Drowned World Tour

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Drowned World Tour
MadonnaDrownedWorld1 cropped.jpg
Madonna in un'esibizione di Drowned World/Substitute for Love del Drowned World Tour
Tour di Madonna
Album Ray of Light e Music
Inizio Spagna Barcellona
9 giugno 2001
Fine Stati Uniti Los Angeles
15 settembre 2001
Tappe 2
Spettacoli
Cronologia dei tour di Madonna
Girlie Show
(1993)
Re-Invention Tour
(2004)
DrownedWorldTourLogo.png

Il Drowned World Tour è il quinto tour della cantante statunitense Madonna, realizzato nel 2001 per promuovere gli album Ray of Light e Music.

Partito da Barcellona il 9 giugno 2001, per la prima volta Madonna visitò soltanto l'Europa e gli Stati Uniti, (decisione che fu riproposta anche per il successivo Re-Invention Tour del 2004).

Rispetto alle date inizialmente annunciate, furono cancellate due tappe: quella del 5 giugno a Colonia (Germania), per problemi tecnici, e quella del 3 agosto nel New Jersey, per problemi alle corde vocali della star. La tappa dell'11 settembre a Los Angeles, invece, fu posticipata al 15 in conseguenza dell'attacco terroristico al World Trade Center. Negli spettacoli successivi all'attacco, Madonna non eseguì più la canzone The Funny Song (Oh Dear Daddy) ed inoltre donò tutti i proventi degli ultimi tre spettacoli del tour (circa 7 milioni di dollari) in favore dei figli delle vittime dell'attacco terroristico.

Nel Regno Unito tutti i 97.000 biglietti dei sei spettacoli tenuti all'Earl's Court di Londra furono venduti in appena cinque ore. Lo stesso accadde per tutte le altre date del tour, che fecero registrare il tutto-esaurito in tempi da record.

Durante lo spettacolo del 13 giugno a Milano, Madonna dedicò la canzone Gone al suo amico Gianni Versace, lo stilista italiano assassinato nel luglio 1997 davanti alla sua villa di South Beach, a Miami.

Nella tappa di Miami del 14 agosto, il marito Guy Ritchie fece una sorpresa a Madonna, salendo sul palco con una torta di compleanno (ed una curiosa maglietta con su scritto Starfucker) per festeggiare il suo imminente compleanno (il 16 agosto). Guy fece anche un'altra "incursione", salendo sul palco anche per l'ultimo show del 15 settembre a Los Angeles.

Lo show del 26 agosto a Detroit fu trasmesso in diretta dal canale televisivo americano HBO, e da quello spettacolo fu realizzato il video promozionale Madonna: Drowned World Tour 2001, diretto dal regista Hamish Hamilton e uscito in DVD. Fu anche pubblicato un libro fotografico con lo stesso titolo, contenente i più celebri ritratti di Madonna realizzati da fotografi del calibro di David LaChapelle, Jean Baptiste Mondino, Mark Romanek, Mario Testino e Steven Meisel.

Lo spettacolo è strutturato in cinque segmenti: cyber-punk, japan, country, spanish e chic. Per consentire i diversi cambi d'abito, furono realizzati due intermezzi video: il primo, sulle note di Paradise (Not for Me), in cui la cantante sfoggia un look da geisha, mentre il secondo, su una versione remixata da Paul Oakenfold di What It Feels Like for a Girl, mostra delle scene di stupro e violenze in un'animazione di manga giapponesi, tratte dal film Perfect Blue del regista Satoshi Kon.

Interpretazione di Holiday

Lo Show[modifica | modifica sorgente]

  • Sezione Cyber-punk: Madonna appare al centro della scena in un palco simile ad un'astronave. La prima canzone eseguita è Drowned World/Substitute for Love che dà il titolo al tour. Gli abiti scelti per la prima track sono pantaloni neri con sopra un gonnellino scozzese ed una maglietta aperta al lato sinistro. Quasi alla fine del pezzo, tutto si trasforma in un concerto rock con Impressive Istant seguita da Ray of Light e Beautiful Stranger.

Scaletta del tour[modifica | modifica sorgente]

  1. Drowned World/Substitute for Love (Contiene elementi di "Don't Tell Me", "Frozen", "The Power of Good-Bye", "Music", "Human Nature", "Ray of light" e "Impressive Instant")
    Madonna indossa un kimono per Frozen
  2. Impressive Instant
  3. Candy Perfume Girl
  4. Beautiful Stranger (Contiene elementi di "Soul Bossa Nova (Dim's Space-A-Nova)")
  5. Ray of Light (Nel finale contiene un frammento da "Drowned World/Substitute for love")
  6. Paradise (Not for Me) (Video Interlude)
  7. Frozen (Stereo MC's Remix)
  8. Nobody's Perfect (Contiene elementi di Open Your Heart)
  9. Mer Girl (Part 1)
  10. Sky Fits Heaven
  11. Mer Girl (Part 2)
  12. What It Feels Like for a Girl (Intermezzo video)
  13. I Deserve It
  14. Don't Tell Me
  15. Human Nature
  16. The Funny Song (Oh Dear Daddy)
  17. Secret
  18. Gone (sostituita da You'll See nelle tappe di Filadelfia, New York, Boston, Miami e Atlanta)
  19. Don't Cry for Me Argentina (Strumentale)
  20. Lo que siente la mujer (What It Feels Like for a Girl)
  21. La isla bonita
  22. Holiday
  23. Music

I numeri[modifica | modifica sorgente]

Madonna interpreta Candy Perfume Girl
  • 95 minuti di durata dello show
  • 100 tonnellate di equipaggiamento
  • 8 tir per trasferire l'equipaggiamento da una città all'altra
  • 1500 bauli per contenere tutto l’equipaggiamento
  • 455 m² di palco
  • 200 persone coinvolte nel tour di cui 88 solo per la produzione
  • 4 maxischermi sul palco
  • 9 metri di lunghezza delle maniche del kimono indossato in scena da Madonna creato da Arianne Phillips, mentre lo strascico misura 20 metri
  • 98 i giorni di durata del tour (dal 9 giugno al 15 settembre)
  • 47 le rappresentazioni dello show
  • 17 le città toccate dal tour in 6 nazioni (Spagna, Italia, Germania, Francia, Inghilterra, U.S.A.)
  • 23 i brani eseguiti durante lo show

Date del tour[modifica | modifica sorgente]

Date Paese Città Luogo Biglietti disponibili / Venduti Incasso
Europa
9 giugno 2001 Spagna Spagna Barcellona Palau Sant Jordi 36,136 / 36,136 (100%) $2,039,112[1]
10 giugno 2001
13 giugno 2001 Italia Italia Milano FilaForum 36,100 / 36,100 (100%) $3,926,815[2]
14 giugno 2001
15 giugno 2001
19 giugno 2001 Germania Germania Berlino Max-Schmeling-Halle 43,455 / 43,455 (100%) $2,864,786[3]
20 giugno 2001
22 giugno 2001
23 giugno 2001
26 giugno 2001 Francia Francia Parigi Palais omnisports de Paris-Bercy 68,000 / 68,000 (100%) $4,443,155[4]
27 giugno 2001
29 giugno 2001
30 giugno 2001
4 luglio 2001 Regno Unito Regno Unito Londra Earls Court 107,415 / 107,415 (100%) $8,734,149[4]
6 luglio 2001
7 luglio 2001
9 luglio 2001
10 luglio 2001
12 luglio 2001
Nord America
21 luglio 2001 Stati Uniti Stati Uniti Filadelfia First Union Center 31,128 / 31,128 (100%) $3,382,485[5]
22 luglio 2001
25 luglio 2001 New York Madison Square Garden 79,401 / 79,401 (100%) $9,297,105[5]
26 luglio 2001
28 luglio 2001
29 luglio 2001
31 luglio 2001
2 agosto 2001 East Rutherford Continental Airlines Arena 16,457 / 16,457 (100%) $1,842,155[6]
6 agosto 2001 Boston Fleet Center 29,886 / 29,886 (100%) $3,503,520[6]
8 agosto 2001
10 agosto 2001 Washington MCI Center 32,061 / 32,061 (100%) $3,472,148[6]
11 agosto 2001
14 agosto 2001 Miami National Car Rental Center 31,572 / 31,572 (100%) $3,603,573[7]
15 agosto 2001
19 agosto 2001 Atlanta Philips Arena 29,617 / 29,617 (100%) $3,553,444[7]
20 agosto 2001
25 agosto 2001 Detroit The palace 34,407 / 34,407 (100%) $4,127,533[7]
26 agosto 2001
28 agosto 2001 Chicago United Center 33,725 / 33,725 (100%) $3,743,830[8]
29 agosto 2001
1º settembre 2001 Las Vegas MGM Grand Garden Arena 29,587 / 29,587 (100%) $6,503,950[8]
2 settembre 2001
5 settembre 2001 Oakland Oakland Arena 31,195 / 31,195 (100%) $3,351,320[8]
6 settembre 2001
9 settembre 2001 Los Angeles Staples Center 61,464 / 61,464 (100%) $8,303,165[9]
13 settembre 2001
14 settembre 2001
15 settembre 2001
TOTALE 731,606 / 731,606 (100%) $76,792,245

Note[modifica | modifica sorgente]

  1. ^ Billboard Boxscore in Billboard, New York City, Nielsen Business Media, Inc., 23 giugno 2001, ISSN 0006-2510. URL consultato il 29 settembre 2009.
  2. ^ Billboard Boxscore in Billboard, New York City, Nielsen Business Media, Inc., 30 giugno 2001, ISSN 0006-2510. URL consultato il 29 settembre 2009.
  3. ^ Billboard Boxscore in Billboard, New York City, Nielsen Business Media, Inc., 7 luglio 2001, ISSN 0006-2510. URL consultato il 29 settembre 2009.
  4. ^ a b Billboard Boxscore in Billboard, New York City, Nielsen Business Media, Inc., 28 luglio 2001, ISSN 0006-2510. URL consultato il 29 settembre 2009.
  5. ^ a b Billboard Boxscore in Billboard, New York City, Nielsen Business Media, Inc., 18 agosto 2001, ISSN 0006-2510. URL consultato il 29 settembre 2009.
  6. ^ a b c Billboard Boxscore in Billboard, New York City, Nielsen Business Media, Inc., 1º settembre 2001, ISSN 0006-2510. URL consultato il 29 settembre 2009.
  7. ^ a b c Billboard Boxscore in Billboard, New York City, Nielsen Business Media, Inc., 25 settembre 2001, ISSN 0006-2510. URL consultato il 29 settembre 2009.
  8. ^ a b c Billboard Boxscore in Billboard, New York City, Nielsen Business Media, Inc., 13 ottobre 2001, ISSN 0006-2510. URL consultato il 29 settembre 2009.
  9. ^ Billboard Boxscore in Billboard, New York City, Nielsen Business Media, Inc., 27 ottobre 2001, ISSN 0006-2510. URL consultato il 29 settembre 2009.

Altri progetti[modifica | modifica sorgente]

Voci correlate[modifica | modifica sorgente]

Madonna Portale Madonna: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di Madonna