Raúl Reyes

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Raúl Reyes

Raúl Reyes Silva, vero nome Luis Edgar Devia Silva (La Plata, 30 settembre 1948Ecuador, 1 marzo 2008) è stato un politico e guerrigliero colombiano.

Fu uno dei membri del Secretariado, portavoce e aiutante del Bloque del Sur della FARC. Prima di unirsi alla FARC fu sindacalista e politico locale.

Morì in territorio ecuadoriano a causa di un attacco aereo e terrestre a un campo costruito dalle forze di sicurezza colombiane. L'operazione che ha condotto alla morte di Reyes scatenò una Crisi diplomatica tra Colombia ed Ecuador e tra Colombia e Venezuela.

Circostanze della morte[modifica | modifica wikitesto]

Fu ucciso durante un'operazione militare vicino a Santa Rosa de Sucumbíos, cittadina ecuadoriana che confina con il dipartimento colombiano di Putumayo, il 1º marzo del 2008. L'attacco cominciò alle 00:25. Il campo base di Raúl Reyes si trovava in Ecuador a circa 1.800 metri dalla frontiera con la Colombia. L'operazione militare colombiana, chiamata "Fénix",[1] contò sulla la partecipazione della polizia nazionale colombiana, dell'esercito e della forza aerea colombiana[2]. La sua localizzazione fu possibile grazie a un informatore e al fatto que Reyes utilizzò un telefono satellitare che venne localizzato[3] per ricevere il giorno 27 febbraio una chiamata di Hugo Chavez, che lo informò della liberazione di alcuni ostaggi.[4]

Secondo quanto informò il Ministero della difesa colombiano, all'arrivo degli elicotteri colombiani sul punto di attacco, si trovarono davanti a fuoco ostile proveniente dal campo base delle FARC, che causò la morte del soldato Carlos Hernández León. Le autorità colombiane stimano un totale di 17 guerriglieri morti durante l'operazione[5][6]

Secondo quanto stimarono le autorità colombiana quando esplorarono il posto e i cadaveri dei guerriglieri, i morti avevano ancora il pigiama addosso quando il campo fu bombardato dalla Colombia che avrebbe utilizzato una "tecnologia di punta", classificando i fatti come "massacro" e non come uno scontro o un inseguimento. Furono incontrate tre donne ferite nel campo.[7]

Reazione del governo ecuadoriano[modifica | modifica wikitesto]

Dopo la morte di Reyes, il presidente ecuadoriano Rafael Correa dichiarò che il presidente Colombiano Alvaro Uribe lo aveva informato della situazione e disse che avrebbe inviato le forze militari a investigare i fatti successi nella zona di frontiera.[8]

Successivamente, Correa dichiarò che la Colombia aveva invaso illegalmente il territorio ecuadoriano per bombardare il campo di Reyes, e si indignò affermando che "qui nessuno può entrare nel nostro territorio, meno che meno armato, che siano forze irregolari o regolari".[7]

Secondo Correa, i guerriglieri morti furono bombardati e massacrati utilizzando "tecnologia di punta" mentre dormivano nel loro campo, probabilmente con aiuto di una "potenza straniera". L'esercito colombiano entrò in territorio ecuadoriano solo per recuperare il cadavere di Reyes, abbandonando gli altri sul posto.[7]

Correa concluse dicendo che "il presidente Uribe fu mal informato o mentì sfacciatamente al presidente dell'Ecuador, ma il governo ecuadoriano non permetterà altri oltraggi del governo colombiano. Andremo avanti fino all'ultima conseguenza affinché si dichiari questo fatto come uno scandalo e un'aggressione al nostro territorio e alla nostra patria". [7]

Il governo Ecuadoriano ritirò il suo ambasciatore a Bogotà e inviò una nota di protesta, nella quale si chiede alla Colombia che spieghi il "procedimento indebito da parte delle sue forze militari", ribadendo che "nessuna forza militare regolare o irregolare può attuare nel territorio Ecuadoriano che, in base al diritto di legittima difesa e alla propria sicurezza, respingerà, catturerà e sottometterà alla giustizia chi entri armato al proprio territorio o si stabilisca in esso per sviluppare attività fuori dal limite della legge".[7][9] [10]

Nella notte del 2 marzo del 2008, il presidente Correa annunciò pubblicamente l'espulsione dell'ambasciatore colombiano a Quito e sollecitò la convocazione immediata dei Consigli permanenti della OEA e della CAN, ordinò la mobilizzazione delle truppe ecuadoriane alla frontiera nord. Allo stesso tempo, Correa esige dal governo colombiano una "promessa firmata di rispetto all'Ecuador" e non soltanto delle scuse formali.[11][12]

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ La operación que puso fin a Reyes in [La Patria (Colombia), 01 03 2008. URL consultato il 02 03 2008.
  2. ^ Murió Raúl Reyes
  3. ^ Llamada satelital e informante llevaron a la muerte a número dos de FARC in AFP vía EMOL, 01 03 2008. URL consultato il 01 03 2008.
  4. ^ Una llamada de Chávez revelò la ubicación de Reyes in ADNmundo, 06 03 2008. URL consultato il 06 03 2008.
  5. ^ En frontera con Ecuador se cerró cerco sobre 'R. Reyes'
  6. ^ Cuerpo de 'Raúl Reyes' fue traído a Bogotá
  7. ^ a b c d e Correa: Uribe mintió y solo se registró masacre
  8. ^ Tras muerte de Reyes “en Ecuador”, presidente Correa ordena investigar
  9. ^ Gobierno llama al embajador en Colombia, F. Suéscum, para consultas
  10. ^ Declaraciones del Presidente Correa al investigar los hechos
  11. ^ Ecuador expulsa a embajador colombiano por acción contra FARC
  12. ^ Correa anuncia expulsión del embajador de Colombia tras ataque

Controllo di autorità VIAF: 90544020

biografie Portale Biografie: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di biografie