Il disco volante

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Il disco volante
Paese di produzione Italia
Anno 1964
Durata 83 min (2432 metri)
Colore B/N
Audio sonoro
Rapporto 1.85:1
Genere commedia, fantascienza
Regia Tinto Brass
Sceneggiatura Rodolfo Sonego
Produttore Dino De Laurentiis
Fotografia Bruno Barcarol
Montaggio Tatiana Casini Morigi
Musiche Piero Piccioni
Scenografia Elio Costanzi
Costumi Gianni Polidori
Interpreti e personaggi

Il disco volante è un film del 1964 diretto dal regista Tinto Brass. La trama utilizza l'elemento fantascientifico - la venuta di extraterrestri - per una satira di costume sulla società italiana dell'epoca.[1]

Trama[modifica | modifica wikitesto]

Il film racconta, con un taglio prima documentaristico poi da commedia all'italiana, l'arrivo di un gruppo di alieni in un paesino del profondo Veneto: un'indagine dei Carabinieri metterà alla luce una follia latente diffusa in tutta la popolazione del paesino che poco ha a che fare con gli alieni.

Produzione[modifica | modifica wikitesto]

Il film fu prodotto da Dino De Laurentiis il quale, dopo aver sottoposto la sceneggiatura di Rodolfo Sonego a maestri come Michelangelo Antonioni e Mario Monicelli, volle mettere alla prova il giovane regista veneto per la prima volta alle prese con una produzione non indipendente.

Cast[modifica | modifica wikitesto]

Protagonista del film è Alberto Sordi, impegnato a dare voce e corpo a quattro personaggi che presto rientreranno nel suo repertorio: il parroco Don Giuseppe, prete ubriaco, il brigadiere un po' tonto, il conte gay e il Marsicano, piccolo borghese meschino.

Nel film compaiono anche Silvana Mangano e Monica Vitti, per la prima volta in un ruolo brillante ed alla quale Brass fa pronunciare una frase che spesso ricorrerà nella cinematografia successiva del regista: "Dime porca che me piasi de più".

Colonna sonora[modifica | modifica wikitesto]

La colonna sonora è scritta dal maestro Piero Piccioni.

Sono presenti inoltre due canzoni scritte appositamente per il film:

entrambe le canzoni sono cantate da John Foster e incise su dischi STYLE.

Alcuni temi musicali presenti nella pellicola saranno ripreso nei film Fumo di Londra del 1966 e Io e Caterina del 1980 entrambi di e con Alberto Sordi.

Accoglienza e critica[modifica | modifica wikitesto]

« Tinto Brass si serve della fantascienza per imbastire una satira di costume. Il suo obiettivo punta sui vizi segreti della provincia italiana del Nord Est ricco e conservatore. Preti e contadini, nobiluomini e nobildonne, rappresentanti della legge e scemi del villaggio, costituiscono le diverse sfaccettature di una borghesia campagnola e cittadina gradita al potere fin quando si mantiene in silenzio, ma inaccettabile quando imprudentemente lascia scoprire una identità corrotta o anticonformista.

All'uscita, il film non riscosse molto successo ed oggi, più che per i contenuti, viene ricordato per la presenza di un cast eccezionale dominato dal mattatore Sordi che interpreta con maestria i quattro ruoli [...] »

(Fantafilm[1])

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ a b Bruno Lattanzi e Fabio De Angelis (a cura di), Il disco volante in Fantafilm. URL consultato il 5 aprile 2012.

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]