Barbara Bel Geddes

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.

Barbara Bel Geddes (New York, 31 ottobre 1922Northeast Harbor, 8 agosto 2005) è stata un'attrice statunitense. Era figlia del disegnatore industriale e teatrale Norman Bel Geddes e di Helen Bell.

Biografia[modifica | modifica sorgente]

Teatro[modifica | modifica sorgente]

Barbara iniziò la carriera artistica in teatro a soli 18 anni, divenendo ben presto una delle star più apprezzate delle principali produzioni di Broadway. La sua più rilevante interpretazione fu senz'altro quella di "Maggie" ne La gatta sul tetto che scotta (1956), riduzione teatrale del celebre lavoro di Tennessee Williams, per la regia di Elia Kazan. Altra prova di rilievo fu nella commedia di Jean Kerr Mary, Mary nel 1961. Le due interpretazioni le valsero altrettante nomination ai Tony Award. Recitò anche, tra l'altro, in La vergine sotto il tetto di Hugh Herbert e in lavori di John Steinbeck ed Edward Albee.

Cinema[modifica | modifica sorgente]

Barbara Bel Geddes nel film Bandiera gialla) nel 1950

La sua carriera cinematografica ebbe inizio con il film La disperata notte (1947) di Anatole Litvak, in cuì recitò a fianco di Henry Fonda. Nel 1948 ricevette la nomination agli Oscar come miglior attrice non protagonista per la parte di "Katrin Hanson" nel melodramma Mamma ti ricordo.

Indagata per attività antiamericane, sospese per un breve periodo di tempo il suo impegno artistico; ciò non le impedì di tornare sulle scene con rinnovato slancio, comparendo in quattro episodi della serie televisiva Alfred Hitchcock presenta. Lo stesso Hitchcock la chiamò nel 1958 per La donna che visse due volte, dove l'attrice interpreta la parte della tipica ragazza della porta accanto, quella dell'amica del protagonista, (l'attore è James Stewart), del quale è chiaramente innamorata.

In seguito apparve ancora nel film musicale di stampo jazzistico I cinque penny (1959) di Melville Shavelson, accanto a Danny Kaye e a Louis Armstrong.

L'esperienza di Dallas[modifica | modifica sorgente]

Nel 1978 firmò un contratto con la rete televisiva CBS per recitare nella soap opera Dallas, in cui le fu affidato il ruolo di "Miss Ellie", matriarca di una famiglia di petrolieri texani, gli Ewing. Il serial, di grande successo mondiale, la vide protagonista ininterrotta dal 1978 sino al 1990 e il ruolo di "Miss Ellie" le consentì di vincere, unica tra gli attori della soap, il Premio Emmy ed il Golden Globe. Di lei disse Larry Hagman, protagonista della serie nel ruolo del figlio di "Miss Ellie", il perfido J.R. Ewing: "era la roccia del serial...il collante che teneva tutto assieme..." ed ancora: "la ragione per cui decisi di prendere parte alla soap era che mi dissero che sulla scena avrei dovuto interpretare il ruolo del figlio di Barbara Bel Geddes".

L'attrice portò sulla scena di Dallas anche il suo dramma personale; fu operata infatti all'inizio degli anni '70 per un cancro al seno e, nella serie del telefilm andata in onda nel biennio 1979-80, il suo personaggio dovette affrontare proprio la medesima malattia.

Nel 1983 l'attrice fu sottoposta a un intervento di quadruplo by-pass cardiaco e dovette saltare la stagione 1983-84 del serial ma, l'anno seguente, decise comunque di non rientrare più nel cast; fu così che i produttori, per la stagione 1984-85 la sostituirono con Donna Reed nella parte di Miss Ellie. Tuttavia, per far fronte al declino in termini di audience del telefilm, ormai sorpassato nel frattempo dal prodotto concorrente Dynasty e dall'uscita dal cast di Patrick Duffy ("Bobby Ewing"), la produzione addivenne ad un rinnovato accordo con la Bel Geddes, che rientrò in Dallas nella stagione successiva.

Fu anche impegnata nell'attività di scrittrice di letteratura per ragazzi con due pubblicazioni dai titoli I Like to Be Me e So Do I.

Vita privata[modifica | modifica sorgente]

Sposatasi nel 1944 con l'impresario teatrale Carl Sawyer, ebbe una figlia di nome Susan; i due divorziarono nel 1951 e l'attrice si risposò con il direttore di scena Windsor Lewis, da cui ebbe una figlia di nome Betsy. Dal 1967 si ritirò dalle scene per stare accanto al marito, gravemente ammalato, sino alla morte di lui avvenuta nel 1972.

Ritiratasi negli ultimi anni nel Maine, morì l'8 agosto 2005 per un tumore al polmone.

Filmografia parziale[modifica | modifica sorgente]

Cinema[modifica | modifica sorgente]

Televisione[modifica | modifica sorgente]

Riconoscimenti[modifica | modifica sorgente]

Oltre alla nomination agli Oscar e alla vittoria agli Emmy e al Golden Globe, vinse numerosi altri premi per la sua attività teatrale, tra cui il Clarence Derwent Award nel 1946 e il Donaldson Award; nel 1952 le fu assegnato il Woman of the Year Award dall'antica istituzione teatrale della Harvard University. Nel 1993 entrò a far parte dell'ambito American Theatre Hall of Fame (al Gershwin Theatre di New York), assieme al padre Norman.

Premio Oscar[modifica | modifica sorgente]

Nomination:

Golden Globe[modifica | modifica sorgente]

Vinti:

  • Miglior attrice in una serie drammatica, per Dallas (1982)

Nomination:

  • Miglior attrice in una serie drammatica, per Dallas (1980)
  • Miglior attrice in una serie drammatica, per Dallas (1981)

Emmy Awards[modifica | modifica sorgente]

Vinti:

  • Miglior attrice protagonista in una serie drammatica, per Dallas (1981)

Nomination:

  • Miglior attrice protagonista in una serie drammatica, per Dallas (1979)
  • Miglior attrice protagonista in una serie drammatica, per Dallas (1980)

Tony Awards[modifica | modifica sorgente]

Nomination:

Soap Opera Digest Awards[modifica | modifica sorgente]

Vinti:

  • Miglior attrice protagonista in una soap-opera, per Dallas (1984)

Nomination:

  • Miglior attrice non protagonista in una soap-opera, per Dallas (1986)
  • Miglior attrice non protagonista in una soap-opera, per Dallas (1988)

Goldene Kamera[modifica | modifica sorgente]

Vinti:

  • Personaggio dell'anno, (1985)

Doppiatrici italiane[modifica | modifica sorgente]

Fonte: Il mondo dei doppiatori

Altri progetti[modifica | modifica sorgente]

Collegamenti esterni[modifica | modifica sorgente]

Controllo di autorità VIAF: 51877999 LCCN: n92059671