Giovani Titani

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
(Reindirizzamento da Titani (fumetto))
Giovani Titani
gruppo
Nome orig. Teen Titans
Lingua orig. Inglese
Alter ego Titani
Autori
Editore DC Comics
1ª app. luglio 1964
1ª app. in The Brave and the Bold n. 54 – I serie
! Formazione

I Giovani Titani (Teen Titans), a volte chiamati anche Titani, sono un gruppo di supereroi dei fumetti dell'universo DC.

La composizione del gruppo di solito comprende supereroi teenager (come suggerisce il nome Teen Titans), e infatti nelle sue primissime avventure il gruppo era una sorta di Justice League junior: i suoi membri erano Robin, Kid Flash e Aqualad, le spalle dei leaguers Batman, Flash e Aquaman e la protetta di Wonder Woman, Wonder Girl.

I fumetti dei Titani faticarono a trovare apprezzamento del pubblico nei loro primi anni, ma diventarono uno dei prodotti migliori della DC negli anni ottanta quando lo scrittore Marv Wolfman e il disegnatore George Pérez cominciarono a lavorare sulla serie The New Teen Titans. Da allora, i personaggi hanno mantenuto una moderata popolarità e sono stati anche adattati in una serie animata che è andata in onda dal 2003 al 2006.

Storia[modifica | modifica wikitesto]

Formazione originale[modifica | modifica wikitesto]

I Giovani Titani nacquero non ufficialmente in The Brave and the Bold n. 54 dove Robin, Kid Flash e Aqualad si unirono per combattere un nemico chiamato Mr. Twister e decisero di formare un supergruppo. Debuttarono ufficialmente come "The Teen Titans" in The Brave and the Bold n. 60, insieme ad un nuovo membro: Wonder Girl. Il personaggio di Wonder Girl (Donna Troy) fu creato proprio per i Giovani Titani, visto che precedentemente Wonder Woman non aveva spalle. I lettori non capirono come Donna Troy fosse entrata nel gruppo fin quando nella mini-serie Who is Donna Troy? Marv Wolfman non svelò che si unì ai tre ragazzi poco dopo la sconfitta di Mr. Twister, e che fu sua l'idea di chiamare il gruppo "Teen Titans".

Dopo un'ultima apparizione in Showcase n. 59, i Teen Titans ebbero una loro serie ufficiale, che iniziò con Teen Titans n. 1, pubblicata nel febbraio del 1966. In Teen Titans n. 4 la spalla di Freccia Verde, Speedy, si unì ai Giovani Titani; successivamente si unirono al gruppo anche Lilith Clay e Mal Duncan.

Il clima giovanile e spensierato dei primi numeri fu soppiantato dai problemi dell'adolescenza e delle responsabilità della storia, che spinse la serie ad esplorare temi come la lotta al razzismo e varie proteste contro la Guerra del Vietnam. Una miniserie iniziata in Teen Titans n. 25 (1970) narra la morte accidentale di un pacifista, che fece riconsiderare ai Giovani Titani i loro metodi. Dopo questo avvenimento ci fu un notevole cambio nella trama che però ridusse la popolarità del fumetto. La serie fu cancellato dopo il numero 43 (febbraio 1973).

Revival anni settanta[modifica | modifica wikitesto]

Qualche anno dopo la cancellazione, la serie fu ripresa con il numero 44 (novembre 1976). Tra le storie del revival ci furono l'introduzione della supereroina Bumblebee, di Duela Dent[1] e del gruppo dei Titans West, formato da altri supereroi quali Batgirl (Betty Kane) e Golden Eagle. Teen Titans n. 50 uscì nell'ottobre del 1977 e narrava dell'incontro tra i Giovani Titani con i Titans West. La serie fu cancellata con Teen Titans n. 53 (febbraio 1978), dove si raccontava che i membri avevano ormai raggiunto i 20 anni e che erano "troppo cresciuti" per essere "Giovani" Titani.

New Teen Titans (Vol. 1[2])[modifica | modifica wikitesto]

In DC Comics Presents n. 26 fu introdotto un nuovo gruppo di Giovani Titani, comandati dai tre membri fondatori, Robin, Wonder Girl e Kid Flash. The New Teen Titans n. 1 uscì nel novembre del 1980 e diede inizio ad una nuova serie sui Giovani Titani. Fu reintrodotto Garfield Logan (il Beast Boy della Doom Patrol) come Changeling e furono introdotti tre nuovi membri, Cyborg, la principessa di Tamaran Starfire e l'empatica Raven, la quale riunì il gruppo per combattere il suo maligno padre, il demone Trigon. Essi riuscirono a sconfiggerlo, e decisero di ricostituire ufficialmente il gruppo.

Le motivazioni degli antagonisti sono spesso complesse, seguendo tendenze venute in mente a quei tempi per dare maggiore profondità ai fumetti, specialmente nel caso di Deathstroke, un mercenario che firma un contratto per uccidere i Titani per poter compiere il lavoro che suo figlio non è in grado di fare. Questo porta all'avventura più complessa della serie, dove Terra, una ragazza in grado di manipolare tutto ciò che riguardi il suolo terrestre, si infiltrò come membro dei Titani, con l'ordine di ucciderli (anche se avendo, ogni tanto, qualche ripensamento). Fu introdotto poi un nuovo membro, Jericho, il figlio di Deathstroke.

Una miniserie importante in questa serie fu Terror of Trigon, dove il Demone Trigon cerca di far diventare malvagia la figlia Raven, infettandola con il suo sangue da Demone, e la ragazza lotta per non diventarlo. Altre miniserie importanti furono: A Day in The Life..., che rappresenta un giorno normale nella vita dei membri, Who is Donna Troy?[3], dove Robin indaga sulla vera identità di Donna Troy e We are Gathered Here Today...[4] che narra il matrimonio di Donna Troy.

Nel 1982 Marv Wolfman e George Pérez pubblicarono Tales of The New Teen Titans, una serie di quattro numeri che narrava le storie di Cyborg, Raven, Starfire e Changeling.

New Teen Titans e Uncanny X-Men[modifica | modifica wikitesto]

New Teen Titans fu una risposta DC alla crescente popolarità di Uncanny X-Men della Marvel Comics, un'altra serie nella quale nuovi giovani membri entravano a far parte dei gruppi, cambiando le varie formazioni. I gruppi si incontrarono nel crossover Apokolips...Now, dove Darkseid collaborava con Fenice Nera.

New Teen Titans (Vol. 2)[modifica | modifica wikitesto]

Nel 1984 New Teen Titans ripartì con un nuovo n. 1, diventando New Teen Titans (Vol. 2)[5], mentre New Teen Titans (prima serie) cambiò nome e diventò Tales of the Teen Titans, che proseguì fino al n. 91.

New Teen Titans ripartì dalla Saga Terror of Trigon, nella quale Raven diventò per la prima volta malvagia, infettata dal padre. I Giovani Titani riuscirono a sconfiggere Trigon, e sigillarono Raven in una prigione interdimensionale, nella quale cercò di liberarsi dall'influenza del demone con l'aiuto della madre Arella.

In New Teen Titans Dick Grayson abbandonerà il suo costume da Robin e diventerà Nightwing, mentre Wally West abbandonerà i Giovani Titani e la sua identità da Kid Flash, per poi diventare il terzo Flash ufficiale.

Il numero 1 della serie suscitò anche delle polemiche in quanto in una pagina si vedevano Dick e Starfire in un letto insieme.

Dal numero 50 la serie cambiò nome, da New Teen Titans a New Titans, poiché i Titani non erano più classificabili come "Giovani", essendo ormai quasi adulti. New Titans n. 50 narra una nuova storia sulle origini di Wonder Girl ed il suo collegamento con Wonder Woman. Perez rimase nel team di autori fino a New Titans n. 67, per poi ritornare nell'ultimo numero della serie, il 130 (febbraio 1996).

Team Titans (Vol. 1)[modifica | modifica wikitesto]

Team Titans è uno spin-off di New Titans. Questa serie fu pubblicata per due anni, dal 1992 al 1994, e comprese 24 numeri più due annual. Le avventure dei Team Titans si svolgevano nel futuro alternativo di un universo parallelo nel quale dovevano sconfiggere Lord Chaos, figlio di Donna Troy e di Terry Long. Per sconfiggerlo, però, i Team Titans avrebbero dovuto ritornare dieci anni nel passato ed uccidere Donna Troy per impedire la nascita del figlio. La maggior parte dei membri del gruppo morì negli eventi di Ora zero. Solo Terra, Mirage e Deathwing sopravvissero. I primi due si allearono ai Titani, mentre Deathwing fu influenzato da una nuova Raven maligna e diventò un nemico dei Titani del presente.

Teen Titans (Vol. 2)[modifica | modifica wikitesto]

Una nuova serie di Teen Titans, scritta e disegnata da Dan Jurgens, iniziò nell'ottobre del 1996. In Teen Titans n. 1 Atomo, che era ritornato un teen-ager negli eventi di Ora zero, diventò il leader di questo nuovo gruppo, ed Arsenal fu una specie di mentore per il gruppo.

La serie di Jurgens però non ebbe successo tra i lettori, poiché il gruppo era formato da membri non conosciuti dal grande pubblico, o che comunque non avevano fatto parte prima del gruppo.

Fu anche indetto un concorso nelle pagine della posta che permetteva ai lettori di scegliere quale personaggio si sarebbe unito al gruppo. Fu scelto Robin, ma gli editor delle serie di Batman non vollero che l'eroe si unisse al gruppo, e fu scelto quindi Capitan Marvel Jr.; tale scelta non fece migliorare le vendite e la serie fu cancellata con Teen Titans n. 24 (settembre 1998).

Titani (1999-2002)[modifica | modifica wikitesto]

I Titani si formarono per l'ennesima volta durante la saga JLA/Titans: The Technis Imperative, dove parteciparono quasi tutti i membri che avessero fatto parte di un'incarnazione del gruppo. Successivamente fu iniziata una nuova serie, scritta da Devin Grayson, che iniziò con Titans Secret Files n. 1 (marzo 1999). I membri che fecero parte del gruppo furono Nightwing, Troia, Arsenal, Tempest, Flash (Wally West) (dal team delle origini), Starfire, Cyborg, Changeling (da New Teen Titans), Damage (da New Titans) ed Argent (da Teen Titans Vol. 2). L'unica new entry fu Jesse Quick.

La serie narrava di come gli ex-membri dei Teen Titans fossero diventati adulti, maturi e responsabili (e infatti il gruppo che rappresentò in quel periodo il gruppo di giovani supereroi fu la Young Justice. La serie si concluse con The Titans n. 50 (2002). In Italia sono stati pubblicati 25 numeri della serie dalla Planeta DeAgostini, in una raccolta di tre numeri chiamata Classici DC: Titani.

Il gruppo si sciolse ufficialmente dopo gli eventi di Titans/Young Justice: Graduation Day, quando si formarono i nuovi Giovani Titani e i nuovi Outsiders.

Giovani Titani[modifica | modifica wikitesto]

Lo scrittore Geoff Johns iniziò nel 2003 la serie Teen Titans Vol. 3, edita in Italia dalla Planeta DeAgostini come Giovani Titani. Il gruppo era composto da alcuni membri della Young Justice (Robin, Wonder Girl, Superboy e Impulso) ed altri delle vecchie formazioni dei Teen Titans (ovvero Cyborg, Starfire e Beast Boy).

Teen Titans n. 1 (2003) fu pubblicato dopo la mini-serie Titans/Young Justice: Graduation Day e raccontava come i membri di Young Justice non avrebbero voluto unirsi ai Giovani Titani, e di come Starfire ha cercato di convincerli a rimanere. I supereroi, durante ogni week-end, sarebbero dovuti andare nella nuova Torre Titan, nell'Isola Titan. Impulso è stato ferito da Deathstroke in Teen Titans n. 2 e alla fine della serie è diventato il nuovo Kid Flash. Raven si è unito al gruppo in Teen Titans n. 12, dopo il suo salvataggio da parte dei Titani dalle grinfie del nuovo Fratello Sangue, di una setta di adoratori del Demone Trigon. La siero-positiva Mia Dearden si è unita al gruppo in Green Arrow n. 46 (ed è apparsa come nuovo membro in Teen Titans n. 21). Starfire ha poi lasciato il gruppo per unirsi agli Outsiders.

In questa serie si è dato spazio anche all'amore tra Wonder Girl e Superboy. Durante Crisi infinita Superboy venne ucciso da Superboy Prime, e ciò h portò ad un grande cambiamento del gruppo e dei suoi membri.

Un anno dopo[modifica | modifica wikitesto]

A seguito degli eventi di Crisi infinita la storia dei Giovani Titani, come quella di ogni personaggio dell'Universo DC, fece un salto temporale di un anno. Il gruppo si è riformato, con alcuni membri vecchi ed altri nuovi membri: Robin, Cyborg, Ravager, Kid Devil e, poco dopo, anche Wonder Girl.

Robin raccontò a Cyborg (che è rimasto inattivo per qualche tempo, ma è stato aggiustato dai gemelli Wendy e Marvin) cosa successe ai vari membri della formazione precedente, e gli comunicò la morte di Conner Kent. Durante la serie il gruppo incontrò la Doom Patrol, che si occupò di curare Kid Devil dal terribile colpo inflittogli da Plasmus della Confraternita del Male. La nuova Doom Patrol, tra cui si trovava anche Beast Boy, aiutò i Titani a sconfiggere il Cervello e la sua Confraternita.

Dopodiché iniziò Titani di tutto il mondo, un arco narrativo in cui Raven comunicò a Cyborg attraverso delle registrazioni che un membro dei Giovani Titani (del presente e del passato) era un traditore. Essi lo andarono a cercare, e capirono che si trattava di Bombshell. Si unirono a loro Raven, Jericho (che sarà resuscitato da Raven) e Miss Martian; dopo aver sconfitto la ragazza ritornerono poi nella Torre Titan.

Ex-componenti famosi[modifica | modifica wikitesto]

Cronologia del gruppo[modifica | modifica wikitesto]

Altri media[modifica | modifica wikitesto]

I Giovani Titani apparvero per la prima volta in televisione nel 1967, nella serie The Superman/Aquaman Hour of Adventure. In questo adattamento apparve la prima formazione del gruppo, composta da Robin, Wonder Girl, Aqualad e Speedy.

Robin apparve inoltre nella serie animata I Superamici. Anche Cyborg apparve assieme a Robin in una serie animata intitolata The Super Powers Team: Galactic Guardians.

La serie televisiva più famosa dei Giovani Titani è stata sicuramente Teen Titans, andata in onda su Cartoon Network dal 2003 al 2006, di cui è stata fatta una serie a fumetti intitolata Teen Titans Go!. Della serie è stato tratto un film, intitolato Teen Titans: Trouble in Tokyo.

Inoltre è stato annunciato un film animato intitolato Teen Titans: The Judas Contract ispirato a New Teen Titans.

I Giovani Titani sono stati menzionati anche nella serie animata di Static Shock, nell'episodio "Hard as Nails", dove è anche apparso Batman. Static chiese informazioni su Robin, e Batman gli rispose che era con i Giovani Titani. Quando chiese ancora più informazioni, Batman gli intimò che per un giorno avrebbe potuto conoscere i Titani.

Inoltre, alcuni membri dei Teen Titans, da soli, sono apparsi in alcuni episodi di varie serie televisive del DC Animated Universe.

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Teen Titans n. 48
  2. ^ Il termine volume è usato in lingua inglese, in questo contesto, per indicare le serie, pertanto Vol. 1 sta per prima serie, Vol. 2 per seconda serie e così via.
  3. ^ New Teen Titans n. 38.
  4. ^ New Teen Titans n. 50
  5. ^ "Vol." è l'abbreviazione di volume, che nell'uso statunitense, in contesto fumettistico, indica non un libro o un tomo bensì una serie.

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

DC Comics Portale DC Comics: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di DC Comics