Tehran Times

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Tehran Times
Stato Iran Iran
Lingua inglese
Periodicità quotidiano
Genere stampa nazionale
Fondazione 1979
Sede Ostad Nejatollahi Str. - Tehran
Direttore Parviz Esmaeili
Sito web http://www.tehrantimes.com
 

Il Tehran Times è un quotidiano in lingua inglese fondato nel 1979 a Tehran, in Iran, dall'ayatollah Seyyed Mohammad Beheshti.

La fondazione del quotidiano avvenne subito dopo la Rivoluzione islamica del 1979 guidata dall'ayatollah Khomeyni e che determinò la fine dello Scià Reza Pahlevi.

La nascita di questo organo di informazione in lingua inglese fu reso necessario, a detta del fondatore, dal fatto che il Tehran Times non dovesse rappresentare le posizioni del governo del Paese, ma "una voce ben udibile della Rivoluzione islamica e megafono per tutte i popoli oppressi della Terra".[1]

Oggi il Tehran Times è un quotidiano di sedici pagine che propone notizie nazionali e internazionali per un pubblico che, a detta dell'editore, è distribuito in ottanta Paesi del Mondo.

Il quotidiano dedica particolare attenzione ai temi religiosi e culturali, offrendo approfondimenti speciali in occasione di festività ed eventi religiosi.

Il Tehran Times è affiliato all'agenzia di stampa privata e non ufficiale Mehr.


Note[modifica | modifica sorgente]

  1. ^ Storia del Tehran Times, dal sito ufficiale

Collegamenti esterni[modifica | modifica sorgente]