Brainiac

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
bussola Disambiguazione – Se stai cercando il programma di Discovery Channel, vedi Brainiac: Science Abuse.
Brainiac
Brainiac.png
Universo Universo DC
Lingua orig. Inglese
Alter ego Vril Dox
Autore Otto Binder
Editore DC Comics
1ª app. luglio 1958
1ª app. in Action Comics n. 242
Specie intelligenza artificiale-coluano
Sesso Maschio
Abilità
  • poteri psichici
  • genio senza confini
  • forza superumana
  • proiezione astrale
Parenti
  • Braniac 5 (discendente)

Brainiac è un personaggio dei fumetti creato da Otto Binder, pubblicato dalla DC Comics.

È un supercriminale che in realtà si chiama Vril Dox e appare solitamente come antagonista di Superman. A causa dell'estrema intelligenza del personaggio, il suo nome è usato nel gergo statunitense (spesso in modo sarcastico) per indicare una persona molto intelligente[1].

Si tratta di un sofisticatissimo androide extraterrestre, costruito dagli alieni del pianeta Colu, il cui scopo è quello di distruggere Superman che più di una volta si è opposto ai suoi folli piani. A tale scopo si alleerà più volte con l'altro grande nemico di Superman, Lex Luthor. Col passare degli anni modificherà sempre di più il suo aspetto, fino a diventare una vera e propria macchina.

Braniac ha l'hobby di conservare sotto vetro intere città, dopo averne ridotte le dimensioni con un raggio di sua invenzione: tra le sue imprese più famose si ricordi la città di Kandor del pianeta Krypton, rimpicciolita e messa in bottiglia con i suoi sette milioni di abitanti.

Dopo la crisi, la storia di Braniac venne cambiata: lo scienziato Vril Dox venne distrutto dalle macchine tiranni del suo pianeta: la sua mente viaggia nello spazio fino a che non entra in un prestigiatore dotato di poteri telecinetici latenti chiamato Milton Fine, il cui soprannome era appunto "Brainiac". In seguito trasferirà la sua mente in un corpo robotico, continuando a minacciare l'uomo d'acciaio e i suoi alleati.

È un avversario temibile perché il suo corpo viene continuamente ricostruito. Inoltre possiede una grande nave spaziale, e ha un livello di intelligenza pari a 12, superiore alla maggior parte dei terrestri.

Altre versioni[modifica | modifica sorgente]

Exquisite-kfind.png Per approfondire, vedi Batman: Il cavaliere oscuro colpisce ancora, Superman: Red Son e Amalgam Comics.

Il cavaliere oscuro colpisce ancora[modifica | modifica sorgente]

In Batman: Il cavaliere oscuro colpisce ancora, seguito della miniserie di Frank Miller Il ritorno del cavaliere oscuro, Brainiac governa in gran segreto l'America assieme a Lex Luthor. Egli è in possesso della città miniaturizzata di Kandor; grazie ad essa lui e Luthor riescono a ricattare Superman costringendolo ad obbedire ai loro ordini. Su ordine di Batman, egli viene distrutto da Lara, la figlia di Superman e Wonder Woman, dopo che la ragazza, assistita da Ray Palmer, ha liberato Kandor.

Superman: Red Son[modifica | modifica sorgente]

Nell'elseworld Superman: Red Son Brainiac con l'aiuto di Luthor riesce a miniaturizzare Stalingrado (al posto della Kandor della realtà classica). Viene riprogrammato da Superman e ne diviene il suo assistente, ma alla fine rivela di aver finto di assecondare l'Uomo d'Acciaio, solo per riuscire a dominare la Terra. Superman e Lex riescono poi a sconfiggerlo, facendo esplodere il robot alieno nello spazio, cosa che porta all'apparente morte del kryptoniano.

Amalgam[modifica | modifica sorgente]

Nell'universo Amalgam, Brainiac si fonde con il "Divoratore di mondi" della Marvel Comics, Galactus, formando l'alieno Galactiac, nemesi dei Quattro Esploratori del Fantastico (i Fantastici Quattro della Marvel più i Challengers of Unknown della DC).

Altri media[modifica | modifica sorgente]

Exquisite-kfind.png Per approfondire, vedi Smallville (serie televisiva).

Nella quinta stagione della serie televisiva Smallville Brainiac è uno dei comprimari ricorrenti, interpretato da James Marsters. La sua prima apparizione avviene alla fine dell'episodio Arrival. Alla fine dell'episodio Brainiac prende forma umana, sorgendo da un liquido nero che esce dall'astronave nera kryptoniana che si è schiantata sulla Terra nell'episodio finale della quarta stagione.

In tutti gli episodi in cui compare viene chiamato Milton Fine anche se nell'episodio Vessel viene chiamato Brain InterActive Construct (nell'episodio Fallout Raya è la prima persona a chiamarlo BrainIAC) da Jor-El. L'interpretazione di Brainiac fornita dagli sceneggiatori della serie è simile a quella di Le avventure di Superman, Justice League e Justice League Unlimited; quella di un computer che ha forma umanoide con la differenza che Braniac è ora una creazione kryptoniana.

Nell'episodio Aqua Clark Kent incontra Brainiac per la prima volta. Brainiac è il suo professore di storia moderna all'università e lo assume come assistente. Fine dice a Clark di essere kryptoniano. Nell'episodio Solitude provoca una malattia mortale alla madre di Clark, Martha Kent, e convince Clark che è stato Jor-El a farla ammalare e per salvarla deve distruggere la Fortezza della solitudine estraendo un cristallo che avvia il processo di autodistruzione. Lui lo fa e quando la Fortezza inizia a distruggersi Fine espone Clark alla kryptonite in modo che non possa distoglierlo dai suoi propositi. Fine gli rivela che era stato creato dai kryptoniani e che il Generale Zod è l'unico vero kryptoniano e che ora è libero di ricreare Krypton sulla Terra. Lascia la kryptonite vicino a Clark e va a dare il benvenuto a Zod che sta per uscire dalla Dimensione Fantasma.

Chloe Sullivan, scoperto che Fine è cattivo, arriva alla Fortezza della solitudine, prende la kryptonite e la porta lontano da Clark. Clark combatte con Fine, lo uccide e la Fortezza smette di autodistruggersi. Ma Fine è solo apparentemente morto, infatti alla fine della quinta stagione riappare e tenta di liberare Zod. Clark lo uccide di nuovo con un cristallo ma la sua morte causa la liberazione di Zod che possiede Lex Luthor e imprigiona Clark nella Zona Fantasma.

Brainiac/Fine appare anche nella settima stagione; in questa stagione prima libera Bizzarro dalla dimensione fantasma per uccidere Clark, fa finire in coma Lana, per poi tornare efficiente grazie alle informazioni prese da Dax-Ur, un kryptoniano, ed infine viaggia indietro nel tempo nella Krypton del 1989 nel tentativo di uccidere Clark neonato ma viene fermato da Clark adulto e da Kara-El (la cugina di Clark). Sembra morire in quell'episodio ma non è così; infatti imprigiona Kara nella dimensione fantasma e assume il suo aspetto, e poi rivela a Lex il segreto di Clark e Kara. Viene ucciso da Clark nell'ultimo episodio della settima stagione; dopo la sua morte Lana e Chloe, finite in coma a causa sua, si risvegliano dal coma.

Nell'ottava stagione tuttavia riesce a ritornare in vita tramite Chloe Sullivan, che egli aveva mandato in coma al termine della stagione precedente. Dopo essersi risvegliata dal coma, Chloe acquista un nuovo potere donatogli da Brainiac, diventa super-intelligente come un supercomputer. Ben presto però il suo potere mostra degli effetti collaterali: Chloe infatti comincia a perdere ricordi, scordandosi chi sono Lana, Clark e persino Jimmy, il suo fidanzato. Clark per impedire a Brainiac di cancellare i ricordi di Chloe sostituendoli con un messaggio in codice kryptoniano ricostruisce la Fortezza della Solitudine e chiede a Jor-El di ripristinarle tutti i ricordi, tranne quelli riguardanti il segreto di Clark (in modo da proteggerla). Jor-El riesce nell'intento, ma negli ultimi istanti dell'episodio il liquido nero uscito da Chloe (Brainiac) si impossessa della fortezza rendendola nera e annunciando l'arrivo di un distruttore (Doomsday) che renderà la vita difficile a Clark. Nella puntata successiva Doomsday rapisce Chloe (che si era appena sposata con Jimmy nel fienile di Clark) e la porta nella Fortezza dove Chloe viene posseduta da Brainiac che torna così in vita.

Appena tornato in vita, Brainiac rinchiude in una crisalide Davis Bloome (la parte umana di Doomsday) in modo che la parte malvagia di Davis (Doomsday) prevalga sulla sua parte buona. Nel frattempo Clark fa la conoscenza con la Legione, una squadra di supereroi provenienti dal XXXI secolo; la Legione, dopo aver salvato Clark da un supercriminale del futuro, dice al futuro Superman che per sconfiggere Brainiac dovrà uccidere l'ospite, cioè Chloe. Clark tenta di trovare un modo per distruggere Brainiac senza uccidere Chloe e alla fine con l'aiuto della Legione riesce nel suo intento, grazie a un "tecno-esorcismo". Brainiac viene ridotto a un inoffensiva palla e viene portato nel futuro dalla Legione che progetta di utilizzarlo per creare Brainiac 5, per poi distruggerlo.

Brainiac tornerà nuovamente nel quarto episodio della decima stagione, ormai trasformato in Brainiac 5 dai membri della Legione. Però adesso non è più un antagonista, ma è buono e vorrà aiutare Clark con i suoi problemi e nella sua relazione con Lois.

Note[modifica | modifica sorgente]

  1. ^ Roberta Cagliero-Chiara Spallino, Dizionario di Slang Americano. Mondadori, 1999
DC Comics Portale DC Comics: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di DC Comics