Henry Bumstead

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Statuetta dell'Oscar Oscar alla migliore scenografia 1963
Statuetta dell'Oscar Oscar alla migliore scenografia 1974

Henry Bumstead, nome completo Lloyd Henry Bumstead (Ontario, 17 marzo 1915Pasadena, 24 maggio 2006), è stato uno scenografo statunitense.

Nella sua carriera curò la scenografia di oltre 100 film ed è stato tra gli scenografi preferiti di Alfred Hitchcock.

Biografia[modifica | modifica sorgente]

Studiò alla University of Southern California. Una volta laureatosi, nel 1948, iniziò a lavorare per la Paramount Pictures affiancato da Hans Dreier. A seguito del pensionamento di Dreier, nel 1951, Bumstead prese a lavorare con Hal Pereira che la Paramout aveva assunto per sostituire Dreier. La svolta della sua carriera avvenne nel 1956 quando lavorò per il remake di L'uomo che sapeva troppo di Alfred Hitchcock. In seguito lavorò per altri film di Hitchcock: La donna che visse due volte, Topaz e Complotto di famiglia.

Nel 1961 lasciò la Paramount e si trasferì alla Universal Studios dove collaborò a stretto contatto con Alexander Golitzen. Durante questo periodo venne in contatto con George Roy Hill (in Mattatoio 5) e Clint Eastwood (in Lo straniero senza nome) realizzando, in seguito, numerosi film con entrambi.

Vinse due Premi Oscar per i film Il buio oltre la siepe e La stangata e venne nominato per i film La donna che visse due volte e Gli spietati.

Flags of Our Fathers (2006) e il relativo Lettere da Iwo Jima (previsto per il 2007) furono gli ultimi due progetti di Bumstead che morì, a Pasadena (California) all'età di 91 anni a causa di un tumore alla prostata, prima che i film venissero proiettati nei cinema. Flag of Our Fathers è stato dedicato a lui, citandolo nella dedica con il suo nickname "Bummy".

Filmografia[modifica | modifica sorgente]

Bibliografia[modifica | modifica sorgente]

  • Horton, Andrew (2003). Henry Bumstead and the World of Hollywood Art Direction. Austin, University of Texas Press, ISBN 0-292-70519-0.

Collegamenti esterni[modifica | modifica sorgente]

Controllo di autorità VIAF: 57663609