Fernando Birri

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Fernando Birri

Fernando Birri (Santa Fe, 13 marzo 1925) è un regista argentino. È considerato il padre del nuovo cinema latino-americano.

In giovane età si interessa di teatro e di poesia, prima di trasferirsi a Roma per studiare al Centro Sperimentale di Cinematografia dal 1950 al 1953. Nel 1956 fa ritorno a Santa Fe per fondare l'Istituto di Cinema nella Universidad Nacional del Litoral.

Tra il 1956 e il 1958 dirige il documentario Tire dié, ed elabora il manifesto "Per un cinema nazionale, realista, critico e popolare".

Nel 1961 vince il Premio Opera Prima al Festival di Venezia per il film Los inundados.

Nel 1972 è nel cast come attore nella pellicola di Ansano Giannarelli: Non ho tempo.

Filmografia[modifica | modifica sorgente]

Regista[modifica | modifica sorgente]

  • Elegia friulana (2007)
  • ZA 05. Lo viejo y lo nuevo (2006)
  • El siglo del viento (1999)
  • Che, ¿muerte de una utopía? (no estrenada comercialmente - 1997)
  • Un señor muy viejo con unas alas enormes (1988)
  • Mi hijo el Che (1985)
  • Raphael Alberti. Un retrato del poeta (1983)
  • La pampa gringa (corto - 1963)
  • Los inundados (1962)
  • Buenos días, Buenos Aires (corto - 1960)
  • Tire dié (mediometraggio - 1960)
  • La primera fundación de Buenos Aires (corto - 1959)
  • Alfabeto notturno (L'unica copia è andata perduta negli anni 80)
  • Selinunte e i templi coricati (1951)

Sceneggiatore[modifica | modifica sorgente]

  • Tire dié, (1960) (mediometraggio)
  • Los inundados, (1962)
  • Sierra Maestra, regia di Ansano Giannarelli (1969)
  • ZA 05. Lo viejo y lo nuevo, (2006)
  • Mal d'America, (1966), di Fernando Birri e Vasco Pratolini, pubblicata da Add editore, a cura di Goffredo De Pascale, isbn 978-889687304-5, Torino (2010)

Bibliografia su Fernando Birri[modifica | modifica sorgente]

  • De Pascale Goffredo, Fernando Birri L'Altramerica, Le Pleiadi, Napoli, 1994, con un'avvertenza di Eduardo Galeano
  • De Pascale Goffredo, Fernando Birri ein fahrender Cineast, Henschel Verlag, Berlin, 1995

Altri progetti[modifica | modifica sorgente]

Collegamenti esterni[modifica | modifica sorgente]

Controllo di autorità VIAF: 115332464 LCCN: n89104496