Ricerca empirica

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Empirical Cycle-it.svg

Con il termine ricerca empirica (dal Greco εμπειρια - esperienza), in Filosofia - e non solo -, s'intende un tipo di ricerca che basa le conclusioni sull'osservazione diretta o indiretta dei fatti. L'osservazione è dunque la prova della realtà: da essa il ricercatore ricava le proprie deduzioni e su di essa basa i test. La ricerca può basarsi anche su un modello ipotetico-deduttivo (in Inglese hypothetico-deductive model), come ha dimostrato lo statistico britannico Ronald Fisher (1890-1962), che ha inoltre applicato la ricerca empirica nella Matematica. L'applicazione in Psicologia è invece dovuta a studiosi quali il polacco Julian Ochorowicz (1850-1917).

Importante è inoltre la capacità di osservare in base all'esperienza (chiamata εμπειρια). Dall'osservazione e dall'esperienza il ricercatore infatti trae spunti per confermare o condannare una teoria: questi spunti possono essere precedenti alla sperimentazione (testing), sperimentali o quasi sperimentali. Partendo da essi, lo studioso può comprendere la teoria del ricercatore e individuarne i perché della sua validità.

Schema esplicativo[modifica | modifica wikitesto]

  • Osservazione (observation):
    • Ricerca in base all'esperienza
    • Individuazione degli spunti
    • Formulazione della teoria (hypotesis)
  • Induzione (induction):
    • Continua la formazione della teoria
  • Deduzione (deduction):
    • Deduzione delle conseguenze della teoria prima del test
  • Test (testing):
    • Testazione della validità della teoria
  • Valutazione (evalutation):
    • Conclusioni - nuovi spunti/nuova teoria.

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]