Cyborg

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
bussola Disambiguazione – Se stai cercando altri significati, vedi Cyborg (disambigua).
Un personaggio cyborg della serie televisiva Star Trek: The Next Generation: Locutus dei Borg

Il termine cyborg o organismo cibernetico (anche organismo bionico) indica l'unione omeostatica[da chiarire] costituita da elementi artificiali e un organismo biologico. Nasce dalla contrazione dell'inglese cybernetic organism, per l'appunto organismo cibernetico.

Il termine è nato nell'ambito della medicina e della bionica, pur avendo avuto maggior successo nell'immaginario fantascientifico. Il termine cyborg fu reso popolare da Manfred E. Clynes e Nathan S. Kline nel 1960 in riferimento alla loro idea di un essere umano potenziato per sopravvivere in ambienti extraterrestri inospitali. Essi ritenevano che un'intima relazione tra essere umano e macchina fosse la chiave per varcare la nuova frontiera dell'esplorazione spaziale in un prossimo futuro.

Il confine tra essere umano e cyborg è sempre più sfumato, basti pensare ai progressi delle tecnologie applicate alle protesi e agli organi artificiali: una persona dotata di un pace-maker potrebbe infatti già corrispondere alla definizione di cyborg.

A seconda della loro origine, è tuttavia possibile distinguere i cyborg in due categorie:

  1. Esseri umani potenziati. Può trattarsi di un essere umano che ha subito consistenti modificazioni artificiali ed innesti. Esempio: il protagonista del film RoboCop è un poliziotto che, ucciso in servizio, viene fatto resuscitare trasformato in cyborg. Il protagonista di Io, Robot, l'agente di polizia Del Spooner, ha un braccio e altri organi cibernetici. Anakin Skywalker (Dart Fener), subisce gravissime menomazioni a seguito di un brutale duello con il suo vecchio maestro, tra cui la perdita di tutti gli arti, gravi ustioni su tutto il corpo e danneggiamento dei polmoni. L'Imperatore Palpatine lo salvò e per questo motivo gli vennero applicati arti cibernetici e il suo corpo agonizzante venne posto in una tecnologica armatura in grado di tenerlo in vita. Qualcosa di simile accade ad Adam Jensen, protagonista del videogioco Deus Ex: Human Revolution.
  2. androidi, cioè robot umanoidi, provvisti di apporti biologici, spesso allo scopo di aumentare la loro somiglianza con l'essere umano. È il caso del cyborg assassino protagonista del film Terminator (1984) e dei suoi seguiti.

La teoria del cyborg[modifica | modifica wikitesto]

La teorica del femminismo Donna Haraway, nella sua "teoria del cyborg",[1] sostiene che la tendenza naturale degli esseri umani è quella di ricostruirsi attraverso la tecnologia allo scopo di distinguersi dalle altre forme biologiche del pianeta: un progetto che parte dalle prime forme di manipolazione del corpo umano e continua oggi con l'utilizzo di protesi tecnologiche e lo sviluppo dell'ingegneria genetica. Il desiderio di migliorare ciò che ha determinato la natura, secondo la Haraway, sarebbe alle origini stesse della cultura umana.

Fyborg[modifica | modifica wikitesto]

Fyborg è l'abbreviazione di "functional cyborg", e indica un individuo potenziato tramite estensioni meccaniche ed elettroniche non innestate nel corpo. Il termine è stato proposto nel 1995 da Alexander Chislenko per discriminare tra le creazioni uomo-macchina tipiche della fantascienza e le modalità quotidiane con cui gli esseri umani estendono le proprie capacità attraverso occhiali, auricolari, telefonini, palmari.

Rispetto al cyborg, il fyborg ha il vantaggio di non dover subire operazioni chirurgiche per l'innesto dei dispositivi potenzianti; tuttavia il fyborg potrebbe risentire di svantaggi rispetto al cyborg a causa dell'interfacciamento non diretto tra corpo e potenziamenti, ne è un esempio il Doctor Octopus nel fumetto americano "Spiderman".

I cyborg nella narrativa e nei media[modifica | modifica wikitesto]

Letteratura[modifica | modifica wikitesto]

La fusione tra uomo e macchina, cantata dai poeti e artisti del Futurismo già prima dell'invenzione della cibernetica, è un'ossessione condivisa particolarmente dagli scrittori del filone fantascientifico cyberpunk, nato nei primi anni ottanta: i personaggi dei romanzi di William Gibson, ad esempio, sono spesso dotati di innesti artificiali che ne potenziano la forza e altre capacità. L'icona in questo caso è Molly, una guardia del corpo dotata di riflessi potenziati e fibre muscolari artificiali, che si è fatta togliere gli occhi per sostituirli con delle inquietanti lenti a specchio saldate alle orbite oculari.

Anche i protagonisti dei romanzi della Compagnia del tempo (dal 1997) di Kage Baker sono cyborg, vengono utilizzati come agenti temporali e sono teoricamente immortali.

Cinema[modifica | modifica wikitesto]

Esempi significativi di cyborg nella cinematografia (in ordine cronologico):

Altri film sul tema (in ordine alfabetico):

Televisione[modifica | modifica wikitesto]

Fumetti e animazione[modifica | modifica wikitesto]

Un noto supereroe dei fumetti Marvel, Iron Man è un cyborg a tutti gli effetti: in origine, infatti, la sua armatura era nata da una piastra pettorale per proteggere il suo alter ego Tony Stark da una scheggia troppo vicina al cuore. Successivamente la scheggia è stata rimossa ma, a causa di un incidente, ha dovuto subire l'impianto di un chip nella colonna vertebrale per poter camminare. Altro cyborg della Marvel è Deathlok, conosciuto in Italia negli anni settanta come Cybernus; il personaggio ha avuto diverse incarnazioni, con la caratteristica comune di avere un corpo umano modificato artificialmente.

Altro famoso supereroe, nel mondo dei fumetti DC, è Victor Stone, cyborg membro dei Titani, il quale, coinvolto in un incidente di laboratorio, ebbe diverse parti del suo corpo, arti, e testa in primis, innestate con componenti elettronici che gli hanno conferito poteri superiori a quelli dei normali esseri umani.

Altro esempio di Cyborg nel fumetto e nell'animazione occidentale è L'ispettore Gadget, detective dotato di "optional" di vario tipo installati sul proprio corpo.

Anime e manga[modifica | modifica wikitesto]

Negli anime uno degli esempi più celebri è Motoko Kusanagi, protagonista di Ghost in the Shell, manga scritto e illustrato da Masamune Shirow nel 1991, da cui sono stati tratti due film d'animazione (Ghost in the Shell e Ghost in the Shell: L'attacco dei Cyborg) per la regia di Mamoru Oshii e due serie televisive (Ghost in the Shell: Stand Alone Complex e Ghost in the Shell: Stand Alone Complex - 2nd GIG, e lo special televisivo Ghost in the Shell: Stand Alone Complex - Solid State Society) per la regia di Kenji Kamiyama.

Il manga Cyborg 009 di Shotaro Ishinomori, pubblicato in Giappone a partire dal 1964, ha a sua volta portato alla realizzazione di tre serie televisive (1969, 1979, 2001), di cui la seconda giunta in Italia nel 1982 con il titolo di Cyborg, i nove supermagnifici.

L'anime e manga Goku Midnight Eye è un chiaro esempio di interazione tra uomo e macchina, in cui il protagonista possiede un occhio artificiale con cui allunga un bastone in lega speciale e comanda a distanza satelliti e computer di tutto il mondo. Tratto dal manga di Buichi Terasawa e diretto sullo schermo da Yoshiaki Kawajiri (1989).

Tra gli altri esempi le serie della Tatsunoko quali Kyashan il ragazzo androide (1973), Hurricane Polimar (1974), e Tekkaman (1975); inoltre Starzinger (1978) e Galaxy Express 999 (1979) della Toei Animation, i Meganoidi, irriducibili avversari di Daitarn 3 nell'omonima serie, e gli Humaritt di Najica Blitz Tactics.

Nell'anime e manga Dragon Ball di Akira Toriyama, i cyborg rivestono grande importanza, infatti questi compaiono in tutto il manga. In particolare, numerosi androidi della serie C, come C-17 e C-18: nonostante certe volte ci si riferisca a loro come Androidi, essi sono dei cyborg a tutti gli effetti poiché in origine erano due fratelli gemelli. Anche il loro creatore, il Dottor Gelo, in origine uno scienziato umano, diventa un cyborg per ottenere l'immortalità del suo cervello. Tali cyborg posseggono forze e capacità straordinarie, controllo del ki, capacità di volare e un alto livello combattivo. Inoltre, Toriyama utilizza l'espediente di ripresentare un nemico sconfitto, supposto morto, sotto forma di cyborg (si veda ad esempio Mecha Freezer o Cyborg Tao Bai Bai).

Altri famosi cyborg sono Franky e Orso Bartholomew, personaggi del manga e anime One Piece; il primo modificatosi da solo dopo essere stato investito da un treno e il secondo modificato da uno scienziato del manga, Vegapunk.

Nei manga di Tsutomu Nihei (Blame!, Biomega, Noise...) i personaggi sono cyborg nella maggioranza dei casi.

Nel manga Alita l'angelo della battaglia l'autore Yukito Kishiro ricrea un mondo vivo e futuribile popolato da cyborg e umani in cui si alternano letali battaglie a momenti di introspezione sul reale significato del termine umanità.

Nel manga Hellsing di Kouta Irano, si scopre che il Maggiore, perfido capo dell'organizzazione criminale nazista Millennium è in realtà un cyborg (il che spiega come, nonostante abbia più di 80 anni, il suo aspetto sia quello di un uomo trentenne).

Videogiochi[modifica | modifica wikitesto]

Tra i videogiochi ricchi di spunti sull'argomento, Eightman della SNK (1991) ispirato ad un manga di Aruyuki Kawajima del 1963, Cyberball 2072 dell'Atari (1982) e Soccer Brawl sempre dell'SNK (1992).

Deus Ex (2000) è ambientato nell'America di un ipotetico 2052 dove è possibile impersonare un agente anti-terrorismo nanopotenziato. Il secondo titolo della serie, Deus Ex - Invisible War (2003), è ambientato ancora più in là nel tempo, dove i potenziamenti umani si sono ulteriormente sviluppati. Deus Ex - Human Revolution (2011), un presule ambientato nel 2027, è caratterizzato invece da potenziamenti più meccanici che nanotecnologici, molto evidenti e antiestetici. Binary Domain (2012) ambientato in una Tokyo del 2080, invasa da robot dalle sembianze umane e capaci di provare sentimenti.

In Return to Castle Wolfenstein nelle missioni degli X-Labs ci sono gli Uber-Soldat che sono umani con innesti robotici o metallici.


Nel corso della serie Metal Gear, precisamente in MGS, MGS2 e MGS4 sono apparsi degli esseri umani tramutati poi in cyborg ninja in seguito a degli esperimenti. Essi sono Gray Fox nel 1°, Olga Gurlukovich nel 2° e Raiden nel 4°. Quest'ultimo è il protagonista del gioco Metal Gear Rising: Revengeance dove dovrà combattere contro una PMC i cui mercenari sono stati tramutati in cyborg.

Nel corso della trilogia di Mass Effect il Comandante Shepard morirà, venendo riportato in vita due anni dopo il decesso grazie a una ricostruzione biologica integrata con numerosi impianti cibernetici. Gli impianti sul suo volto formano delle cicatrici che saranno più o meno visibili a seconda del carattere da Eroe o Rinnegato deciso dal giocatore.

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ (FR) D. Haraway, A Cyborg Manifesto

Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

fantascienza Portale Fantascienza: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di fantascienza