Robowar - Robot da guerra

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Robowar - Robot da guerra
Titolo originale Robowar - Robot da guerra
Paese di produzione Italia, Filippine
Anno 1989
Durata 92 min
Colore colore
Audio sonoro
Genere azione, fantascienza
Regia Bruno Mattei (come Vincent Dawn)
Soggetto Rossella Drudi
Sceneggiatura Rossella Drudi
Produttore Franco Gaudenzi
Casa di produzione Flora Film
Fotografia Richard Grassetti
Montaggio Daniele Alabiso
Musiche Al Festa
Scenografia Vic Dabao, Mimmo Scavia
Trucco Franco Di Girolamo
Interpreti e personaggi
Doppiatori italiani

Robowar - Robot da guerra è un film di fantascienza del 1989 diretto da Bruno Mattei con lo pseudonimo di Vincent Dawn.[1]

Trama[modifica | modifica wikitesto]

Nelle Filippine Omega 1, un robot ancora in fase di sviluppo fugge al controllo dei suoi creatori e comincia a distruggere tutto ciò che incontra.

Mascher, il creatore del ROBOWAR (questo è il nome del robot) mette insieme una squadra di mercenari guidati dal maggiore Murphy Black, per riuscire a stanare e disattivare il micidiale robot. Ma uno ad uno i componenti della squadra, compreso Mascher, vengono uccisi dal ROBOWAR. Solo Murphy e Virgin, una donna a cui hanno salvato la vita nella foresta, riescono a sfuggire al Robowar. Nello scontro finale tra il Robowar e Marphy, quest'ultimo scopre che il robot altri non è che un suo vecchio amico morto in Vietnam e riportato in vita per attivare il ROBOWAR.

Critica[modifica | modifica wikitesto]

Il film è liberamente ispirato all'americano Predator uscito l'anno precedente, infatti sono numerose le scene citate (per non dire copiate) presenti nel film tra cui il soldato che affronta il cattivo con il machete, il tuffo dalla cascata e il gruppo di soldati che sparano alla vegetazione credendo di colpire il cattivo.[senza fonte]

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Roberto Chiavini, Gian Filippo Pizzo, Michele Tetro, Il grande cinema di fantascienza: da 2001 al 2001, Vol. 1 di Il grande cinema di fantascienza - Collana gli Album, Gremese, 2001, pag.53, ISBN 8884401143, ISBN 9788884401144.

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]