One Piece

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
bussola Disambiguazione – Se stai cercando il significato di tesoro nell'omonima serie, vedi One Piece (tesoro).
Se riscontri problemi nella visualizzazione dei caratteri, clicca qui.
One Piece
manga
La copertina del trentasettesimo numero della prima edizione italiana. In basso, da sinistra, Chopper, Rufy, Nami e Zoro. In alto, da sinistra, Franky ed Iceburg.
La copertina del trentasettesimo numero della prima edizione italiana. In basso, da sinistra, Chopper, Rufy, Nami e Zoro. In alto, da sinistra, Franky ed Iceburg.
Titolo orig. ONE PIECE - ワンピース
(Wan Pīsu)
Lingua orig. giapponese
Paese Giappone
Autore Eiichiro Oda
Editore Shūeisha
1ª edizione 4 agosto 1997
Collanaed. Weekly Shonen Jump
Tankōbon 75 (in corso)
Editore it. Star Comics
1ª edizione it. Luglio 2001
Collanaed. it. Young 86
Volumi it. 72 / 75 Completa al 96%.
Lettura it. originale (da destra a sinistra)
Target shōnen
Generi azione, avventura, fantastico
One Piece
serie TV anime
Logo della serie
Logo della serie
Titolo orig. ONE PIECE - ワンピース
(Wan Pīsu)
Autore Eiichiro Oda
Regia
Studio Toei Animation
Musiche Kōhei Tanaka
Rete Fuji TV
1ª TV 20 ottobre 1999 – in corso
Episodi 666 (in corso) in 17 stagioni
Aspect ratio 4:3 (Giappone ep. 1-206, Italia ep. 1-504)
16:9 (Giappone ep. 207+, Italia ep. 505+)
Durata ep. 22 min
Reti it. Italia 1, Italia Teen Television, Hiro, Italia 2, Boing
1ª TV it. novembre 2001 – in corso
Episodi it. 561 / 666 Completa al 84%. in 11 stagioni (gli episodi 492 e 542 non sono andati in onda)
Censura it. Sì (Italia 1, Italia Teen Television, Hiro a partire dalla saga di Skypiea, Italia 2 fino al 6 gennaio 2014 e Boing
No (Hiro fino alla saga di Alabasta, Italia 2 dal 7 gennaio 2014 e DVD; video integrale, audio censurato).
Target shōnen
(JA)
« アイツらの言う“新時代”ってのは クソだ海賊が夢を見る時代が終わるって……!!? えェ!!?オイ!!!! 何だ何だ!? ゼハハハハハハハ!!! ……… 人の夢は!!! 終わらねェ!!!!
(Aitsura no iu "shin jidai" tte no wa kuso da. Kaizoku ga yume o miru jidai ga owaru tte...!!? Ee!!? Oi!!!! Zehahahahahahaha!!! ... Hito no yume wa!!! Owaranee!!!!?) »
(IT)
« Quella che loro chiamano nuova generazione... è solo feccia! Avanti, ditemi! Come può essere terminata l'epoca dei pirati sognatori?! Suvvia, gente!... I sogni delle persone non svaniscono mai! »
(Marshall D. Teach a Monkey D. Rufy presso Mock Town. Manga di One Piece, Volume 24, capitolo 225)

One Piece (ONE PIECE - ワンピース wʌn piːs?) è un manga di Eiichiro Oda la cui pubblicazione sulla rivista Shōnen Jump di Shūeisha, iniziata il 4 agosto 1997, è tuttora in corso. In patria, ha raggiunto il capitolo 764. Questi capitoli sono stati, finora, raccolti in 75 tankōbon (fino al capitolo 752), dei quali il primo fu pubblicato nel dicembre 1997. In Italia è distribuito dal 2001 da Star Comics che, finora, ha pubblicato i primi 72 volumi. Si tratta della serie manga di maggior successo commerciale di sempre.[1]

Dal fortunato manga, nel 1999, è stato tratto un anime, prodotto dalla Toei Animation, che, attualmente, conta 666 episodi. L'anime è noto nella versione italiana, doppiata ed adattata dalla Merak Film, che è stata trasmessa da Italia 1, Boing, Italia Teen Television, Hiro, e dal 2012 viene mandata in onda da Italia 2 (da fine 2013 solo su questa rete, in più dal 7 gennaio 2014 in versione non censurata) anche come All'arrembaggio!, Tutti all'arrembaggio! a partire dalla seconda stagione, One Piece - Tutti all'arrembaggio! dalla quinta ed infine One Piece dalla settima[2].

L'autore Eiichiro Oda originariamente aveva programmato di concludere One Piece in cinque anni ed aveva anche già pianificato la fine, tuttavia, la storia gli piacque troppo per portarla a termine in così poco tempo ed ora non ha idea di quanto manchi alla conclusione[3]. In ogni caso, nel luglio del 2007, l'autore ha dichiarato che la fine è ancora la stessa che aveva deciso fin dall'inizio e che è determinato a vedere il suo lavoro completo, indipendentemente da quanti anni ciò richiederà[4].

Il titolo originale dell'opera è scritto in caratteri latini ed è volutamente tutto in maiuscolo: ONE PIECE[5][6]. Questa peculiare caratteristica non è, però, stata recepita fuori dal Giappone dove il titolo comunemente scelto dalle case editrici (compresa la Star Comics) è il più generico One Piece.

Trama[modifica | modifica wikitesto]

Exquisite-kfind.png Per approfondire, vedi Capitoli di One Piece e Episodi di One Piece.

Monkey D. Rufy è un giovane pirata sognatore che da piccolo ha inavvertitamente mangiato il frutto del diavolo Gom Gom che lo rende un "uomo di gomma", permettendogli di allungarsi e deformarsi a piacimento, a scapito, però, della capacità di nuotare. L'obiettivo che lo ha spinto in mare è quello ambizioso di diventare il Re dei pirati. Dovrà, dunque, ritrovare il leggendario "One Piece", il magnifico tesoro lasciato dal mitico pirata Gol D. Roger probabilmente sull'isola di Raftel, alla fine della Rotta Maggiore, mai ritrovato e sogno di ogni pirata.

Nella sua avventura, Rufy riunirà intorno a sé una ciurma e si troverà in mezzo a situazioni bizzarre e stravaganti, tanto almeno quanto lo sono i personaggi, amici o nemici, presenti nell'universo che lo circonda, che raggiungono spesso livelli assurdi e grotteschi e che donano all'opera un'atmosfera surreale e divertente.

Personaggi[modifica | modifica wikitesto]

Personaggi principali[modifica | modifica wikitesto]

La bandiera del vascello pirata di Rufy.
Exquisite-kfind.png Per approfondire, vedi Ciurma di Cappello di Paglia.

Rufy inizia l'avventura da solo, ma, ben presto, grazie alla sua determinazione ed alla fiducia che ispira nel prossimo, conosce vari individui che decideranno di seguirlo nella sua avventura diventando suoi inseparabili compagni. Ognuno dei membri della sua ciurma è guidato da un rapporto di amicizia e rispetto verso il capitano, nonché da un sogno da realizzare. La taglia complessiva attuale della ciurma è di Berry 800 000 050.

  • Monkey D. Rufy (detto Cappello di Paglia): è il capitano della ciurma che, attualmente, contando lui, vanta nove membri. È figlio del capo dei rivoluzionari Monkey D. Dragon, fratello adottivo di Portuguese D. Ace (comandante della seconda flotta di Barbabianca) e di Sabo (vicecomandante dell'armata rivoluzionaria), e nipote dell'ex viceammiraglio della Marina Monkey D. Garp. Da piccolo, mangiò il frutto Gom Gom, un Paramisha recuperato da Shanks il rosso che donò al suo corpo una struttura elastica estensibile ed invulnerabile ai proiettili ed ai colpi fisici. È un convinto idealista, disposto a tutto per realizzare il sogno di diventare il Re dei pirati. Sotto l'apparenza dell'ingenuo e dell'ingordo, si nasconde un grande cuore ed una forte determinazione se si tratta di aiutare chi come lui è alimentato da un sogno. Dopo aver sfidato la Marina nella battaglia di Marineford la sua taglia aumenta a Berry 400 000 000.
  • Roronoa Zoro (detto Il cacciatore di pirati): prima di entrare nella ciurma era un temutissimo cacciatore di pirati, più che altro per necessità, ma con il sogno di divenire il "miglior spadaccino del mondo"; si unisce a Rufy dopo essere stato salvato da un'imminente condanna a morte. La sua abilità è quella di combattere con tre spade (una per mano e la terza stretta fra i denti). Come Rufy è animato da una fortissima determinazione. La sua taglia dopo Enies Lobby ammonta a Berry 120 000 000[7].
  • Nami (detta La gatta ladra): ladra di professione, si unisce, inizialmente per interesse, alla ciurma di Rufy: il suo sogno era, infatti, quello di comprare per 100 000 000 Berry il suo villaggio natale, il Villaggio di Coco, catturato otto anni prima della vicenda dalla banda di uomini-pesce di Arlong. Dopo la sconfitta di Arlong nello scontro con Rufy e la liberazione del villaggio, sceglie di rimanere nella ciurma con il sogno di riuscire a disegnare la mappa del mondo intero. È una navigatrice fenomenale ed ha un sesto senso molto sviluppato nell'avvertire i cambiamenti climatici. Per ammissione dello stesso Eiichiro Oda, Nami è la terza persona più intelligente del Mare Orientale. La sua taglia dopo Enies Lobby ammonta a Berry 16 000 000.
  • Usop (alias Sogeking, il re dei cecchini): noto nel suo villaggio (Shirop) come un gran bugiardo. Usop è il figlio di Yasop (membro della ciurma di Shanks). Si unisce alla ciurma per inseguire il sogno di diventare un pirata coraggioso come il padre. È un formidabile cecchino ed un esperto di "combattimento psicologico"; Usop è ricordato anche per il suo talento da inventore e per essere un vero artista con il pennello. Fino all'entrata in ciurma di Franky si occupa spesso delle riparazioni della Going Merry, fino a quando l'amata nave, dopo avere salvato ancora una volta la ciurma, si rompe definitivamente costringendo la ciurma a darle il funerale vichingo (in cui si brucia la nave in mare). La sua taglia dopo Enies Lobby ammonta a Berry 30 000 000 sotto l'identità fittizia di Sogeking.
  • Sanji (detto Gamba nera): un eccellente cuoco-combattente, erede spirituale del grande cuoco-pirata Zef Gamba rossa che lo ha cresciuto come un figlio; ricopriva il ruolo di vice-capocuoco nel ristorante galleggiante Baratie. Ha un debole per il gentil sesso che esprime anche in battaglia: non esita a soccorrere qualsiasi donna e non ha la forza di colpirne una. Si unisce al gruppo dopo la sconfitta di Don Creek, che intendeva requisire la Baratie, ad opera di Rufy, per cercare l'All Blue, un luogo leggendario dove si ritiene che si trovino tutte le specie esistenti di pesce. La sua tecnica è basata sui calci. La sua taglia dopo Enies Lobby ammonta a Berry 77 000 000; è l'unico a non avere una fotografia sul manifesto della taglia, ma un disegno vagamente somigliante.
  • TonyTony Chopper (detto Il tenero peluche[8]): una renna che, ingerito il frutto Homo-Homo (uno Zoo-Zoo), ha ottenuto la capacità di assumere forma umana e con essa la possibilità di parlare e di imparare, ed è stata educata e cresciuta da due medici dell'isola di Drum, Hillk e Kureha. Si unisce al gruppo di Rufy per poter realizzare il sogno di Hillk, guarire tutte le malattie ancora senza cura. La sua taglia dopo la battaglia di Enies Lobby ammonta solo a Berry 50, attribuitagli come valore simbolico poiché la Marina crede che sia soltanto la mascotte della ciurma. Chopper ha, inoltre, inventato le Rumble Ball che aumentano il numero delle sue trasformazioni da tre a sette.
  • Nico Robin (detta La bambina demoniaca): la donna è inizialmente ostile verso l'equipaggio di Rufy essendo la vice presidente dell'organizzazione criminale nota come Baroque Works (sotto il nome di Miss All Sunday). Dopo il tradimento del suo capo ed il suo salvataggio per opera di Rufy, la donna si unisce al gruppo per ricercare il Real Poignee Griffe, la stele che si ipotizza racconti la storia del Secolo Vuoto, il periodo storico del quale apparentemente non rimane più alcuna traccia. Ha mangiato il frutto Fior Fior, un Paramisha, che le permette di far "germogliare" dal nulla, su ogni tipo di superficie ed in numero illimitato, le parti del suo corpo (arti, occhi, ecc.). Il frutto è particolarmente utile nell'immobilizzare gli avversari e nello spionaggio. La sua taglia dopo Enies Lobby ammonta a Berry 80 000 000.
  • Franky (detto Il cyborg): è un abilissimo carpentiere, forse figlio di pirati ignoti, cresciuto a Water Seven come apprendista del carpentiere Tom insieme ad Iceburg; è anche capace di improvvisarsi musicista. Il suo vero nome, Cutty Flam, è stato tenuto nascosto per non essere scoperto dal Governo mondiale: Franky era infatti in possesso dei progetti dell'arma ancestrale Pluton. In seguito allo scontro con il treno marino il suo corpo venne ricostruito da lui stesso e riempito di armi letali di ogni sorta, armi con le quali riesce sempre a stupire gli avversari. Il suo "carburante" è costituito da tre bottiglie di Cola: se è a secco perde tutta la sua forza. Sotto richiesta della Franky Family (una banda criminale di ladri e smantellatori di navi di cui lui era divenuto il boss), dopo aver ricevuto una taglia per gli avvenimenti di Enies Lobby e grazie ad alcuni espedienti da parte della ciurma di Rufy, entra a far parte dell'equipaggio, sebbene in principio avesse deciso di restare a Water Seven per proteggere la sua banda. Il suo sogno è quello di costruire una nave che possa giungere alla fine della Rotta Maggiore. È il progettista e principale costruttore della nave Thousand Sunny, costruita col pregiatissimo legno dell'albero Adam, da lui acquistato con i 200 000 000 Berry rubati ad Usop. La sua taglia dopo Enies Lobby ammonta a Berry 44 000 000.
  • Brook (detto Il canterino): decenni addietro faceva parte dei pirati Rumba di cui era il vicecapitano. Con la sua ciurma si diresse nella Rotta Maggiore lasciando indietro il compagno Lovoon, un cucciolo di balena che seguiva la ciurma, promettendo di tornare a prenderlo; tuttavia, l'intera ciurma venne prima decimata da una malattia e poi sterminata definitivamente nel Triangolo Florian da un altro gruppo di pirati non noti. Ciononostante, grazie al potere del frutto Yomi Yomi, Brook ritornò in vita, ma siccome la sua anima impiegò un anno per ritrovare il corpo tra le nebbie del Triangolo Florian, di questo erano ormai rimaste solo le ossa, facendo diventare Brook uno scheletro vivente. Si unirà alla ciurma in seguito alla sconfitta di Gekko Moria (che gli aveva rubato l'ombra) per realizzare il suo sogno di percorrere tutta la Rotta Maggiore e tornare da Lovoon dalla parte opposta della Linea Rossa. Quando era in vita aveva una taglia di Berry 33 000 000 e, dopo la scoperta da parte della Marina che è ancora in circolazione, la sua taglia è stata ripristinata.

Personaggi secondari[modifica | modifica wikitesto]

Exquisite-kfind.png Per approfondire, vedi Personaggi di One Piece.

Oltre ai nove protagonisti, in One Piece sono presenti moltissimi personaggi secondari più o meno rilevanti.

Francobolli celebrativi della serie emessi dalle poste giapponesi.

Governo mondiale ed alleati[modifica | modifica wikitesto]

Il potere nel mondo di One Piece è nelle mani del Governo mondiale, un'organizzazione che detiene il controllo di 180 paesi del mondo, sparsi nei quattro mari e nella Rotta Maggiore[9]. Il Governo è in continua lotta con i pirati e con l'armata rivoluzionaria guidata da Monkey D. Dragon.

La principale forza armata sotto il controllo del Governo mondiale è la Marina, organizzazione con lo scopo di mantenere la pace e punire i criminali. I suoi membri si scontrano più volte con i protagonisti e sono anche incaricati di decidere le loro taglie, così come quelle degli altri pirati. A capo della Marina c'è il grandammiraglio (inizialmente Sengoku il Buddha, poi Akainu, promosso dal rango di ammiraglio), al quale sottostanno tutti gli altri membri; i membri con ruoli di spicco sono gli ammiragli (Kizaru, Fujitora e, inizialmente, Aokiji e il sopracitato Akainu) e i viceammiragli (ad esempio, nella prima parte della storia, Monkey D. Garp e, nella seconda parte, Smoker, oltre che molti altri). Fanno parte dell'organizzazione, tra gli altri, anche i capitani Hina, Tashigi (rispettivamente, amica e vice di Smoker), Kobi ed Hermeppo, e le reclute Jango e Fullbody (degradato dal grado di tenente di vascello).

Al servizio del Governo, ci sono anche i Cipher Pol che ricoprono il ruolo di servizio segreto. È confermata l'esistenza di otto sezioni mentre la nona sezione, il CP9, è sempre stata ritenuta dalla gente comune una leggenda da guardare con terrore in quanto i suoi membri hanno enormi poteri e la licenza di uccidere; i membri del CP9 compaiono a Water Seven ed Enies Lobby dove vengono sconfitti dalla ciurma di Rufy con l'aiuto di Franky e di altri.

Per arginare il dilagante problema della pirateria, il Governo ha, inoltre, stretto un patto ufficioso di mutua collaborazione con sette tra i pirati più potenti del mondo dando vita alla Flotta dei 7; questo organo è formato da sette pirati potentissimi ai quali, in cambio di collaborazione, della promessa di non cospirare contro il Governo stesso e di una parte dei loro guadagni, è stata cancellata la taglia e concesso il perdono. Attualmente, fanno parte della Flotta dei 7 Drakul Mihawk (detto Occhi di Falco), Donquijote Doflamingo (detto Demone celeste), Orso Bartholomew (detto Il tiranno), Boa Hancock (detta L'imperatrice pirata), Trafalgar Law (detto Il chirurgo della morte) e Bagy il Clown. Prima degli eventi di Marineford, ne facevano parte anche Gekko Moria, Jinbe (detto Il cavaliere del mare) e Marshall D. Teach (detto Barbanera; quest'ultimo a sua volta aveva preso il posto di Crocodile, escluso dalla Flotta dei 7 dopo che aveva cospirato contro il Governo stesso per impadronirsi, con un colpo di stato, di Alabasta e dell'Arma Ancestrale Pluton).

Pirati[modifica | modifica wikitesto]

Il Jolly Roger, classico simbolo presente sulle bandiere delle navi pirata, tanto da diventarne effettivamente il simbolo. Nel mondo di One Piece, come nella realtà, compare in versione diversa a seconda della ciurma.

In seguito all'esecuzione di Gol D. Roger, molti sono diventati pirati per cercare il suo tesoro nascosto e la maggior parte di quelli che compaiono durante il corso del manga hanno ideali o sogni che cozzano con quelli dei protagonisti e che li portano, dunque, a scontrarsi con loro; fra questi troviamo ad esempio Arlong e Bagy il Clown. Tutti questi pirati sono nemici del Governo e buona parte di essi ha una taglia sulla testa che è più alta a seconda delle malefatte da loro commesse e dalla pericolosità del loro potere.

Tuttavia, vi sono anche pirati in buoni rapporti coi protagonisti: Shanks il rosso, membro dei 4 imperatori, ha ispirato Rufy a diventare un pirata e Portuguese D. Ace che è il fratellastro del protagonista, oltre a Boa Hancock, imperatrice di Amazon Lily e membro della Flotta dei 7 che ha un debole particolare per lo stesso Rufy, ma che egli non ricambia.

Altri antagonisti[modifica | modifica wikitesto]

Molte organizzazioni che svolgono azioni criminali non sono, però, pirati; una di queste è la Baroque Works, comandata da Crocodile (effettivamente, un pirata passato dalla parte del Governo), che ha come obiettivo finale un colpo di stato nel regno di Alabasta. A Water Seven troviamo la Franky Family, un'organizzazione criminale che si rivela essere poco più di un manipolo di sbandati che diventeranno, in seguito, alleati della ciurma contro il Governo mondiale; nel Triangolo Florian, Thriller Bark, un gruppo capitanato da Gekko Moria che mira a creare un esercito di immortali zombie per far diventare Moria il re dei pirati. A Skypiea inoltre il potere è in mano ai Sacerdoti di Skypiea e ad Ener, che lo hanno conquistato cacciando il vecchio dio Gan Forr ed instaurando un regime di terrore. Questi gruppi, eccetto la Franky Family, il cui capo (Franky) entra a far parte della ciurma di Cappello di Paglia, vengono annientati dalla ciurma stessa.

Altri personaggi[modifica | modifica wikitesto]

Fra gli altri personaggi che compaiono nella serie ci sono tutti quelli che non sono fuorilegge e non appartengono a nessuna organizzazione. Quelli che appaiono nella prima parte sono nel Mare Orientale mentre quelli che entrano in scena in seguito vivono nella Rotta Maggiore e nel Nuovo Mondo; fra quest'ultimi i maggiori sono gli abitanti di Alabasta, Skypiea e Water Seven. La principessa di Alabasta è Nefertari Bibi e ricopre un ruolo molto importante nella storia in quanto entra nella ciurma di Rufy, dal quale si fa aiutare a sconfiggere Crocodile che aveva fatto scoppiare nel suo regno una guerra civile per impossessarsene.

Ambientazione[modifica | modifica wikitesto]

Exquisite-kfind.png Per approfondire, vedi Geografia di One Piece e Animali di One Piece.

Il mondo di One Piece è coperto quasi interamente da oceani costellati di un numero infinito di isolette. Lungo un meridiano ed il suo antimeridiano è situato l'unico continente, la Linea Rossa, che però a causa della sua inospitalità è quasi disabitato, mentre lungo l'equatore si trova la Rotta Maggiore, una striscia di mare con correnti, condizioni climatiche e magnetismo instabili ed anormali dove la navigazione è particolarmente difficoltosa. Quest'ultima è circondata da fasce di bonaccia dove è totalmente assente ogni vento e corrente e dove sono presenti giganteschi mostri; a causa di queste condizioni l'unico modo per accedere alla Rotta Maggiore è scalare una montagna dove l'acqua, a causa delle correnti, scorre in salita: la Reverse Mountain. La Rotta Maggiore e la Linea Rossa incontrandosi delimitano quattro mari: il Mare Settentrionale, il Mare Meridionale, il Mare Occidentale ed il Mare Orientale. Nel mondo di One Piece sono presenti anche molte specie animali, molte delle quali immaginarie.

Terminologia[modifica | modifica wikitesto]

Exquisite-kfind.png Per approfondire, vedi Terminologia di One Piece e Frutti del diavolo.
  • Berry (One Piece) (simbolo: Berry ): è la moneta in circolazione nel mondo di One Piece, oltre agli Extol che circolano nelle isole del cielo.
  • Frutti del diavolo: sono misteriosi frutti che donano poteri soprannaturali a chi li mangia rendendoli, però, incapaci di nuotare. Anche il protagonista ne ha mangiato uno, il frutto Gom Gom (ゴムゴムの実 Gomu Gomu no Mi?), che ha reso il suo corpo di gomma.
  • One Piece: è un tesoro di inestimabile valore che si dice Gol D. Roger abbia lasciato sull'ultima isola della Rotta Maggiore, Raftel.
  • Poignee Griffe: sono indistruttibili pietre lasciate dagli abitanti di un antico regno sulle quali è narrata la storia del mondo di One Piece. In alcune di esse sono anche spiegate le ubicazioni di alcune armi ancestrali, come Pluton. Attualmente, l'unica persona in grado di leggerli è Nico Robin ed il suo sogno è ritrovare il Real Poignee Griffe, su cui è narrata la storia dei "cento anni del grande vuoto".
  • Re dei pirati: è il più forte pirata vivente ed è il possessore del grande tesoro dello "One Piece". L'unico Re dei pirati è stato Gol D. Roger e, nonostante sia il sogno di tutti i pirati, nessuno, dalla sua morte (avvenuta circa 22 anni prima dell'inizio della vicenda di Rufy), ha ancora eguagliato le sue gesta.
  • I cento anni del grande vuoto: (空白の歴史, Kūhaku no Rekishi; letteralmente "storia bianca") vengono definiti come un secolo del quale non sono rimaste informazioni, se non quelle contenute sul Real Poignee Griffe e ad oggi sconosciute; il Governo mondiale (nato alla fine del secolo di buio) ha proibito di parlarne o di studiarli reprimendo con grande ferocia gli storici che tentavano di farlo, probabilmente per evitare che divulgassero informazioni scomode. Come detto da Silvers Rayleigh, la ciurma di Gol D. Roger era venuta a conoscenza dei fatti, ma invita Robin a continuare nella sua ricerca individuale.

Produzione[modifica | modifica wikitesto]

Fin dall'infanzia Eiichiro Oda si interessò alla storia della pirateria grazie alla serie anime Vicky il vichingo, che adorava quando era piccolo[10]. La lettura di biografie di pirati aumentò questo interesse, che raggiunse il culmine con la scoperta dell'esistenza di Edward Teach, noto con il soprannome di "Barbanera"[11], che in seguito divenne il prototipo di uno dei cattivi principali della serie: Marshall D. Teach[12]. Molti pirati del manga hanno nomi che traggono ispirazione da personaggi realmente esistiti: per esempio Roronoa Zoro prende spunto dal bucaniere francese Francois l'Olonese[13]. In un'intervista sul perché abbia deciso di scrivere un manga sulla pirateria e sul successo della serie, Oda ha dichiarato:

« Penso che a tutti piacciano i pirati in qualche misura. L'apparente cattiva prima impressione e la sensazione che abbiano grandi progetti e speranze per il loro futuro. Nella realtà sono dei cattivi, ma si tende a ignorare questo aspetto e a crearsi una propria immagine su di loro, vero? Mi piace anche questa cosa e volevo sfruttarla in qualche modo. Così disegno la serie cercando di non pensare alla storia reale. »
(Eichiro Oda[10])

Oltre che dalla storia della pirateria Oda è stato influenzato da Dragon Ball di Akira Toriyama, che ancor oggi rimane uno dei suoi manga preferiti[10][11]. Egli sostiene che il suo stile artistico cominciò a formarsi al tempo delle scuole elementari, sotto l'influenza di serie anime come Kinnikuman e Ken il guerriero[10]. Durante le scuole superiori, Oda decise di elaborare una serie manga sui pirati, senza inizialmente concentrarsi sui dettagli della trama ma tenendo come punto fermo l'ambientazione base e il fatto di voler realizzare una lunga storia[14]. Tuttavia comiciò a lavorare al progetto solo nel 1996, quando era assistente del famoso mangaka Nobuhiro Watsuki[15]. Il risultato furono due storie one-shot intitolate Romance Dawn[15] — titolo che sarà poi utilizzato per il primo capitolo e volume di One Piece. I due capitoli introducono come protagonista il personaggio di Luffy e includono molti elementi che sarebbero poi diventati parte della serie principale. La prima di queste storie è stata pubblicata nell'agosto 1996 sulla rivista Akamaru Jump e successivamente in One Piece Red. La seconda è stata distribuita nel 41esimo volume di Weekly Shōnen Jump sempre nel 1996 e ristampato nel 1998 nella collezione di storie brevi di Oda Wanted![16].

Oda aveva inizialmente stimato che la durata di One Piece sarebbe stata di circa 5 anni e aveva già pensato al finale, ma si accorse che la storia gli piaceva troppo per terminarla in quel lasso di tempo e ora non ha idea di quanto manchi al raggiungimento della fine, sebbene secondo alcune voci lui abbia constatato che è circa a metà della sua opera[17]. Tuttavia, ha confermato che il finale sarà ancora quello pensato originariamente e che è deciso a veder completata la sua opera indipendentemente da quanti anni ciò dovesse richiedere[18].

A differenza di altri mangaka, Oda, nelle sue tavole, disegna personalmente tutto quello che si muove — incluse persone, animali, fumo, nuvole e mari. In questo modo desidera mantenere una rappresentazione uniforme lasciando al suo staff solo la realizzazione degli sfondi, basati comunque su suoi schizzi[19]. Quando un lettore gli chiese di chi fosse innamorata Nami, Oda rispose che difficilmente ci sarebbero state storie d'amore all'interno della ciurma di Rufy. L'autore ha inoltre spiegato che evita volutamente di inserirle in One Piece poiché la serie è un manga shōnen ed i ragazzi che leggono l'opera non sono interessati a storie d'amore[20].

Media[modifica | modifica wikitesto]

Il manga[modifica | modifica wikitesto]

Exquisite-kfind.png Per approfondire, vedi Capitoli di One Piece.

Il manga, scritto e disegnato da Eiichiro Oda, è stato serializzato dalla Shūeisha nella rivista settimanale Shōnen Jump dal dicembre 1997 ed è attualmente in corso. Sono stati attualmente pubblicati 764 capitoli, raccolti in 75 tankōbon (fino al capitolo 752). Di questi, sono stati pubblicati in Italia dalla Star Comics nella collana Young 72 volumi (fino al capitolo 721), a partire dal luglio 2001. È in corso, inoltre, una ristampa bimestrale chiamata "One Piece New Edition", cominciata nel febbraio 2008, giunta al momento al numero 62 (fino al capitolo 614) nella collana Greatest.

Altre edizioni:

Le prime versioni[modifica | modifica wikitesto]

Nel 1994 sulla rivista-contenitore giapponese Autumn Special appare una storia breve intitolata "Monsters", realizzata dal giovane mangaka esordiente Eiichiro Oda, e oggi raccolta in Wanted!. Il breve episodio contiene i "prototipi" di due futuri personaggi tra i più caratteristici del successo One Piece: Drakul "Occhi di Falco" Mihawk e lo spadaccino Roronoa Zoro.

Due anni dopo, nel 1996, esce per la prima volta la storia breve Romance Dawn (in seguito animata), seguita da una seconda versione. Il giovane mangaka, ispirato dalle gesta del pirata Edward Teach, meglio noto come Barbanera, e da un anime sui vichinghi[21] inizia a pensare ad una storia ambientata in un mondo in cui i mari coprono la maggior parte del pianeta, un mondo ideale per le scorribande dei pirati. Tra i protagonisti della prima versione figurano il capitano Shanks ed il frutto Gom Gom, che rende di gomma il corpo del protagonista che lo mangia, Rufy.

Il tesoro che il protagonista insegue, lo "One Piece" che darà il titolo al manga, si chiama qui "Piece Main" ("pezzo principale") e Nami si chiama Anne.

Miniavventure[modifica | modifica wikitesto]

Exquisite-kfind.png Per approfondire, vedi Miniavventure.

One Piece viene pubblicato su Shōnen Jump e ogni capitolo ha una pagina iniziale col titolo. Mentre la maggior parte dei mangaka la usano per espandere il capitolo di una pagina o per metterci un'illustrazione non legata alla storia, Oda la usa per mostrare le avventure di nemici sconfitti o di altri personaggi minori, creando così una loro storia secondaria. Queste miniavventure fanno effettivamente parte della trama, ma soltanto due sono state inserite nell'anime: quella di Bagy il Clown e quella di Kobi ed Hermeppo.

OAV[modifica | modifica wikitesto]

La prima versione animata di One Piece è un OAV che risale al 1998, ONE PIECE: Taose! Kaizoku Gyanzakku (ONE PIECE 倒せ!海賊ギャンザック? Sconfiggi! Il pirata Gyanzac). Realizzato per il Jump Super Anime Tour, l'OAV fu creato dallo studio Production I.G e diretto dal regista Goro Taniguchi, con la creazione di alcuni personaggi da parte dello stesso Oda.

ONA[modifica | modifica wikitesto]

Nel 2008 fu creato un altro speciale, questa volta un ONA, per il Jump Super Anime Tour, ONE PIECE: Romance Dawn Story, che è tratto dalla prima versione di Romance Dawn, ma è ambientato dopo la partenza da Thriller Bark. Questa volta lo studio è la Toei Animation che realizza anche l'anime; infatti, tutti i doppiatori sono gli stessi.

L'anime[modifica | modifica wikitesto]

Exquisite-kfind.png Per approfondire, vedi Episodi di One Piece.

Non molto tempo dopo, grazie al grande successo del manga, la Toei Animation trasse da questo un anime che va attualmente in onda su Fuji TV la domenica dalle 9:30 alle 10[22]. Sono stati trasmessi finora 666 episodi che dal 207 sono in alta definizione.

Per mantenere un giusto distacco degli episodi dai capitoli del manga, vengono talvolta inseriti degli episodi che non sono tratti dalla versione cartacea, ma sono ideati dagli animatori, attualmente, sugli episodi trasmessi se ne possono contare all'incirca 70. Questi episodi vengono generalmente definiti "filler", ovvero "riempitivi".

Salvo alcune piccole modifiche di aspetto dei personaggi e pochi episodi, la trama del manga non è stata modificata; tra i più curiosi riferimenti al manga all'interno dell'anime si può citare l'episodio n° 70 in cui, tra i numerosi volumi di una libreria, si possono notare un libro intitolato ONE PIECE ed un altro, prelevato da Nami, con la dicitura "ODa E-ITiRo", chiaro riferimento all'autore del manga da cui è tratto l'anime.

Tabella con le TV locali dei singoli Paesi in cui è trasmesso l'anime[23]:
Stato Canali televisivi Episodi trasmessi
Giappone Giappone Fuji TV 666
Italia Italia Italia 1, Italia Teen Television, Hiro, Italia 2, Boing 561 (gli episodi 492 e 542 sono stati saltati)
Germania Germania Animax Germany, Junior (Premiere), RTL II, Tele 5, VIVA, Prosieben Maxx 422
Francia Francia Mangas, NT1, Virgin 17, Direct Star, MCM, D17, Game One 588 (gli episodi 492 e 542 sono stati saltati)
Spagna Spagna Cartoon Network L.A., Jetix España, Telecinco, TVG (galiziano), TVG2 (galiziano), 3XL (catalano), Super 3[24] (catalano), Boing España, Canal Nou Dos (valenziano) 516 (catalano) (l'episodio 492 è stato saltato)
263 (spagnolo)
195 (valenziano)
156 (basco)
104 (galiziano)
Russia Russia 2x2, AXN Sci-Fi 130
Stati Uniti Stati Uniti Cartoon Network, Fox 348 (versione Funimation)
Taiwan Taiwan TTV 652[25] (gli episodi 492 e 542 sono stati saltati)
Portogallo Portogallo SIC, SIC Radical, Panda Biggs 130 (primo doppiaggio)
125 (secondo doppiaggio)
Brasile Brasile Cartoon Network Brazil, SBT 52
Regno Unito Regno Unito Toonami 104 (143 secondo la numerazione originale)
53 (versione Funimation)
Singapore Singapore Odex 104
Canada Canada YTV 229 (versione Funimation)
Belgio Belgio MCM Belgique (versione trasmessa anche in Francia), 2BE (versione Funimation sottotitolata in olandese) 558 (gli episodi 492 e 542 sono stati saltati)
Australia Australia Cartoon Network Australia 156 (195 secondo la numerazione originale)
275 (versione Funimation)
Corea del Sud Corea del Sud KBS 2, Champ TV, Animax, Tooniverse 283
Grecia Grecia Alter Channel 105


Stato Canali televisivi Episodi trasmessi
Israele Israele Jetix Israel 53
Thailandia Thailandia DEX, Thai Tv, Cartoon Club Channel, MCOT-3 460
India India Cartoon Network India, Disney UTV India, Hungama TV 82 (versione 4Kids)
62 (doppiaggio di Hungama Tv)
Ucraina Ucraina QTV 62
Tunisia Tunisia Télévision Tunisienne 1 61
Nuova Zelanda Nuova Zelanda Cartoon Network New Zealand 275 (versione Funimation)
Argentina Argentina Cartoon Network 143 (versione 4Kids)
Messico Messico Cartoon Network Mexico, Canal 5 XHGC-TV 143 (versione Funimation)
Colombia Colombia Cartoon Network, Telepacifico 119 (versione 4Kids)
Venezuela Venezuela Cartoon Network 143 (versione 4Kids)
Perù Perù Cartoon Network, América Televisión 143 (versione 4Kids)
Cile Cile Cartoon Network, Chilevisión, Etc TV 53 (versione 4Kids su Cartoon Network; versione Funimation su Etc TV)
Cina Cina TVB 92
Hong Kong Hong Kong Toonami 61
Turchia Turchia Star TV 52
Pakistan Pakistan Cartoon Network 82 (versione 4Kids)
Bangladesh Bangladesh Cartoon Network 82 (versione 4Kids)
Indonesia Indonesia RCTI, Global TV 337
Malesia Malesia ntv7, Astro Ceria Channel (doppiaggio malese) 62 (doppiaggio del Taiwan)
Filippine Filippine GMA Network 7 423
Emirati Arabi Uniti Emirati Arabi Uniti Space Power Channel, Spacetoon 92
Marocco Marocco Morocco tv1 92
Kazakistan Kazakistan 2x2 62
Uruguay Uruguay Cartoon Network 89 (versione 4kids)

Doppiaggio[modifica | modifica wikitesto]

Exquisite-kfind.png Per approfondire, vedi Doppiaggio di One Piece.
Nome personaggio Seiyū Doppiatore italiano
Monkey D. Rufy Mayumi Tanaka Luigi Rosa (ep. 1-255)[26]
Renato Novara (ep. 256+)[27]
Roronoa Zoro Kazuya Nakai Patrizio Prata
Nami Akemi Okamura Emanuela Pacotto
Usop Kappei Yamaguchi Luca Bottale
Sanji Hiroaki Hirata Lorenzo Scattorin
Tony Tony Chopper Ikue Ōtani Federica Valenti
Nico Robin Yuriko Yamaguchi Patrizia Scianca
Franky Kazuki Yao Riccardo Rovatti
Brook Chō Daniele Demma

L'anime nel mondo[modifica | modifica wikitesto]

Oltre che in Giappone, l'anime di One Piece è stato trasmesso in molti paesi del mondo, ma a causa delle scene di violenza con la presenza di sangue e delle eventuali scene a carattere sessuale presenti al suo interno, considerate non adatte ad un pubblico infantile, ma anche di ragazzi di età ancora non abbastanza matura (ad esempio la scena dei bagni ad Alabasta, in cui Nami mostra il seno ad alcuni dei protagonisti, o quella di Enies Lobby, in cui Rufy perde molto sangue durante la battaglia contro Rob Lucci), spesso ha subito molti adattamenti.

Negli Stati Uniti la serie fu inizialmente acquisita dalla 4Kids Entertainment e fu trasmessa dal 18 settembre 2004 su Fox. Gli episodi erano estremamente censurati e riadattati[28] ed i primi 143 episodi furono riadattati in 104. Infine, la 4Kids annunciò di cessare il doppiaggio nel dicembre del 2006. La serie fu quindi presa dalla Funimation Entertainment, che creò nuovi episodi con un doppiaggio diverso, ed integrale, che vennero pubblicati in DVD. Gli episodi fino al 167 furono quindi trasmessi su Cartoon Network tra il settembre 2007 ed il marzo 2008 (con molte censure rispetto agli episodi presenti sul DVD), ma attualmente la rete non ha alcun piano per il ritorno di One Piece.[29]

A Singapore, la Odex doppiò i primi 104 episodi dell'anime, in due stagioni da 52 episodi con doppiatori in certi casi differenti.

L'anime in Italia[modifica | modifica wikitesto]

L'anime cominciò ad essere trasmesso da Italia 1 con il nome All'arrembaggio! (e successivamente Tutti all'arrembaggio), subendo molte modifiche, come il nome del protagonista da Rufy a Rubber ed anche parecchie censure a volte anche molto invadenti (come ad esempio la scena dei bagni ad Alabasta dell'episodio 128, completamente rimossa e reinserita solamente nella seconda replica su Italia 2 del 2014) come nella maggior parte dei cartoni giapponesi doppiati.

I primi 195 episodi sono stati trasmessi in maniera abbastanza regolare dal 2001 al 2005, poi la trasmissione è stata interrotta fino all'8 luglio 2008, quando Italia 1 ha proposto due nuove stagioni che si sono concluse il 15 gennaio 2009. Il 15 settembre 2009 su Italia 1 è iniziata la trasmissione di una nuova stagione, ripristinando il titolo originale. Tale trasmissione si è interrotta il 29 gennaio 2010 all'episodio 372 e gli episodi dal 373 al 400 di tale stagione sono stati trasmessi tra maggio e luglio 2010 come una nuova stagione. L'11 ottobre 2010 è iniziata la trasmissione di una nuova stagione, finita il 21 dicembre dello stesso anno all'episodio 452.

A partire dal 6 maggio 2012 la trasmissione in prima visione degli episodi viene spostata su Italia 2, che trasmette una nuova stagione includente gli episodi dal 453 al 508 (censurandoli per l'ennesima volta), ma saltando il 492º episodio, concludendo la messa in onda il 3 luglio dello stesso anno. Successivamente la programmazione prosegue con le repliche di tutti gli episodi fino a dicembre 2013. Dal 7 gennaio al 6 aprile 2014 sono stati replicati gli episodi corrispondenti alle prime quattro stagioni originali utilizzando le sigle originali di apertura e chiusura, e trasmettendo gli episodi in versione non censurata per la prima volta su una rete gratuita (a parte la censura audio che è rimasta). Il 7 aprile 2014 è ripresa la messa in onda in prima visione degli episodi sempre su Italia 2 dall'episodio 509 e dal 15 aprile al 2 giugno 2014 sono stati trasmessi gli episodi corrispondenti alla quindicesima stagione originale (l'episodio 542 è stato saltato), sempre incensurati. In seguito sono stati trasmessi alcuni film divisi in episodi e in modalità censurata, e attualmente vanno in onda le repliche degli episodi a partire dalla saga di Enies Lobby, nuovamente senza censure video (nonostante gli episodi siano destinati ad essere trasmessi senza adattamenti, alcune scene presenti in essi stanno andando in onda erroneamente in versione censurata).

One Piece è andato in onda anche su Italia Teen Television, canale a pagamento di Sky edito da Mediaset, che ha trasmesso gli episodi in versione censurata sia a livello video che audio e su Hiro, canale a pagamento nel pacchetto Premium Fantasy di Mediaset Premium, che ha trasmesso, tutti i giorni in versione non censurata fino alla saga di Alabasta gli episodi della serie, trasmettendo gli altri episodi nuovamente in versione censurata (la stessa versione di Italia 1), concludendosi il 29 giugno 2009. È tornato in onda sempre su Hiro il 24 luglio 2009 in versione censurata, dalla saga di Skypiea, cioè da dove si era interrotta precedentemente. Dall'8 marzo 2013 One Piece è stato replicato anche su Boing a partire dal 1º episodio sino alla saga di Alabasta, e nella stessa versione ampiamente censurata trasmessa in precedenza da Italia 1, ma in seguito la sua trasmissione è cessata (anche per il fatto che il canale è destinato ad un pubblico principalmente di età infantile).

Nella versione italiana dell'anime, il doppiaggio presenta alcuni nomi di persone e luoghi che differiscono da quelli utilizzati nel manga italiano. Mentre alcune differenze sono dovute a voluti cambi di nomi operati da chi cura il doppiaggio (il caso più lampante è Rubber), altri sono dovuti alla diversa, ma ugualmente corretta, traslitterazione dei caratteri giapponesi, come Hillk ed Hiruruku oppure Hermeppo ed Helmeppo. In altri casi ancora (ne è un esempio il caso di Usopp), il nome viene pronunciato secondo la fonetica inglese.

Nome manga Nome anime
Monkey D. Rufy Rubber (ep. 1-399)
Monkey D. Rubber (ep. 400, 416, 507)
Rubber, Monkey D. Luffy (ep. 401+)
Shanks il rosso
(pron. Shanks)
Shanks
(pron. Shenk)
Usop Usopp
(pron. Asop)
Rotta Maggiore Grande Blu
All Blue Cuore dei Mari
Berry Danari (episodi 1-312)
Berry, Danari (episodi 313+)
Frutti del diavolo Frutti del mare (episodi 1-440 e 442+)

Frutti del diavolo (episodio 441)

Lumacofono Lumacofono (episodi 1-195)
RadioSnail (episodi 196+)
Rumble Ball Rumble Ball (ep. 88-287)
Sfere rombanti (ep. 288+)
Hermeppo Helmeppo
Carota, Cipolla e Peperone Ninjin, Tamanegi e Piiman
Paty Patty
Creek Don Krieg
Nezumi Rat
Hacchan Octy
Kuroobi Blackbelt
Rogue Town Logue Town
TonyTony Chopper Rennyrenny Chopper
Kureha Koreka
Hillk Hiruruku
Dorton Dalton
Nome manga Nome anime
Chess Scacco
Cromarlimo Kuromarimo
Portuguese D. Ace Ace (ep. 93-409)
Portuguese D. Ace (ep. 410+)
Miss Wednesday Miss Mercoledì
Miss All Sunday Miss Domenica
Miss Monday Miss Lunedì
Miss Valentine Miss Valentina
Miss Thursday Miss Giovedì
Miss Friday Miss Venerdì
Mashira Masira
Gan Forr Gan Foll
Dio Ener Supremo Eneru
Iceburg Iceberg
CP9
(CP Nine)
CP9
(CP Nove)
Galley-La Company Galley Company
Zambai Zambei
Wanze Vanze
Monkey D. Garp Garp
Monkey D. Dragon Dragon
Van Ooger
(pron. Van Ogher)
Van Auger
(pron. Van Augher)
Odr Ozu
Jinbe Jimbei
Hercules Heracles
Jaws Jozu
Odr Jr. Ozu Jr.

Il cambio di nome del protagonista è probabilmente la modifica più radicale in quanto la D. contenuta nel suo vero nome ha grande importanza ai fini della storia. Per ovviare a questo "inconveniente" nell'episodio 45 si dice che viene chiamato Rubber da quando è diventato di gomma (modificando il dialogo originale), anche se nell'episodio 4 Shanks il rosso si rivolge a lui chiamandolo Rubber nonostante non abbia ancora mangiato il frutto del diavolo. Infine, nell'episodio 400 Silvers Rayleigh rivela il nome completo del protagonista, ovvero Monkey D. Rubber. In seguito viene nuovamente cambiato dal 401, dove nel prologo iniziale viene chiamato Monkey D. Luffy detto Rubber.

È stata quasi del tutto eliminata la caratteristica di Robin di chiamare i propri compagni per ruolo e non per nome (caratteristica molto importante, perché dopo Enies Lobby, Robin si "scioglierà" iniziandoli proprio a chiamare per nome). La ciurma stessa nell'anime la chiama spesso Nico Robin (nel manga è chiamata solo Robin). Un'altra caratteristica peculiare che è stata ampiamente ridotta sono le risate dei personaggi. Talvolta ai doppiatori vengono fatte pronunciare frasi sbagliate, per esempio negli episodi 217-218 viene detto che la taglia di Rufy è 10 milioni quando, in realtà, è 100.[30]

Ascolti sulla TV Italiana[modifica | modifica wikitesto]

La serie, in Italia, ha quasi sempre registrato buoni ascolti: nella proposizione dell'autunno del 2010 ha raggiunto una media di 800 000 spettatori ad episodio (arrivando, a volte, anche ad 1 milione), con valori di share medio dell'8,5%[31]. Inoltre, la serie è comparsa nella classifica dei primi cinque programmi più visti nel target 4-14 anni stilata dalla Kidscreen (società che si occupa del monitoraggio dei gusti e tendenze dei bambini), con singoli episodi aventi indici di gradimento medi sul 20% nel suddetto target[32].

Sigle di apertura e di chiusura[modifica | modifica wikitesto]

Come ogni anime dalla lunga durata, One Piece ha avuto diverse sigle di apertura (opening) e di chiusura (ending), interpretate da artisti popolari. Fino ad oggi, se ne contano 16 di apertura (compresa una speciale) e 18 di chiusura per quanto riguarda l'anime. Le sigle finali non vengono più usate dall'episodio 279 e, dall'episodio 284, le sigle di apertura hanno una durata maggiore.

In Giappone, oltre che negli album e nei singoli degli artisti, le canzoni vengono distribuite in CD che ne includono anche altre speciali basate sulla serie, interpretate da altri artisti o anche dai seiyū dei personaggi.

In Italia, nella versione dell'anime trasmessa su Italia 1, sono state usate tre canzoni appositamente scritte, usate sia in apertura che in chiusura. Per i primi 195 episodi i video delle sigle sono stati realizzati basandosi sulle immagini delle sigle originali uniti a scene degli episodi, mentre con l'utilizzo della terza sigla, Pirati all'arrembaggio, sono stati usati in apertura i video delle sigle originali di apertura: sono state usate le immagini della quarta opening (BON VOYAGE!) fino all'episodio 255, dal 256 al 309 della quinta (Kokoro no chizu), dal 310 alla 400 della settima (Crazy Rainbow) ed in chiusura quello della tredicesima ending (Dreamship) per gli episodi dal 196 al 255. Successivamente, per gli episodi dal 401 in poi, è stata ripristinata la prima sigla All'arrembaggio!, per la quale sono state utilizzate le immagini della decima opening originale Share the World fino al 424 e dal 425 le immagini della undicesima originale Kaze o sagashite. Per gli episodi dal 453 al 508 è stata utilizzata la seconda sigla Tutti all'arrembaggio!, sulle immagini di Kaze o sagashite per gli episodi fino al 458, di One Day per gli episodi dal 459 al 491 e di Fight Together per quelli dal 493 al 508. A partire dal 7 gennaio 2014, l'anime viene ritrasmesso dal primo episodio utilizzando le sigle originali in giapponese[33] e in occasione di tali repliche sono state usate le prime tre sigle di apertura originali e le prime otto di chiusura. Con la ripresa della messa in onda dei nuovi episodi a partire dal 509 il 7 aprile 2014, la colonna sonora è stata mantenuta totalmente e viene utilizzata la sigla originale sia come apertura che chiusura; a quest'ultima sono applicati inoltre i crediti italiani. Nel caso della sigla We Go!, la parte introduttiva in cui il narratore presenta la storia è stata doppiata in italiano. Nel caso di Believe e di Hikari E, invece, l'introduzione della sigla è stata doppiata in italiano in occasione della messa in onda dei primi due speciali televisivi e alla sigla di chiusura RUN! RUN! RUN!! sono stati aggiunti i crediti italiani.

Sigle di apertura (Opening)

# Titolo Traslitterazione/Traduzione Artista Episodi
1 ウィーアー! We Are! Hiroshi Kitadani 1-47
2 Believe (n/a) Folder 5 48-115
3 ヒカリへ Hikari E The Babystars 116-168
4 BON VOYAGE! (Francese: "Buon viaggio!") Bon-Bon Blanco 169-206
5 ココロのちず Kokoro no Chizu, "Mappa del cuore" BOYSTYLE 207-263
6 BRAND NEW WORLD (n/a) D-51 264-278
7 We Are! (versione ciurma di Cappello di Paglia) Special ウィーアー!~7人の麦わら海賊団篇 Doppiatori dei membri della ciurma di Cappello di Paglia 279-283
8 Crazy Rainbow (n/a) Tackey & Tsubasa 284-325
9 Jungle P (n/a) 5050 326-372
10 ウィーアー! We Are! (2008 Remix Version) Tohoshinki TVXQ 373-394
11 Share the World (n/a) Tohoshinki TVXQ 395-425
12 風をさがして Kaze o sagashite, "Cercando il vento" Mari Yaguchi e ciurma di Cappello di Paglia 426-458
13 One Day (n/a) The Rootless 459-492
14 Fight Together (n/a) Namie Amuro 493-516
15 We Go! (n/a) Hiroshi Kitadani 517-590
16 Hands up! (n/a) Kota Shinzato 591-628
17 Wake up! (n/a) AAA 629-

Sigle di chiusura (Ending)

# Titolo Traslitterazione/Traduzione Artista Episodi
1 Memories (n/a) Maki Otsuki 1-30 (inserita anche nell'episodio 130)
2 RUN! RUN! RUN! (n/a) Maki Otsuki 31-63
3 私がいるよ Watashi ga iru Yo TOMATO CUBE 64-73
4 しょうちのすけ Shōchi no suke Suitei Shojo 74-81
5 Yoake Mae BEFORE DAWN AI-SACHI 82-94
6 Fish (n/a) The Kaleidoscope 95-106
7 GLORY -君がいるから- GLORY -Kimi ga iru Kara- Takako Uehara 107-118
8 Shining ray (n/a) Janne Da Arc 119-132
9 Free will (n/a) Ruppina 133-156
10 FAITH (n/a) Ruppina 157-168
11 A to Z (n/a) ZZ 169-181
12 月と太陽 Tsuki to Taiyō Shela 182-195
13 Dreamship (n/a) Aiko Ikuta 196-206
14 未来航海 Mirai Kōkai Tackey & Tsubasa 207-230
15 エターナルポーズ Etānaru Pōzu Asia Engineer 231-245
16 Dear friends (n/a) TRIPLANE 246-255 (inserita anche nell'episodio 312)
17 明日は来るから Asu wa Kuru Kara Tohoshinki TVXQ 256-264
18 Adventure World (n/a) Delicatessen 265-278

Sigle di apertura e di chiusura dell'anime italiano

# Titolo Interprete Autori Episodi
1 All'arrembaggio! Cristina D'Avena, Giorgio Vanni Musica di Giorgio Vanni e Max Longhi
Testo di Alessandra Valeri Manera
1-53; 401-452
2 Tutti all'arrembaggio Cristina D'Avena, Giorgio Vanni Musica di Giorgio Vanni e Max Longhi
Testo di Alessandra Valeri Manera
54-196; 453-508
3 Pirati all'arrembaggio Cristina D'Avena, Antonio Divincenzo Musica di Antonio D'Ambrosio
Testo di Graziella Caliandro
197-400

Film[modifica | modifica wikitesto]

Dal 2000, la Toei ha iniziato a produrre dei film di One Piece facendoli uscire con cadenza annuale. Sono stati finora prodotti dodici film che rappresentano storie scollegate dalla trama del manga e dell'anime o rinarrazioni di parti di essi. Gli ultimi due sono ancora inediti in Italia.

  1. One Piece: Per tutto l'oro del mondo (ONE PIECE - ワンピース Wanpīsu?). Data di uscita: 4 marzo 2000.
  2. One Piece: Avventura all'Isola Spirale (ONE PIECE ねじまき島の冒険 ONE PIECE Nejimaki-shima no bōken?). Il film è stato accompagnato da un cortometraggio intitolato Jango's Dance Carnival (ジャンゴのダンスカーニバル Jango no dansu kānibaru?). Data di uscita: 3 marzo 2001.
  3. One Piece: Il tesoro del re (ONE PIECE 珍獣島のチョッパー王国 ONE PIECE Chinjū-tō no Choppā-ōkoku?). Il film è stato accompagnato da un cortometraggio intitolato Dream Soccer King! (夢のサッカー王! Yume no sakkā-ō!?). Data di uscita: 2 marzo 2002.
  4. One Piece: Trappola mortale (ONE PIECE THE MOVIE デッドエンドの冒険 ONE PIECE THE MOVIE Deddo endo no bōken?). Data di uscita: 1º marzo 2003.
  5. One Piece: La spada delle sette stelle (ONE PIECE 呪われた聖剣 ONE PIECE Norowareta seiken?). Il film è stato accompagnato da un cortometraggio intitolato Take Aim! The Pirate Baseball King (めざせ! 海賊野球王 Mezase! Kaizoku yakyū-ō?). Data di uscita: 6 marzo 2004.
  6. One Piece: L'isola segreta del barone Omatsuri (ONE PIECE THE MOVIE オマツリ男爵と秘密の島 ONE PIECE THE MOVIE: Omatsuri danshaku to himitsu no shima?). Data di uscita: 5 marzo 2005.
  7. One Piece: I misteri dell'isola meccanica (ONE PIECE THE MOVIE カラクリ城のメカ巨兵 ONE PIECE THE MOVIE: Karakuri-jō no meka kyohei?, lett. "One Piece: Il soldato meccanico gigante del castello di Karakuri"). Data di uscita: 4 marzo 2006.
  8. One Piece: Un'amicizia oltre i confini del mare (ONE PIECE エピソードオブアラバスタ 砂漠の王女と海賊たち ONE PIECE: Episode of Alabasta - Sabaku no ōjo to kaizoku-tachi?, lett. "One Piece: Episodio di Alabasta - La principessa del deserto e la ciurma pirata"). Data di uscita: 3 marzo 2007.
  9. One Piece: Il miracolo dei ciliegi in fiore (ONE PIECE THE MOVIE エピソードオブチョッパー+冬に咲く、奇跡の桜 ONE PIECE THE MOVIE: Episode of Chopper Plus - Fuyu ni saku, kiseki no sakura?, lett. "One Piece: Episodio di Chopper Plus - Il miracolo della fioritura del ciliegio in inverno"). Data di uscita: 1º marzo 2008.
  10. One Piece: Avventura sulle isole volanti (ストロング ワールド Sutorongu Wārudo?). Data di uscita: 12 dicembre 2009.
  11. One Piece 3D: Mugiwara Chase (ワン・ピース3D:麦わらチェイス Wān Pīsu 3D: Mugiwara Cheisu?, lett. "One Piece 3D: L'inseguimento di Cappello di Paglia"). Data di uscita: 19 marzo 2011
  12. ONE PIECE FILM: Z ( One Piece Film Z Wān Pīsu Firm Zetto?, lett. "One Piece Z"). Data di uscita: 15 dicembre 2012[34].

Episodi extra in 3D[modifica | modifica wikitesto]

Dal 2011 la Toei Animation ha iniziato a produrre episodi extra in 3D proiettati in diverse sale giapponesi su diverse serie TV anime da lei prodotte, tra cui One Piece. Fino ad oggi ha pubblicato due prodotti, un "film" di 30 minuti circa e un cortometraggio di 12 minuti.

  1. One Piece 3D: Mugiwara Chase (ワン・ピース3D:麦わらチェイス Wān Pīsu 3D: Mugiwara Cheisu?, lett. "One Piece 3D: L'inseguimento di Cappello di Paglia"). Data di uscita: 19 marzo 2011
  1. One Piece 3D Gekisou! Trap Coaster. Data di uscita: 1º dicembre 2011[35].

Special TV[modifica | modifica wikitesto]

A partire dal 20 dicembre 2000 sono stati trasmessi su Fuji TV otto special televisivi di One Piece, di durata compresa tra i 40 e i 110 minuti. I primi quattro sono stati trasmessi in Italia su Italia 2 dal 12 al 15 giugno 2014.

  1. One Piece: Avventura nell'ombelico dell'oceano (ワンピースTVスペシャルルフィ落下!秘境・海のヘソの大冒険篇 One Piece TV special: Rufy rakka! Hikyō, umi no heso no daibōken?). Trasmesso in Giappone il 20 dicembre 2000 e in Italia il 12 giugno 2014.
  2. One Piece: Un tesoro grande un sogno (ワンピース大海原にひらけ!でっかいでっカイ父の夢 One Piece: Ōunabara ni herake! Dekkai dekkai chichi no yume!?). Trasmesso in Giappone il 6 aprile 2003 e in Italia il 13 giugno 2014.
  3. One Piece: L'ultima esibizione (ワンピース守れ!最後の大舞台 One Piece: Mamore! Saigo no daibutai?). Trasmesso in Giappone il 14 dicembre 2003 e in Italia il 14 giugno 2014.
  4. One Piece: Le avventure del detective Cappello di Paglia (ワンピース時代劇スペシャル年末特別企画!麦わらのルフィ親分捕物帖 One piece jidaigeki special: Nenmatsu tokubetsu kikaku! Mugiwara no Rufy oyabun torimonochyō?). Trasmesso in Giappone il 18 dicembre 2005 e in Italia il 15 giugno 2014.
  5. One Piece: Episode of Nami - Kōkaishi no namida to nakama no kizuna (ワンピースエピソード・オブ・ナミ~航海士の涙と仲間の絆~?). Trasmesso in Giappone il 25 agosto 2012.
  6. One Piece: Episode of Rufy - Hand Island no bōken (ワンピースエピソード オブ ルフィ~ハンドアイランドの冒険~?). Trasmesso in Giappone il 15 dicembre 2012.
  7. One Piece: Episode of Merry - Mō hitori no nakama no monogatari (ワンピースエピソード・オブ・メリー~もうひとりの仲間の物語~?). Trasmesso in Giappone il 24 agosto 2013.
  8. One Piece: 3D2Y - Ace no Shi wo Koete! Luffy Nakama to no Chikai (エースの死を越えて!ルフィ仲間との誓い?). Trasmesso in Giappone il 30 agosto 2014.

Crossover[modifica | modifica wikitesto]

One Piece ha dato vita ad alcuni crossover con le serie di Dragon Ball e Toriko.

  • Cross Epoch, manga disegnato a quattro mani da Eiichiro Oda e Akira Toriyama, autore di Dragon Ball (2007).
  • One Piece x Toriko, manga disegnato da Oda insieme a Mitsutoshi Shimabukuro, autore di Toriko (2011)
  • Arrivo sull'Isola Gourmet! Ecco Toriko, il Gourmet Hunter! - L'Unione più Forte! Distruzione! Rufy e Toriko (上陸、グルメの島! 美食屋トリコ現る!・最強ダッグ奮闘、ルフィとトリコ Jōriku, Gurume no Shima! Bishoku-ya Toriko Arawaru!・Saikyō Daggu! Huntō Rufy to Toriko?) (Toriko, episodio 1, 2011)
  • Il duo più forte! Dura lotta, Rufy e Toriko! (「最強タッグ! 奮闘、ルフィとトリコ!」 Saikyō taggu! Funtō, Rufi to Toriko!?) (One Piece, episodio 492, 2011)
  • La riunione di Toriko e Rufy! Alla ricerca del frutto del mare! (再会トリコとルフィ! 海鮮の実を探せ! Saikai Toriko to Rufi! Kaisen no mi o sagase!?) (Toriko, episodio 51, 2012)
  • Squadra di soccorso! Salvare Chopper (「チーム結成! チョッパーを救え」 Chīmu kessei! Choppā o sukue?) (One Piece, episodio 542, 2012)
  • Corri, armata più forte! Toriko, Luffy, Goku! (走れ最強軍団! トリコとリフィと悟空! Hashire Saikyō Gundan! Toriko to Rufi to Gokū!?) (Toriko, episodio 99, 2013)
  • La più forte collaborazione della storia contro il ghiottone del mare (史上最強コラボVS海の大食漢 Shijō saikyō korabo VS umi no taishokukan?) (One Piece, episodio 590, 2013)

Videogiochi[modifica | modifica wikitesto]

Exquisite-kfind.png Per approfondire, vedi Videogiochi di One Piece.

Il primo videogioco dedicato al manga è stato Become the Pirate King! (めざせ海賊王! Mezase Kaizoku ou!?), 2000), prodotto in Giappone. In seguito, sono stati sviluppati diversi altri giochi dedicati alla serie (cinque negli USA e due in Europa), tra i quali spiccano One Piece Grand Adventure per PlayStation 2 e Nintendo GameCube, e One Piece - Big Secret Treasure of the Seven Phantom Islands per Gameboy Advance; per quest'ultimo pare non sia stata prevista una pubblicazione europea.[36] Saranno invece pubblicati anche in Italia i titoli per Wii:One Piece: Unlimited Adventure che sarebbe dovuto uscire il 18 giugno 2009 ma che non è uscito, e One Piece: Unlimited Cruise uscito il 19 giugno 2009. Il secondo titolo è ambientato dopo gli eventi di Thriller Bark e, quindi, fra i personaggi saranno presenti amici e nemici incontrati alle isole Sabaody. Quanto al titolo, sempre per Nintendo Wii, One Piece: Unlimited Cruise 2 è stato pubblicato ad ottobre 2009 in Italia. Poi, c'è anche una versione Mugen dell'anime, chiamata One Piece: Grand Line Bout, per PC. Il 21 settembre 2012 in Europa esce One Piece: Pirate Warriors per la piattaforma PlayStation 3. Il 29 agosto 2013 arriva il sequel, One Piece: Pirate Warriors 2: anch'esso disponibile solo su PS3. Il 26 giugno 2014 uscirà in Italia, e il giorno seguente in Europa, One Piece: Unlimited World R per ben quattro piattaforme: Nintendo 3DS, Wii U, PlayStation 3 e PlayStation Vita.

Il successo[modifica | modifica wikitesto]

Una replica della Going Merry.

Nel 2012, Shūeisha ha dichiarato che One Piece, con oltre 270 milioni di copie vendute,[37] è il manga di Weekly Shōnen Jump a vendere di più (superando Kochikame e Dragon Ball). Il manga piace così tanto che è il primo ad incrementare le vendite di Weekly Shōnen Jump in undici anni[38]. Il volume 25 di One Piece detiene il record di vendite in Giappone, con 2 630 000 copie vendute della sola prima edizione; con il volume 46 la serie ha venduto più di 140 milioni di copie ed è stato il più veloce manga a raggiungere 100 milioni di copie vendute[39]. Il volume 50 detiene al momento il record assoluto di vendite in Giappone, con oltre un milione di copie (per la precisione 1 074 745) nella sola prima settimana[40][41]. Il volume 57, uscito nel marzo 2010, detiene il record per il più alto numero di copie stampate per una prima edizione, ben 3 milioni (il precedente record era del volume 56, con 2 milioni 850mila copie)[42]. Il volume 65 è il tankōbon nella storia di Shūeisha ad aver avuto la tiratura più alta: ben 4 milioni di volumi stampati. Sul sito giapponese Oricon è stato votato come il manga più commovente[43] e, in un sondaggio con un campione di età da 10 a 40 anni, come quello più interessante del 2008.[44][45] Dal 2013 è il manga più venduto in Francia con 6 milioni di copie.[46]

Anche l'anime ha avuto molto successo ed è tra i più seguiti dai telespettatori giapponesi[47]. In Italia, durante la trasmissione degli episodi ambientati a Water Seven, ha realizzato ottimi indici d'ascolto superando spesso i due milioni di spettatori e totalizzando più del 13% di share. Nella settimana dall'1º al 7 luglio 2008, One Piece è stata la serie TV più scaricata in assoluto via torrent[48].

Con l'uscita del tankobon n. 72, la Shueisha ha dichiarato il raggiungimento dei 300 milioni di copie vendute ed ha pubblicato in alcuni quotidiani mondiali e giapponesi delle immagini della campagna di ringraziamenti organizzata per l'apposito evento.

Il tankobon n. 75, raggiunge i 4 milioni di copie vendute.[49]

Misteri[modifica | modifica wikitesto]

Il mistero è alla base di tutta la trama di One Piece.

  • Il One Piece, dal quale deriva anche il titolo, è il mistero più evidente. Il concetto di "tesoro" in One Piece è molto relativo: in tutta la storia, le cose più preziose sembrano essere quelle a cui si è fortemente legati. Grande importanza hanno anche le promesse, sia verso gli altri che a sé stessi: il cappello di paglia di Monkey D. Rufy ne è il più tipico esempio. Eiichiro Oda ha tuttavia rivelato in un'intervista con l'autrice Momoko Sakura che questo "tesoro" non sarà solo qualcosa come la crescita interiore come nel Mago di Oz[50].
  • Poignee Griffe (歴史の本文 let. testi della storia?): non si sa ancora cosa si potrà leggere sul Real Poignee Griffe riguardo ai Cento anni del grande vuoto e sul regno di cui ha parlato il professor Clover.
  • Gol D. Roger: sono sconosciuti i suoi poteri e la sua capacità di "sentire la voce delle cose".
  • Armi Ancestrali: sono tre antiche armi i cui segreti sono scolpiti sui Poignee Griffe. Si conoscono i loro nomi: Pluton, Poseidon ed Uranus. A parte il fatto che Poseidon sia stata svelata dopo l'avventura sull'isola degli uomini-pesce e che Pluton è una nave da guerra, si hanno pochissime notizie sul loro conto, ma si dice che siano in grado di distruggere il mondo intero.
  • Frutti del diavolo: non si sa quale sia la loro origine. Inoltre, la procedura che consente ad un oggetto di acquisire il potere di un frutto del diavolo è sconosciuta.
  • Vegapunk: il più grande scienziato del mondo al servizio del Governo mondiale. A detta di Orso Bartholomew, le sue conoscenze sono così avanzate che il resto dell'umanità le raggiungerà solo tra 500 anni. Nelle SBS del volume 48, Oda ha affermato che apparirà presto, rivelando alcuni dei misteri sui frutti del diavolo.
  • Kaido: finora, non è mai apparso e di lui si sa solo che è uno dei 4 imperatori, che è il principale nemico di Gekko Moria e che è in affari con Doflamingo per le forniture di Smiles (frutti del diavolo artificiali).
  • La lettera "D" nel nome di alcuni personaggi: non si sa né l'origine né cosa voglia dire o nascondere. Barbabianca sostiene che coloro i quali presentano questa caratteristica abbiano uno spirito affine a quello di Gol D. Roger e contribuiranno ad apportare grandi cambiamenti alla storia del mondo.
  • Monkey D. Dragon: personaggio enigmatico comparso in rarissime occasioni. È un rivoluzionario, nonché l'uomo più temuto dal Governo mondiale. Ha dei segni sul viso che ricordano i caratteri incisi sui Poignee Griffe. È il padre di Monkey D. Rufy ed è figlio di Monkey D. Garp. Non è completamente nota, inoltre, la natura dei rapporti fra lui ed Emporio Ivankov.
  • È sconosciuta l'identità della ciurma che annientò i pirati Rumba.
  • La Nuova Era: molti personaggi, compresi Shanks il rosso, Silvers Rayleigh e Donquijote Doflamingo, dicono che sia alle porte ma non è stato spiegato chiaramente in cosa consista. Prima di essere colpito dall'ammiraglio Akainu, Portuguese D. Ace ha affermato che l'era corrente è conosciuta come l'Era di Barbabianca.
  • Non si sa cosa siano le colossali ombre comparse nel Triangolo Florian dopo la sconfitta di Gekko Moria a Thriller Bark.
  • Orso Bartholomew: non si sa molto di lui e non si conoscono né le sue intenzioni né il suo rapporto con Monkey D. Dragon. Sembra che sia in qualche modo collegato al rivoluzionario Emporio Ivankov ed al suo esercito[51]. Nel flashback seguente la fine della guerra lo si vede tra gli uomini di Dragon.
  • Molte taglie di personaggi sono tuttora ignote, come quelle di Gol D. Roger, dei 4 imperatori, di Drakul Mihawk, di Monkey D. Dragon ed altri.
  • Ancora ignoto è il favore fatto da Monkey D. Garp ad Aokiji.
  • Crocodile, prima degli eventi narrati, ebbe a che fare con Barbabianca, dal quale fu pesantemente sconfitto, e con Emporio Ivankov, che quando era un novellino scoprì un suo segreto[52]; ciononostante non si conoscono i particolari di queste vicende.
  • È sconosciuto il metodo grazie al quale Barbanera ha sottratto i poteri del frutto del diavolo a Barbabianca, come anche la natura della sua struttura corporea anomala che gli permette di possedere più di un frutto del diavolo.
  • Big Mom: finora, è apparsa in una sola occasione rimanendo in gran parte nascosta nell'ombra; è l'unica donna dei 4 imperatori e si sa pochissimo sul suo conto, tranne per il fatto che, fino all'arrivo di Monkey D. Rufy, pretendeva una tassa in dolciumi dall'isola degli uomini-pesce.
  • È sconosciuta la tecnica con la quale i tre ammiragli Akainu, Aokiji e Kizaru siano riusciti a conservare il potere dei loro Rogia nel momento in cui subivano attacchi da parte di nemici che sfruttavano l'Ambizione.
  • Nico Robin ed i regnanti dell'isola degli uomini-pesce hanno citato, a più riprese, un fantomatico Joy Boy; a parte il fatto che fosse in qualche modo legato all'immensa arca Noah, non si sa nulla di questo personaggio.
  • Roronoa Zoro, dopo i due anni di allenamento, ha l'occhio sinistro sempre chiuso ed una cicatrice su di esso. Non si sa se abbia davvero perso l'occhio, e in tal caso come tale menomazione sia avvenuta. Altrettanto enigmaticamente nessuno dei compagni pare farvi caso, tranne Sanji, che inizialmente pare non essere convinto della menomazione (descritta da un pescatore dell'arcipelago Sabaody mentre la ciurma era ancora divisa), tuttavia, vedendo Zoro non vi fa caso.
  • Sono ancora sconosciute le identità dell'ultimo membro della Flotta dei 7 e del terzo ammiraglio dopo i cambiamenti avvenuti durante il salto temporale di due anni.

Sondaggi di popolarità di One Piece[modifica | modifica wikitesto]

In Giappone è usanza svolgere delle classifiche sui personaggi preferiti, tali classifiche vengono effettuate tramite cartoline che i lettori inviano alla Shueisha, ogni lettore può inviare più cartoline in modo da incrementare i voti anche se a discapito dell'affidabilità del sondaggio. Purtroppo, tramite l'edizione italiana del manga, non è reperibile il secondo sondaggio.

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Top 10 Shonen Jump Manga by All-Time Volume Sales
  2. ^ Antonio Genna, doppiaggio di One Piece. URL consultato il 12 luglio 2008.
  3. ^ Manga di One Piece, volume 42 SBS
  4. ^ One Piece domande e risposte con Eiichiro Oda (「ONE PIECE」尾田栄一郎さんに聞く. URL consultato il 12-10-2008.
  5. ^ Sito ufficiale di ONE PIECE
  6. ^ La scrittura giapponese non contempla distinzione fra caratteri maiuscoli e minuscoli, usando sillabe ed ideogrammi uguali per nomi propri e comuni; viceversa, i giapponesi dedicano molta attenzione all'uso dei caratteri latini, usandoli anche per il loro valore grafico.
  7. ^ Nel capitolo 614 uscito il 14 febbraio 2011 viene erroneamente affermato che la taglia di Zoro sia di 160 000 000 di berry, errore corretto con l'uscita del volume 62
  8. ^ Traduzione dell'edizione italiana del manga edito dalla Star Comics, la traduzione letterale dell'epiteto è Il fanatico dello zucchero filato.
  9. ^ Manga di One Piece, volume 41, capitolo 398
  10. ^ a b c d (EN) Roy Watanabe, A Story to Draw the Ultimate One Frame, Apricot.com. URL consultato il 21 gennaio 2014.
  11. ^ a b Eiichiro Oda, Dimmi, Oda-sensei in One Piece Blue, Star Comics, 3 ottobre 2003.
  12. ^ Eiichiro Oda, Nightmare Rufy, One Piece, vol. 49, Star Comics, 4 agosto 2008.
  13. ^ Eiichiro Oda, Falce di luna, One Piece, vol. 4, Star Comics, 1º ottobre 2001.
  14. ^ (EN) Interview With Eiichiro Oda from Manga Tengoku, Thegrandline.com, dicembre 2007. URL consultato il 21 gennaio 2014.
  15. ^ a b (JA) Eiichiro Oda, Wanted!, Shueisha, novembre 1998, p. 202, ISBN 978-4-08-872631-1.
  16. ^ (EN) One Piece's 'Prototype' Romance Dawn to be Animated, Anime News Network, 10 luglio 2008. URL consultato il 22 gennaio 2014.
  17. ^ Eiichiro Oda, Pirati contro Cp9, One Piece, vol. 42, Star Comics, 1º marzo 2007, p. 126.
  18. ^ (JA) Kanta Ishida, 「ONE PIECE」尾田栄一郎さんに聞く, Yomiuri Shimbun, 25 luglio 2007. URL consultato il 22 gennaio 2014 (archiviato dall'url originale il 21 giugno 2008).
  19. ^ Eiichiro Oda, Roger e Rayleigh, One Piece, vol. 52, Star Comics, 4 agosto 2009.
  20. ^ (EN) Fans Chat with Oda Sensei! in Shonen Jump, vol. 7, nº 12, Viz Media, dicembre 2009, p. 33.
  21. ^ (EN) http://www.thegrandline.com/odaaeraint.htm
  22. ^ Sito della Fuji TV
  23. ^ One Piece (TV) - Anime News Network. URL consultato il 20 luglio 2008.
  24. ^ (ES) One Piece se emitirá de nuevo en el canal Super 3, 1º giugno 2013, http://ramenparados.blogspot.it/2013/01/one-piece-se-emitira-de-nuevo-en-el.html. URL consultato il 12 settembre 2013.
  25. ^ (ZH) One Piece - 航海王, 2014, http://www.ttv.com.tw/drama/2005/cartoon/onepeace/02-story.asp?epi=634. URL consultato il 9 giugno 2014.
  26. ^ Notizia su Animeclick
  27. ^ Notizia su Animeclick
  28. ^ One Piece Episode Comparisons - Differences Between the English and Japanese Anime
  29. ^ Cartoon Network Has No Plans for One Piece's Return (Updated) - News - Anime News Network
  30. ^ In un episodio ambientato ad Alabasta, Chopper si rivolge a Zoro dicendogli che egli è il più anziano della ciurma; ciò è in contrasto con la data di nascita dei personaggi: risulta, infatti, che Zoro sia nato a novembre e Sanji a marzo ed abbiano tutti e due 19 anni; pertanto, dovrebbe essere Sanji il membro più anziano della ciurma (fino all'entrata di Nico Robin, Franky e Brook nella stessa).
  31. ^ Sailor Moon guida l’autunno televisivo targato Backstage | backstagelicensing
  32. ^ Ratings Watch Global » Kidscreen
  33. ^ One Piece - sigla originale. URL consultato il 12-01-2014.
  34. ^ Oltre Strong World. Nuovo film in arrivo per One Piece, AnimeClick.it, 20 novembre 2011. URL consultato il 20 aprile 2012.
  35. ^ (EN) One Piece Gets New 3D Event Anime Short in December, Anime News Network, 29 ottobre 2011. URL consultato il 18 marzo 2013.
  36. ^ Eleonora Candeli, L'eredità del manga in Editoria decima arte? Contaminazioni multimediali e spericolatezze videoludiche, Guaraldi, 2009, p. 95, ISBN 978-88-8049-347-1.
  37. ^ [1].
  38. ^ (EN) Weekly Shōnen Magazine Circulation Drops Below 2,000,000, ComiPress.
  39. ^ (EN) I dati di Shōnen Jump, Comipress.
  40. ^ One Piece 50: un milione di copie vendute in una settimana, AnimeClick.it, 16 giugno 2008. URL consultato il 24 giugno 2008.
  41. ^ (JA) 『ONE PIECE』第50巻、発売1週目で100万部突破, Oricon, 12 giugno 2008. URL consultato il 24 giugno 2008.
  42. ^ One Piece 57 in stampa record: 3 milioni di copie, AnimeClick.it, 14 febbraio 2010. URL consultato il 14 febbraio 2010.
  43. ^ Il manga più commovente votato dai giapponesi: Top 5, Animeclick, 30 aprile 2008. URL consultato il 26 settembre 2008.
  44. ^ 08年一番面白かった漫画は、先読みできない『ONE PIECE』. URL consultato il 02-01-2009.
  45. ^ I manga più interessanti del 2008 votati dai giapponesi, Animeclick. URL consultato il 21 febbraio 2008.
  46. ^ http://www.manga-news.com/index.php/actus/2011/05/17/One-Piece-n1-des-ventes-en-France.
  47. ^ Classifica degli anime più visti in Giappone a metà dicembre
  48. ^ 'One Piece' Most Downloaded TV Series
  49. ^ One Piece raggiunge i 4 milioni di copie vendute col n.75
  50. ^ (EN) William, Oda Reveals What the One Piece Isn’t, The One Piece Podcast. URL consultato il 05 ottobre 2014.
  51. ^ Manga di One Piece, volume 57, capitolo 558
  52. ^ Manga di One Piece, volume 55, capitolo 540
  53. ^ Capitoli di One Piece vol 7 dopo cap. 60
  54. ^ Probabilmente votazione errata da parte di Star Comics
  55. ^ Capitoli di One Piece vol 43 dopo cap. 419
  56. ^ Capitoli di One Piece vol 55 dopo cap. 541
  57. ^ Capitoli di One Piece vol. 39 dopo cap. 373, Vol. 40 dopo cap. 383 e 387

Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]