Asse del Male

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.

L'espressione "asse del male" ( in lingua inglese"axis of evil") fu introdotta dal presidente degli Stati Uniti George W. Bush in occasione del suo discorso sullo stato dell'unione del 29 gennaio 2002.

Essa siriferirebbe ad un ipotetico complotto di nazioni favorevoli al terrorismo internazionale e impegnate nello sviluppo di armi di distruzione di massa. Le nazioni esplicitamente citate da Bush in quella occasione furono Iraq, Iran e Corea del Nord.

L'"Asse del Male" di Bush comprende Iraq, Iran e Corea del Nord (rosso scuro). Altri (per esempio John R. Bolton) vi includono anche Cuba, Libia e Siria (arancione)

Il discorso ebbe luogo poco più di quattro mesi dopo gli attentati dell'11 settembre e poco più di un anno prima dell'invasione dell'Iraq da parte degli Stati Uniti e dei loro alleati (marzo 2003). "Asse del Male" appare come l'unione di due altre espressioni ben note agli americani; l'"Asse" di italiani, tedeschi e giapponesi nella seconda guerra mondiale e l'"impero del male" (ovvero l'Unione Sovietica nella terminologia introdotta da Ronald Reagan).

Storia[modifica | modifica wikitesto]

La paternità effettiva dell'espressione deve essere fatta risalire a due diversi filoni: quello dell'"asse" è di chiara discendenza dall'Asse Roma-Berlino ed alla polemica che contro di essa intraprese l'interventismo democratico rooseveltiano per propiziare l'entrata in guerra degli Stati Uniti nel 1941. Ad attingere a questa pubblicistica (in un momento di rinato interventismo, questa volta neo-con in opposizione alla minaccia dell'estremismo islamico) fu David Frum, autore ebreo di molti discorsi di Bush, e scrittore della rivista di destra "National Review". Secondo quanto Frum racconta nel libro The Right Man: The Surprise Presidency of George W. Bush, Bush desiderava che il discorso per lo Stato dell'Unione contenesse, in poche frasi, una spiegazione dei motivi per cui Saddam Hussein doveva essere rimosso dal governo dell'Iraq. Frum trasse ispirazione dal famoso discorso di Roosevelt successivo all'attacco giapponese a Pearl Harbor (il cosiddetto Infamy Speech). In quel discorso, infatti, Roosevelt dovette convincere gli americani della necessità di combattere non solo contro il Giappone, ma anche contro una nazione meno facile da identificare come "nemico" dal popolo americano, la Germania. Roosevelt usò la frase:

« Non solo ci difenderemo fino all'ultimo; faremo anche in modo di essere certi che questa forma di tradimento non possa mai più metterci in pericolo[1] »
(F. D. Roosevelt)

In questo modo, Roosevelt inquadrava l'apertura delle ostilità contro la Germania come l'unico modo per prevenire un nemico predestinato, evitando di esserne colti di sorpresa (come era avvenuto con il Giappone). Frum identificò facilmente diverse analogie fra la situazione descritta da Roosevelt e quella che Bush desiderava comunicare alla nazione. Altre analogie rilevate da Frum riguardavano la natura dell'asse ("le potenze dell'Asse non si piacevano e non si fidavano l'una dell'altra") e la sua linea politica ("tutte disprezzavano i valori umani della democrazia"). Sulla base di queste considerazioni, Frum decise di usare l'espressione "asse dell'odio" (axis of hatred).

Bush accolse la bozza di discorso di Frum quasi integralmente, modificando solo "odio" in "male". Quest'ultima parola - che appariva più in linea con le metafore teologiche usate da Bush dopo l'11 settembre - appartiene alla terminologia reaganiana, essendo stato Ronald Reagan il primo Presidente neocon a reintrodurre nella diplomazia la parola "male" (abbandonata dai tempi della pace di Westfalia dall'etichetta delle relazioni internazionali in tempo di pace). Reagan nel 1982 tenne un intervento con cui definì l'Unione sovietica "l'impero del male". Nella stessa direzione andavano, negli anni successivi, le definizioni di "rogue states" ("stati canaglia"), attribuite a nazioni volta a volta in conflitto con la superpotenza americana: una ricaduta di tale propaganda in termini operativi si ebbe quando il Congresso votò leggi che obbligavano il dipartimento di Stato a negare l'accesso agli aiuti economici statunitensi a Stati in contrasto con i valori condivisi a Washington (prima la crociata contro il traffico di droga, poi quella contro la corruzione amministrativa nei "failed States", infine quella contro l'adesione alla Corte penale internazionale).

Il contenuto[modifica | modifica wikitesto]

Il passaggio del discorso di Bush fu il seguente:

« [Il nostro secondo obiettivo] è quello di impedire ai regimi che sponsorizzano il terrorismo di minacciare con armi di distruzione di massa l’America e i nostri amici e alleati. Alcuni di questi regimi sono rimasti piuttosto inerti a partire dall’11 settembre. Ma noi conosciamo la loro vera natura. La Corea del Nord è un regime che si sta dotando di missili e armi di distruzione di massa, mentre fa morire di fame i suoi cittadini.

L’Iran è alla ricerca frenetica di queste armi e esporta terrore, mentre una minoranza non eletta reprime le speranze di liberta’ del popolo iraniano.

L’Iraq continua ad ostentare la propria ostilità verso l’America e ad appoggiare il terrorismo. Per più di un decennio, il regime iracheno ha progettato di sviluppare l’antrace, gas nervini e armi nucleari. Si tratta di un regime che ha già impiegato gas letali per uccidere migliaia di cittadini – lasciando i corpi delle madri ammucchiati sopra i figli morti. Questo è un regime che ha accettato i controlli internazionali e ha poi cacciato via gli ispettori. Questo è un regime che ha qualcosa di grave da nascondere al mondo civile.

Stati come questi, e i terroristi loro alleati, rappresentano un asse del male, che si arma per minacciare la pace nel mondo. Nel ricercare armi di distruzione di massa, questi regimi rappresentano una crescente e grave minaccia. Potrebbero fornire quelle armi ai terroristi, dando loro i mezzi per soddisfare il loro odio. Potrebbero attaccare i nostri alleati o tentare di ricattare gli Stati Uniti. In ogni caso, il prezzo dell’indifferenza sarebbe catastrofico.[2] »

(George W. Bush)

Espressioni derivate[modifica | modifica wikitesto]

John R. Bolton

Altri esponenti dell'amministrazione Bush hanno stilato elenchi di presunti nemici dell'America, in genere come estensioni dell'"Asse del Male" originale. Il 6 maggio 2002 il Sottosegretario di Stato John R. Bolton fece un discorso intitolato "Beyond the Axis of Evil" ("oltre l'Asse del Male"), citando altri tre "stati canaglia" come amici del terrorismo e in grado di creare armi di distruzione di massa: Libia, Siria e Cuba. In seguito a questo discorso, seppure meno noto, l'Asse del Male viene quasi sempre citato in questo senso esteso. Nel gennaio 2005, il Segretario di Stato Condoleezza Rice parlò di "avamposti della tirannia" ("outposts of tyranny") riferendosi alle sei nazioni del mondo "più pericolose e anti-americane": Corea del Nord, Iran, Cuba, Bielorussia, Zimbabwe e Myanmar. Il ministro della difesa statunitense Donald Rumsfeld ha in seguito parlato dell'"asse del male latinoamericano" per riferirsi alle nazioni sudamericane con governi di sinistra. Hugo Chávez, Presidente del Venezuela, ha risposto alla provocazione usando l'espressione originale "asse del male" per riferirsi agli Stati Uniti e ai suoi alleati e contrapponendola all'"asse del bene" costituita da Venezuela, Cuba e Bolivia.

Il ministro della difesa israeliano Shaul Mofaz ha introdotto nel 2006 l'espressione "asse del terrore" per riferirsi a Iran e Siria; Gideon Meir l'ha ripresa nella forma "asse del terrore e dell'odio" in un discorso di poco antecedente all'offensiva israeliana contro il Libano.

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Testo originale: we will not only defend ourselves to the uttermost but will make very certain that this form of treachery shall never endanger us again.
  2. ^ Testo originale: [Our goal] is to prevent regimes that sponsor terror from threatening America or our friends and allies with weapons of mass destruction. Some of these regimes have been pretty quiet since September the 11th. But we know their true nature. North Korea is a regime arming with missiles and weapons of mass destruction, while starving its citizens. Iran aggressively pursues these weapons and exports terror, while an unelected few repress the Iranian people's hope for freedom. Iraq continues to flaunt its hostility toward America and to support terror. The Iraqi regime has plotted to develop anthrax, and nerve gas, and nuclear weapons for over a decade. This is a regime that has already used poison gas to murder thousands of its own citizens—leaving the bodies of mothers huddled over their dead children. This is a regime that agreed to international inspections—then kicked out the inspectors. This is a regime that has something to hide from the civilized world. States like these, and their terrorist allies, constitute an axis of evil, arming to threaten the peace of the world. By seeking weapons of mass destruction, these regimes pose a grave and growing danger. They could provide these arms to terrorists, giving them the means to match their hatred. They could attack our allies or attempt to blackmail the United States. In any of these cases, the price of indifference would be catastrophic.

Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]

  • Maddalena Oliva, Fuori Fuoco. L'arte della guerra e il suo racconto, Bologna, Odoya 2008. ISBN 978-88-628-8003-9.

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]