Stato canaglia

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
bussola Disambiguazione – Se stai cercando il saggio di Piero Ostellino, vedi Lo stato canaglia.
Rogue states.png
  • Stati correntemente considerati "Stati Canaglia" dagli Stati Uniti:[1]
  1. Cuba Cuba[2]
  2. Iran Iran[2]
  3. Sudan Sudan[2]
  4. Siria Siria[2]
  5. Corea del Nord Corea del Nord[3]
  • Stati non più considerati "Stati Canaglia" dagli Stati Uniti:
  1. Flag of Taliban.svg Afghanistan
  2. Iraq Iraq
  3. Jugoslavia Jugoslavia
  4. Libia Libia

Stato canaglia ("rogue state"[4]) è un'espressione controversa utilizzata da alcuni teorici anglosassoni di scienze politiche all'inizio del XXI secolo per riferirsi a taluni Stati considerati una minaccia per la pace mondiale. [5]

Etimologia[modifica | modifica wikitesto]

Il significato base del termine rogue è quello di "persona disonesta, senza principî, inaffidabile, che assume iniziative stravaganti e potenzialmente pericolose"; per estensione tale epiteto viene applicato a quegli animali che, per le loro tendenze aggressive e distruttrici, vengono tenuti alla larga dai loro stessi simili (a rogue elephant, ad esempio). Nel linguaggio politico di lingua anglosassone, "rogue state" esplicita questa condizione di "stato tenuto ai margini" dalla comunità. Un "rogue state" è uno Stato che si isola dalla comunità internazionale degli Stati, opera secondo logiche proprie, non si confronta diplomaticamente con gli altri membri della comunità, e per questo può coltivare, nella propria cultura politica e sociale, ossessioni, paure persecutorie ed idee pericolose di aggredire anche preventivamente a scopo di difesa[6].

L'epiteto "canaglia" è una libera interpretazione italiana che dell'inglese "rogue" sottolinea soprattutto l'aspetto di disonestà del soggetto cui si applica, ma trascura la connotazione di allontanamento dalla comunità (propriamente "canaglia" corrisponderebbe meglio all'inglese "rascal"). "Canaglia" in italiano deriva dal latino "canis", in italiano "cane" e per estensione "gentaglia vile", "abietta" e "malvagia", come un branco di cani randagi che mordono[7].

Storia[modifica | modifica wikitesto]

Exquisite-kfind.png Per approfondire, vedi Asse del male, Mu'ammar Gheddafi, Corea del Nord, Cuba, Iran e Iraq.

Secondo alcune fonti, l'espressione è stata usata per la prima volta da Ronald Reagan nel 1980, nei confronti della Libia, al tempo del dittatore Gheddafi, il quale nei propri discorsi propagandistici, incoraggiava il terrorismo islamico contro gli Stati Uniti. Secondo Paolo Cacace e Sergio Romano[8] il primo riconoscimento ufficiale della nozione di "stato canaglia" sarebbe rinvenibile nel Missile Defense Act[9] promulgato nel 1999 durante la presidenza di Bill Clinton. Nell'ultimo semestre della presidenza Clinton (2001), la locuzione rogue state (Stato canaglia) era stata temporaneamente sostituita con state of concern (traducibile con "stato da seguire con attenzione")[10], ma con George W. Bush si ritornò alla prima espressione.

Il concetto di "rogue state" è stato sostituito — nell'amministrazione Bush — con quello di Asse del male ("axis of evil"), comprendente Iraq, Iran e Corea del Nord. Il presidente Bush ne parlò per la prima volta nel discorso sullo stato dell'Unione del gennaio 2002.[11].

Nel 2010, secondo il sito web statunitense The Daily Beast, il mondo che ha creato gli Stati canaglia sia ormai superato.[12] Barack Obama successivo presidente degli Stati Uniti, ha offerto una possibilità di dialogo con l'Iraq, l'Iran e la Corea del Nord, senza ricevere una confortante risposta[12]. Barack Obama, il 10 marzo 2012, apre agli Stati canaglia la possibilità di importare il Web[13].

Obama il 24 marzo 2012, al vertice nucleare di Seul, nella Corea del Sud, ha invitato la Cina, ad usare la propria autorevolezza per frenare le più recenti iniziative della Corea del Nord: lanciare un satellite che potrebbe guidare la traiettoria di missili atomici[14]. La corsa agli armamenti nucleari in Iran e Nord Corea hanno dominato l'incontro fra Obama e i deputati russi e cinesi. Pur senza adoperare toni enfatici, Obama ha espresso la preoccupazione che l'uranio arricchito prodotto in Iran, possa cadere nelle mani di gruppi terroristici come al-Qa'ida. Per quanto riguarda la Corea del Nord, Obama ha offerto al nuovo capo di Stato Kim Jong-un, aiuti umanitari come contributi alimentari ad un paese di cittadini estremamente denutriti e altri aiuti, in cambio di rinunciare alla corsa ad armi atomiche[14].

Fondamento concettuale[modifica | modifica wikitesto]

Il concetto implica la compatibilità con alcuni criteri distintivi, come il fatto di avere una forma di governo autoritaria che intraprenda azioni in aperta violazione dei diritti umani, il fatto di sponsorizzare il terrorismo e la tendenza alla proliferazione delle armi di distruzione di massa[15][16].

Il governo degli USA, ritenendo le politiche attuate dai governi di questi Stati come una minaccia a livello internazionale, giustifica le proprie iniziative militari e di politica estera (come nel caso dei programmi per il missile anti-balistico) fondate sul timore che, nell'ipotesi infausta di aggressione, questi Stati non sarebbero dissuasi dalla cosiddetta distruzione mutua assicurata; con ciò rendendo necessarie anche misure di difesa preventiva[17], regolamentata dalla Strategia di Difesa Nazionale (National Defence Strategy)[18][19].

Gli Stati canaglia[modifica | modifica wikitesto]

Secondo il coordinatore dell'antiterrorismo del Dipartimento di Stato americano, dal 1979 la Siria viene designata come uno Stato promotore del terrorismo perché ha continuato a fornire sostegno politico a gruppi terroristici palestinesi, sostegno politico e materiali a Hezbollah, al Movimento Islamico di Resistenza Hamas, Jihad islamica palestinese (PIJ), il Fronte Popolare per la Liberazione della Palestina (PLFP) e il Fronte Popolare per la Liberazione della Palestina-Comando Generale (PFLP-GC), hanno tutti le proprie sedi a Damasco.[1]

Secondo il coordinatore dell'antiterrorismo del Dipartimento di Stato americano, nel 2007, il Sudan ospita elementi terroristici di al Qa'ida, militanti della Jihad islamica palestinese (PIJ), di HAMAS, e l'Esercito di Resistenza del Signore (Lord’s Resistance Army) (LRA).[1] Ad eccezione di HAMAS il governo sudanese non appoggia apertamente gli altri movimenti terroristici. Malgrado il governo sudanese abbia smantellato una grande organizzazione terroristica, a Khartum e nel Darfur il livello di allarme terroristico rimane alto.[1]

Secondo il coordinatore dell'antiterrorismo del Dipartimento di Stato americano, nel 2008, il governo di Cuba ha fornito un rifugio sicuro ai membri dell'Unione separatista basca (ETA), delle Forze Armate Rivoluzionarie della Colombia (FARC) e dell'Esercito di Liberazione Nazionale (Colombia) (ELN).[1] Il governo cubano permette a più di 70 latitanti statunitensi di vivere legalmente a Cuba e ha rifiutato quasi tutte le richieste degli Stati Uniti per la loro estradizione. Il governo cubano ha dichiarato nel 2006 che non sarebbe più stato un rifugio sicuro ai nuovi latitanti statunitensi che entrano Cuba.[1]

Al 2008 gli Stati Uniti d'America consideravano "Stati canaglia" Iran e Corea del Nord.[20] Negli anni ottanta avevano considerato allo stesso modo Pakistan,[21] Afghanistan,[22] Libia[22] e Iraq.[23][11] Poiché si era alleato con gli USA dopo gli attacchi dell'11 settembre 2001 il Pakistan fu tolto dalla lista, mentre l'Iraq ne uscì a seguito della guerra in Iraq (e della coeva dissoluzione del regime di Saddam Hussein). Anche la Libia, nei primi anni del 2000, si avvicinò a livello diplomatico agli Stati Uniti, cooperando nella lotta internazionale contro il terrorismo islamico, pertanto l'allora presidente George W. Bush la rimosse dalla lista degli "Stati canaglia".

Dibattito politico[modifica | modifica wikitesto]

Poiché la nozione di "Stato canaglia" è propria quasi solo degli USA, è facile immaginare quanto l'espressione sia stata aspramente criticata da chi nel complesso disapprovi la politica estera statunitense. Si sostiene, in proposito, che "Stato canaglia" sarebbe sinonimo di "Stato generalmente ostile agli USA", o perfino di "Stato oppositore degli USA", in entrambi i casi senza che lo Stato in questione ponga realmente (e necessariamente) una minaccia di più ampia portata. Ancora, si appuntano biasimi alla logica del "doppio peso e doppia misura", per cui il Pakistan - che pure platealmente viola i protocolli di non-proliferazione nucleare esportando tecnologia per armi atomiche - non è più considerato "Stato canaglia" dagli americani[24],[25].

Altri ancora, come William Blum[26]. e Edward S. Herman[27], Jonathan Franzen[28],[29] sono arrivati a dichiarare che la categoria di "Stato canaglia" ben si attaglierebbe agli USA medesimi e a Israele. Tanto il concetto di "Stato canaglia" quanto quello di "asse del male" sono stati criticati da studiosi come il filosofo Jacques Derrida e il linguista Noam Chomsky, che li ritengono sostanzialmente una giustificazione dell'imperialismo e una sorta di sovrastruttura (in senso marxiano) buona soltanto a fini di propaganda[30].

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ a b c d e f (EN) State Sponsors of Terrorism Overview. US Department of state. Civilian Security, Democracy, and Human Rights. Bureau of Counterterrorism. 30 aprile 2008.
  2. ^ a b c d (EN) State Sponsors of Terrorism. US Department of state. Civilian Security, Democracy, and Human Rights. Bureau of Counterterrorism. 20 gennaio 2009.
  3. ^ (EN) Clinton Announces New North Korea Sanctions. NPR. News. 21 luglio 2010.
  4. ^ (EN) rogue state. The Free Dictionary.
  5. ^ (EN) Axis of Evil, Rogue States, Outposts of Tyranny, and Axis of Terror. Matt Rosenberg. About, Geography. 5 maggio 2010.
  6. ^ rogue state. Bab La. English-Italian translation.
  7. ^ Canaglia. Dizionario etimologico online.
  8. ^ L'atomica europea. Paolo Cacace e Sergio Romano. Fazi Editore. 2003. ISBN 8881125269. pag. 165.
  9. ^ (EN) National Missile Defense Act of 1999 - One Hundred Sixth Congress of the United States of America dal sito del Center for Defense Information.
  10. ^ (EN) Foreign Affairs; Altered States. New York Times. 27 giugno 2000.
  11. ^ a b (EN) President Delivers State of the Union Address. WhiteHouse. Text of the Speech. 29 gennaio 2002.
  12. ^ a b (EN) End of the Rogue. Daily Beast. 28 gennaio 2010.
  13. ^ Obama apre agli stati canaglia: via all'"export" del Web. Corriere. Comunicazioni. 10 marzo 2012.
  14. ^ a b (EN) Fears About North Korea and Iran Will Dominate Nuclear Summit Meeting in Seoul. New York Times. Asia Pacific. 23 marzo 2012.
  15. ^ (EN) Rogue state. Discovery guides. terrorism. Glossary.
  16. ^ (EN) Defining the Rogue State. Journal of Political Inquiry 4. 2011.
  17. ^ Guerra giusta e guerra preventiva: tre domande. George Weigel. The Catholic Difference. 2003.
  18. ^ Strategia di difesa nazionale. Segretario alla difesa Robert Gates. 2008.
  19. ^ (EN) National Defense Strategy. Secretary of Defense Robert Gates. 2008.
  20. ^ (EN) "SDN List (Specially Designated Nationals List)". About. Terrorism Issues.
  21. ^ (EN) Pakistan as a Rogue State. Rajat Ganguly. All Academic. 2008.
  22. ^ a b (EN) Afghanistan. World Fackbook. CIA. 24 marzo 2012.
  23. ^ (EN) Threats and responses strategy in Bush's 'Axis of Evil,' Why Iraq Stands Out. New York Times. World. 9 settembre 2002.
  24. ^ (EN) Pakistan, a rogue state unpunished. Fairfax digital. Editorial. 13 febbraio 2004.
  25. ^ (EN) Pakistan: how Washington helped create a nuclear 'rogue state' . Green Left. International news. 17 novembre 1993.
  26. ^ (EN) Rogue State. William Blum. Zed Book. 2002.
  27. ^ (EN) Global Rogue State. Z magazine, Febraury 1998.
  28. ^ Franzen: l’America? Uno stato canaglia. Riccardo Chiaberge Il fatto quotidiano. 27 ottobre 2010.
  29. ^ (EN) Franzen: Obama "Delightful". America "Almost a Rogue State". Atlantic wire. 26 ottobre 2010.
  30. ^ (EN) Rogue States. Noam Chomsky. Z Magazine. April 1998.

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]

Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]

(EN)

Critici del concetto di stato canaglia:

(EN)

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

(EN)