Ben Jonson

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Ben Jonson, ritratto di Abraham Blyenberch (1617)

Benjamin Jonson, noto come Ben Jonson, (Londra, 11 giugno 1572Londra, 6 agosto 1637), è stato un drammaturgo, attore teatrale e poeta britannico. Fu una figura di primo piano del teatro elisabettiano.

Biografia[modifica | modifica sorgente]

Nato a Westminster, frequentò brevemente la Westminster School, ma, ancora giovane, fu costretto dal patrigno a fare l'apprendista muratore. Sembra che, nonostante tutto, abbia potuto istruirsi, anche se non risulta una qualsiasi frequenza universitaria. Si arruolò come volontario nell'esercito e partecipò alla guerra nei Paesi Bassi. In seguito, una volta rientrato a Londra, intorno al 1597, si dedicò al teatro, come attore e soprattutto come autore di drammi.

In quello stesso anno Jonson collaborò con Thomas Nashe all'opera The Isle of Dogs, opera che gli procurò dei guai con le autorità: fu imprigionato per oltraggio e le copie dell'opera vennero distrutte.

Probabilmente nel 1597, scrisse The case is altered, una commedia sentimentale, genere che l'autore abbandonò rapidamente.

Nel 1598 scrisse la commedia Ognuno nel suo umore, che venne rappresentata dalla compagnia di Shakespeare: quest'opera fu il suo primo vero successo. Con essa, l'autore inaugurò la serie delle commedie degli "umori". Tale termine richiamava la medicina ippocratica e galenica, secondo la quale nel corpo umano esistono quattro umori (collera, sangue, flemma, melancolia) che interagiscono: la buona salute sarebbe il frutto di un equilibrio perfetto tra questi quattro umori e, di conseguenza, uno squilibrio nella loro proporzione sarebbe all'origine delle malattie. Lo stesso anno subì un grave processo per l'uccisione in duello del collega attore Gabriel Spencer.

In seguito all'insuccesso delle sue ultime commedie, Jonson si ritirò dal teatro popolare per dedicarsi agli spettacoli di corte (i masques) ed alla poesia. Nel 1616, inoltre, curò personalmente la pubblicazione delle sue opere in un unico volume (The Works): Jonson sarà l'unico drammaturgo elisabettiano ad intraprendere una simile raccolta.

Opere principali[modifica | modifica sorgente]

Tra parentesi la data della prima rappresentazione.

Traduzioni italiane[modifica | modifica sorgente]

Nella cultura di massa[modifica | modifica sorgente]

Il personaggio di Ben Jonson è tra i protagonisti del film del 2011 Anonymous, del regista germano-statunitense Roland Emmerich. Nel film si narra della presunta paternità delle opere di William Shakespeare e si avanza l'ipotesi che l'aristocratico Edward de Vere, abbia chiamato proprio Jonson, non potendo egli farlo a causa del suo rango, alla rappresentazione teatrale delle opere oggi universalmente attribuite a Shakespeare. Questi avrebbe contattato lo stesso Shakespeare, all'epoca attore che sapeva leggere con difficoltà i suoi copioni ma non sapeva scrivere, affinché le rappresentasse.

Bibliografia[modifica | modifica sorgente]

  • Anna Anzi, Storia del teatro inglese dalle origini al 1660, Torino, Einaudi, 1997

Voci correlate[modifica | modifica sorgente]

Altri progetti[modifica | modifica sorgente]

Collegamenti esterni[modifica | modifica sorgente]

Controllo di autorità VIAF: 292789691 LCCN: n80044918