Hugo Chávez

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
bussola Disambiguazione – Se stai cercando il calciatore messicano, vedi Hugo Guillermo Chávez.
Se riscontri problemi nella visualizzazione dei caratteri, clicca qui.
Hugo Chávez
Hugo Chávez (02-04-2010).jpg

61º Presidente del Venezuela
Durata mandato 2 febbraio 1999 –
11 aprile 2002
Predecessore Rafael Caldera
Successore Pedro Carmona Estanga (golpe)

64º Presidente del Venezuela[1]
Durata mandato 14 aprile 2002 –
5 marzo 2013
Predecessore Diosdado Cabello (ad interim)
Successore Nicolás Maduro (ad interim)[2]

Presidente del Partito Socialista Unito del Venezuela
Durata mandato 14 marzo 2008 –
5 marzo 2013
Predecessore carica creta
Successore Nicolas Maduro

Dati generali
Partito politico MVR (1997-2008)
PSUV (2008-2013)
Tendenza politica Chavismo
Bolivarismo
Socialismo del XXI secolo
Titolo di studio Laurea in scienze e arti militari
Alma mater Accademia venezuelana di arti militari
Professione dirigente politico, militare
Firma Firma di Hugo Chávez
Hugo Rafael Chávez Frías
Operemm-2.jpg
28 luglio 1954 - 5 marzo 2013
(58 anni)
Soprannome il Comandante[3]
Nato a Sabaneta
Morto a Caracas
Cause della morte naturale (tumore e relative complicanze)
Luogo di sepoltura Pantheon Nazionale
Etnia Nativo americano/creolo
Religione Cattolica
Dati militari
Paese servito Flag of Venezuela (state).svg Venezuela
Forza armata Esercito venezuelano
Anni di servizio 1975 - 1994
Grado Tenente colonnello
Battaglie Colpo di Stato fallito contro Carlos Perez (1992)
Colpo di Stato fallito di Pedro Carmona Estanga (2002)
Comandante di Comandante in capo delle forze armate venezuelane (1999-2013)
Studi militari Accademia militare di Caracas
Frase celebre "Por ahora" ("Per adesso")[4]
Altro lavoro politico

Fonti nel testo della voce

voci di militari presenti su Wikipedia
« Simón Bolívar, padre della nostra Patria e guida della nostra Rivoluzione, giurò di non dare riposo alle sue braccia, né dare riposo alla sua anima, fino a vedere l'America libera. Noi non daremo riposo alle nostre braccia, né riposo alla nostra anima fino a quando non sarà salva l'umanità »
(Hugo Chávez, Discorso alla sessione per il 60º anniversario dell'ONU, 15 settembre 2005)

Hugo Rafael Chávez Frías (Sabaneta, 28 luglio 1954Caracas, 5 marzo 2013) è stato un politico e militare venezuelano. È stato presidente del Venezuela dal 1999 alla morte, tranne la breve parentesi del colpo di stato del 2002.

Chávez promosse la sua visione di socialismo democratico, integrazione dell'America Latina e anti-imperialismo. Fu inoltre un acceso critico della globalizzazione neoliberista e della politica estera statunitense. La sua particolare filosofia politica è stata denominata chavismo, e fondeva socialismo, marxismo, terzomondismo e nazionalismo di sinistra, che insieme al bolivarismo e al cosiddetto socialismo del XXI secolo hanno costituito l'asse portante dell'ideologia di Chávez e del suo partito.

Chávez fondò il Movimento Quinta Repubblica (poi confluito nel Partito Socialista Unito del Venezuela) dopo aver organizzato, nel 1992, un fallito colpo di Stato contro l'allora presidente Carlos Andrés Pérez. Chávez fu eletto presidente nel 1998 grazie alle sue promesse di aiuto per la maggioranza povera della popolazione del Venezuela e fu rieletto nel 2000, nel 2006 e nel 2012. In patria Chávez ha lanciato le Missioni Bolivariane, i cui obiettivi sono quelli di combattere le malattie, l'analfabetismo, la malnutrizione, la povertà e gli altri mali sociali. In politica estera si è mosso contro il Washington consensus sostenendo modelli di sviluppo economico alternativi, richiedendo la cooperazione dei paesi più poveri del mondo, specialmente di quelli sudamericani.

I suoi critici gli rimproverarono di essere un populista autoritario[5] e l'amicizia con alcuni stati, sempre a detta di tali critici, non democratici, come Cuba, e con Stati le cui modalità di governo, pur formalmente democratiche, sono criticate dall'Occidente, come la Libia nel periodo di Mu'ammar Gheddafi e l'Iran,[6] mentre i suoi sostenitori lo considerano un rivoluzionario socialista impegnato per la giustizia sociale. Poco dopo la quarta vittoria consecutiva alle elezioni presidenziali, nel 2012, Hugo Chávez ha prima dovuto ritirarsi gradualmente dalla scena politica ed è poi morto nel 2013, a causa di una forma grave di tumore che lo aveva colpito nel 2011, e delle relative complicanze, lasciando il governo e la presidenza al suo successore designato, Nicolás Maduro.

Indice

Biografia[modifica | modifica wikitesto]

Origini familiari e infanzia[modifica | modifica wikitesto]

Chávez nacque a Sabaneta, nello stato di Barinas, il 28 luglio del 1954 da una famiglia di origini amerinde, spagnole ed afro-venezuelane. Suo padre, Hugo de los Reyes Chávez, era un maestro elementare che, a causa delle ristrettezze economiche, per mantenere la numerosa famiglia fu obbligato ad affidare due dei figli, il piccolo Hugo e il fratello maggiore, Adán, alla nonna paterna Rosa Inés, anch'ella residente a Sabaneta, in una tipica casetta da indio fatta di paglia e fango secco, costruita grazie ad un sussidio statale[7]. Hugo ed il fratello erano molto legati alla nonna, che chiamavano Mama, e il futuro presidente scrisse numerose lettere , anche dopo la morte della donna, dove la ringraziava per la sua infanzia felice con lei [8]. Nonostante le migliori condizioni di vita, Chávez ebbe comunque problemi economici: fu rifiutato alle elementari perché non aveva un paio di scarpe, ma solo dei sandali di corda [8].

Carriera militare[modifica | modifica wikitesto]

All'età di diciassette anni si arruolò nell'Accademia Venezuelana di Arti Militari. Dopo la laurea in Scienza e Arti Militari Chávez svolse per alcuni mesi il servizio militare. In seguito si dedicò allo studio delle Scienze politiche all'Università Simón Bolívar di Caracas, che tuttavia lasciò senza ottenere una laurea.[9]

Durante gli anni degli studi Chávez e i suoi compagni svilupparono una dottrina nazionalista di sinistra che chiamarono "bolivariana", ispirata dalla filosofia Panamericanista del rivoluzionario venezuelano dell'Ottocento Simón Bolívar, dall'influenza del presidente peruviano Juan Velasco Alvarado e dal pensiero di vari ideologi comunisti e socialisti tra cui Marx e Lenin.[10] A influenzare la visione politica di Chavez furono anche il pensiero di Antonio Gramsci, quello di Antonio Negri[11] e l'azione storica di Giuseppe Garibaldi.[12] In questi anni, inoltre, si dedicò ad attività culturali ed eventi sportivi, giocando a baseball e softball, arrivando fino ai campionati nazionali, e scrivendo poesie, racconti e opere teatrali.[9]

Di Simón Bolívar assorbì il pensiero, soprattutto sul concetto di integrazione e costruzione della Grande Colombia: Venezuela, Colombia, Ecuador, Perù e Bolivia. Ma già da cadetto aveva subito il fascino del Libertador Simón Bolívar, a cui per altro era intitolato il suo corso. Di indole ribelle, si mise spesso nei guai per non condividere le azioni di repressione dell'Esercito, in quei tempi utilizzato come estensione della Polizia. Nacque così l'ideologia bolivariana, che inizialmente si sviluppò all'interno delle Forze Armate, dando vita già dal 1983 al Movimiento Bolivariano MBR-200, costituito per la maggior parte dai cadetti della "Promozione Simón Bolívar" che uscì dalle scuole militari nel 1975.

Il caracazo e l'opposizione alla politica governativa[modifica | modifica wikitesto]

Nel 1989 scoppiò una protesta popolare contro il caro-vita, detta caracazo. Il governo incaricò anche i militari per il mantenimento dell'ordine pubblico; l'esercito, ad un certo punto, ebbe anche l'ordine di sparare sulla folla, e massacrò migliaia di oppositori: Chávez e alcuni suoi colleghi bolivariani furono tra i pochi ufficiali che si rifiutarono categoricamente di eseguire quegli ordini, e non furono congedati o sanzionati per questo. Questo lo accreditò come un "amico del popolo" agli occhi di molti venezuelani.[13]

Il colpo di stato "bolivariano" fallito[modifica | modifica wikitesto]

Promosso al grado di colonnello nel 1991, l'anno seguente, il 4 febbraio 1992, fu protagonista di un colpo di Stato da parte delle forze militari che tentò di rovesciare il legittimo presidente Carlos Andrés Pérez, che i bolivaristi ritenevano corrotto e filo-statunitense. Il golpe fallì causando, secondo le voci ufficiali del Ministero della Difesa, 14 morti e 53 feriti e Chávez fu arrestato e imprigionato. Il suo arresto suscitò un ampio movimento popolare che ne chiedeva la liberazione: riacquistò la libertà nel 1994 grazie a un'amnistia, ma dovette abbandonare le Forze Armate.

La sua traiettoria politica cominciò a prendere corpo già durante gli anni nel carcere di Yare, in Valles del Tuy e proseguì fino all'elezione alla Presidenza del Venezuela, nel 1998.

Sostenitore con ritratto di Chávez

L'avvento al potere[modifica | modifica wikitesto]

Nel 1999 giurò per la prima volta per divenire Presidente del Venezuela; fu ripetutamente eletto nel 2000, 2006 e 2012, promuovendo l'ideologia socialista e bolivarista, durante i quasi 14 anni di governo (vedi sezione La politica di Chávez), escluso il brevissimo periodo della sua deposizione temporanea (2002).

Vita privata[modifica | modifica wikitesto]

Chávez è stato sposato due volte, con Nancy Colmenares e Marisabel Rodríguez (con quest'ultima da 1999 al 2004), aveva quattro figli (Rosa Virginia, María Gabriela, Hugo Rafael, soprannominato Huguito, e Rosinés) ai quali ha sempre garantito la massima privacy e riservatezza, anche se spesso le figlie hanno partecipato con lui a eventi politici, nei suoi ultimi anni di vita.[14]

Fede religiosa[modifica | modifica wikitesto]

Chavez era da sempre un cattolico praticante, benché seguisse politiche laiche. Sulla sua fede personale, vicina anche alla teologia della liberazione e al popolare sincretismo religioso venezuelano,[15] ha detto tra l'altro, esprimendo il desiderio di incontrare Papa Benedetto XVI, durante la Mostra del cinema di Venezia nel 2009:

« I rapporti con la Chiesa sono buoni: c'è qualche vescovo che mi critica, è vero, ma mi piacerebbe andare a trovare il Papa. Vogliamo vivere nel messaggio di Cristo, io sono cristiano e credo che dobbiamo tutti essere come grandi fratelli. Noi veniamo da una grande civiltà: quando non c'era ancora New York, c'erano i calendari maya e aztechi. E la colonizzazione spagnola e portoghese ha ridotto le popolazioni del Sudamerica da 90 milioni a 4 milioni in 200 anni. Una cosa che ha provocato la tratta degli schiavi, così noi siamo figli dell'uno e dell'altro popolo »

Abitudini personali[modifica | modifica wikitesto]

Seguendo l'uso tradizionale boliviano, Chávez ha affermato di aver masticato foglie di coca abitualmente,[16] nonostante non facesse uso di alcol e non fumasse.[17][18] Era un grande appassionato di sport, e sostenne, con i proventi nazionali del petrolio, e tramite un apposito progetto statale, la carriera del giovane pilota automobilistico venezuelano Pastor Maldonado alla Williams F1. Molto nota anche la sua stretta amicizia con l'ex calciatore argentino Diego Armando Maradona.[19]

Malattia e morte[modifica | modifica wikitesto]

Chávez, dal giugno 2011 fino alla morte, ha sofferto di un cancro nella regione pelvica, con metastasi al fegato, ai linfonodi e al midollo spinale. È stato ripetutamente operato in Venezuela e a Cuba, dove si è sottoposto a numerose cure, tra cui chemioterapia e radioterapia. Questo, in un primo momento, non ha comunque impedito i suoi impegni politici.[20] Dopo aver dichiarato in alcune occasioni di stare molto meglio, in occasione della Pasqua 2012, Chávez ha pregato pubblicamente per la propria salute, mentre si diffusero voci che fosse ormai malato terminale - tra chi diceva gli restassero pochi mesi e chi al massimo due anni di vita[21][22] - di rabdomiosarcoma alveolare metastatico, una forma di tumore molto grave e rara nelle persone adulte. Molti, soprattutto avversari e detrattori, hanno sostenuto che Chávez nascondesse le sue reali condizioni per non danneggiare la fiducia dei cittadini nei suoi confronti,[23] e facesse ampio uso di antidolorifici per apparire normale.[24]

Secondo il sito Wikileaks, che citò alcuni cablogrammi intercettati dei medici russi e cubani del 2012, Chávez avrebbe forse avuto un tumore alla prostata, poi estesosi al colon e agli altri organi, anche se il governo venezuelano non ha mai divulgato l'esplicita diagnosi, parlando solo di tumore pelvico. Sempre secondo i documenti resi pubblici dal sito di Julian Assange, la malattia di Chávez lo avrebbe portato alla morte nel 2013, cosa poi avvenuta.[25] Nel giugno 2012, annunciando la nuova candidatura, avvenuta in una manifestazione a cui partecipò assieme ai figli, affermò che le sue condizioni erano nettamente migliorate, e di aver camminato quasi fino a Caracas, per 10 km, indice delle buone condizioni fisiche.[26] Successivamente, a luglio, dichiarò di essere completamente guarito e libero dal cancro, e di non aver bisogno di ulteriori cure.[27] In realtà il cancro si ripresentò. A seguito di una sua mancata presenza a un vertice del Mercosur tuttavia, sono cominciate a circolare voci, fin da novembre, su una recidiva della malattia, che hanno trovato conferma ufficiale in data 8 dicembre 2012 quando Chávez annunciò un nuovo ricovero in un ospedale di L'Avana, a Cuba, allo scopo di sottoporsi a nuove cure oncologiche.

Chávez aveva indicato come possibile successore il vicepresidente Nicolás Maduro, qualora lui non fosse stato più in grado di completare il mandato presidenziale.[28] A causa del progresso della malattia le condizioni di Chávez sono rapidamente peggiorate, e nel gennaio 2013, il ministro delle comunicazioni venezuelano, Ernesto Villegas, comunicò ufficialmente che "il comandante ha mostrato complicazioni a seguito di una grave infezione polmonare che gli ha causato problemi respiratori", il che ha comportato un aggravamento dello stato di salute del presidente venezuelano nel mese successivo.[29] Riportato a Caracas,[30] e affetto anche da polmonite, Hugo Chávez è morto il 5 marzo 2013,[31], a seguito dell'aggravarsi delle sue precarie condizioni di salute, che gli hanno causato un fatale infarto cardiaco.[32] Maduro ha annunciato subito sette giorni di lutto nazionale, le esequie militari e i funerali di Stato per lo scomparso "Comandante", accusando inoltre gli Stati Uniti di avergli inoculato una malattia per ostacolarne la guarigione, o di avergli provocato il cancro stesso con l'esposizione a sostanze radioattive (cosa sostenuta dallo stesso Chávez, lamentando l'inquinamento delle multinazionali, collegato all'aumento dei tumori e malattie che hanno colpito negli anni numerosi leader politici latinoamericani[33]) accusa respinta da Barack Obama, che ha espresso cordoglio per la scomparsa di Chávez, aprendo a un dialogo tra i due paesi. Ai funerali hanno partecipato, oltre a capi di stato di tutto il mondo, anche personalità della cultura come il regista e attore statunitense Sean Penn, amico personale del politico scomparso:[34]

« Oggi gli Stati Uniti hanno perso un amico che non hanno mai saputo di avere. I poveri di tutto il mondo hanno perso un campione. Io ho perso un amico la cui amicizia è stata una benedizione per me. Esprimo la mia vicinanza alla famiglia del Presidente Chávez e al popolo Venezuelano. »
(Sean Penn, il 6 marzo 2013[35])

Alcuni esperti, facendo paragoni con l'avvelenamento da polonio di Alexander Litvinenko, hanno mostrato scetticismo sul fatto che un tumore solido possa essersi sviluppato in questo modo, necessitando di molti anni di esposizione, a differenza delle leucemie e dei tumori ematici.[36] Inoltre la proposta inoculazione di cellule tumorali in zone del corpo, ha mostrato, in test di laboratorio, una percentuale estremamente bassa di riuscita.[37][38] Il 6 marzo il Consiglio dei Diritti Umani dell'ONU ha decretato un minuto di silenzio per rendere omaggio a Hugo Chávez.[39]

« Chávez è stato fondamentale nell'avanzamento dell'America Latina verso la sua seconda indipendenza. Ha lavorato instancabilmente non solo per il suo popolo, ma per il miglioramento delle nazioni dell'America Latina e dei Caraibi. »
(l'ambasciatrice Anayansi Rodriguez Camejo, presso il Consiglio dei Diritti Umani ONU)

In America Latina sono state istituite giornate di lutto nazionale in quasi tutti gli stati.[40][41] Dopo il funerale, fu annunciato che il corpo di Chávez sarebbe stato imbalsamato, come accaduto per altri famosi leader come Lenin, ed esposto al pubblico dietro una lastra di vetro nel mausoleo del Pantheon Nazionale, accanto alla tomba di Simón Bolívar.[42] Tuttavia, le autorità venezuelane e la famiglia hanno rinunciato all'eventualità della mummificazione per problemi logistici.[43] Cerimonie laiche e religiose si sono svolte in tutta l'America centro-meridionale, e anche in altri continenti; in Italia, il "prete di strada" don Andrea Gallo ha celebrato a Genova una messa in memoria dello scomparso presidente del Venezuela, definendolo "un grande statista sudamericano nella fede cattolica" e "una grande forza per trovare la via della liberazione", capace di unire varie culture nella lotta al capitalismo a difesa del suo paese.[44]

La famiglia[modifica | modifica wikitesto]

Tutti i famigliari di Chávez sono impegnati in politica. Il fratello maggiore Adán è stato ministro dell'educazione, mentre ora è l'attuale governatore dello stato di Barinas, Narciso è plenipotenziario (ossia responsabile degli accordi tra Cuba e Venezuela), Anibal è sindaco di Sabaneta (paese natale della famiglia), Argeny è segretario di Stato a Barinas, Adelis è consigliere d'amministrazione di una banca privata che gestisce alcuni fondi del governo (la Sofitasa).[45]

La politica di Chávez[modifica | modifica wikitesto]

Il primo mandato e la nuova costituzione (1999-2000)[modifica | modifica wikitesto]

Hugo Chávez saluta i sostenitori

Conquistatosi un vastissimo consenso presso le fasce popolari, nel 1997 Chávez creò un partito politico, il Movimento Quinta Repubblica (o MVR) alla guida del quale vinse le elezioni presidenziali del 6 dicembre 1998 con il 56,2% dei voti. La sua campagna elettorale era basata sul progetto di una nuova costituzione che potesse permettere una rifondazione del paese, passando dalla "Quarta Repubblica", quella nata con il "Patto di Punto Fijo", alla "Quinta Repubblica". Il nome "Quinta Repubblica" ha infatti questo significato: nuova costituzione e nuovo ordinamento giuridico. Altri temi della sua campagna, come la lotta alla corruzione e al degrado morale del paese vennero sempre subordinati all'idea di una nuova Carta Costituzionale e del conseguente rinnovamento dei poteri dello Stato.

Subito dopo il "giuramento da presidente", avvenuto il 2 febbraio 1999, Chávez iniziò la realizzazione del suo programma di governo indicendo un referendum, primo nella storia del Venezuela, per chiedere al popolo il consenso alla stesura di una nuova costituzione. I voti a favore superarono l'80%. Anche la seconda votazione per l'elezione dei membri dell'Assemblea Costituente fu un successo: i venezuelani gli diedero addirittura 120 seggi su 131, e l'MVR ottenne più del 60% dei voti.

L'insediamento dell'Assemblea Costituente, essendo "originaria", determinò automaticamente il decadimento temporaneo di tutti i poteri in vigore. Durante il periodo dell'Assemblea, il potere esecutivo, per far fronte alla disastrosa situazione socioeconomica in cui versava il Venezuela (oltre l'87% della popolazione viveva in condizioni di povertà e circa il 47% di povertà critica), chiese e ottenne il potere legislativo, come previsto dalla Ley abilitante. Nel dicembre del 1999, nacque la nuova costituzione, confermata da un altro referendum. Tra i punti più significativi:

  • l'attenzione ai diritti umani,
  • il passaggio della struttura dello Stato da una democrazia rappresentativa a una nuova forma chiamata Democrazia Participativa y Protagónica.
  • l'istituzione del "referendum revocatorio" per tutte le cariche elettive, presidente compreso, nella seconda metà del mandato;
  • la modifica del nome dello Stato del Venezuela in "Repubblica Bolívariana del Venezuela"
  • la modifica della durata del mandato presidenziale da cinque a sei anni, con possibilità di una sola rielezione.

Approvata la nuova costituzione, tutte le cariche pubbliche elettive dovettero essere sottoposte al voto popolare e anche Chávez, rimesso il suo mandato, si ricandidò alle nuove elezioni presidenziali. Confermato a larga maggioranza (59,5% dei voti) il 30 luglio del 2000, Chávez, a capo del nuovo parlamento (rinominato "Assemblea Nazionale") diede avvio all'attuazione della nuova costituzione. Chávez chiamò questa fase Rivoluzione Bolívariana Pacifica. Durante la campagna presidenziale, Chavez aveva lanciato l'idea di creare una Banca per lo sviluppo economico dei paesi del Sudamerica e da questi partecipata[46] (Il concetto verrà poi ripreso nel 2006 e darà origine alla Banca del Sud).

Secondo mandato (2000-2006)[modifica | modifica wikitesto]

Socialismo democratico[modifica | modifica wikitesto]

Exquisite-kfind.png Per approfondire, vedi Bolivarismo, Chavismo e Socialismo del XXI secolo.
Hugo Chávez (a sinistra) e Lula (a destra)

Il 30 gennaio 2005, parlando al Convegno internazionale del Social Forum a Porto Alegre, in Brasile, Chávez offrì il suo aiuto alla causa no-global, dichiarandosi, inoltre, favorevole a un socialismo patriottico e democratico che "deve essere umanista e deve mettere gli esseri umani e non le macchine in condizioni di superiorità nei confronti di tutto e di tutti", concetto ribadito anche nella successiva riunione del suo governo, svoltasi nel febbraio del 2005.

L'azione di Chávez in realtà non risponde a un'ideologia ben definita e coerente: in generale il suo pensiero accoglie elementi del socialismo e del nazionalismo di sinistra e ha come riferimento principale la figura di Simón Bolívar. Se per gli oppositori interni ed esterni e per gran parte dei media internazionali il governo di Chávez s'incentra su di una lotta costante contro le fasce più alte della popolazione, indistintamente da come abbiano costruito la loro ricchezza, secondo altri osservatori e studiosi delle problematiche del Sud America, la politica chavista mira al risanamento delle condizioni socioeconomiche disastrose della stragrande maggioranza dei venezuelani.

Tra le misure prese da Chávez, in gran parte reinvestendo i proventi petroliferi: lo stanziamento di 1641 miliardi di bolivar (circa 314 milioni di euro) per la ricerca scientifica, l'aumento del 40% degli stipendi degli insegnanti, borse di studio e istruzione gratuita, creazione di una banca popolare con bassi crediti per scopi sociali e umani, come l'acquisto di un alloggio familiare, creazione di cooperative, abolizione del latifondo, nazionalizzazione dei pozzi petroliferi, uscita del Venezuela dal Fondo Monetario Internazionale e dalla Banca Mondiale, blocco della fuga di capitali e della svalutazione del bolivar, incremento alla sanità pubblica con seicento centri di diagnostica. Il PIL venezuelano è cresciuto fino a 50 trilioni di bolivares nel 2006.[47]

La politica estera[modifica | modifica wikitesto]

Chávez iniziò a operare per il rafforzamento dell'OPEP (l'Organización de Países Exportadores de Petróleo; l'acronimo inglese è OPEC), anche grazie al miglioramento delle relazioni diplomatiche con tutti i paesi membri (dove si recò personalmente).

A livello continentale Chávez domanda un'integrazione dei paesi latino-americani da effettuarsi anche mediante l'ALBA (Alternativa Bolivariana para América Latina y el Caribe) costituita in contrapposizione all'ALCA ("Area di Libero Commercio delle Americhe") voluta dagli Stati Uniti. Inoltre l'amicizia tra Venezuela e Cuba (che vede ad esempio lo scambio tra la fornitura di petrolio venezuelano a prezzi vantaggiosi e il supporto della competenza medica cubana nell'ambito dei piani di miglioramento delle condizioni sanitarie del Venezuela e altri paesi sudamericani), così come quella con l'Iran e la Bolivia di Evo Morales, viene vista con sospetto dagli Stati Uniti e utilizzata dall'opposizione per discreditare Chávez. Il Venezuela riconosce lo Stato di Palestina: per questo e per protesta contro il governo israeliano di centro-destra che il leader venezuelano accusa di volontà di genocidio contro i palestinesi, Chavez ha espulso l'ambasciatore israeliano nel 2009 interrompendo di fatto le relazioni diplomatiche tra i due paesi.[48] Oltre alla critica agli USA, con l'elezione di Barack Obama, al posto del detestato Bush, Chavez ha detto di "volerlo aiutare".[49] Nel 2012 ci sono stati screzi ma anche alcuni segnali di cauta distensione tra i due paesi.[50]

Sempre nel 2006 Hugo Chávez, insieme alla presidente dell'Argentina Néstor Kirchner, rilancia l'idea, da lui già proposta durante la sua prima campagna elettorale, di una banca per lo sviluppo dei paesi dell'America del Sud, una Banca del Sud, che fosse alternativa alla Banca Mondiale del Fondo Monetario Internazionale.[51] Nell'aprile del 2007 anche il Brasile si unisce ufficialmente alla proposta.[52] La proposta viene concretizzata nell'aprile 2007, con un accordo fra Venezuela, Argentina, Brasile ed altri stati sudamericani; la Banca viene fondata nel mese di settembre 2009 ed è operativa dal 2013.

La politica interna[modifica | modifica wikitesto]

In 7 anni di governo Chávez il paese si è dichiarato libero dall'analfabetismo e tre milioni di venezuelani sono stati inseriti nell'istruzione primaria, secondaria e universitaria. Diciassette milioni di venezuelani (quasi il 70% della popolazione) ricevono, per la prima volta, assistenza medica e medicinali gratuiti e, in pochi anni, nelle intenzioni governative tutti i venezuelani avranno accesso gratuito all'assistenza medica. Si somministrano più di 1 milione e 700 000 tonnellate di alimenti a prezzi modici a 12 milioni di persone (quasi la metà dei venezuelani), un milione dei quali li ricevono gratuitamente, in forma transitoria. La questione è centrale in un Paese come il Venezuela dove le persone sottonutrite sono cresciute dal 1992 al 2003 del 7%, raggiungendo la cifra di 4,5 milioni.[53][54] La malnutrizione è scesa dal 14% al 12%. La mortalità infantile si è ridotta al 2%.

Chávez, Kirchner e Lula a Brasilia

Il tasso di disoccupazione è sceso dall'8,9% (2006) al 6,20% (feb 2007) e la popolazione sotto la soglia di povertà è diminuita dal 37,9% (2005) al 23% (2009).[55][56]

Diritti umani e civili[modifica | modifica wikitesto]

Dall'inizio del governo di Chávez, The Economist riporta che il tasso di omicidi è quasi triplicato, e che la capitale venezuelana, Caracas è diventata la terza più violenta del Sud America, dopo Ciudad Juárez e Bogotá con la polizia implicata in alcuni di questi crimini.[57][58] Amnesty International ha accertato episodi di vessazioni contro i difensori dei diritti umani, la gravità delle condizioni carcerarie (comune tra i paesi in via di sviluppo), attacchi verbali di politici e aggressioni contro giornalisti.[59] Venne denunciato il controllo della maggioranza chavista sui media, ma le violenze per le strade e della polizia erano comunque ad un livello simile al periodo precedente a Chávez.[60]

Nel 2006, per tagliare simbolicamente con il passato, l'Assemblea nazionale ha approvato la trasformazione della caserma San Carlos, prigione politica dove lo stesso Chávez era stato detenuto, in passato anche centro di tortura dei regimi precedenti, venne trasformato in una sede culturale e museo per esposizioni.[61]

Sui diritti degli omosessuali Chávez ha detto:

« Nessuno deve essere perseguitato per le sue inclinazioni sessuali. [Il matrimonio gay] in Venezuela non sarebbe visto molto bene, però è un'opinione, il che non significa che io sia contrario »

Nel 2009 Chávez ha dato il suo appoggio a una legge sulle unioni civili e contro l'omofobia non ancora approvata (soltanto lo stato di Mérida le ammette già).[62]

Le prospettive della politica economica[modifica | modifica wikitesto]

I numerosi provvedimenti di ispirazione socialista attuati da Chávez nel tentativo di migliorare le condizioni di vita delle fasce più povere della popolazione possono però generare, secondo alcuni osservatori, gravi conseguenze economiche per il paese. Secondo il liberista Pietro Di Giorgio, per esempio, la politica economica di Chávez è caratterizzata da spese sociali alte, in cui piani populisti in genere prevalgono su considerazioni di sostenibilità economica. Le politiche monetarie sarebbero poi di tipo espansivo, con un'economia che mostra segni di iperinflazione. Il dato è però tenuto basso dai controlli dei prezzi, che possono ridurre l'inflazione, ma al prezzo di creare carenza di beni. In teoria, poi, il Venezuela è un paese ricco di petrolio: in pratica però le sovvenzioni al consumo e la nazionalizzazione dell'industria petrolifera (che tiene lontani gli investimenti esteri) comprimono l'offerta ed espandono la domanda, riducendo i benefici netti.[63]

Secondo invece il sociologo venezuelano Antonio Plessmann, attivista del movimento chavista, il principale problema per il Venezuela è il basso prezzo del petrolio conseguente alla crisi economica internazionale, che crea difficoltà perché riduce di molto la liquidità e potrebbe rendere inevitabile una crisi. Con questo si giustificano gli interessi dei venezuelani a produrre cibo e altri beni di primo consumo, i quali erano esclusivamente d'importazione, comprando enormi quantità di macchinari agricoli all'Argentina.[64] La situazione, però, non è d'emergenza e la copertura finanziaria per gli investimenti in spese sociali è ancora garantita. Sebbene poi l'inflazione sia la più alta dell'America Latina, questa è contrastata da un'elevata protezione all'inflazione con gli aumenti del salario minimo che sono stati superiori all'aumento dell'inflazione accumulata, col mantenimento dei sussidi al consumo alimentare e con la politica dei prezzi ridotti.

Un dato di fatto, però, è che la grande crisi mondiale del 2009, che ha colpito quasi tutti i paesi del mondo, non ha svantaggiato il Sudamerica e in particolare il Venezuela, che ha saputo creare scambi convenienti.[65]

Nel 2010, infine, è stato introdotta la nuova moneta, il Bolivar forte (Bolívar fuerte), avvicinato al valore del dollaro statunitense perlomeno a livello legale, per le importazioni, e una moneta analoga ma debole per le esportazioni.[66]

Il contesto politico[modifica | modifica wikitesto]

Tra tutte le leggi promulgate fino ai primi mesi del 2002, alcune diedero luogo a reazioni particolarmente forti da parte dell'opposizione. Una di queste riguardò la regolamentazione della pesca a strascico, da sempre attuata sotto costa, su larga scala e senza alcun controllo da parte delle istituzioni, con l'inevitabile distruzione dell'habitat, e a svantaggio della maggioranza costituita dai piccoli pescatori. Il governo, per placare le reazioni dell'opposizione non riuscì a proibire definitivamente questo tipo di pesca, ma la limitò a oltre le sei miglia nautiche dalle coste.

Hugo Chávez

La legge in assoluto più contrastata fu la cosiddetta riforma agraria; in Venezuela esistono vasti latifondi (fino a casi limite di 240.000 ettari): il 10% della popolazione detiene l'80% del territorio e senza che molti proprietari siano in grado di esibire i relativi titoli di proprietà.[67]

Queste leggi, assieme alla nazionalizzazione delle risorse petrolifere (con il conseguente aumento del gettito derivante dallo sfruttamento dell'"oro nero" venezuelano da redistribuire alla popolazione tramite nuove forme di Stato sociale come salute, istruzione, servizi); la nuova politica estera di equidistanza e solidarietà con alcuni stati del Sud America e il conseguente sottrarsi alla storica subordinazione economica e politica agli Stati Uniti, furono i presupposti per il golpe del 2002.

Il primo tentativo di sciopero[modifica | modifica wikitesto]

La Confederación de Trabajadores de Venezuela (CTV), Confederazione dei lavoratori, retta da numerosi anni da Carlos Ortega Carvajal, in base alla nuova costituzione entrò a far parte delle istituzioni la cui dirigenza era sottoposta ad elezioni. Durante lo spoglio dei voti scomparvero grandi quantità di schede e furono date alle fiamme alcune urne[senza fonte], rendendo impossibile il completamento del conteggio dei voti: il comitato elettorale non poté decretare la vittoria, che fu però reclamata da Ortega che si dichiarò vincitore. Nel dicembre del 2001 gli industriali cercarono di pilotare uno sciopero generale della CTV chiudendo le fabbriche e impedendo ai lavoratori di entrare, ma assicurando loro i salari, promessa che non fu mantenuta. Lo sciopero non ebbe successo.

Nel febbraio del 2002 Chávez sostituì i dirigenti della PDVSA, la compagnia petrolifera nazionale, con persone affini al suo progetto politico, il che provocò la protesta interna di gruppi di impiegati e dirigenti che vedevano nella decisione di Chávez la violazione dei principi di meritocrazia. Il governo considerava inconciliabili le differenze ideologiche tra il proprio progetto di gestione dell'azienda e quello della dirigenza della PDVSA: il primo mirava a una riforma profonda del funzionamento dell'impresa che incrementasse l'utilizzo delle plusvalenze petrolifere in piani sociali, mentre il secondo voleva che PDVSA utilizzasse i profitti petroliferi per finanziare l'espansione dell'attività aziendale.

Il tentativo di golpe contro Chávez[modifica | modifica wikitesto]

Lo sciopero alla PDVSA[modifica | modifica wikitesto]
Hugo Chavez in Brasile nel 2008

La televisione di Stato rese pubblica la registrazione di una telefonata tra Ortega e l'ex presidente Carlos Andrés Pérez, profugo dalla giustizia rifugiatosi negli Stati Uniti, nella quale Perez diceva a Ortega di organizzare uno sciopero generale e di portarlo alle estreme conseguenze, di prendere contatto con Pedro Carmona Estanga, attuale presidente di Fedecamara e di concordare le azioni con lui. Un altro fatto che ebbe notevole peso sugli avvenimenti dell'11 aprile 2002 fu una riunione presso la sede della Conferenza Episcopale Venezuelana in cui erano presenti, oltre ai componenti dell'alta gerarchia ecclesiastica, anche i vertici della CTV con Carlos Ortega in testa, Fedecamara con Carmona Estanga e vari personaggi dell'opposizione. La seduta si chiuse con un inno alla democrazia, che delineò la composizione delle forze promotrici del colpo di Stato contro Chávez.

Il 7 aprile, il presidente Chávez annunciò il licenziamento degli alti dirigenti e le proteste degli oppositori si intensificarono. Il 9 aprile la CTV e la Confindustria, con l'appoggio della Chiesa cattolica, delle televisioni e dei partiti politici di opposizione, annunciarono uno sciopero generale di ventiquattro ore in sostegno dei dirigenti della PDVSA. L'11 aprile fu organizzato un corteo di centomila persone che avrebbe dovuto dirigersi verso la sede della PDVSA, ma che un'arringa di Ortega deviò verso il palazzo di Miraflores, sede della Presidenza per cacciare «quel traditore di Chávez», dando alla marcia, fino a quel momento pacifica, ben altro scopo. La marcia, alle 12,30 dell'11 aprile 2002, riprese con in testa i sindaci scortati dalle loro polizie armate e motorizzate, ma senza che da quel momento si avesse più traccia di Ortega e dei suoi colleghi, scomparsi nel nulla.

Già dalla notte attorno a Miraflores erano radunati migliaia di sostenitori di Chávez, in sentore di ciò che poteva accadere. Il corteo non arrivò a contatto con i simpatizzanti di Chávez perché dei cecchini appostati nei palazzi circostanti cominciarono a sparare dapprima sui sostenitori di Chávez, poi sulle prime file del corteo. La gente segnalò alcuni cecchini sul terrazzo di un palazzo nei pressi di Miraflores, la Guardia Nazionale entrò nel palazzo e arrestò cinque persone armate di fucili di precisione, con documenti falsi, qualcuno di origine colombiana. Imprigionati, furono successivamente liberati dagli insorti e di essi si persero le tracce. La polizia metropolitana cominciò a sparare sulla gente che si trovava sul famoso ponte Laguno e che prese a scappare tentando di mettersi al riparo nei palazzi circostanti.

Le televisioni private solidali ai golpisti sostennero l'idea di scontro provocati dai sostenitori di Chávez (e questa versione, in un primo tempo, fu ripresa anche dai media internazionali), ma le innumerevoli riprese effettuate nella zona dimostrarono che gli scontri a fuoco non erano tra i componenti delle due marce, ma era la polizia metropolitana a sparare contro i sostenitori di Chávez. I primi caduti si ebbero verso le 15,00. Dalla testimonianza di un giornalista della CNN, Otto Neustald, si seppe che un gruppo di alti militari, verso le ore 11,30 eseguirono una registrazione di prova del loro pronunciamento in cui disconoscevano l'autorità del presidente parlando dei primi morti e addossandone la responsabilità a Chávez. Questo pronunciamento, registrato prima delle 12,00, fu mandato in onda dopo le prime reali uccisioni.

I militari si erano riuniti in Fuerte Tiuna, presidio militare di Caracas, assieme a Carmona Estanga, a una schiera di sostenitori e a una nutrita rappresentanza di militari americani. I militari insorti minacciavano Chávez, ancora a Miraflores, intimandogli di arrendersi, pena il bombardamento del palazzo (come avvenne con Juan Domingo Perón e Salvador Allende, anch'essi minacciati da forze filo-statunitensi). Il Generale Rosendo faceva parte del complotto, ma fino all'ultimo ingannò Chávez, che lo credette un fedele alleato.

In un ultimo tentativo di evitare il peggio, Chávez cercò di attuare il Plan Avila, un piano di emergenza (attuato anche per la visita di papa Giovanni Paolo II) che, grazie alla presenza di mezzi blindati attorno al palazzo, avrebbe permesso la difesa delle istituzioni. Invece, proprio Rosendo fece arrivare con ritardo l'ordine di applicare il Plan Avila. I blindati poi, usciti da Fuerte Tiuna, furono fatti subito rientrare da un contrordine lanciato dai cospiratori. Nel frattempo da Maracay, Raúl Isaías Baduel era pronto a inviare mezzi e uomini a Caracas e così mezzi blindati da Maracaibo.

Chávez si consegna ai golpisti[modifica | modifica wikitesto]
Il libertador Simón Bolívar, il massimo ispiratore di Chavez

A questo punto Chávez, per evitare la guerra civile, decise di consegnarsi ai golpisti chiamando proprio Rosendo affinché lo accompagnasse a Fuerte Tiuna, dove verso le 23,00 dell'11 aprile, fu arrestato e posto in isolamento, in attesa di decidere sulla sua sorte. Chávez riuscì a mettersi in contatto con la moglie e un amico con un cellulare passatogli di nascosto da un ufficiale. Cominciò l'afflusso di gente dai ranchos di Caracas che chiedeva la liberazione di Chávez verso Fuerte Tiuna che fu circondato da oltre 600.000 persone.

La stessa notte Chávez venne trasferito da Fuerte Tiuna a Turiamo, una base navale nel Nord-Est della Costa dello Stato di Aragua e da lì fu poi trasferito all'isola La Orcila, sede di una base logistica della Marina Militare. Il 12 aprile fu data la notizia del ritiro di Chávez e subito dopo Carmona Estanga si autoproclamò presidente del Venezuela. Il Parlamento in carica fu sciolto, furono destituiti tutti gli altri poteri, fu dichiarato l'abbandono dell'OPEC da parte del Venezuela, fu ripristinata la vecchia costituzione e dal nome ufficiale della nazione venne cancellata la parola "Bolívariana".

Immediatamente gli Stati Uniti si affrettarono a riconoscere il nuovo governo, seguiti a breve intervallo dalla Spagna, dove il quotidiano El País, legato tramite il gruppo "Prisa" ad alcuni media venezuelani, giustificò il colpo di Stato. I media venezuelani ebbero un ruolo determinante sia nell'organizzazione che nell'esecuzione del golpe e dato che tutti erano convinti della sua definitiva riuscita, si sbilanciarono in interviste, trasmesse su tutte le reti, dove parlavano del lavoro organizzativo dei militari e civili artefici dell'evento.

Il ritorno di Chávez alla presidenza del Venezuela[modifica | modifica wikitesto]

Il 12 aprile a Caracas cominciarono seri disordini con saccheggi di negozi. Nei giorni 12 e 13 la polizia uccise più di 200 persone, gli ospedali accolsero centinaia di feriti. La gente, come già accaduto a Caracas, circondò anche la base dei paracadutisti del generale Baduel a Maracay chiedendo a gran voce il ritorno di Chávez. Lo stesso avvenne in molte altre località; si calcola che in tre giorni più di sei milioni di persone siano scese per le strade a difendere Chávez e il suo governo.

Nella notte del 13 aprile l'allora vescovo di Caracas, Antonio Ignacio Velasco García, fu inviato all'isola La Orchila con un jet privato probabilmente di proprietà dei Cisneros, dove avrebbe dovuto convincere Chávez a firmare la rinuncia e partire con lo stesso jet verso un'ignota destinazione, forse Cuba. Durante l'incontro arrivarono tre elicotteri per riportare Chávez a Miraflores.

Con il rientro di Chávez, e il suo ritorno al potere il 14 aprile, gli scontri e i saccheggi cessarono. Il golpe fallì, dunque, grazie al vastissimo appoggio popolare e all'esiguità del gruppo dei militari golpisti, formato soprattutto da alti ufficiali, mentre il grosso delle forze armate venezuelane, guidate dal generale dell'esercito Raúl Isaías Baduel era rimasto fedele a Chávez e alla nuova costituzione. Carmona Estanga fuggì all'estero, riparando a Miami, negli Stati Uniti. Carlos Ortega, ricomparso sulla scena dopo essersi nascosto, si rese responsabile di nuovi disordini nel dicembre 2002 e nel 2003. Arrestato e condannato a 16 anni, fuggì di prigione nel 2006 e si rifugiò in Perù.

La salvaguardia dell'ambiente[modifica | modifica wikitesto]

Il Venezuela, dal primo dicembre 2010 si impegna a rispettare il Protocollo di Kyoto e gli accordi intrapresi dalle Nazioni Unite riguardo al clima e all'ambiente. Con questa decisione il Venezuela diventa uno dei primi paesi in via di sviluppo a impegnarsi nel rispetto dell'ambiente.[68]

Il referendum del 2004[modifica | modifica wikitesto]

Aḥmadinejād ha dato un caldo benvenuto al presidente venezuelano Chávez nella sua visita a Teheran nel 2004. Al momento della visita, Chávez è stato accolto con l'inaugurazione di una nuova statua di Simón Bolívar, l'eroe nazionale venezuelano, nel parco Goft-o-gou di Teheran.

Nel 2004 si avviò la raccolta firme per attivare un referendum revocatorio o referendum ratificatorio per una destituzione popolare del Presidente in carica (il tutto permesso dalla Costituzione Bolivariana del 1999 voluta dal Presidente Chávez).

L'opposizione presentò 3,4 milioni di firme per sollecitare il referendum, ma il processo di accettazione fu lungo e complicato. L'opposizione accusò il Consiglio Nazionale Elettorale di parzialità e di azioni irregolari del processo d'accettazione. Il 3 giugno 2004, il Presidente del CNE Francisco Carrasquero comunicò che le firme erano sufficienti per l'attuazione del referendum. Il giorno di voto fu fissato per il 15 agosto 2004, quattro giorni prima che il Presidente compisse i primi 4 anni di mandato.

L'opposizione necessitava di 3,7 milioni di voti, ossia il numero di voti che il Presidente Chávez ottenne nella sua rielezione del 2000.[non chiaro] Il voto avvenne tramite macchinette elettroniche, con prima il proprio riconoscimento tramite lettura dell'impronta digitale del cittadino per evitare doppi voti. Questo sistema venne criticato da parte dell'opposizione che riteneva l'uso di tale tecnologia un sistema che non assicurava la segretezza del proprio voto.

Il risultato elettorale,[69] escludendo i voti nulli, fu di 59,06% dei voti per il NO, mentre il 40,64% per il SI, confermando il Governo del Presidente Chávez:

Voto Votanti  %
No 5.619.954 58,91%
3.872.951 40,60%
Nulli 47.064 0,49%

A Caracas, immediatamente dopo la pubblicazione dei risultati, ci furono varie manifestazioni contro il Presidente Chávez. Durante le manifestazioni, dalla parte dell'opposizione venne uccisa una donna a colpi di pistola. Secondo i chavisti, la tattica della destra in occasione del referendum è stata quella di delegittimare le istituzioni venezuelane e i risultati del voto, in modo da far credere che vi fosse una situazione di "caos" e giustificare così un intervento internazionale guidato dagli Stati Uniti, volto a rovesciare i risultati del voto popolare.

Tra gli osservatori internazionali, il più considerato fu il Centro Carter (organizzazione senza fine di lucro fondata nel 1982 dall'ex presidente degli Stati Uniti Jimmy Carter). Nonostante le accuse dell'opposizione alla presenza di brogli elettorali, Jimmy Carter definì il voto un "esempio di democrazia" e "più serio delle elezioni in Florida del 2000" e invitò la cittadinanza ad accettarne il risultato. Ciò considerato, e vista anche la netta prevalenza dei NO, l'opposizione dopo qualche settimana fece cessare le contestazioni.

Lista Tascon[modifica | modifica wikitesto]

Il 20 marzo del 2004, il Ministro della Salute e dello Sviluppo Sociale Roger Capella, ai microfoni della televisione nazionale, fa la seguente dichiarazione:

« Un traditore non deve stare in un posto di fiducia. E questo stato ha una politica di corrispondenza con il Governo che si ritrova, dove non c'è spazio per i traditori. Quanti siano, chi ha firmato è fuori! »

In seguito al deposito delle firme necessarie per attuare il referendum, l'intera lista dei firmatari venne pubblicata da un deputato, tale Luis Tascon, attraverso il suo sito internet. L'invito del deputato Tascon e dello stesso Presidente Chávez (attraverso il suo programma "Alò Presidente") fu diretto a tutti i cittadini, consigliando loro di scaricare la lista e verificare direttamente da casa se il proprio numero di carta d'identità era presente senza aver firmato: una sorta di autocontrollo popolare di verifica dei brogli. Nell'aprile del 2005, il Presidente Chávez si scagliò contro l'uso della lista:

« Sotterrate la lista di Luis Tascon! Sicuramente ha compiuto una pagina importante in un momento determinante, ma ormai fa parte del passato.[70] »

Si nutre un forte sospetto nei confronti del neo Vicepresidente, Jorge Rodríguez Gómez, Presidente del CNE (Centro Nazionale Elettorale) all'epoca del Referendum. L'organo che aveva la possibilità di dare la lista dei firmatari per il referendum al deputato Tascon poteva essere solo lo stesso organo di controllo elettorale. Tale collaborazione avrebbe fatto diventare ministro del "Despacho de la Presidencia" la sorella di Jorge Rodríguez, Delcy (dal 2007 è diventata Coordinatrice Generale della Vicepresidenza, annuncio pubblicato dalla risoluzione numero 121 della Gazzetta Ufficiale del 2 febbraio 2007, sotto designazione dello stesso fratello Jorge).

Terzo mandato (2006-2012)[modifica | modifica wikitesto]

2006, l'anno della rielezione[modifica | modifica wikitesto]

Chavez e il regista statunitense Oliver Stone, al Festival di Venezia del 2009

Dopo le vittorie dei chavisti nelle elezioni per i governatori degli Stati (ottobre 2004), nelle amministrative del 2005 e nelle elezioni per l'Assemblea Nazionale (sempre nel 2005), Chávez compie a maggio 2006 una serie di visite ufficiali in Europa, Italia compresa, incontrando papa Benedetto XVI e il neoeletto presidente della Camera Fausto Bertinotti, e parlando alla FAO a Roma.

Il 20 settembre del 2006, intervenendo all'Assemblea delle Nazioni Unite, definisce il presidente statunitense Bush «il diavolo in persona» (tanto da farsi il segno della croce all'arrivo del presidente degli Stati Uniti).[71][72]

Il 3 dicembre del 2006 si svolgono le elezioni presidenziali, considerate da Chávez alla vigilia come un avvenimento cruciale per la storia del Venezuela, in quanto in gioco c'è il futuro stesso della Rivoluzione Bolivariana da lui portata avanti da quando è presidente. La campagna elettorale è stata caratterizzata da una forte polarizzazione sociale e politica, culminata, a pochi giorni dal voto, da due enormi manifestazioni, l'una di sostegno al candidato unico delle opposizioni, Manuel Rosales, governatore del ricco Stato petrolifero di Zulia, l'altra, più partecipata, organizzata dal movimento Bolívariano, in appoggio di Chávez: in entrambi i casi centinaia di migliaia di persone hanno invaso le vie di Caracas.

I risultati elettorali vedono la rielezione di Chávez, che cresce al 62,87% (con 7.274.331 voti), come Presidente della Repubblica, mentre Rosales si ferma al 36,88% (4.266.974 voti). Chávez risulta essere il più votato presidente dal 1958, in una tornata elettorale che ha visto un netto calo dell'astensionismo (meno del 25%) rispetto ai voti precedenti. È la prima campagna elettorale nella quale Hugo Chávez si presenta con un programma apertamente socialista, che denomina Socialismo del XXI secolo.

È la seconda volta nella storia che un candidato e un partito apertamente socialista (in senso anticapitalista) trionfano in elezioni libere e certificate da molteplici centri di osservazione internazionali, tra i quali l'Unione europea e il Giappone che ha fornito la tecnologia. La prima volta era toccato a Salvador Allende in Cile, il 4 settembre 1970. L'opposizione ha ammesso la sconfitta, auspicando dialogo con il rieletto Presidente. Nei discorsi successivi alla vittoria, Chávez ha affermato che con le elezioni si è aperta una nuova fase della Rivoluzione Bolívariana, che consiste nella costruzione di "un socialismo costruito dal basso, dall'interno". Lo scontro con i riformisti del movimento Bolívariano, che vogliono un passaggio lento e graduale verso il socialismo, appare aperto: secondo Chávez la forza e l'organizzazione delle masse impongono un'accelerazione del processo rivoluzionario.

Il 2007[modifica | modifica wikitesto]

Chávez ha poi dichiarato guerra alla burocrazia statale e dei partiti, che a suo dire hanno portato avanti negli anni una vera "contro-rivoluzione", col sabotaggio delle decisioni governative. Ferma appare poi la sua volontà di sconfiggere la corruzione dilagante nell'apparato statale. L'8 gennaio 2007, in occasione del giuramento come Presidente del Venezuela, ha annunciato di voler nazionalizzare, attraverso una legge, tutte le industrie privatizzate negli anni novanta dai precedenti governi: tra queste, le aziende nazionali delle telecomunicazioni e dell'energia elettrica. L'obiettivo è stabilire "la proprietà sociale sui settori strategici". A questi annunci, hanno fatto seguito le proteste del presidente USA George W. Bush e il crollo della Borsa statunitense (-18%).

Sempre nel 2007, al vertice tra la Spagna e i paesi latinoamericani di Santiago del Cile, Chávez si è lanciato in un attacco contro l'ex premier spagnolo José Maria Aznar, giudicato responsabile di aver appoggiato il golpe del 2002. Aznar è stato difeso dal successore José Luis Rodriguez Zapatero, ma Chávez ha continuato gli attacchi verbali definendo Aznar "fascista" e affermando che "un fascista non è un essere umano. Un serpente è più umano di un fascista", provocando le vistose rimostranze del re Juan Carlos (che sbottò dicendo: "Ma tu non ci stai mai zitto? Perché non lasci parlare gli altri?"), che successivamente ha lasciato l'assemblea per protesta contro Chávez.[73] Chavez dal canto suo disse di aspettarsi le scuse del re, in quanto secondo il leader venezuelano "re Juan Carlos è andato in fuori giri", affermando che occorreva rivedere i rapporti diplomatici con la Spagna, accusando poi il monarca stesso di essere stato a conoscenza del golpe.[74]

La proposta di rieleggibilità fino al 2031[modifica | modifica wikitesto]

Destò scalpore quando nel maggio 2006 Chávez propose di decretare un referendum per poter essere rieletto fino al 2031 se l'opposizione avesse urlato ai brogli alle elezioni di dicembre:

« Se escono con qualunque "marramucia" (trappola), dandoci degli imbroglioni, disconoscendo il trionfo o ritirandosi prima delle elezioni, allora convocherò un referendum attraverso decreto per chiedere ai venezuelani se accettano che possa rimanere rieletto fino al 2031. »
(Hugo Chávez)

Dure le critiche dell'opposizione, che durante la campagna elettorale del 2006 pubblicarono in diversi manifesti le parole del Libertador Simón Bolívar:

« La continuazione dell'autorità in uno stesso individuo in maniera frequente è stata la fine dei governi democratici. Le ripetute elezioni sono essenziali nei sistemi popolari, perché non c'è niente di più pericoloso come lasciar permanere per lungo tempo il potere nello stesso cittadino. Il popolo si abitua ad obbedirgli e lui si abitua a comandarlo; da dove si origina l'usurpazione e la tirannia. »
(Simón Bolívar)

Nei paesi del "primo mondo", la situazione è varia. Negli Stati Uniti, ad esempio, il presidente non può restare in carica per più di due mandati consecutivi, mentre in alcuni paesi europei (tra cui l'Italia e la Germania, dove però quest'ultimo ha poteri ridotti) non c'è limite alla rielezione di un presidente. Bisogna ricordare, infine, che basta un referendum per destituire il presidente eletto. Questa modifica costituzionale fu voluta dallo stesso Chávez durante il suo primo mandato ed è già stata utilizzata dall'opposizione.Vedi "Referendum del 2004"

Chávez e il segretario di stato degli Stati Uniti Hillary Clinton nel 2010

Il Partito Socialista Unito[modifica | modifica wikitesto]

In una dichiarazione successiva alle elezioni, Hugo Chávez ha proposto di unificare i partiti del movimento Bolívariano nel Partito Socialista Unito del Venezuela (PSUV), che a suo parere dovrà nascere dalla base dei partiti pre-esistenti, a partire dalle squadre e dai battaglioni elettorali, che erano stati determinanti per la vittoria della sinistra nel referendum revocatorio del 2004 e nelle elezioni presidenziali del 2006.

Nelle intenzioni di Chávez, il nuovo soggetto politico non dovrà risultare dalla semplice aggregazione dei partiti già esistenti, né riproporre lo schema di una burocrazia che lo stesso Chávez considera auto-referenziale e "contro-rivoluzionaria". Significativo è che l'appello di Chávez per il nuovo partito si è rivolto direttamente alla base militante del movimento, "scavalcando" così quelle leadership burocratiche contro cui ormai Chávez si scontra apertamente. Il nuovo partito dovrà essere, secondo il presidente, "autenticamente democratico", con un'elezione dei leader direttamente da parte della base militante.

Il processo di iscrizione al nuovo partito ha assunto rapidamente un carattere di massa, con il reclutamento di milioni di venezuelani.[75] Nello stesso anno si costituisce la coalizione organica e stabile Alleanza Patriottica, che crea una unità di azione per il medesimo obiettivo con il PCV, nel quadro di una collaborazione duratura che ha più volte portato quest'ultimo al quasi scioglimento.

Chavez nel primo periodo della malattia, assieme a Dilma Rousseff

La crisi diplomatica tra Venezuela e Colombia del 2008[modifica | modifica wikitesto]

Il primo marzo del 2008 le forze armate colombiane hanno compiuto un'azione in violazione della sovranità dell'Ecuador volta all'eliminazione di esponenti delle Forze Armate Rivoluzionarie della Colombia FARC mentre il presidente Chávez era impegnato a trattare con quest'ultime la liberazione dell'ostaggio Íngrid Betancourt. Il risultato dell'operazione è stato l'assassinio di Raul Reyes, il numero due delle FARC. All'azione militare colombiana ha seguito un'immediata risposta da parte di Ecuador e Venezuela.

Il Venezuela ha schierato il suo esercito al confine con la Colombia e ha interrotto le relazioni diplomatiche, stessa cosa ha fatto il presidente dell'Ecuador Rafael Correa. Condanne dell'azione voluta dall'ex presidente della Colombia, Álvaro Uribe Vélez, sono state pronunciate da un po' tutti i paesi del Sud America e addirittura da alcuni paesi europei. I soli a difendere l'operato illegale dell'esercito colombiano sono stati gli Stati Uniti. La crisi si è conclusa con il Vertice di Rio di Santo Domingo, dove i tre presidenti hanno dichiarato chiusa la crisi.

Con l'arrivo del nuovo presidente della Colombia, Juan Manuel Santos, i rapporti tra i due paesi sono molto migliorati, considerando che si è trattato solo di un conflitto inter-politico, assai lontano dalle relazioni culturali e sociali tra i cittadini colombiani e venezuelani.

2009-2011[modifica | modifica wikitesto]

Negli ultimi anni del mandato Chávez si dedicò all'unione economica dell'America latina, all'incremento del "socialismo" interno, e criticò alcuni aspetti della cosiddetta Primavera araba, come la deposizione e la morte del suo alleato petrolifero Muammar Gheddafi e la guerra civile siriana contro Bashar al-Assad, i cui nemici egli riteneva fossero guidati dagli Stati Uniti e da Israele, mentre sostenne la lotta contro il regime di Hosni Mubarak in Egitto.[76]

Chávez e i sostenitori a Caracas (2012) durante la campagna elettorale

Quarto mandato (2012-2013)[modifica | modifica wikitesto]

Elezioni del 2012[modifica | modifica wikitesto]

Chávez festeggia dopo l'annuncio della candidatura alle elezioni del 2012

Hugo Chávez si è ricandidato nuovamente alle elezioni presidenziali di ottobre 2012, il 12 giugno. Insieme alla famiglia e a numerosi sostenitori, ha iniziato il tour elettorale da Caracas, con lo slogan Chávez corazón de mi patria ("Chávez cuore della mia patria"), che riprende il simbolo adottato dai manifesti, un cuore con i colori della bandiera venezuelana[26][77]

Opposto ad Henrique Capriles Radonski del partito Prima la Giustizia, il 7 ottobre Chávez si è confermato presidente con il 55,25% dei voti contro il 44,13% del suo contendente.[78]

Cessione dei poteri a Maduro[modifica | modifica wikitesto]

Chávez, a causa della malattia che lo ha portato alla morte, non ha potuto giurare ed esercitare realmente il potere, detenuto dal vicepresidente e successore Nicolás Maduro, scelto da lui stesso, a cui cedette il potere reale nei primi mesi del 2013.

Critiche e aspetti controversi[modifica | modifica wikitesto]

Il rapporto con i media[modifica | modifica wikitesto]

Chávez condusse un programma televisivo politico in cui spiegava i suoi provvedimenti e commentava l'attualità, Aló presidente ("Pronto presidente"). Da quando Chávez venne eletto per la seconda volta Presidente del Venezuela, il numero di canali legati al governo sono stati aumentati da due (VTV e Asamblea Nacional TV) a cinque (più i canali Vive, TeleSUR e la recente Televisora Venezolana Social). I più importanti canali privati nazionali, non soggetti al controllo governativo, che trasmettono via antenna sono Venevisión, Televen (vengono esclusi dalle critiche governative i vari canali di sola musica come Puma TV - in via d'acquisto da parte del governo - e di solo sport come Meridiano Televisión), mentre quelli che trasmettono via cavo sono Globovision, Canal de Noticias (entrambe televisioni di solo notizie e di approfondimento, ma in opposizione al governo) e in ultimo RCTV.

Forti sono le critiche per la legge per la tutela dei minori e di responsabilità dei media, emanata in seguito al tentativo di golpe del 2002, che vieta la trasmissione di immagini violente prima delle dieci di sera. In seguito a queste nuove leggi di tutela, i canali come Televen e Venevisión, per il loro rigoroso rispetto, ora vengono ben considerati dal governo.

La relazione degli osservatori europei sulle elezioni del 2006[modifica | modifica wikitesto]

Nelle ultime elezioni presidenziali del 3 dicembre 2006, la commissione di Osservazione Internazionale dell'Unione Europea verificò l'andamento della propaganda mediatica televisiva pre-elettorale:[79]

Le norme pubblicate per il CNE nel luglio 2006 dichiarano che "i media di comunicazione pubblici e privati daranno copertura informativa completa e bilanciata dei fatti in relazione alla campagna elettorale. Con effetto, osserveranno un rigoroso equilibrio per quanto riguarda spazi e gerarchia delle informazioni relative alle attività di sviluppo per tutti i candidati e candidate, organizzazioni con fini politici, gruppi di elettrici ed elettori a livello nazionale".

La maggioranza dei media, privati e pubblici, non hanno rispettato le norme del CNE, offrendo un'informazione di parte e appoggiando apertamente uno dei principali candidati. In tal proposito il CNE non ha effettuato alcuna sanzione ne rimprovero, nonostante fosse legittimato per legge. Nella relazione leggiamo che nella copertura informativa nel canale di Stato, VTV, c'è stato un ampio squilibrio a favore del candidato Hugo Chávez. Tuttavia le autorità elettorali aprirono un'indagine amministrativa per chiarire la possibile violazione delle norme elettorali da parte del canale Telesur (creato e finanziato dal Mercosur) per aver divulgato dei risultati di un sondaggio durante la giornata del voto.

I due canali privati più seguiti nel paese hanno palesemente appoggiato il candidato dell'opposizione, Rosales, e criticato pesantemente il presidente uscente.

Televisione Chávez Rosales
VTV 86% 14%
RCTV 29% 69%
Globovision 35% 65%

Per quanto riguarda i canali Televén e Venevisión, la relazione dichiara che esse hanno dedicato minor tempo che altri canali alla campagna elettorale, dando un servizio d'informazione politica e tono critico molto basso, mantenendo comunque una predilizione verso il candidato dell'opposizione.

Gli osservatori hanno notato la drastica riduzione delle catene presidenziali e la discontinuità del programma televisivo Aló Presidente a partire dalla data di inizio della missione europea del 15 novembre.

Per quanto riguarda i quotidiani nazionali analizzati, Últimas Noticias e, particolarmente, Vea hanno favorito apertamente la campagna di Hugo Chávez, mentre El Nacional, El Universal ed El Nuevo País si sono caratterizzati per le critiche al governo uscente. El Mundo invece è stato il quotidiano più equilibrato.

La fine della concessione a RCTV[modifica | modifica wikitesto]

Il governo venezuelano nel 2007 non ha rinnovato la concessione delle frequenze e l'autorizzazione a trasmettere a RCTV, il canale televisivo più antico del Venezuela (con oltre 50 anni di trasmissione). L'emittente è stata accusata di continua violazione della legge di responsabilità civile dei media (che limita pornografia e violenza), di aver appoggiato il golpe del 2002, di campagna persistente mirata al rovesciamento violento del governo e di essere finanziati da un paese straniero (e precisamente dalla CIA). Nonostante la gravità di tali affermazioni, raccolte anche in libri come Il codice Chávez di Eva Golinger, non è stata effettuata alcuna denuncia nei confronti del canale o dei suoi dipendenti. Di conseguenza, l'emittente non ha potuto effettuare una difesa processuale del suo operato e l'autorità giudiziaria non ha potuto verificare la fondatezza delle accuse.

La data prevista per la revoca delle frequenze era stata fissata per il 27 maggio 2007, subito contestata e portata di fronte al Tribunale Supremo di Giustizia. Nonostante la Corte Suprema di Giustizia non avesse ancora formulato sentenza al ricorso di RCTV, il Presidente Hugo Chávez ufficializzò mediante decreto (11 maggio 2007) il passaggio della concessione delle frequenze alla Televisora Venezolana Social (TVes), la nuova rete di servizio pubblico del Venezuela che iniziò le sue trasmissioni il 28 maggio 2007.

Il canale, in mancanza di frequenze e della propria strumentazione (ripetitori televisivi) per trasmettere via antenna (materiale confiscato dal governo), non riuscì a trasmettere né via cavo né via satellite fino al 20 luglio 2007 (traguardo raggiunto dopo numerose difficoltà burocratiche). Durante questo periodo l'emittente trasmise attraverso la rete informatica con un suo programma, il notiziario "L'observador" tramite Youtube.

Il Presidente Chávez, nei confronti del canale RCTV, non risparmiò di commentare il provvedimento:

« L'unica forma in cui la concessione non finisca è che domenica 27 a mezzanotte Hugo Chávez non sia presidente del Venezuela! È l'unica forma »
« Se con questo stiamo limitando la libertà d'espressione, al contrario! Finisce la tirannia che ha tenuto questo gruppo economico in quel canale, perché lì hanno esercitato una vera tirannia »

Forti sono state le contestazioni contro l'oscuramento dello storico canale venezuelano, con cortei e manifestazioni (specialmente da parte di studenti universitari). Il clima della protesta degenerò in seguito agli scontri verificatisi tra dimostranti e Guardia Nacional e della Polizia Metropolitana. I tafferugli sono stati documentati da una troupe peruviana, guidata dalla giornalista Anuska Buenaluque. La troupe peruviana riprese le immagini finché non ci fu il tentativo di sequestro della telecamera da parte di alcuni agenti della Guardia Nacional e il successivo uso delle armi in dotazione per le operazioni di ordine pubblico contro la giornalista e il cameraman (entrambi lievemente feriti con proiettili di gomma).

Il reportage è stato successivamente trasmesso dal canale peruviano América Televisión nel programma "Cu4rto poder" ("Quarto potere") e su YouTube.[80] L'unico canale a trasmettere i disordini e le manifestazioni a Caracas è stato un canale privato, Globovision (violando peraltro la legge per la tutela dei minori e della responsabilità civile dei media che limita la trasmissione di immagini violente), mentre i canali governativi e i rimanenti di opposizione (Televen, Venevision, ecc.) hanno ignorato gli scontri e continuato a trasmettere la normale programmazione.

Onorificenze[modifica | modifica wikitesto]

Onorificenze venezuelane[modifica | modifica wikitesto]

Gran Maestro e Gran Collare dell'Ordine del Liberatore - nastrino per uniforme ordinaria Gran Maestro e Gran Collare dell'Ordine del Liberatore
Gran Maestro e Gran Croce dell'Ordine di Francisco de Miranda - nastrino per uniforme ordinaria Gran Maestro e Gran Croce dell'Ordine di Francisco de Miranda

Onorificenze straniere[modifica | modifica wikitesto]

Gran Collare dell'Ordine dell'Infante Dom Henrique (Portogallo) - nastrino per uniforme ordinaria Gran Collare dell'Ordine dell'Infante Dom Henrique (Portogallo)
— 2001
Ordine dell'Amicizia tra i Popoli (Bielorussia) - nastrino per uniforme ordinaria Ordine dell'Amicizia tra i Popoli (Bielorussia)
— 2008
Ordine di José Martí (Cuba) - nastrino per uniforme ordinaria Ordine di José Martí (Cuba)
Ordine della Repubblica di Serbia - nastrino per uniforme ordinaria Ordine della Repubblica di Serbia
— 7 marzo 2013 (postumo)[81]

Riconoscimenti[modifica | modifica wikitesto]

Murales in supporto del Movimento della Quinta Repubblica (MVR) a Barcelona (Venezuela)

Nel 2005 e nel 2006 lo statunitense Time magazine ha incluso Hugo Chávez nella propria lista delle 100 persone più influenti.[82][83] In una lista del 2006 stilata dal magazine britannico New Statesman, è stato votato undicesimo nella lista di "Eroi del nostro tempo".[84] Nel 2010 il magazine incluse Chávez nel suo annuale Le 50 più influenti figure del mondo al decimo posto.[85] I suoi bibliografi Marcano e Tyszka hanno sostenuto che già nei primi anni della sua presidenza "abbia ottenuto il suo posto nella storia come il presidente più amato e più disprezzato allo stesso tempo."[86]

Durante il suo mandato, Chávez fu premiato con le seguenti lauree ad honorem:[87]

Filmografia[modifica | modifica wikitesto]

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Secondo il conteggio ufficiale del Venezuela, si dovrebbe scalare da 64º a 63º, in quanto Pedro Carmona Estanga non è riconosciuto, perché golpista autonominatosi
  2. ^ Sud America. Venezuela, Chavez sconfitto dal cancro. Maduro presidente ad interim
  3. ^ Il Venezuela dà l'addio a Chavez: "Comandante vivrai per sempre"
  4. ^ Frase pronunciata inizialmente per il temporaneo fallimento della rivoluzione bolivariana con il golpe del 1992
  5. ^ Venezuela: Hugo Chavez tra idealismo e critiche
  6. ^ Rapporti peraltro non ideologici ma tattici, in quanto la repubblica islamica è uno dei maggiori critici dell'ingerenza statunitense ma non è un paese socialista; inoltre Libia, Iran e Venezuela sono tre grandi esportatori di petrolio, membri dell'OPEC; vedi anche Relazioni bilaterali tra Iran e Venezuela.
  7. ^ Carroll, Storia segreta di Hugo Chávez, El Comandante
  8. ^ a b Carroll, Storia segreta di Hugo Chávez, El Comandante
  9. ^ a b Governo del Venezuela, Presidente Hugo Rafael Chávez Frías, Gobierno En Línea (2005). Consultato il 15 giugno 2006.
  10. ^ Hugo Chávez Venezuela's Redeemer Burt, Jo-Marie & Rosen, Fred: Maggio 2000
  11. ^ Venezuela, il no vince al fotofinish
  12. ^ Garibaldi, l'eroe di Chavez
  13. ^ Il golpe contro Chavez
  14. ^ Chavez, il padre della patria
  15. ^ Chavez y el espiritismo
  16. ^ ha dichiarato anche che Evo Morales, il presidente boliviano, gli mandava la pasta di coca, ma probabilmente non si riferiva alla cocaina preraffinata cfr. Gennaro Carotenuto, Chavez e la pasta di coca, menzogna mediatica, su Giornalismo partecipativo
  17. ^ Video sul sito di LA7 e articolo su quotidiano.net.
  18. ^ Chávez defiende las hojas de coca y destaca sus propiedades al masticarlas
  19. ^ Chavez e lo sport: da Maradona alla Formula 1
  20. ^ Brasile, medici: "Il cancro di Chavez è in metastasi"
  21. ^ Video
  22. ^ Chavez: strategia strappalacrime?
  23. ^ Il giornalista Dan Rather: «A Chavez restano due mesi di vita»
  24. ^ Quotidiano spagnolo ABC, sabato 2 giugno 2012: «Chavez sopravvive con un oppiaceo cento volte più forte della morfina»
  25. ^ Chavez operato a Cuba per tumore: secondo Wikileaks morirà nel 2013 per il cancro
  26. ^ a b Chavez si ricandida
  27. ^ Chavez si dichiara 'libero' dal cancro
  28. ^ Chavez combatte il cancro: 'un successo operazione' - Mondo - ANSA.it
  29. ^ Si aggravano le condizioni di Chavez | Cronaca
  30. ^ Dopo la morte si sono diffuse voci non verificate tra la stampa estera, secondo le quali sarebbe morto a Cuba, e solo successivamente il corpo sarebbe stato portato di nascosto a Caracas
  31. ^ Venezuela's Hugo Chavez Dies, Vice President Maduro Says. URL consultato il 5 marzo 2013.
  32. ^ Venezuelan President Hugo Chavez Has Died, VP Says
  33. ^ tra cui Cristina Fernández de Kirchner, Dilma Rousseff, Luis Inácio Lula da Silva e altri, tutti ammalatisi di cancro in tempi recenti, anche se guariti
  34. ^ Funerali di Chavez, Ahmadinejad in lacrime, c'è anche Sean Penn
  35. ^ Reaction to the death of Venezuelan President Hugo Chavez
  36. ^ Hugo Chavez, si può inoculare un tumore all'inguine? Dall'ombrello bulgaro alla Cia...
  37. ^ Tumori: Cascinu (Aiom), avvelenamento Chavez è inverosimile
  38. ^ Chavez è stato "avvelenato" con un cancro?
  39. ^ U.N. Human Rights Council holds minute's silence for Chavez
  40. ^ Morte Chavez, il dolore di un continente: lutto nazionale da Cuba all'Ecuador
  41. ^ Lutto nazionale ed esercito in strada Venerdì 8 marzo i funerali del lìder
  42. ^ Venezuela, il corpo di Chavez sarà imbalsamato. Caracas si paralizza in attesa dei funerali
  43. ^ Chavez non sarà imbalsamato
  44. ^ La Stampa - Don Gallo e la messa per Chavez "Grande statista". URL consultato il 26-05-2013.
  45. ^ Omero Ciai, Chávez, il potere è questione di famiglia in Repubblica.it, 10 giugno 2007, p. 19. URL consultato il 29 luglio 2010.
  46. ^ Vince McElhinny, Bank of the South, Global Exchange. URL consultato il 25 febbraio 2011.
  47. ^ Hugo Chavez, la democrazia socialista in Venezuela
  48. ^ Chavez espelle l'ambasciatore israeliano
  49. ^ Chavez vuole aiutare Obama
  50. ^ Obama ridimensiona il pericolo Chavez: "Il vero destabilizzatore e l’Iran"
  51. ^ (EN) South America launches rival to the IMF, World Bank in Tehran Times, 11 dicembre 2007. URL consultato il 25 febbraio 2011.
  52. ^ Chris Carlson, Brazil To Join Bank of the South in Venezuelanalysis.com, 16 aprile 2007. URL consultato il 25 febbraio 2011.
  53. ^ Periodico "Latinoamerica" a cura di Gianni Minà
  54. ^ INE
  55. ^ Autori vari, Anuario El Pais 2007, Madrid, Ediciones El Pais, 2007 ISBN 978-84-95595-17-1
  56. ^ Poverty in Venezuela fell from 70% in 1996 to 23% in 2009 | Bolivarian Republic of Venezuela |Axisoflogic.com
  57. ^ The Economist, (20 aprile 2006), "Venezuela: Crimes and misdemeanours.
  58. ^ Amnesty International (2006), "AI Report 2006: Venezuela".
  59. ^ Rapporto Amnesty 2009 sul Venezuela
  60. ^ Human Rights Watch: "(sotto Chávez) le violenze in prigione e gli abusi della polizia rimangono un serio problema"
  61. ^ Ex centro di tortura del Venezuela trasformato in una sede culturale dal sito comitatobolivariano.info
  62. ^ Il governo venezuelano per maggiori diritti ai gay
  63. ^ Hugo Chavez, Presidente (purtroppo)
  64. ^ Venezuela y Argentina inauguran I Etapa de la Fábrica de Tractores Pauny “19 de Abril�
  65. ^ Gobierno superó con éxito crisis de 2010 y las convirtió en oportunidades para el pueblo | AVN
  66. ^ Attilio Folliero e Cecilia Laya, La nuova politica monetaria del Venezuela
  67. ^ Periodico "Latinoamerica e gli altri sud del mondo", direttore Gianni Minà
  68. ^ Venezuela dará aportes para luchar en contra del cambio climático
  69. ^ (ES) BOLETIN ELECTORAL REFERENDUM 15 DE AGOSTO DE 2.004, CNE. URL consultato l'8 ottobre 2012.
  70. ^ Sul Referendum Revocatorio del 2004, parlando della tanto contestata Lista Tascon pubblicata in internet e pubblicizzata dal Presidente assieme al Deputato Tascon con i dati dei firmatari per il Referendum: video.
  71. ^ Chávez all'ONU: Bush è il diavolo, c'è ancora puzza di zolfo. Agenzia Apcom dal sito web «la7.it» del 20 settembre 2006. Riportato l'11 ottobre 2006.
  72. ^ Per il testo completo del discorso pronunciato: Intervento del presidente della Repubblica Bolívariana, Hugo Chávez. Da sito web «pane-rose.it». Riportato l'11 ottobre 2006.
  73. ^ Juan Carlos-Chavez: lite al vertice di Santiago
  74. ^ Chavez, nuovo attacco a Juan Carlos: "Rivediamo i rapporti con la Spagna"
  75. ^ Dossier sul PSUV a cura dell'Agenzia Bolívariana di Notizie
  76. ^ Hugo Chavez and the Arab spring
  77. ^ Il simbolo sul sito di un candidato del partito di Chávez
  78. ^ (ES) DIVULGACIÓN PRESIDENCIAL 2012, 11 ottobre 2012. URL consultato l'11 ottobre 2012.
  79. ^ Misión de Observación Electoral de la Unión Europea "Relazione in spagnolo", pubblicato nel sito del Capo Gruppo dei Verdi al Parlamento Europeo, l'europarlamentare Monica Frassoni.
  80. ^ Video del servizio della giornalista Anuska Buenaluque durante le proteste contro il mancato rinnovo della concessione governativa all'emittente RCTV
  81. ^ Председник Николић постхумно одликовао Уга Чавеса, председника Венецуеле, Predsednik.rs. URL consultato il 7 marzo 2013.
  82. ^ "Hugo Chávez: The Radical with Deep Pockets" Padgett, Tim (18 aprile 2005). Time (New York City: Time Inc.). Visitato il 25 marzo 2011
  83. ^ "Hugo Chávez: Leading the Left Wing Charge" Padgett, Tim (30 April 2006). Time (New York City: Time Inc.). Visitato il 25 marzo 2011.
  84. ^ "Heroes of our time – the top 50" Cowley, Jason (22 May 2006). New Statesman (London). Visitato il 9 marzo 2013 su web.archive.org.
  85. ^ "50 People Who Matter 2010: 10. Hugo Chávez" New Statesman (London). 21 settembre 2010. Visitato il 27 marzo 2011.
  86. ^ "Hugo Chávez: The Definitive Biography of Venezuela's Controversial President", pag. 148, Marcano, Christina and Tyszka, Alberto Barrera (2007). New York: Random House. ISBN 978-0-679-45666-7.
  87. ^ (ES) Gobierno en Línea: Biografía del Presidente Hugo Rafael Chávez Frías, Government of Venezuela, 2005. URL consultato il 15 ottobre 2011.

Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]

  • Cristina Marcano, Alberto Barrera Tyszka, Hugo Chávez, il nuovo Bolívar?, Baldini Castoldi Dalai, 2004, ISBN 978-88-6073-029-9
  • Roberto Massari, Hugo Chávez tra Bolívar e Porto Alegre, Massari, 2005,ISBN 88-457-0210-3
  • Eva Golinger, Codice Chávez, Zambon Verlag
  • (ES) Cristina Marcano, Alberto Barrera, Hugo Chávez sin uniforme (Hugo Chávez senza uniforme), Debate, 2005, ISBN 987-1117-18-3
  • Alan Woods, La rivoluzione venezuelana. Una prospettiva marxista, AC editoriale, 2005
  • Eva Golinger, Hugo Chávez e la rivoluzione Bolívariana, Zambon Verlag, 2006, ISBN 88-87826-40-4
  • Américo Martín e Freddy Muñoz, Socialismo del siglo XXI ¿huida en el laberinto?, Editorial Alfa, Colección Hogueras, 2007
  • Fausto Masó, El día que se vaya Chávez, Editorial Libros Marcados, 2007
  • Manuel Anselmi, I bambini di Chávez. Ideologia, educazione e società in America Latina, Franco Angeli, Milano, 2008.
  • Rory Carroll, "Storia segreta di Hugo Chávez, El Comandante", Newton Compton Editori, ISBN 978-88-541-5000-3

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Predecessore Presidente del Venezuela Successore Flag of Venezuela (state).svg
Rafael Caldera Rodríguez 1999 - 2002 Pedro Carmona Estanga (golpe) I
Diosdado Cabello Rondón (ad interim) 2002 - 2013 Nicolás Maduro (ad interim) II

Controllo di autorità VIAF: 118314221 LCCN: n93108109