Riccardo Freda

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Riccardo Freda (1958)

Riccardo Freda (Alessandria d'Egitto, 24 febbraio 1909Roma, 20 dicembre 1999) è stato un regista e sceneggiatore italiano.

Biografia[modifica | modifica sorgente]

Nato in Egitto da famiglia napoletana, dopo aver terminato gli studi a Milano nel 1937 inizia la carriera di sceneggiatore per registi come Gennaro Righelli, Goffredo Alessandrini e Raffaello Matarazzo.

L'esordio come regista è del 1942 con l'avventuroso Don Cesare di Bazan. Negli anni successivi, mentre si andava affermando la scuola neorealista, Freda proseguì nel filone storico-avventuroso, ispirandosi spesso a classici letterari. Fra i suoi film più famosi di questo periodo: Aquila nera (1946) da un racconto di Puskin, I miserabili (1948) dal romanzo di Hugo, con protagonista Gino Cervi, Beatrice Cenci (1956) dal romanzo di Guerrazzi.

A differenza di altri registi di questo periodo come Antonio Margheriti e Mario Bava Freda ebbe la possibilità di lavorare in film con budget piuttosto elevati, ottenendo quindi risultati tecnici piuttosto egregi. Il negativo del suo Spartaco fu comperato dai produttori del più famoso film realizzato da Stanley Kubrick in quanto qualitativamente molto valido.

Nella sua vasta filmografia, spiccano anche film horror - come I vampiri (1956), Caltiki, il mostro immortale (1959), L'orribile segreto del dr. Hichcock (1962) e Lo spettro (1963) - film di spionaggio e numerosi peplum.

Il suo ultimo film è stato Murder Obsession (1981). Nel 1994, ha girato alcune riprese del film Eloise, la figlia di D'Artagnan di Bertrand Tavernier ma alcuni dissidi con la produzione causarono l'allontanamento dell'anziano, ma ancora capace regista.

Filmografia[modifica | modifica sorgente]

Onorificenze[modifica | modifica sorgente]

Commandeur de l'Ordre des Arts et des Lettres (Francia) - nastrino per uniforme ordinaria Commandeur de l'Ordre des Arts et des Lettres (Francia)
— Parigi, 6 giugno 1988

Bibliografia[modifica | modifica sorgente]

  • Riccardo Freda, Divoratori di celluloide, Edizioni del Mystfest, Il Formichiere, Milano 1981
  • Catalogo Bolaffi del cinema italiano - I registi, Torino 1983
  • Pino Farinotti, I registi, SugarCo Milano 1993
  • (EN) Robert Monell, Riccardo Freda, European Trash Cinema Special n. 2, 1997
  • Stefano Della Casa, Riccardo Freda, Bulzoni, Roma 1998
  • Roberto Curti, Fantasmi d'amore. Il gotico italiano tra cinema, letteratura e tv, Lindau, 2011. ISBN 978-88-7180-959-5

Collegamenti esterni[modifica | modifica sorgente]

Controllo di autorità VIAF: 44354845 LCCN: n85175872