I nuovi barbari

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
I nuovi barbari
Titolo originale I nuovi barbari
Paese di produzione Italia
Anno 1982
Durata 90 min
Colore Colore
Audio sonoro
Genere avventura, drammatico, fantascienza
Regia Enzo G. Castellari
Soggetto Tito Carpi
Sceneggiatura Enzo G. Castellari, Tito Carpi
Casa di produzione Deaf International Film
Distribuzione (Italia) Titanus
Fotografia Fausto Zuccoli
Montaggio Gianfranco Amicucci
Musiche Claudio Simonetti
Interpreti e personaggi

I nuovi barbari è un film del 1982 diretto da Enzo G. Castellari di ambientazione post apocalittica. È conosciuto in Italia anche con il titolo 2019: i nuovi barbari.[1]

Assieme agli altri due film del regista girati nello stesso periodo (1990: i guerrieri del Bronx e Fuga dal Bronx), si inserisce sulla scia del genere post apocalittico, cui era massimo esempio il recente 1997: fuga da New York (1981) e sul mito dell'anarchia e della violenza nei ghetti metropolitani, come ne I guerrieri della notte (1979) di Walter Hill.

Trama[modifica | modifica sorgente]

Anno 2019. La grande guerra nucleare è finita e i sopravvissuti si combattono in un pianeta destinato a morire. Potentissima è la banda dei Templars capeggiata da One contro cui combatte Skorpion, suo nemico e capo di un esercito di mutanti.

Distribuzione[modifica | modifica sorgente]

Il film è uscito con i vari titoli: Metropolis 2000; The new barbarians; Warriors of the Wasteland.

Critica[modifica | modifica sorgente]

« Riferimenti a Mad Max e, ancora più espliciti, al western di Sergio Leone Per un pugno di dollari […].

Proprio al western all'italiana Castellari sembra qui attribuire la paternità della sua fantascienza, cinica e disperata, infarcita di violenza, ma lineare nello svolgimento di un racconto che ha per protagonisti buoni che non sono tanto buoni e cattivi che potrebbero benissimo essere i buoni-non-tanto-buoni. »

(Fantafilm[2])

Note[modifica | modifica sorgente]

  1. ^ (EN) I nuovi barbari in Internet Movie Database, IMDb.com Inc.
  2. ^ Bruno Lattanzi e Fabio De Angelis, I nuovi barbari in Fantafilm.

Voci correlate[modifica | modifica sorgente]

Collegamenti esterni[modifica | modifica sorgente]