Il conquistatore di Atlantide

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Il conquistatore di Atlantide
Titolo originale Il conquistatore di Atlantide
Lingua originale italiano
Paese di produzione Italia, Egitto
Anno 1965
Durata 93 min
Colore colore
Audio mono
Rapporto 2,35 : 1
Genere epico, avventura, drammatico, fantastico, fantascienza
Regia Alfonso Brescia
Sceneggiatura Alfonso Brescia, Franco Cobianchi
Casa di produzione Copro Film, Doina Cine, PCA
Fotografia Fausto Rossi
Montaggio Nella Nannuzzi
Musiche Ugo Filippini
Scenografia Mario Giorsi
Costumi Mario Giorsi
Interpreti e personaggi

Il conquistatore di Atlantide è un film del 1965, diretto da Alfonso Brescia. È una coproduzione italo-egiziana e rientra nel filone del peplum fanta-mitologico, popolare all'epoca.

Trama[modifica | modifica wikitesto]

Tante avventure per Ercole: questa volta l'eroe greco naufraga sulle coste dell'Africa e viene salvato dalla bella Virna e accolto da alcuni sceicchi.
Insieme a loro deve combattere le Ombre, mercenari di due potenti re sopravvissuti dalla distruzione della mitica Atlantide.

Critica[modifica | modifica wikitesto]

« Sull'esile canovaccio dell'eroe che per caso capita al centro dell'avventura, Alfonso Brescia rispolvera l'intramontabile mito di Atlantide, che all'inizio degli anni '60 aveva già stimolato - con esiti senza dubbio più interessanti - la fantasia di George Pal (Atlantide, continente perduto), Edgard G. Ulmer (Antinea, l'amante della città sepolta) e di Vittorio Cottafavi (Ercole alla conquista di Atlantide). »
(Fantafilm[1])

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Bruno Lattanzi e Fabio De Angelis (a cura di), Il conquistatore di Atlantide in Fantafilm. URL consultato il 9 aprile 2012.

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

cinema Portale Cinema: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di cinema