come migliore film di sempre; Quarto potere deteneva il primato dal 1962.[4]

Trama[modifica | modifica wikitesto]

L'avvocato e poliziotto John Ferguson, Scottie per gli amici, soffre di vertigini. Durante un inseguimento sui tetti dei grattacieli di San Francisco, aggrappato ad una grondaia, sospeso nel vuoto, aveva visto un collega precipitare al suolo nel tentativo di salvarlo.

Dimessosi dalla polizia, un suo ex-compagno di college, Gavin Elster, divenuto grosso imprenditore nel campo dei cantieri navali, gli chiede di incontrarlo. Vorrebbe affidargli l'incarico di sorvegliare sua moglie Madeleine, vittima di strane ossessioni. La donna si identifica con la bisnonna materna, Carlotta Valdés. Abbandonata dall'amante e privata della figlia nata dalla loro relazione, Carlotta morì suicida a ventisei anni, la stessa età di Madeleine.

James Stewart è Scottie Ferguson

Scottie esita ma Elster gli mostra, durante una cena in un lussuoso ristorante, la moglie. La misteriosa bellezza della donna è tale che Scottie ne è assolutamente conquistato e assume l'incarico.

Incomincia a pedinarla. Dal fioraio Madeleine compra un bouquet, al cimitero visita la tomba di Carlotta, al museo sosta a lungo davanti al ritratto dell'ava a cui somiglia in modo impressionante, nell'antica dimora della famiglia, trasformata in albergo, si è riservata una stanza in cui trascorre qualche ora pomeridiana, infine va a passeggiare sulle sponde del Golden Gate. Inaspettatamente si getta nelle acque della baia. Scottie prontamente si tuffa e la salva. La conduce nel suo appartamento perché si asciughi e si riprenda. Perdutamente innamorato, tenta di convincerla ad accettare il suo aiuto per guarire.

Nel parco delle sequoie anche lei dichiara di amarlo e gli racconta i propri incubi. Sperando di fugare i fantasmi che la tormentano, Scottie vuole accompagnarla nei luoghi da lei nominati, per dimostrarle che sono reali e non possono fare paura. Il paesaggio descritto in un suo sogno corrisponde alla ex missione spagnola San Juan Batista. Giunti sul luogo, Madeleine si allontana da lui e sale le scale del campanile. Scottie non la può seguire a causa della sua fobia per l'altezza. In preda ad un attacco di vertigini assiste impotente al precipitare del corpo sul tetto sottostante.

Accertato giuridicamente il suicidio, ma con una malcelata reprimenda del magistrato nei suoi confronti per quello che considera un vero e proprio atto di codardìa, Scottie cade in depressione, sentendosi colpevole di non aver salvato l'amata. Finisce quindi in una clinica psichiatrica, dove la sua amica Midge, innamorata di lui e non corrisposta, cerca di aiutarlo a riprendersi.

Uscito dalla casa di cura, un anno dopo la tragedia, trova in Judy Barton, una commessa di negozio, bruna e appariscente, una certa somiglianza con Madeleine. La corteggia insistentemente, la convince a vestirsi, a truccarsi, a tingere i capelli, a pettinarsi come Madeleine.

Kim Novak è Madeleine Elster/Judy Barton

Judy, che è davvero la stessa donna, vorrebbe confessare la verità e sparire. Si accinge a scrivere una lettera d'addio in cui rivela di essere stata l'amante di Elster, di aver recitato la parte della moglie, di essere stata complice del suo uxoricidio (concluso da Elster gettando il corpo già morto di Madeleine, vestita alla stessa maniera di Judy, dal campanile). Poi però cambia idea, straccia la lettera e asseconda Scottie.

Scottie, convinto di aver creato in Judy una nuova Madeleine e intenerito dalla sua disponibilità, può finalmente amarla e la invita a festeggiare con una cena. Indossato un abito nero da sera, lei gli chiede di aiutarla a chiudere il fermaglio della collana. Ma nel gioiello del pendente Scottie riconosce quello appartenuto a Carlotta Valdés, dipinto nel ritratto, e indossato dalla supposta Madeleine nel giorno della sua "caduta" dalla torre, e ha la prova dell'inganno subito.

Si vendica senza pietà. Costringe Judy a tornare all'antica missione e a rivivere la scena del delitto. Vinta definitivamente la paura del vuoto, la spinge sulle scale della vecchia torre campanaria. Lei confessa il piano delittuoso ordito con Elster ma riafferma con forza l'amore che l'ha portata a rischiare consapevolmente di essere riconosciuta.

Sulla cima del campanile il dramma sembra concludersi con un bacio appassionato, ma all'improvviso un'ombra misteriosa e lugubre spaventa Judy che si precipita nel vuoto come la vera Madeleine. Una suora compare e, suonando la campana, recita un requiem: «Dio abbia pietà».

Produzione[modifica | modifica wikitesto]

Soggetto[modifica | modifica wikitesto]

Il titolo originale del film doveva essere From among the dead, traduzione letterale del titolo del romanzo D'entre les morts scritto nel 1954 da Pierre Boileau e Thomas Narcejac, da cui il film era tratto. In Italia il romanzo venne pubblicato dopo l'uscita del film, con il titolo La donna che visse due volte.

Differenza fra libro e film[modifica | modifica wikitesto]

Mentre l'azione del romanzo si svolgeva nella Francia degli anni quaranta, il film si svolge nella California del decennio successivo, ma le modifiche più importanti fatta da Hitchcock alla trama furono due. La prima è la rivelazione anticipata (a un terzo dalla fine della storia, con la scena della lettera) dell'effettiva identità tra Madeleine e Judy. Questa rivelazione consentiva al regista di spostare l'attenzione dello spettatore verso il tema del doppio, uno dei temi ricorrenti della filmografia di Hitchcock. Tuttavia il regista rimase a lungo incerto se eliminare quella scena, e la decisione finale di mantenerla fu in effetti presa dal produttore Barney Balaban, capo della Paramount.

La seconda riguarda la modalità della morte di Judy. Nel film essa precipita per una fatalità dal campanile mentre nel libro viene uccisa in un impeto di rabbia dal protagonista che, una volta ascoltata la confessione dell'inganno, non vuole credervi. Questo perché, ormai ossessionato dalla figura di Madeleine, non poteva accettare che la donna di cui si era follemente innamorato non fosse che una parte interpretata.

Sceneggiatura[modifica | modifica wikitesto]

Il libro venne sottoposto a un primo trattamento da Alec Coppel, ma la sceneggiatura venne bocciata da Hitchcock. Una seconda stesura, quella definitiva, venne elaborata da Samuel A. Taylor, incontrando l'approvazione del regista. Taylor si mise al lavoro senza conoscere il romanzo e senza aver letto il primo trattamento, basandosi soltanto sul racconto della trama, espostogli direttamente da Hitchcock.

Cast[modifica | modifica wikitesto]

La parte di Madeleine era stata originariamente affidata a Vera Miles, ma durante le riprese Hitchcock subì un'operazione alla cistifellea e, una volta ripresosi, toccò alla Miles la latitanza dal set per una gravidanza. Hitchcock le affiderà la parte della sorella della protagonista femminile nel successivo Psyco. Nonostante l'iniziale diffidenza verso Kim Novak, già comunque famosa per film come Picnic e L'uomo dal braccio d'oro, il regista seppe trasformarla nell'archetipo di bionda inafferrabile che caratterizzò molti suoi film.

Nel ruolo del protagonista maschile, James Stewart, alla sua quarta collaborazione con il regista, sa esattamente cosa vuole da lui ed è capace "con la sua recitazione cupa e romantica di attingere al profondo delle sue capacità". In nessun altro film Hitchcock «... non ha mai avuto un alter ego così evidente».[5]

Riprese[modifica | modifica wikitesto]

Le riprese, iniziate a settembre, furono completate appena prima del Natale 1957.

Set[modifica | modifica wikitesto]

La scena in cui Madeleine cade dalla torre è stata girata alla Missione San Juan Batista

I luoghi di ripresa furono progettati fino all'ultimo particolare: fu calibrata perfettamente l'illuminazione del California Palace della Legion d'Onore, furono prese le misure esatte della sala di prova degli abiti del grande magazzino Ranshoff, la disposizione del negozio di fiori. Lo stesso Hitchcock ha disegnato alcuni dei set, tra cui le scale che Scottie scende per salvare Madeleine.

I resti della California Spagnola, come la Mission Dolores dove fu girata la scena del cimitero, e San Juan Batista, l'altra missione dove si svolgono le scene più drammatiche, sono luoghi dall'aspetto misterioso, quasi di sogno.[6]

Musica[modifica | modifica wikitesto]

Giustamente famosi i contributi tecnici del compositore Bernard Herrmann, con una partitura musicale ispirata al melodramma italiano e alla sinfonia I pianeti (Saturno) di Gustav Holst, e del title designer Saul Bass, autore della sequenza introduttiva. Si individuano anche riferimenti alla magica e infiammata musica di Le Valchirie e del Liebestod da Tristano e Isotta (molto appropriata alla favola moderna delle due Isotte).[5] Spesso la musica evoca atmosfere del mondo perduto della California spagnola

Prima[modifica | modifica wikitesto]

Prima: 9 maggio 1958 a New York

Accoglienza[modifica | modifica wikitesto]

La locandina del film realizzata da Saul Bass.

Il film ebbe scarso successo di pubblico e accoglienza tiepida da parte dei critici. Probabilmente era troppo all'avanguardia per il suo tempo e solo più tardi, durante gli anni sessanta, i cinefili cominciarono a rivalutarlo e a riscoprirlo.

Critica[modifica | modifica wikitesto]

Dan Aulier[7] ha suggerito che la rivalutazione del film inizia per opera dello studioso britannico-canadese Robin Wood che nel suo libro Hitchcock Films (1968), lo definisce «...capolavoro di Hitchcock e uno dei quattro o cinque film più profondi e belli della storia del cinema». Harris-Lasky, 1976-1979, definiscono il film «... la più bella e la più crudele delle love story di Hitchcock».[8]

L'effetto Pigmalione[modifica | modifica wikitesto]

Il professore rumeno, Victor I.Stoichita, autore di un saggio sul “simulacro”, componente fondamentale dell’immaginario occidentale, ha esaminato il film La donna che visse due volte come esempio di assunzione cinematografica del mito di Pigmalione, il mito fondatore del simulacro.[9]

Lo studioso afferma che un conflitto pigmalionico si dipana nascostamente in Vertigo. Se esiste una figura nella cultura moderna che incarna questa relazione è proprio quella del regista, colui che “mette in scena”. A lui soltanto è riconosciuto il potere esclusivo di creare dei simulacri per un pubblico che paga il biglietto.

«Ti ha forse istruita? Ti ha fatto provare» chiede rabbiosamente Scottie a Judy riferendosi a Elster. In Vertigo Elster e lo stesso Scottie si costituiscono "pigmalioni" in contrasto con la professione del regista poiché non esercitano questa professione ma la plagiano con finalità oscure.

Nel finale Scottie ottiene il miracolo di ricreare Madeleine da Judy:

«Judy con il tailleur grigio, bionda e con i capelli raccolti in uno chignon esce dal bagno. Nella stanza immersa nella luce verde del neon, si palesa sulla soglia come una sagoma, è confusa e impalpabile come un’apparizione. Madeleine sta tornando? Dopo un istante di immobilità come se fosse incerta se superare la soglia tra sogno e realtà, finalmente avanza. Un'ombra enorme si proietta sulla parete della camera, ancora un passo e l’ombra scompare. Il doppio è uno. Scottie ha le lacrime agli occhi apre le braccia e nell’abbraccio che segue, accompagnato dalla celeberrima ripresa a 360 gradi e dalla musica memorabile di Herrmann, il suo sguardo continua a essere allucinato.»[9]

Il quadro e la cornice[modifica | modifica wikitesto]

Nella sequenza al museo, spiando al pari di Scottie, lo spettatore vede Madeleine, di spalle, assorta nella contemplazione del quadro, visto di fronte.

Questa "immagine nell'immagine", il "quadro nel film", incastona una immagine fissa in un'immagine in movimento. L’immagine in movimento concerne l’azione, la vita, l’immagine fissa la morte e ciò mette in risalto il fascino del vivente davanti alla morte, un tema che Hitchcock aveva già affrontato, ad esempio in Rebecca, la prima moglie.

La relazione simulata fra Madeleine e Carlotta si configura attraverso alcuni elementi: il mazzo di fiori posato sulla panca come uscito dalla cornice del quadro, il pendaglio di Carlotta che uscirà dalla cornice soltanto alla fine della storia, le onde nei capelli di Carlotta che si trasformeranno nella spirale dello chignon di Madeleine, «...emblema della vertiginosa incastonatura dei simulacri, dell’ebbrezza erotica, dell’attrattiva senza fine degli interdetti, e, in definitiva, del film nella sua totalità.»[9]

Gli specchi[modifica | modifica wikitesto]

Il tema del doppio è sottolineato dalla presenza di specchi in molte scene del film: il negozio di fiori all'inizio, la boutique dove Scottie commissiona il tailleur, l'Ernie's Restaurant e la stanza di Judy all'Empire Hotel.

Essi rappresentano il continuo gioco di rimandi «...Kim Novak che recita Judy che recita Madeleine che recita Carlotta… un caso limite dell'effetto Pigmalione».[9]

Il volto di Madeleine[modifica | modifica wikitesto]

«Un'icona di profilo» lo definisce Jean Pierre Esquenazi.[10]

Scottie, invitato da Elster nel ristorante da Ernie's, è seduto al bar e vede per la prima volta Madeleine di spalle. Poi Madeleine si alza e attraversa la sala: un primissimo piano presenta il suo profilo che si proietta, da sinistra a destra, sulla tappezzeria cremisi della parete.

Nella seconda parte del film, nella stanza dell'Hotel Empire, di sera, Hitchcock inquadra il profilo di Judy che guarda verso sinistra, illuminato dalla luce verdastra di un'insegna al neon. Ha un aspetto spettrale e pare l'esatto negativo di quello di Madeleine: è tutto il passato che ritorna.

«In Vertigo, proprio come nella fotografia e nel film, il negativo è l’originale, e il positivo la contraffazione.»[9]

La spirale[modifica | modifica wikitesto]

Il motivo della spirale, centrale nel film, emerge fin dai titoli di testa realizzati da Saul Bass. Si ripresenta nello chignon di Madeleine, nei cerchi concentrici delle linee del tempo nel tronco di sequoia, nella scala a chiocciola del campanile della missione, negli incubi di Scottie ricaduto nella sua malattia.[11]

I titoli di testa[modifica | modifica wikitesto]

Nello schermo nero appare una mezza faccia femminile, la musica ripete un unico accordo, la cinepresa inquadra in primo piano la bocca, si sposta poi verso gli occhi. Scorrono i primi titoli. Nel centro della pupilla compare una spirale che va man mano ingrandendosi, spirali nascono dentro altre spirali, fino a che l’ultima ritorna dentro la pupilla.[12]

Hitchcock ci immerge fin dall'inizio nell'atmosfera da incubo e nelle tematiche del film: la finzione, con la maschera e il volto, la vertigine, con la spirale.

Il tema della vertigine[modifica | modifica wikitesto]

Scottie si risveglia dall'incubo
  • Le vertigini di cui soffre Scottie
  • La vertigine amorosa
  • L’enigma femminile rappresentato dall’acconciatura: la crocchia a spirale
  • Le volute misteriose dell'inconscio
  • La circolarità della vicenda

L'incubo di Scottie[modifica | modifica wikitesto]

L'incubo che tormenta Scottie, ricaduto nella malattia dopo la morte della presunta Madeleine, è un'incursione nell'inconscio e nella vertigine della perdita della ragione.

Molte immagini già incontrate, ritornano deformate: la camera buia, il primo piano del volto, lo spalancare degli occhi, l'animazione del fiore che esplode, la collana, la tomba vuota, la testa di Scottie in mezzo a una tela di ragno, il gorgo della spirale, l'inesorabile caduta, il labirinto delle strade di San Francisco. «È la conoscenza di uno stato di assoluta impotenza.»[8]

Tecnica cinematografica[modifica | modifica wikitesto]

L'effetto vertigine nella scena dell'inseguimento sui tetti

L'effetto delle vertigini è stato riprodotto dopo vari tentativi con una sincronia tra zoomata all'indietro (che crea una profondità maggiore) e carrellata in avanti. Si trattò, per i tempi, di una eccezionale innovazione visuale ottenuta con l'uso dei primi obiettivi zoom ad uso cinematografico. La tromba delle scale che viene inquadrata era un modellino, costato all'epoca 19 000 dollari, fatto costruire da Hitchcock per riprodurre l'interno della chiesa nei minimi dettagli.[13]

Anche la scena del bacio nella missione spagnola di San Juan Batista è frutto di un laborioso artificio tecnico: venne dapprima filmato un set circolare con una panoramica a 360°, poi vennero ripresi gli attori che si baciavano, a loro volta sistemati su una piattaforma che ruotava in senso contrario, mentre su uno schermo alle loro spalle veniva proiettata la panoramica girata in precedenza.

Il Golden Gate Bridge, che si vede sullo sfondo nella scena in cui Judy/Madeleine cade in acqua, è divenuto uno dei luoghi culto per i cinefili, tanto da essere utilizzato in molti altri film; Hitchcock lo aveva scelto come location già nel 1951, definendolo «...un luogo ideale per un delitto».

Il sogno con le spirali rotanti è una citazione del film dadaista/surrealista Anémic Cinéma di Marcel Duchamp (1926).

A 1h 55m c'è un curioso piccolo errore, lo sfondo è rovesciato per cui sembra che la guida sia sulla sinistra.

Cameo[modifica | modifica wikitesto]

Anche in questo film come di consueto, Hitchcock si riserva una piccola apparizione-cameo nei panni di un passante che reca con sé la custodia di un corno, mentre transita davanti ai cantieri di proprietà di Elster.

Doppiaggio[modifica | modifica wikitesto]

Il primo doppiaggio italiano risale all'uscita del film nelle sale (1958), con Gualtiero De Angelis e Rosetta Calavetta nelle parti dei protagonisti.

Restauro[modifica | modifica wikitesto]

Nel 1997, dopo 12 anni di assenza dalle programmazioni televisive, il film fu restaurato da Robert A.Harris e James C. Katz: originariamente in VistaVision 35 mm a doppio fotogramma da dx a sx, è stato recuperato il 90% del sonoro originale e trasformato in DTS (integrato con suoni riprodotti seguendo le originarie annotazioni di Hitchcock), ed è stato riprodotto in 70 mm a fotogramma unico.

Riconoscimenti[modifica | modifica wikitesto]

Il ridoppiaggio[modifica | modifica wikitesto]

A causa di un restauro tecnico effettuato dalla Universal nei primi anni ottanta per la riedizione cinematografica, il film fu ridoppiato. Per la parte di James Stewart fu scelto Giorgio Piazza, che tra l'altro aveva una voce molto simile a quella di Gualtiero De Angelis con cui spesso viene confuso ad un ascolto poco attento; Vittoria Febbi ridoppiò Kim Novak. Questa versione è l'unica ad essere andata in onda in TV e l'unica disponibile in tutte le edizioni home video del film. La medesima situazione riguarda anche La finestra sul cortile.

Citazioni in altri film[modifica | modifica wikitesto]

  • Poco prima della scena finale del film del 1995 L'esercito delle dodici scimmie di Terry Gilliam, i due protagonisti guardano una pellicola al cinema: si tratta de La donna che visse due volte.
  • Nella pellicola del 2002 La leggenda di Al, John e Jack, del trio comico Aldo, Giovanni e Giacomo, la scena d'apertura è ambientata in un drive-in americano degli anni cinquanta in cui il film proiettato è proprio La donna che visse due volte; in particolare si possono riconoscere alcuni brevi fotogrammi in cui si vede James Stewart appeso alla grondaia dopo essere scivolato dal tetto durante il famoso inseguimento all'inizio del film.
  • Nel film Alta tensione di Mel Brooks il protagonista, il Dr. Richard Harpo Thorndyke, soffre di una fobia molto simile all'acrofobia contratta da John Ferguson, dovuta però a cause ben diverse. Questa pellicola è una parodia dell'intera opera di Alfred Hitchcock e riprende molte scene e scenari di questo film rivisitati in chiave comica. Il film ha ispirato il set della torre del campanile, le vertigini del protagonista, la grafica della locandina, e il vestito grigio di Vittoria Brisbane (somigliante a quello del personaggio di Kim Novak).
  • In Misterioso omicidio a Manhattan di Woody Allen, in cui il tema del doppio è ampiamente dispiegato come pure quello dello specchio (segnatamente nella sequenza finale), si vede passare un autobus pubblico che pubblicizza proprio il film Vertigo.
  • Una scena del ventiduesimo episodio della prima stagione della serie TV statunitense Pretty Little Liars prende spunto dalla famosa scena del campanile.

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ (EN) National Film Registry, National Film Preservation Board. URL consultato il 3 gennaio 2012.
  2. ^ (EN) AFI's 100 Years... 100 Movies, American Film Institute. URL consultato il 12 ottobre 2014.
  3. ^ (EN) AFI's 100 Years... 100 Movies - 10th Anniversary Edition, American Film Institute. URL consultato il 12 ottobre 2014.
  4. ^ Il miglior film di sempre? «La donna che visse due volte» di Hitchcock, corriere.it, 2 agosto 2012. URL consultato il 19 ottobre 2014.
  5. ^ a b Donald Spoto, Il lato oscuro del genio, Lindau, Torino, 2006, p. 513.
  6. ^ John Russell Taylor, Hitch. La vita e l'opera di Alfred Hitchcock, traduzione di Mario Bonini, Garzanti, Milano 1980, p. 305.
  7. ^ Dan Aulier,Vertigo. The making of a Hitchcock Classic, St. Martin’Press, New York, 1998, pp. 98-103
  8. ^ a b Bruzzone-Caprara, I film di Hitchcock, Gremese, Roma, 1992, p. 225.
  9. ^ a b c d e Victor I. Stoichita, L'effetto Pigmalione. Breve storia dei simulacri da Ovidio a Hitchcock, traduzione di Benedetta Sforza, Milano, Il Saggiatore 2006, pp. 215-239. ISBN 88-428-1355-9
  10. ^ (FR) Jean Pierre Esquenazi, Hitchcock et l'aventure de Vertigo. L'invention à Hollywood, CNRS Editions, Paris, 2001, pp. 122-129.
  11. ^ Marco Teti,La vertigine in una spirale. La centralità della figura spiraliforme in La donna che visse due volte.
  12. ^ Roberto Donati, La vertigine della scrittura: i titoli di testa de "La donna che visse due volte" di Alfred Hitchcock e altri esempi, 2001-2002. vedi
  13. ^ François Truffaut, Il cinema secondo Hitchcock, Il Saggiatore, 2009, pp. 202-206.

Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]

  • John Russell Taylor, Hitch. La vita e l'opera di Alfred Hitchcock, traduzione di Mario Bonini, Garzanti, Milano 1980.
  • François Truffaut, Il cinema secondo Hitchcock, tradotto da Giuseppe Ferrari e Francesco Pittitto, Il Saggiatore, 2009.
  • Paolo Marocco, Vertigo di Alfred Hitchcock. Lo sguardo dell'ozio nell'America del lavoro, Recco-Genova, Le Mani 2003.
  • Mauro Giori-Tomaso Subini, Nel vortice della passione. Vertigo di Alfred Hitchcock, CUEM, Milano 2006.
  • Del Ministro Maurizio, Alfred Hitchcock. La donna che visse due volte, Lindau, Torino 2009 ISBN 978-88-7180-789-8
  • Victor I. Stoichita, L'effetto Pigmalione. Breve storia dei simulacri da Ovidio a Hitchcock, traduzione di Benedetta Sforza, Milano, Il Saggiatore 2006.
  • Jean Pierre Esquenazi, Hitchcock et l'aventure de Vertigo. L'invention à Hollywood, CNRS Editions, Paris, 2001.
  • Natalino Bruzzone-Valerio Caprara, I film di Hitchcock, Gremese, Roma, 1992.

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

cinema Portale Cinema: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di cinema