Fratello sole, sorella luna

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Fratello sole, sorella luna
Fratello sole, sorella luna.png
Titolo italiano del film
Titolo originale Fratello sole, sorella luna
Paese di produzione Italia, Gran Bretagna
Anno 1972
Durata 135 min
Colore colore
Audio sonoro
Genere drammatico
Regia Franco Zeffirelli
Soggetto Suso Cecchi D'Amico, Franco Zeffirelli, Lina Wertmüller
Sceneggiatura Suso Cecchi D'Amico, Franco Zeffirelli, Lina Wertmüller
Fotografia Ennio Guarnieri
Musiche Riz Ortolani
Scenografia Gianni Quaranta, Franco Zeffirelli
Costumi Danilo Donati
Interpreti e personaggi
Doppiatori italiani
Premi

Fratello sole, sorella luna è un film del 1972 diretto da Franco Zeffirelli, liberamente ispirato alla vita e alle opere di San Francesco, dalla sua vocazione alla istituzione della regola monastica.

Trama[modifica | modifica sorgente]

Francesco è il viziato e spensierato figlio di un ricco mercante (Pietro di Bernardone) di Assisi e di una donna francese. Partito per la guerra contro Perugia, ritorna a casa malato e cambiato nella personalità, come invasato dall'amore di Dio suscitando scandalo nei concittadini e la furia del padre. Ma quando, durante una messa, fugge per poi gettare dalla finestra di casa tutti i preziosi tessuti del padre per regalarli ai poveri, viene condotto dai genitori davanti al Console (storia medievale), perché sia punito.

Francesco allora, dopo essersi pubblicamente denudato, abbandona i genitori, comincia a predicare e si reca a ricostruire con i poveri una chiesetta distrutta. Un suo amico veterano della guerra, Bernardo, convertito dalle sue parole, diventa il suo primo seguace, seguito poi da altri amici e da Chiara, una bella e dolce ragazza amica di Francesco.

Molti giovani seguono il loro esempio e in poco tempo il loro stile di vita diviene molto popolare ad Assisi, tanto che tutti cominciano a seguire la messa di Francesco nella chiesa restaurata (solo i suoi genitori continuano ad andare nell'altra chiesa).

Un giorno Francesco decide di recarsi a Roma, per conoscere Papa Innocenzo III e chiedergli consiglio, ma nel bel mezzo dell'incontro critica gli alti dignitari presenti per il lusso sfrenato in cui vivono. Il Papa, dopo un primo momento di sconcerto, intuita la carica morale del giovane e dei suoi seguaci, li benedice e crea per loro l'Ordine francescano.

Curiosità[modifica | modifica sorgente]

Il film presenta scene in esterno girate nel Parco Nazionale dei Monti Sibillini, sui Piani di Castelluccio di Norcia. Altre scene di vita monastica sono state girate nell'Abbazia di Sant'Antimo a Castelnuovo dell'Abate, frazione di Montalcino in provincia di Siena. Nelle riprese in san Damiano, sulle colline di Assisi, appare una riproduzione del crocifisso, perché l'originale è custodito nella chiesa di Santa Chiara ad Assisi. La scena finale, in cui Francesco incontra il Papa, è stata girata nel Duomo di Monreale, in provincia di Palermo.

I costumi del film sono conservati dalla Fondazione Cerratelli di San Giuliano Terme e sono stati esposti in varie località italiane ed estere tra il 2006 e il 2007.

Alcune delle canzoni della colonna sonora sono cantate da un giovanissimo Claudio Baglioni. Sebbene la colonna sonora sia composta ed eseguita da Riz Ortolani, una delle canzoni è su musica di Donovan.

Edizione Home Video[modifica | modifica sorgente]

Nel 2011 il film è stato restaurato dalla Minerva Rarovideo e messo in vendita in DVD con sottotitoli in inglese nella sezione "A MEMORIA DEL CINEMA ITALIANO"

Collegamenti esterni[modifica | modifica sorgente]

cinema Portale Cinema: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di cinema