Alec Guinness

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.

Sir Alec Guinness, nome d'arte di Alec Guinness de Cuffe (Paddington, 2 aprile 1914Midhurst, 5 agosto 2000), è stato un attore britannico.

Considerato tra i grandi attori inglesi del XX secolo al fianco di John Gielgud e Laurence Olivier[1], iniziò la carriera artistica sui palcoscenici teatrali, affermandosi presto come "uno dei più completi interpreti shakespeariani"[2] fino ad approdare allo storico teatro londinese Old Vic. Guinness è tuttavia principalmente conosciuto come attore cinematografico, in particolare per le sue collaborazioni col regista David Lean che gli fece interpretare diversi ruoli che lo resero familiare al grande pubblico: Herbert Pocket in Great Expectations (1946), Fagin in Oliver Twist (1948), il colonnello Nicholson in Il ponte sul fiume Kwai (1957, per il quale vinse un Academy Award come miglior attore), il principe Faisal in Lawrence d'Arabia (1962), Yevgraf ne Il dottor Živago (1965) ed il professor Godbole in Passaggio in India (1984). Si segnala anche la celebre interpretazione del maestro jedi Obi-Wan Kenobi nell'originale trilogia di Guerre stellari diretta da George Lucas, e quella del Conte di Dorincourt in Il piccolo Lord.

Biografia[modifica | modifica sorgente]

I primi anni[modifica | modifica sorgente]

Guinness nacque al n.155 di Lauderdale Mansions South, Lauderdale Road, Maida Vale, Londra col nome di Alec Guinness de Cuffe.[3] Il nome da nubile di sua madre era Agnes Cuff ed era nata l'8 dicembre 1890 da Edward Cuff e da Mary Ann Benfield. Dal certificato di nascita di Guinness rislta il nome completo della madre, ma nello spazio per il solo nome viene riportato nome e cognome nella forma Alec Guinness, mentre il nome del padre è lasciato bianco.[4]

L'identità del padre di Guinness non è mai stata ufficialmente confermata[5] anche se si è ritenuto che egli derivasse dalla famiglia anglo-irlandese dei Guinness. Egli ebbe ad ogni modo una figura chiave della sua vita, il banchiere scozzese Andrew Geddes (1861-1928), il quale pagò per i suoi studi privati. Geddes faceva visita occasionalmente a Guinness ed a sua madre, presentandosi come uno zio.[6][7] Guinness iniziò però sempre più a disinteressarsi a sua madre, ancor più quando questa si risposò con un uomo violento,[8] rimasto scioccato psicologicamente da una ferita riportata nella Guerra d'indipendenza irlandese.[4]

L'inizio della carriera ed il servizio in guerra[modifica | modifica sorgente]

Guinness lavorò dapprima come copiatore, iniziando ufficialmente la sua vita in teatro all'età di 20 anni, ancora studente, ricoprendo una parte in Libel, che aprì la stagione del vecchio King's Theatre ad Hammersmith, e quindi venne trasferito al Playhouse quando il suo status venne elevato a pieno attore ed il suo salario portato ad una sterlina a settimana.[9] Egli apparve dunque all'Albery Theatre nel 1936 all'età di 22 anni, nel ruolo di Osric nell'Amleto di John Gielgud. Il 1936 vide poi lo stesso Guinness siglare un contratto con l'Old Vic, ove ebbe la possibilità di recitare in alcuni ruoli classici.[10] Durante questo periodo collaborò con attori ed attrici che sarebbero poi divenuti suoi grandi amici e co-protagonisti dei suoi film in futuro, tra cui John Gielgud, Peggy Ashcroft, Anthony Quayle e Jack Hawkins. Ebbe una particolare ammirazione per Stan Laurel.[11]

Guinness continuò a svolgere ruoli shakesperiani durante la sua carriera. Nel 1937 fu Aumerle nel Riccardo II e Lorenzo ne Il mercante di Venezia sotto la direzione di John Gielgud. Prese parte nel 1938 nella produzione dellAmleto che gli valse il plauso del pubblico americano.[10] Apparve come Romeo nella produzione di Romeo e Giulietta (1939), fu Andrew Aguecheek ne La dodicesima notte, Exeter nellEnrico V nel 1937, opponendosi a Laurence Olivier, e Ferdinand ne La tempesta, contro Gielgud nel ruolo di Prospero.

Nel 1939, adattò la novella Grandi speranze di Charles Dickens per il palcoscenico, riservandosi il ruolo di Herbert Pocket. La rappresentazione fu un successo ed uno degli spettatori era proprio il giovane David Lean, che poi riprenderà questo ruolo con Guinness nella sistemazione cinematografica del 1946.

Guinness durante la Seconda guerra mondiale entrò nella Royal Navy Volunteer Reserve, servendo dapprima come marinaio sino al 1941 e poi ottenendo il grado di ufficiale dall'anno successivo.[12] Ottenne quindi il comando di una barca che prese parte all'invasione della Sicilia e dell'Elba e poi si occupò del trasporto di vettovaglie e rifornimenti ai partigiani iugoslavi.

Durante la guerra, gli vennero accordati dei permessi per apparire in Flare Path di Terence Rattigan.[13]

La carriera sul palcoscenico dopo la guerra[modifica | modifica sorgente]

Guinness fece ritorno all'Old Vic nel 1946 e vi rimase sino al 1948, svolgendo il ruolo di Abel Drugger ne "The Alchemist" di Ben Jonson, del pazzo nel Re Lear con Laurence Olivier nel ruolo di protagonista, di DeGuiche nel Cyrano de Bergerac con Ralph Richardson nel ruolo di protagonista, ed infine apparendo egli stesso come protagonista nel Riccardo II di Shakespeare. Dopo aver lasciato l'Old Vic, egli ebbe il ruolo di ic Birling ne An Inspector Calls di J. B. Priestley al New Theatre nell'ottobre del 1946. Fu l'ospite inatteso ne "The Cocktail Party" tratto da T. S. Eliot (1950). Per la terza volta mise in scena l'Amleto, questa volta però sotto la propria direzione al New Theatre (1951), che si dimostrò essere un disastro.[14]

Invitato dall'amico Tyrone Guthrie a prendere parte alla prima stagione dello Stratford Festival del Canada, Guinness visse per un breve periodo a Stratford, nell'Ontario.

Guinness vinse un Tony Award per le sue performance a Brodway, in particolare nel ruolo del poeta Dylan Thomas in Dylan. Fu quindi protagonista nel Macbeth con Simone Signoret al Royal Court Theatre nel 1966, altro notevole fallimento.[15]

Guinness fece l'ultima apparizione in teatro al Comedy Theatre il 30 maggio 1989, nella commedia A Walk in the Woods. In tutto, tra il 2 aprile 1934 ed il 30 maggio 1989, recitò in 77 parti teatrali.[16]

La carriera cinematografica[modifica | modifica sorgente]

In ambito cinematografico, Guinness venne inizialmente associato alle Ealing Comedies, ed in particolare si fece notare recitando otto ruoli diversi in Kind Hearts and Coronets. Altri film di questo periodo includevano The Lavender Hill Mob, La signora omicidi e The Man in the White Suit. Nel 1952, il regista Ronald Neame scritturò Guinness nel suo primo ruolo romantico, assieme a Petula Clark, in The Card. Nel 1951, venne riconosciuto come una delle star inglesi più popolari del momento.[17]

Tra gli altri film di questo periodo citiamo The Swan (1956) con Grace Kelly, nel suo secondo e ultimo film da protagonista; The Horse's Mouth (1958) nel quale Guinness aveva la parte del pittore ubriaco Gulley Jimson, per il quale venne nominato ad un Academy Award; ebbe il ruolo di protagonista ne Il nostro uomo all'Havana di Carol Reed (1959); quello di Marco Aurelio in La caduta dell'impero romano (1964); recitò in Il memorandum Quiller (1966); fu il fantasma di Marley in La più bella storia di Dickens (1970); Carlo I in Cromwell (1970); Papa Innocenzo III in Fratello sole, sorella luna di Franco Zeffirelli e fu protagonista in Hitler: gli ultimi dieci giorni (1973), che è considerato la sua più riuscita interpretazione cinematografica anche se la critica non gli fu favorevole.[18] Altro ruolo che solitamente è considerato uno dei suoi migliori è quello del colonnello Jock Sinclair in Tunes of Glory (1960).

Guinness inoltre ricoprì il ruolo di Jamesignora Bensignora (in inglese Jamessir Bensonmum), il maggiordomo cieco, in Invito a cena con delitto di Neil Simon (1976).

David Lean[modifica | modifica sorgente]

Guinness ebbe particolare fortuna per i suoi lavori sotto la direzione di David Lean. Dopo essere apparso in Grandi speranze nel 1946 ed in Oliver Twist nel 1948, gli venne concesso il ruolo di protagonista ne Il ponte sul fiume Kwai. Per questa sua performance nel ruolo del colonnello Nicholson, l'integerrimo colonnello delle giubbe rosse inglesi, Guinness vinse un Academy Award. Malgrado le difficili e spesso ostil relazioni, Lean definì Guinness "il mio portafortuna", continuando a scritturarlo in altri ruoli come protagonista e caratteristica: il capo arabo principe Faisal in Lawrence of Arabia; il capo bolscevico Yevgraf, ne Il dottor Zivago; il mistico professore indiano Godbole in A Passage to India. Gli venne offerto anche un ruolo in Ryan's Daughter (1970), ma egli declinò l'offerta. A quel tempo, Guinness aveva un poco "rinnegato" la collaborazione con Lean che stava iniziando a diventare per lui troppo stringente, sebbene poi al funerale di questi lo definì come un regista "piacevole ed affabile".[19]

Star Wars[modifica | modifica sorgente]

Il ruolo di Guinness come Obi-Wan Kenobi nella trilogia originale di Star Wars, iniziò nel 1977, portandolo sugli schemi internazionali ad essere conosciuto da una nuova generazione, oltre a delle nominations per un Golden Globe ed un Academy Award. Nelle lettere agli amici, Guinness descrisse il film come "una favola da spazzatura", ma esso venne generalmente molto apprezzato e anzi gli venne raddoppiato lo stipendio per spingerlo a scritturarsi anche in seguito.[20] Malgrado la sua poca propensione per la trama, Guinness capì che il film sarebbe presto divenuto uno dei titoli che avrebbero sbancato il botteghino e per questo contrattò col regista George Lucas l'anticipazione di una somma per la produzione in cambio del 2% dei profitti del film (Lucas aveva da contratto 1/5 dei profitti dell'intero film). Questo fatto lo rese un attore molto ricco nell'ultima parte della sua vita, al punto che acconsentì nuovamente a ricoprire il ruolo di Kenobi a condizione che non avrebbe contribuito ad alcuna pubblicità per promuovere il film. Dopo aver visionato il film terminato, Guinness scrisse nel suo diario “È un film molto spettacolare e tecnicamente notevole. Emozionante, molto rumoroso ma sincero. Secondo me la battaglia finale dura cinque minuti di troppo. Alcuni dei dialoghi sono atroci e la maggior parte si confonde nel frastuono generale. Rimane comunque un'esperienza che lascia il segno.”[21]

Abituato ad un pubblico diverso, Guinness presto si scocciò di venire identificato col suo ruolo in Star Wars, rimanendo soprattutto deluso per il fatto che alla fine il suo personaggio viene ucciso. In un'intervista del 1999 Guinness ha però ritrattato questa sua considerazione, dicendo che invece egli fosse stato particolarmente contento di veder finire il proprio personaggio, così da convincere Lucas ad affidargli un ruolo di maggiore rilievo.[22]

Anche se Guinness ebbe sempre una considerazione non ottimale del film,[21] Lucas e gli altri membri del cast come Mark Hamill, Harrison Ford, Anthony Daniels e Carrie Fisher ebbero sempre parole di alto riguardo per la cortesia e la professionalità dell'anziano attore britannico, sia sul set che fuori.[23]

Nell'ultimo volume de A Positively Final Appearance (1997), Guinness racconta come egli una volta abbia concesso un autografo ad un fan che pretendeva di aver visto Star Wars più di 100 volte, a condizione però che il ragazzo smettesse di rivedere il film, perché Guinnes gli disse "questo potrebbe avere effetti nocivi sulla tua vita".[24]

Apparizioni televisive[modifica | modifica sorgente]

Dagli anni '70, Guinness fece anche diverse apparizioni televisive, tra cui la parte di George Smiley nelle novelle di John le Carré: Tinker, Tailor, Soldier, Spy e Smiley's People. Le Carré fu così impressionato dall'interpretazione di Guinness nel ruolo di Smiley che rimodulò le caratterizzazioni del personaggio proprio su Guinness.

Una delle ultime apparizioni di Guinness fu nel dramma della BBC, Eskimo Day (1996).

Premi e riconoscimenti[modifica | modifica sorgente]

Guinness vinse l'Academy Award for Best Actor nel 1957 per il suo ruolo ne Il ponte sul fiume Kwai dopo che era già stato nominato nel 1952 per il suo ruolo in The Lavender Hill Mob. Venne nominato nuovamente nel 1958 per un Academy Award per The Horse's Mouth tratto da Joyce Cary. Venne nominato Best Supporting Actor per il suo ruolo di Obi-Wan Kenobi in Star Wars nel 1977. Ricevette un Academy Honorary Award per la carriera nel 1980. Nel 1988 ricevette una nomination per un Academy Award come Best Supporting Actor per Little Dorrit.

Per i suoi lavori teatrali, ricevette la Evening Standard Award per la sua performance in Ross di T.E. Lawrence e per il ruolo di Dylan Thomas in Dylan.[25]

Guinness venne nominato Commendatore dell'Ordine dell'Impero Britannico nel 1955, ed ottenne il titolo di Knight Bachelor (cavaliere) nel 1959.[10] Nel 1991, ricevette la laurea onoraria presso l'Università di Cambridge.[26] Tre anni più tardi, all'età di 80 anni, venne nominato Compagno dell'Order of the Companions of Honour.[27]

Guinness ricevette anche una stella all'Hollywood Walk of Fame al n.1559 di Vine Street, l'8 febbraio 1960.[4]

Vita privata e la conversione religiosa[modifica | modifica sorgente]

Guinness sposò l'attrice Merula Sylvia Salaman (16 ottobre 1914–18 ottobre 2000) nel 1938; nel 1940 la coppia ebbe un figlio, Matthew Guinness, che successivamente divenne anch'egli attore.

Mentre si trovava in servizio nella Royal Navy, Guinness aveva pensato di divenire un pastore anglicano. Ad ogni modo, nel 1954, mentre era impegnato nelle riprese di Padre Brown in Borgogna, Guinness, che indossava un costume da prete cattolico, venne realmente scambiato per un sacerdote da un bambino del posto.[28] Questo particolare incontro lasciò sempre un particolare pensiero all'attore anche in età avanzata.[29] Quando suo figlio si ammalò di poliomielite all'età di 11 anni, Guinness iniziò a visitare la chiesa locale per pregare.[30] Alcuni anni dopo, nel 1956, si convertì al cattolicesimo romano. Sua moglie lo seguì nel 1957 mentre Guinness si trovava in Sri Lanka per girare Il ponte sul fiume Kwai e pertanto ella poté informarlo solo a conversione avvenuta.[31] Tutte le mattine, Guinness era solito recitare un verso del Salmo 143, "Perché io possa sentire il tuo amore dalla mattina".[32]

La morte[modifica | modifica sorgente]

Guinness morì il 5 agosto 2000, di un cancro al fegato, a Midhurst nel West Sussex.[33] Egli era stato ricoverato in ospedale per curare un glaucoma, e da poco gli era stato diagnosticato anche un cancro alla prostata. Venne sepolto a Petersfield, Hampshire. La vedova, lady Guinness, morì di cancro a Petersfield, due mesi dopo il marito, anch'ella all'età di 86 anni,[34] e venne sepolta accanto al marito col quale aveva convissuto per 62 anni.

Filmografia[modifica | modifica sorgente]

Doppiatori italiani[modifica | modifica sorgente]

Nelle versioni in italiano dei suoi film, Alec Guinness è stato doppiato da:

Onorificenze[modifica | modifica sorgente]

Commendatore dell'Ordine dell'Impero Britannico - nastrino per uniforme ordinaria Commendatore dell'Ordine dell'Impero Britannico
— 1955
Knight Bachelor - nastrino per uniforme ordinaria Knight Bachelor
— 1959
Compagno dell'Order of the Companions of Honour - nastrino per uniforme ordinaria Compagno dell'Order of the Companions of Honour
— 1994
Italy Star - nastrino per uniforme ordinaria Italy Star
War Medal 1939-1945 - nastrino per uniforme ordinaria War Medal 1939-1945

Note[modifica | modifica sorgente]

  1. ^ Screenonline
  2. ^ Le Garzantine - L'Universale Cinema, 2006, p. 505
  3. ^ GRO Registro delle Nascite: giugno 1914 1a 39 Paddington – Alec Guinness De Cuffe, mmn = De Cuffe.
  4. ^ a b c "Alec Guinness." Hollywood Walk of Fame (Hollywood Chamber of Commerce, Hollywood, California), 2011. Consultato il 22 giugno 2011.
  5. ^ "Alec Guinness biography." MSN Movies. Consultato il 29 luglio 2007.
  6. ^ Read, Piers Paul. Alec Guinness: The Authorised Biography. New York: Simon & Schuster, 2005. ISBN 978-0-7432-4498-5.
  7. ^ Sir Alec Guinness in The Telegraph, UK, 8 agosto 2000. URL consultato l'8 luglio 2013 (archiviato dall'url originale l'8 luglio 2013).
  8. ^ "Guinness: The black stuff." guardian.co. Retrieved: 8 April 2012.
  9. ^ Estratti dal diario di Guinness, The Daily Telegraph, 20 marzo 1999.
  10. ^ a b c ‘Guinness, Alec (1914 - )’ 2000, in The Cambridge Guide to Theatre, Cambridge University Press, Cambridge, United Kingdom, viewed 22 June 2011, from Credo referenceTemplate:Subscription required
  11. ^ Il 3 giugno 1961, Alec Guinness inviò una lettera a Stan Laurel,[1] nella quale gli confessava di aver inconsciamente modellato il suo personaggio di Sir Andrew Aguecheek immaginando come avrebbe fatto Laurel.
  12. ^ Houterman, J.N. "Royal Naval Volunteer Reserve (RNVR) Officers 1939–1945." Unithistories.com. Retrieved: 7 March 2010.
  13. ^ "Theatre Obituaries: Sir Alec Guinness." The Telegraph, 8 August 2000. Retrieved: 22 February 2011.
  14. ^ McCarten, John. "Eliot and Guinness." The New Yorker, Volume 25, Issue 50, 1950, pp. 25–26.
  15. ^ Taylor 2000, pp. 133–134.
  16. ^ Alec Guinness, Journals, novembre 1998.
  17. ^ "Vivien Leigh Actress Of The Year." Townsville Daily Bulletin (Qld.: 1885–1954), via National Library of Australia, 29 December 1951, p. 1. Consultato il 24 aprile 2012.
  18. ^ Canby, Vincent. "Screen: 'Last Ten Days': Guinness Plays Hitler in Bunker Episode, The Cast." The New York Times, 10 maggio 1973.
  19. ^ Guinness 1998, pp. 90–91.
  20. ^ Selim, Jocelyn. "Alec Guinness: Reluctant Intergalactic Icon." Cancer Today magazine, primavera 2012.
  21. ^ a b Read 2005, p. 507.
  22. ^ "Alec Guinness Blasts Jedi 'Mumbo Jumbo'." Space.com, 8 agosto 1999.
  23. ^ Guinness 1986, p. 214.
  24. ^ Guinness 2001, p. 11.
  25. ^ Taylor 2000, p. 131.
  26. ^ "Honorary Degrees conferred from 1977 till present." Cambridge University, 18 December 2008.
  27. ^ Chambers 2002, p. 334.
  28. ^ Pearce 2006, p. 301.
  29. ^ Sir Alec Guinness, telegraph.co.uk, 8 agosto 2000. URL consultato il 3 aprile 2014.
  30. ^ Sutcliffe, Tom."Sir Alec Guinness (1914–2000)." The Guardian, 7 agosto 2000. Consiltato il 26 agosto 2009.
  31. ^ Pearce 2006, p. 311.
  32. ^ The invisible man, by Hugh Davies, originariamente pubblicato nel Telegraph e ristampato in The Sunday Age, 13 agosto 2000.
  33. ^ GRO Register of Deaths: AUG 2000 1DD 21 Chicester– Alec Guinness, DoB = 2 April 1914, aged 86.
  34. ^ GRO Register of Deaths: OCT 2000 38C 104 Petersfield – Merula Sylvia (Lady) Guinness, DoB = 16 October 1914, aged 86.

Voci correlate[modifica | modifica sorgente]

Altri progetti[modifica | modifica sorgente]

Collegamenti esterni[modifica | modifica sorgente]

Predecessore Oscar al miglior attore Successore
Yul Brynner
per Il re ed io
1958
per Il ponte sul fiume Kwai
David Niven
per Tavole separate
Predecessore Oscar alla carriera Successore
Walter Lantz, Laurence Olivier e King Vidor 1980
insieme ad Hal Elias
Henry Fonda

Controllo di autorità VIAF: 109034938 LCCN: n/84/8382