Al Pratt

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Al Pratt
Universo Universo DC
Lingua orig. Inglese
Alter ego
Autori
Editore DC Comics
1ª app. ottobre 1940
1ª app. in All-American Comics n. 19
Sesso Maschio
Luogo di nascita Gotham City
Parenti

Al Pratt, il più conosciuto come Atomo I, è un personaggio dei fumetti DC Comics, l'eroe originale che combatté il crimine come Atomo. Apparve per la prima volta in All-American Comics n. 19 (ottobre 1940). Inizialmente non aveva superpoteri; invece, era un minuscolo studente universitario e più tardi uno psichiatra, spesso descritto come un personaggio "duro".

Etimologia e origini[modifica | modifica sorgente]

Il personaggio di Atomo (Al Pratt) sembrerebbe pesantemente influenzato dalla storia della vita di Joe Greenstein, un uomo di Coney Island conosciuto professionalmente come "Il Potente Atomo". Sia il vero Greenstein che l'immaginario Al Pratt erano insolitamente piccoli, culturisti e pugili autodidatti per contrastare la salute cagionevole dell'infanzia.

Biografia del personaggio[modifica | modifica sorgente]

Golden Age[modifica | modifica sorgente]

Inizialmente un proverbiale gracilino di 44 chilogrammi per 1 metro e 62 centimetri, Al Pratt fu allenato a combattere dall'ex pugile Joe Morgan (lo stesso uomo che allenò i colleghi di Al, Wildcat e il Guardiano). Pratt presto divenne un socio fondatore della Justice Society of America, apparendo in varie storie della squadra durante le loro originali apparizioni nella Golden Age. Più tardi divenne un membro fondatore e attivo dell'All-Star Squadron. Durante la Seconda guerra mondiale, Pratt servì come autista di carri armati nell'Armata Statunitense.

Nel 1948, Atomo acquistò la super forza come risultato dei latenti effetti della sua battaglia del 1942 con il riluttante criminale Cyclotron (dopo di cui, Pratt ridisegnò il suo costume). Fu più tardi rivelato che prese una custodia parziale della figlia di Cyclotron, Terri.

L'ultima apparizione di Al Pratt nella Golden Age fu in All-Star Comics n. 57 nel 1951, anche l'ultima storia della Justice Society della Golden Age. Più tardi fu rivelato che una sezione speciale del Senato si mobilitò per ottenere le identità di tutti i super eroi attivi, il che portò tutti i membri della Justice Society a ritirarsi.

Gli ultimi anni[modifica | modifica sorgente]

Pratt resuscitò con il resto della squadra nel 1963 in The Flash vol. 1, n. 137, e continuò a fare varie comparse negli anni che seguirono. Il suo status con la Justice Society of America fu quello di membro di riserva fino alla formazione dell'Infinity, Inc.. Dopo Crisi sulle Terre Infinite, in gli Ultimi Giorni della Justice Society Special (1986) si disse quanto Pratt, insieme ai suoi compagni, prevenne la liberazione di Ragnarök, un evento di dislocazione temporale e di distruzione del mondo che iniziò con Adolf Hitler originalmente il 12 aprile 1945. Al fine di evitare la distruzione del mondo, Al e gli altri scelsero di entrare nel magico limbo – apparentemente per l'eternità.

Nella mini-serie del 1992 Armageddon: Inferno portò Al Pratt e gli altri membri della JSA indietro al mondo post-crisi. La brevissima serie Justice Society of America (1992-1993) la storia della reintegrazione della JSA nella società. Al fu descritto come un uomo corto, calvo e tarchiato con mani radioattive super potenti e un corpo da sessantenne. Fu descritto anche come un uomo più interessato ad allenare le nuove generazioni di eroi piuttosto che "correre dietro a pazze missioni da super-eroe" (numero n. 2), sebbene fosse ancora una testa calda. La serie portò Al e la JSA in conflitto con Ultra-Humanite, Pol St. German e Kulak lo Stregone.

La Justice Society fu in servizio brevemente solo quando nel 1994 la miniserie Ora zero descrisse l'assassinio di Al dal criminale temporale Extant.

Eredità[modifica | modifica sorgente]

Negli anni ottanta, il figlioccio di Al Pratt, Albert Rothstein fu presentato; Rothstein era conosciuto come il super eroe Nuklon (più tardi cambiò il nome in Atom Smasher), apparve per la prima volta come membro della Infinity, Inc..

Negli anni novanta, fu rivelato che Pratt aveva un figlio chiamato Grant Emerson. Al Pratt non ne era a conoscenza; gli fu detto che c'erano state complicazioni durante la nascita e che il bambino non era sopravvissuto. In realtà, Grant fu rapito e geneticamente alterato in un super essere dal criminale immortale Vandal Savage; dopo l'entrata nella pubertà divenne il super eroe Damage. Damage più tardi apparve in due incarnazioni nei Teen Titans, finché si unì ai Combattenti per la Libertà e lo fu finché non si unì alla Justice Society of America.

Inizialmente si era creduto che il Manhunter moderno, Kate Spencer era sua nipote. Tuttavia, Kate è in realtà la nipote di Phantom Lady e Iron Munro. Al Pratt permise a Sandra Knight (Phantom Lady) di usare i suoi informatori al fine di entrare in una casa per ragazze madri, che portò al mescolamento.

Nel dopo vita, Atomo divenne amico del recentemente scomparso Starman, David Knight. In sogno, David portò suo fratello, il prossimo Starman, Jack Knight ad un banchetto nel limbo frequentato da Atomo e molti altri uomini del mistero deceduti[1].

Altri media[modifica | modifica sorgente]

  • Al Pratt compare nell'episodio Giustizia assoluta della serie televisiva Smallville. Qui è un super eroe degli anni settanta ed un docente di fisica al Calvin College, che successivamente viene arrestato durante una manifestazione studentesca. Tutto ciò fu un piano del governo come missione per abbattere la JSA. Non fu mai messo in carcere, ma dovette abbandonare la carriera super eroistica poiché il governo adesso conosceva la sua identità segreta. Fu poi nominato dal Dottor Fate nella frase «Tic-Toc, ad Hourman è finito il tempo ed Atom è diviso a metà».

Voci correlate[modifica | modifica sorgente]

Note[modifica | modifica sorgente]

  1. ^ Starman (Vol. 2) n. 37
DC Comics Portale DC Comics: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di DC Comics