Juan Manuel Santos

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Juan Manuel Santos
Juan Manue Santos and Lula.jpg

Colombia Presidente della Colombia
In carica
Inizio mandato 7 agosto 2010
Predecessore Álvaro Uribe Vélez

Dati generali
Partito politico Partido Social de Unidad Nacional
Firma Firma di Juan Manuel Santos

Juan Manuel Santos Calderón (Bogotá, 10 agosto 1951) è un politico, giornalista ed economista colombiano, Presidente della Colombia in carica dal 7 agosto 2010.

Biografia[modifica | modifica wikitesto]

Famiglia[modifica | modifica wikitesto]

Fa parte dei Santos, una tra le famiglie più potenti e influenti di Bogotà, il nonno fu il giornalista Enrique Santos Montejo "Calibán" e il fratello di quest'ultimo (ossia il prozio) fu l'ex presidente Eduardo Santos Montejo, che fu il padrone e direttore de El Tiempo. È il cugino germano (parte paterna e materna) del Vicepresidente de Colombia, Francisco Santos Calderón.

Studi e carriera pre-politica[modifica | modifica wikitesto]

Studiò negli Stati Uniti, economia e commercio ottenendo varie lauree Honoris Causa da Harvard. Tornato in Colombia si iscrisse all'Ordine dei Produttori di Caffè Colombiani (1972) e nello stesso tempo assunse la vicedirezione de El Tiempo, periodico della Famiglia Santos dalla Fondazione. dal 1991 entra in politica come senatore e ricopre vari ruoli nei vari ministeri.

Carriera politica[modifica | modifica wikitesto]

Nel corso della sua lunga carriera politica, è stato ministro del commercio con il Presidente Gaviria, e ministro dell'economia con il Presidente Andres Pastrana Arango.

A partire dl 2002 Santos fu uno dei creatori del Partito sociale di unità nazionale.

Fu nominato ministro della difesa durante il secondo governo del Presidente Alvaro Uribe, nel 2006. Durante questo periodo fu l'artefice dei peggiori colpi all'organizzazione rivoluzionaria FARC. Si ricordano l'operazione Fenix nella quale fu ucciso il comandante Raul Reyes e l'operazione scacco, nella quale fu liberata Ingrid Betancourt.

Il 20 giugno 2010, nella seconda tornata elettorale delle elezioni presidenziali colombiane, sconfisse il candidato del partito verde Antanas Mockus, ottenendo il 69% dei voti (circa 9.004.000 voti), ed assunse la carica di Presidente della Colombia il 7 agosto dello stesso anno.

Alle elezioni presidenziali in Colombia del 2014 si ricandidò e venne rieletto il 16 giugno al II turno con il 51% dei voti contro il 45% ottenuto da Óscar Iván Zuluaga del Centro Democratico.

Onorificenze[modifica | modifica wikitesto]

Onorificenze colombiane[modifica | modifica wikitesto]

Gran Maestro e Gran Collare dell'Ordine di Boyacá - nastrino per uniforme ordinaria Gran Maestro e Gran Collare dell'Ordine di Boyacá
Gran Maestro e Collare dell'Ordine Militare della Croce di San Carlo - nastrino per uniforme ordinaria Gran Maestro e Collare dell'Ordine Militare della Croce di San Carlo
Gran Maestro dell'Ordine Nazionale al Merito "Antonio Nariño" - nastrino per uniforme ordinaria Gran Maestro dell'Ordine Nazionale al Merito "Antonio Nariño"
Gran Maestro dell'Ordine al Merito Militare "José María Córdova" - nastrino per uniforme ordinaria Gran Maestro dell'Ordine al Merito Militare "José María Córdova"
Gran Maestro dell'Ordine al Merito Navale "Ammiraglio Padilla" - nastrino per uniforme ordinaria Gran Maestro dell'Ordine al Merito Navale "Ammiraglio Padilla"

Onorificenze straniere[modifica | modifica wikitesto]

Gran Collare dell'Ordine dell'Infante Dom Henrique (Portogallo) - nastrino per uniforme ordinaria Gran Collare dell'Ordine dell'Infante Dom Henrique (Portogallo)
— 14 novembre 2012

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Controllo di autorità VIAF: 46863169 LCCN: n96009966