Vera Miles

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Vera Miles nel trailer de Il ladro

Vera Miles, nome d'arte di Vera June Ralston (Boise City, 23 agosto 1930), è un'attrice statunitense.

Biografia[modifica | modifica wikitesto]

Nacque nell'Oklahoma da Burnice Wyrick e Thomas Ralston.[1][2] Trascorse l'adolescenza in Kansas, a Pratt e a Wichita, dove si diplomò presso la "Wichita North High School", lavorando la sera come operatrice dattilografa per la Western Union.

Dopo gli inizi come modella (nel 1948 vinse il titolo di Miss Kansas e si classificò terza a Miss America[3]), intraprese una lunga carriera di attrice: la si ricorda per la partecipazione a memorabili pellicole di John Ford, quali Sentieri selvaggi e L'uomo che uccise Liberty Valance, e in due pellicole di Alfred Hitchcock, Il ladro (dove è protagonista di "vitale drammaticità"[4]) e Psyco.

Lunga ed importante fu anche la carriera televisiva, iniziata negli anni cinquanta: la Miles parteciò infatti a tutte le principali serie televisive statunitensi del decennio successivo, fino ad alcuni film TV negli anni ottanta.

Vera Miles si sposò tre volte: nel 1948 con Bob Miles, dal quale ebbe due figli, Debra (nata nel 1950) e Kelley (nata nel 1952 anch'essa attrice e scrittrice), dal quale divorziò nel 1954; nel 1954 con l'attore Gordon Scott, dal quale ebbe un figlio, Michael (nato nel 1957), prima di divorziare nel 1959; il 26 luglio 1960 con Keith Larsen, dal quale ebbe un figlio, Erik (nato il 30 aprile 1961 attore), e dal quale divorziò nel 1971.

Filmografia parziale[modifica | modifica wikitesto]

Cinema[modifica | modifica wikitesto]

Televisione[modifica | modifica wikitesto]

Vera Miles nell'episodio Mirror Image della serie antologica Ai confini della realtà.

Doppiatrici italiane[modifica | modifica wikitesto]

Nelle versioni in italiano dei suoi film, Vera Miles è stata doppiata da:

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Vera Miles Biography (1930-)
  2. ^ Vera Miles Biography - Yahoo! Movies
  3. ^ Pageantcenter - Consultato il 20 marzo 2012]
  4. ^ Le Garzantine Cinema, p. 777

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Controllo di autorità VIAF: 100238726 LCCN: no90020557