David Niven

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.

David Niven, al secolo James David Graham Niven (Londra, 1º marzo 1910Château-d'Œx, 29 luglio 1983), è stato un attore britannico.

Biografia[modifica | modifica sorgente]

I primi anni[modifica | modifica sorgente]

David Niven nacque a Londra, figlio di William Edward Graham Niven e di Henrietta Julia de Gacher. Egli venne chiamato David dal momento che nacque il 1º marzo, giorno appunto della festa di San Davide. Sua madre Henrietta aveva antenati francesi ed era figlia dell'ufficiale dell'esercito William Degacher (1841-1879, morto nella Battaglia di Isandlwana durante la guerra anglo-zulu) e di Julia Caroline Smith, figlia a sua volta del Tenente Generale James Webber Smith.

Il padre di David Niven, era figlio di David Graham Niven (1811-1884) di St Martin, un villaggio nel Perthshire, e morì durante la prima guerra mondiale nella campagna di Gallipoli (Turchia) il 21 agosto 1915. Sua moglie si risposò poi con sir Thomas Comyn-Platt nel 1917[1]. Graham Lord, nel suo libro NIV: The Authorized Biography of David Niven, suggerì che Comyn-Platt e la signora Niven avessero avuto un relazione già prima della morte del padre di David e che addirittura sir Thomas fosse stato il padre biologico di Niven stesso, per via delle somiglianze riscontrate tra Niven e Comyn-Platt, anche se l'attore stesso ha sempre negato questo tipo di relazione prima della morte di suo padre.

Niven, che spesso affermò di essere nato a Kirriemuir in Scozia, ritenendo che fosse più romantica rispetto a Londra, risiedette per un certo periodo a Stowe sull'Isola di Wight[2].

David Niven aveva altri tre tra fratelli e sorelle:

Educazione e servizio nell'esercito[modifica | modifica sorgente]

Le scuole private britanniche dell'epoca erano fortemente rigide e spesso ricorrevano a punizioni corporali per instillare la disciplina agli alunni ed il risultato fu che Niven venne espulso dal college di Heatherdown all'età di 10 anni e mezzo e non poté pertanto frequentare il College di Eton. Dopo aver fallito l'esame d'ingresso alla scuola di marina per delle difficoltà in matematica, Niven frequentò la Stowe School, una scuola pubblica da poco creata e guidata dal preside J.F. Roxburgh, che era differente da tutti gli insegnanti che lo stesso Niven aveva avuto sino ad allora. Gentile e premuroso, egli consentiva ai ragazzi della sua scuola di dar sfogo alle loro personali inclinazioni artistiche. Niven poi scriverà "Come fece questo, mai lo scoprirò, ma egli era in grado di rendere ogni singolo ragazzo a scuola come se fosse il preside egli stesso"[5]. Egli dunque entrò nel Royal Military College di Sandhurst e si diplomò nel 1930 col grado di sottotenente del British Army[6]. Fu durante questi anni che egli acquisì la sua caratteristica di "ufficiale gentiluomo" che diverrà poi il "marchio di fabbrica" di tutta la sua vita e della sua carriera di attore.

Niven richiese l'assegnazione con gli Argyll and Sutherland Highlanders, con i Black Watch o con l'Highland Lighrt Infantry. Egli venne assegnato a quest'ultimo corpo ma non apprezzò a pieno questo periodo nell'esercito. Egli prestò servizio per due anni a Malta e poi per alcuni mesi fu a Dover. A Malta egli divenne amico di Roy Urquhart, futuro comandante del British 1st Airborne Division.

Niven si mantenne pacificamente nell'esercito ed il 1º gennaio 1933 venne promosso tenente non vedendo però per sé opportunità di futuri incarichi a livello bellico. Fu a questo punto che, durante un corso sull'uso di nuove mitragliatrici in uso all'esercito, il maggiore generale titolare del corso chiese a fine lezione se vi fossero domande e fu a quel punto che David Niven esclamò "Potrebbe dirmi l'ora, signore? Dovrei prendere il treno".

Dopo essere stato arrestato per questi atti d'insubordinazione, Niven, ottenne con la complicità di un soldato di guardiola di fuggire da una finestra del primo piano e si diresse poi in America. Mentre attraversava l'Atlantico, diede le dimissioni dal suo incarico militare con un telegramma datato 6 settembre 1933. Niven si spostò a New York City, partecipando ad una serie di incontri di rodeo. Dopo essersi recato alle Bermuda ed a Cuba, giunse a Hollywood nel 1934.

Verso Hollywood[modifica | modifica sorgente]

David Niven
David Niven negli anni Quaranta
David Niven negli anni Quaranta
1º marzo 1910 - 29 luglio 1983
Nato a Londra, Regno Unito
Morto a Château-d'Œx, Svizzera
Cause della morte Morte naturale
Dati militari
Paese servito Regno Unito Regno Unito
Forza armata British Army
Anni di servizio 1939-1945
Grado UK Army OF4-2.png Tenente Colonnello
Guerre Seconda guerra mondiale
Campagne Sbarco in Normandia
Studi militari Royal Military Academy Sandhurst
Altro lavoro attore

[senza fonte]

voci di militari presenti su Wikipedia

Arrivò a Hollywood durante gli anni trenta, iniziando a lavorare come comparsa in pellicole western. Firmò un contratto con il produttore Samuel Goldwyn e finalmente ebbe una parte più rilevante in La tragedia del Bounty (1935); da allora il suo successo crebbe grazie alle interpretazioni in La carica dei seicento (1936) e ne La voce nella tempesta (1939), e nelle commedie brillanti come L'ottava moglie di Barbablù (1938) e Situazione imbarazzante (1939).

Il servizio militare nella seconda guerra mondiale[modifica | modifica sorgente]

Dopo che il Regno Unito ebbe dichiarato guerra alla Germania nel 1939, Niven fece ritorno in patria ed aderì nuovamente all'esercito nazionale. Egli fu l'unico tra le star inglesi di Hollywood a rientrare, nonostante l'ambasciata britannica a Washington lo invitasse a rimanere in America. Niven venne ricommissionato come tenente nella Rifle Brigade il 25 febbraio 1940. Egli era però attirato dai Commandos ove venne poi trasferito e assegnato alla base d'allenamento di Inverailort House nelle Highlands scozzesi, ove conobbe il futuro maggiore generale sir Robert Laycock. Niven comandò lo squadrone "A" GHQ Liaison Regiment, meglio conosciuto come "Phantom". Egli lavorò nell'Army Film Unit e prese parte a due film durante gli anni della guerra, Il primo dei pochi (1942) e La via della gloria (1944). Entrambi ottennero il supporto del ministero della guerra britannico, recitando a fianco di attori come M.E. Clifton James ad impersonare il maresciallo Bernard Law Montgomery. Durante questo stesso periodo conobbe Peter Ustinov che però all'epoca era un soldato semplice. I due si rincontreranno poi in Assassinio sul Nilo (1978).

Niven prese parte alla campagna di Normandia, anche se giunse in Francia alcuni giorni dopo il D-Day. Egli prestò servizio nei "Phantom Signals Unit", col compito di riportare le posizioni nemiche e tenere informato il comando dei cambiamenti delle battaglie. Niven fu di stanza a Chilham nel Kent. Durante il resto della sua vita egli parlerà poco della sua esperienza durante la guerra, malgrado il pubblico interesse verso le celebrità che ne avevano preso parte. Una volta dichiarò:

« Vi dirò una cosa sola sulla guerra, la mia prima storia e l'ultima. Mi venne chiesto da alcuni amici americani di cercare la tomba del loro figlio presso Bastogne. La trovai, ma era insieme ad altri 27.000 e fu in quell'occasione che mi dissi "Niven, vi sono 27.000 ragioni per tenere la tua bocca chiusa dopo la guerra". »

I dettagli della sua esperienza bellica si possono ritrovare nella sua autobiografia, comprese le sue conversazioni private con Winston Churchill, il periodo dei bombardamenti su Londra e altre riflessioni sul periodo della seconda guerra mondiale. Niven incontrò Churchill per la prima volta ad una cena nel febbraio del 1940 e questi l'apostrofò dicendo "Giovanotto, lei fa una bella cosa a mettere da parte la propria carriera cinematografica per combattere per il suo paese. Distinguiti, se non l'hai già fatto, sarà bellissimo."

Niven fu congedato col grado di tenente colonnello. Al suo ritorno a Hollywood dopo la fine del conflitto, egli venne insignito della Legion of Merit, ed il presidente Eisenhower stesso onorò il contributo di Niven creando il BBC Allied Expeditionary Forces Programme, una stazione radio apposita per le forze armate americane [7][8].

Nella seconda metà degli anni quaranta riprese la carriera artistica, ma con alterna fortuna, fino all'immenso successo riconquistato con il ruolo (a cui sembrava naturalmente predestinato) dell'elegante e raffinato Phileas Fogg ne Il giro del mondo in 80 giorni (1956).

L'Oscar[modifica | modifica sorgente]

Vinse l'Oscar al miglior attore protagonista per la sua interpretazione del timido e solitario maggiore Pollock in Tavole separate (1958), accanto a Deborah Kerr e Burt Lancaster, tratto dall'omonima commedia di Terence Rattigan.

Seguirono ruoli memorabili in drammi come Buongiorno tristezza (1958), in film bellici quali I cannoni di Navarone (1961) e I due nemici (1962), nel quale ebbe come partner Alberto Sordi, e in commedie sofisticate come La pantera rosa (1963) e James Bond 007 - Casino Royale (1967), commedia non appartenente alla serie ufficiale di film tratti dai romanzi di Ian Fleming, in cui interpretò il ruolo di James Bond.

Negli anni settanta venne acclamato da pubblico e critica per due brillanti libri autobiografici: La luna è un pallone (The Moon's a Balloon) (1971) e Bring On the Empty Horses (1975), quest'ultimo mai tradotto in italiano. Nel 1981 pubblicò un romanzo d'amore e avventura ambientato a Londra durante la seconda guerra mondiale, Va piano, torna presto (Go Slowly, Come Back Quickly).

Colpito da una grave forma di sclerosi laterale amiotrofica, conosciuta anche come morbo di Lou Gehrig, Niven morì nel 1983 nella sua residenza svizzera di Château-d'Œx.

I due matrimoni[modifica | modifica sorgente]

Nel 1940 Niven si sposò con Primula "Primmie" Susan Rollo (1921-1946), l'aristocratica figlia di un pilota britannico. Dal matrimonio nacquero due figli, David Jr. e Jamie. La prima moglie morì all'età di 25 anni per i postumi di una caduta accidentale, in cui riportò una frattura alla testa con danni cerebrali. L'incidente accadde durante una partita di "nascondino" nella casa dell'attore Tyrone Power: Primmie aprì una porta, probabilmente pensando si trattasse di un armadio, ma precipitò per una rampa di scale. Morì il giorno successivo, dopo un inutile intervento chirurgico. A questo riuscito matrimonio, e alle tristi circostanze della morte di Primmie, Niven dedicò toccanti pagine nell'autobiografia La luna è un pallone.

La seconda moglie, che Niven conobbe in Inghilterra nel 1948, durante le riprese di Carlo di Scozia, e che sposò dieci giorni dopo averla conosciuta, fu Hjordis Paulina Tersmeden (nata Genberg, 1921-1997), indossatrice svedese e attrice mancata. Adottarono due figlie, Kristin e Fiona, su una delle quali si chiacchierò a lungo dato che era ritenuta figlia dello stesso Niven e di un'altra indossatrice, Mona Gunnarson [senza fonte]. Il matrimonio fu burrascoso quanto il precedente fu felice. Non potendo dedicarsi alla carriera di attrice per l'assenza di talento, ebbe relazioni anche semi-pubbliche con altri uomini e poco a poco divenne alcolizzata. Amareggiata, estraniata e afflitta dalla depressione, si mostrò ubriaca ai funerali di Niven[9], dopo essere stata convinta a partecipare dal Principe Ranieri che era un amico di famiglia[10]. Nel libro di memorie di Niven, non ci sono cenni circa le difficoltà esistenziali di Hjordis e la crisi del matrimonio, tranne una breve separazione di pochi giorni, dopo la quale l'unione tra i due viene descritta come ulteriormente rinsaldata.


Citazioni[modifica | modifica sorgente]

  • "È veramente incredibile. Si può immaginare di essere magnificamente strapagati per vestirsi e giocare? È come essere Peter Pan" -- David Niven
  • "Non penso che la sua recitazione abbia mai raggiunto l'arguzia o l'eleganza della sua conversazione a cena o dopo-cena". -- John Mortimer
  • "L'unica risata che un uomo riesce a strappare nella sua vita è spogliarsi e... mostrare di non essere all'altezza". -- David Niven, commentando la "passeggiata" dell'uomo nudo che attraversò il palco mentre presentava gli Oscar nel 1974. Il suo commento sembrò improvvisato, ma in effetti era stato preparato in anticipo.
  • "Mi presentai all'ufficio centrale e, dopo un'attesa tormentosa di parecchi giorni, venni infine accettato e iscritto come Tipo anglosassone numero 2008. Tale era l'efficienza dell'ufficio centrale che, quando mi chiamarono per la prima volta a lavorare come attore professionista, fu per impersonare un messicano". -- David Niven, commentando i propri esordi cinematografici come comparsa.

Onorificenze[modifica | modifica sorgente]

Legionario della Legion of Merit - nastrino per uniforme ordinaria Legionario della Legion of Merit
— 8 novembre 1945
France and Germany Star - nastrino per uniforme ordinaria France and Germany Star
War Medal 1939-1945 - nastrino per uniforme ordinaria War Medal 1939-1945

Filmografia[modifica | modifica sorgente]

Doppiatori italiani[modifica | modifica sorgente]

  • Nando Gazzolo in Il giro del mondo in 80 giorni, I cannoni di Navarone, James Bond 007 - Casino Royale, La Pantera Rosa, I due seduttori, Buongiorno tristezza, Divieto d’amore, Non mangiate le margherite, Tavole separate, Tutte le ragazze lo sanno, Assassinio sul Nilo
  • Augusto Marcacci in Fuga nel tempo, La gloriosa avventura, Situazione imbarazzante, La voce nella tempesta, L'impareggiabile Godfrey
  • Stefano Sibaldi in La moglie del vescovo,I due nemici, 55 giorni a Pechino
  • Gianni Bonagura in Invito a cena con delitto
  • Cesare Barbetti in La moglie del vescovo (ridoppiaggio anni settanta)
  • Pino Colizzi in La voce nella tempesta (ridoppiaggio anni settanta)
  • Michele Kalamera in " Il mistero Clouseau"

Note[modifica | modifica sorgente]

  1. ^ Il padre di David Niven è attualmente sepolto nel Green Hill Cemetery, in Turchia, in uno speciale memoriale della sua sezione
  2. ^ La residenza di famiglia a di Carswell Manor era stata venduta poco dopo la nascita di David
  3. ^ a b c Person Page 18314, Thepeerage.com. URL consultato il 27 settembre 2012.
  4. ^ Artista, creò la scultura bronzea Bessie che venne presentata come vincitrice all'Orange Prize for Fiction
  5. ^ Come racconterà nella sua autobiografia La luna è un pallone
  6. ^ London Gazette: (Supplement) no. 33575. pp. 651–652. 31 January 1930. URL consultato il 7 April 2009.
  7. ^ Recommendations for Honours and Awards (Army)—Image details—Niven, John David (fee usually required to view full pdf of original recommendation) in DocumentsOnline, The National Archives. URL consultato il 7 aprile 2009.
  8. ^ London Gazette: (Supplement) no. 37340. p. 5461. 6 November 1945. URL consultato il 7 April 2009.
  9. ^ Roger Moore, Il mio nome è Bond, Gremese, 2009
  10. ^ Biografia di David Niven, Movietome.com. 1983-07-29. Controllata il 10/01/2011

Altri progetti[modifica | modifica sorgente]

Collegamenti esterni[modifica | modifica sorgente]

Predecessore Oscar al miglior attore Successore
Alec Guinness
per Il ponte sul fiume Kwai
1959
per Tavole separate
Charlton Heston
per Ben-Hur

Controllo di autorità VIAF: 59189997 LCCN: n50005975