Ricerca scientifica

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
bussola Disambiguazione – "Ricerca" rimanda qui. Se stai cercando se stai cercando la ricerca d'informazioni, ad esempio nel web, vedi Motore di ricerca.
Il microscopio, simbolo della ricerca scientifica

La ricerca scientifica è un'attività umana avente lo scopo di scoprire, interpretare e revisionare fatti, eventi, comportamenti e teorie relative a qualunque ambito della conoscenza e dell'esperienza umana (sebbene il senso comune tenda a restringerla a un ambito detto natura), usando metodi intersoggettivi e condivisi cioè basati sul metodo scientifico.

La ricerca scientifica è la metodologia usata per accrescere la conoscenza all'interno della scienza ed è ritenuta, non solo in ambito economico, uno dei fattori chiave per la crescita e lo sviluppo della società nel medio-lungo periodo in virtù della sua potenziale capacità di fornire innovazione attraverso l'applicazione tecnologica e organizzata delle scoperte scientifiche, favorendo così il progresso della società noto come progresso tecnico e scientifico. La ricerca scientifica, specie se di base, è portata avanti dalla comunità scientifica secondo sue proprie metodologie di valutazione della ricerca.

In un senso più generale, il termine "ricerca" viene usato anche per indicare la raccolta di informazioni su un determinato soggetto.

Descrizione[modifica | modifica wikitesto]

Ricerca di base[modifica | modifica wikitesto]

La ricerca di base, conosciuta anche come ricerca pura o fondamentale, ha come obiettivo primario l'avanzamento della conoscenza e la comprensione teorica delle relazioni tra le diverse variabili in gioco in un determinato processo. È esplorativa e può essere indotta dalla curiosità, dall'interesse e dall'intuito del ricercatore. Viene condotta senza un particolare scopo pratico previsto, anche se i suoi risultati possono avere ricadute applicative inaspettate. L'espressione "di base" indica che, attraverso la generazione di nuove teorie, la ricerca di base fornisce le fondamenta per ulteriori ricerche con ricadute applicative nel medio-lungo termine.

Talora, la ricerca di base viene penalizzata dall'investitore privato, per gli elevati costi di avvio, i tempi e l'incertezza di sviluppi commerciali e industriali con una remunerazione adeguata del capitale di rischio.

Esistono forme di partenariato pubblico-privato, a fronte delle quali l'investitore rischia una quota di capitale "a fondo perduto" per la ricerca di base, in cambio di un diritto di opzione su eventuali esiti di questa ricerca ritenuti interessanti. L'investitore acquisisce la proprietà intellettuale, e l'obbligo di contrarre col soggetto pubblico ulteriori impegni di denaro e condizioni per la conclusione della ricerca di base, e il successivo sviluppo industriale.

Ricerca applicata[modifica | modifica wikitesto]

La ricerca applicata è svolta allo scopo di trovare soluzioni pratiche e specifiche. Il suo obiettivo primario non è l'avanzamento della conoscenza teorica, bensì lo sfruttamento della conoscenza teorica già acquisita a fini pratici cioè essenzialmente per lo sviluppo in ambito tecnico della relativa tecnologia. È generalmente di tipo descrittivo e basata su precedenti ricerche di base. Solitamente viene eseguita in ambiente industriale oppure in università con finanziamenti provenienti da industrie interessate. Spesso il confine tra ricerca di base e ricerca applicata non è così netto e il criterio per classificare una determinata ricerca è piuttosto definito dal presunto intervallo di tempo in cui la ricerca si dovrà sviluppare prima di portare a ricadute applicative.

Dewey si sofferma sul problema tra scienza pura e scienza applicata[1]. Il suo ragionamento può essere sintetizzato così:

  1. le conoscenze e le idee sono il risultato di un metodo che è stato seguito in modo intelligente dagli uomini che hanno interagito con l’ambiente;
  2. la scienza in senso tecnico è una elaborazione formalizzata di operazioni quotidiane. Il suo significato può essere compreso solo tenendo presente la sua relazione con atteggiamenti e procedimenti che possono essere usati da tutte le persone nate con la capacità di agire in modo intelligente.
  3. Il senso comune comprende sia atteggiamenti scientifici sia atteggiamenti non scientifici.

Ricerca teorica e sperimentale[modifica | modifica wikitesto]

In taluni ambiti come quello delle scienze dure come la fisica e le Scienze della Terra si assiste alla differenziazione tra ricerca teorica, che si occupa di sviluppare modelli teorico-interpretativi (es. modelli matematici o modelli fisici) di fenomeni fisici sotto forma di teorie fisiche (es. fisica teorica) e ricerca sperimentale che mira all'osservazione dei fenomeni fisici naturali che verrano interpretati dal filone teorico oppure alla conferma sperimentale di teorie fisiche precedentemente formulate (es. fisica delle particelle).

Sviluppo precompetitivo[modifica | modifica wikitesto]

Per sviluppo precompetitivo si intendono le attività dirette alla progettazione, sperimentazione, sviluppo e preindustrializzazione di nuovi prodotti, processi o servizi ovvero di modifiche sostanziali a prodotti, linee di produzione e processi produttivi, che comportino sensibili miglioramenti delle tecnologie esistenti. Tali attività si concretizzeranno nella realizzazione di progetti pilota e dimostrativi nonché di prototipi non commercializzabili e non comprendono modifiche di routine o modifiche periodiche apportate a prodotti, linee di produzione, processi di fabbricazione, servizi esistenti, anche se tali modifiche possono rappresentare miglioramenti.

Luoghi di ricerca e valutazione[modifica | modifica wikitesto]

Tipicamente luoghi di ricerca scientifica in tutti i campi sono le università, gli enti pubblici preposti (ad esempio in Italia CNR, ENEA, INFN, INAF ecc..), i laboratori pubblici e privati o centri di ricerca. Centrale è la figura del ricercatore cui si accede eventualmente dopo il conseguimento del dottorato di ricerca. Tutta la ricerca scientifica prodotta al mondo è sottoposta a procedure di valutazione all'interno della comunità scientifica, tipicamente attraverso processi di revisione paritaria e successiva eventuale pubblicazione su riviste specializzate di settore.

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Unity of Scienze as a social problem, in International Encyclopedia of Unified Science, University of Chicago Press,1938

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Scienza e tecnica Portale Scienza e tecnica: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di Scienza e tecnica