Superman II

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Superman II
SupermanII.png
Logo del film
Titolo originale Superman II
Lingua originale inglese
Paese di produzione Regno Unito
Anno 1980
Durata 127 min
  • 116 min (Richard Donner Cut)
Colore colore
Audio sonoro
Genere azione, fantastico, avventura
Regia Richard Lester (e Richard Donner, non accreditato)
Soggetto Mario Puzo, basato sul personaggio creato Jerry Siegel e Joe Shuster
Sceneggiatura Mario Puzo, David Newman, Leslie Newman, Tom Mankiewicz (non accreditato)
Produttore Pierre Spengler
Produttore esecutivo Ilya Salkind
Casa di produzione Warner Bros.
Fotografia Robert Paynter, Geoffrey Unsworth
Montaggio John Victor-Smith
Effetti speciali Colin Chilvers, Robert Harman, Zoran Perisic
Musiche Ken Thorne
Tema musicale John Williams
Scenografia John Barry, Peter Murton
Costumi Yvonne Blake, Sue Yelland
Trucco Stuart Freeborn
Sfondi Peter Howitt, Peter Young
Interpreti e personaggi
Doppiatori italiani
Premi
(EN)
« The adventure continues! »
(IT)
« L'avventura continua! »
(Lo slogan pubblicitario del film)

Superman II è un film del 1980, diretto da Richard Lester e interpretato per la seconda volta da Christopher Reeve. Ispirato all'omonimo personaggio dei fumetti, e sequel del film Superman del 1978. A Superman II è poi succeduto Superman III (1983) e quindi Superman IV (1987) che chiude i film dedicati a Superman, fino all'uscita di Superman Returns (2006), che costituisce un ideale seguito di Superman II, dalle cui vicende la trama trae spunto e che tralascia completamente il terzo e il quarto capitolo della saga degli anni ottanta.[1] Nel cast oltre a Reeve spiccano attori di gran fama come Gene Hackman, Terence Stamp, Ned Beatty, Sarah Douglas, Margot Kidder e Jack O'Halloran. A differenza del primo film, la produzione del sequel fu tormentata da alcuni dissidi interni legati soprattutto a questioni di budget.[2] Ne sono un esempio l'assenza di Marlon Brando e del regista Richard Donner che in questo film è sostituito da Richard Lester. Nonostante alla regia sia stato accreditato solo Lester, circa il 75% del film è stato diretto da Donner,[3] mentre a detta dello stesso regista solo il 25% è stato girato da Lester.[3] Il materiale girato da Donner verrà poi montato in Superman II - The Richard Donner Cut, che costituisce la versione originale del film, con un diverso montaggio voluto da Donner e distribuito direttamente in DVD.

Trama[modifica | modifica wikitesto]

Parigi vive ore di terrore a causa di un gruppo di terroristi trinceratisi nella Torre Eiffel con una bomba all'idrogeno capace di distruggere l'intera città. Lois Lane si intrufola clandestinamente sotto un ascensore, con l'intento di scrivere uno scoop capace di garantirle il Pulitzer.

Superman raggiunge il posto quando l'ascensore viene fatto precipitare nel vuoto dalla polizia, causando inavvertitamente l'innesco del terribile ordigno. Salvata la giornalista, l'ultimo figlio di Krypton lascia l'atmosfera del pianeta Terra e scaglia nello spazio profondo l'ascensore. L'esplosione che ne segue è spaventosamente forte. L'onda d'urto che si propaga raggiunge l'antica e ormai dimenticata zona fantasma che, proprio in quel momento, sta transitando presso la Terra. La fessura cristallina vagante per lo spazio da un tempo infinito custodisce il generale Zod, Ursa e Non, i tre famosi rivoluzionari kryptoniani che Jor-El aveva condannato di fronte al Consiglio di Governo poco prima che Krypton esplodesse. Appena l'onda d'urto la raggiunge, essa esplode tragicamente, liberando i tre pericolosi malfattori proprio in prossimità dell'orbita del pianeta Terra.

Frattanto, Lex Luthor sta scontando una condanna all'ergastolo, ma sta per progettare una fuga, a cui seguirà una vendetta contro Superman, colpevole di avergli impedito un massacro in California da cui avrebbe tratto il massimo profitto finanziario. Nella manica ha un asso: in cella, infatti, custodisce un miracoloso rilevatore di onde Alpha, capaci di intercettare gli spostamenti di Superman. Prima di andare in carcere, Luthor aveva scoperto che il kryptoniano si dirigeva costantemente a nord. Trae quindi la conclusione che l'alieno abbia un segreto che potrebbe renderlo vulnerabile.

Zod, Ursa e Non raggiungono la luna, dove sviluppano rapidamente i superpoteri ottenuti dal beneficio dei raggi del sole giallo terrestre, e massacrano barbaramente una squadra di astronauti russi e statunitensi. Equivocando con le comunicazioni spaziali, essi chiamano il pianeta Houston, e scoprono che esso è popolato da una civiltà rimasta indietro secoli e secoli, quindi facilmente soggiogabile. Zod ordina ai due suoi compagni mutanti pertanto di raggiungerlo, poiché finalmente otterranno lì quanto su Krypton non ottennero mai: un regno tutto per loro.

Luthor, con l'intercettatore Alpha, raggiunge il Polo Nord e penetra nella Fortezza della solitudine, dove accede alla conoscenza kryptoniana e curiosa nelle registrazioni ataviche contenute nei cristalli. Scopre così che Superman aveva un padre di nome Jor-El, che un giorno aveva sfoggiato tutta la sua autorità imprigionando tre pericolosi ribelli in una fessura spazio-temporale anomala, da cui c'era comunque una possibilità di fuga.

In quei giorni, Clark Kent e Lois Lane raggiungono le Cascate del Niagara, sotto copertura, incaricati di svelare ai rotocalchi tutti i retroscena di una serie di truffe matrimoniali. Inaspettatamente, Lois scopre attraverso un banale incidente domestico che Clark, l'amico imbranato e pacioccone, timido e fifone, altri non è che Superman. Insieme, i due volano fino alla Fortezza della Solitudine, dove l'ultimo figlio di Krypton le racconta la grandezza della civiltà da cui nacque e il modo in cui, anni prima, il cristallo verde lo aveva condotto fino al luogo dove la Fortezza si erge con fierezza. In poche ore, dopo aver consultato la madre Lara, Kal-El si espone in una camera di cristallo ai raggi rossi sintetici del sole di Krypton, i quali lo privano dei suoi superpoteri: ora può finalmente dedicarsi a Lois. Insieme raggiungono un piccolo pub sulla strada per mangiare qualcosa e Clark, ormai privo dei suoi poteri, viene picchiato da Roky, un cliente abituale del locale molto violento; Clark vede così per la prima volta il suo sangue e decide di riacquistare i suoi super poteri, mosso anche dal fatto che i tre criminali stanno conquistando la terra. Ma non è affatto il momento adatto. I tre malfattori kryptoniani arrivano sulla Terra, e radono al suolo uno sconosciuto paese di provincia, brutalizzando un commando dell'esercito degli Stati Uniti. Giunti alla Casa Bianca, i tre convincono il Presidente degli Stati Uniti a cedere loro il comando dell'intero pianeta.

Superman è costretto quindi a riattivare la tecnologia della Fortezza, e a riprendersi i poteri. Luthor raggiunge Zod e lo informa che sa come raggiungere il figlio di Jor El, offrendogli la possibilità di vendetta. I tre kryptoniani raggiungono il Daily Planet e ne distruggono l'edificio, prendendo in ostaggio Lois. Superman raggiunge in volo il posto, e tra i quattro superalieni scoppia una battaglia tremenda che rischia di distruggere l'intera Metropolis. In piena lotta, Superman scappa inspiegabilmente. Presa Lois come debole e sventurata prigioniera, i tre loschi individui lo inseguono fino alla Fortezza della Solitudine, dove lo affrontano in un secondo e più arduo combattimento. Superman, stavolta, ha la meglio: nel frattempo, infatti, i raggi sintetici del sole rosso di Krypton sono stati sprigionati al di fuori della cella di cristallo, e il figlio di Jor-El si salva usandola facendo credere loro che ne sarebbe stato vittima solo lui, al suo interno. Caduti fatalmente i tre malvagi e feroci criminali in un crepaccio, Lois e Superman riconsegnano Lex Luthor al carcere.

Lois non è affatto felice, anzi, è affranta nel sapere che l'uomo che ama non potrà mai essere veramente suo. Clark le fa dimenticare il segreto della sua duplice identità dandole un bacio. Lois torna a ritenere Clark come un ragazzo semplice, bonario e, a volte, persino un po' goffo, mentre in Superman continua a vedere il grande amore della sua vita. Clark torna nel locale per incontrare Roky, il violento cliente che lo aveva picchiato quando era un uomo normale, e gli impartisce una piccola lezione scaraventandolo su un flipper, dopo che da solo Roky si era fatto male alla mano colpendo Clark allo stomaco, pensando di metterlo di nuovo K.O., senza sapere che Clark era ritornato ad essere Superman.

Produzione[modifica | modifica wikitesto]

Exquisite-kfind.png Per approfondire, vedi Superman (film)#Produzione.

L'idea di Superman II nacque contemporaneamente a quella del primo Superman.[4] Ilya Salkind, infatti, aveva intenzione di girare contemporaneamente due film sull'uomo d'acciaio a partire dal 1974,[5] anno in cui la Warner Bros. comprò i diritti del personaggio dalla DC comics. Le riprese iniziarono praticamente in contemporanea con quelle del primo film e proprio per questo il cast rimase pressoché invariato. Christopher Reeve venne confermato, così come Margot Kidder, Gene Hackman, Susannah York e Terence Stamp. Per un breve periodo, il set del sequel fu interrotto, in modo che Donner potesse concentrarsi sul primo film.[4][6]

L'esclusione di Donner e Brando[modifica | modifica wikitesto]

Contrariamente agli altri attori apparsi nel primo film, Marlon Brando non venne confermato nuovamente nel seguito a causa dei disaccordi con i produttori, i quali non erano molto propensi a pagare un compenso così alto (11,75%[7]) come quello del primo film.[2][8] Inoltre considerando anche il fatto che Marlon Brando aveva intentato una causa contro la loro società per costringerli a pagare, i due produttori decisero che era meglio evitare di utilizzare le scene con Marlon anche nel sequel, per evitare ulteriori incidenti giudiziari.[2] Proprio per questo, al posto di Brando, nel film compare Susannah York, interprete di Lara, madre naturale di Superman, nel ruolo di "voce spirituale" del figlio.[2]

Per quanto riguarda il regista ci furono dei contrasti con i Salkind, soprattutto per questioni di soldi e di tempi di realizzazione. Per questo motivo, quando il primo film venne riconosciuto come successo e si poté passare alla produzione del seguito, Donner venne semplicemente licenziato, senza essere direttamente avvertito dai due produttori.[2] Al suo posto subentrò Richard Lester, nonostante Donner avesse già girato il 75% delle scene.[3] Donner non parla volentieri di questa esperienza, definendo addirittura ogni singola scena diretta dal suo sostituto come «una pugnalata nel cuore».[2]

Cast tecnico[modifica | modifica wikitesto]

Gli effetti visivi, che già erano valsi al primo film un premio Oscar, vennero quasi interamente riconfermati per questo secondo episodio, approfittando anche del fatto che, essendo buona parte del film girata insieme al primo, si potevano usare le stesse apparecchiature per entrambe le pellicole contemporaneamente.[9]

John Williams non fu confermato nella composizione della colonna sonora, a causa di precedenti impegni legati alla produzione di Star Wars. Venne assunto così un compositore britannico, Ken Thorne, buon amico del nuovo regista Richard Lester e raccomandato dallo stesso Williams.[2] Sempre per riutilizzare senza limiti quella originariamente composta dal poliedrico compositore di New York. La sezione musicale di Superman II, però, dovette far fronte a un altro problema, sempre causato da fattori economici.[2] L’orchestra fornita a Ken Thorne fu notevolmente ridotta e questo influì sulla resa dei pezzi originali di Williams, che realizzò il suo lavoro in condizioni ben migliori. Il risultato di Thorne fu ugualmente notevole, ma i cultori di musica classica con l’orecchio ben allenato non potranno fare a meno di notare le profonde differenze tra i due lavori.

Distribuzione[modifica | modifica wikitesto]

Per il lancio di questo film la Warner Bros. ha distribuito la pellicola dapprima in Sudafrica e in altre parti del mondo, ed è giunta nella sale cinematografiche americane soltanto nel giugno del 1981.

Accoglienza[modifica | modifica wikitesto]

Da parte degli aggregatori di recensioni, Superman II ha ottenuto un punteggio positivo di 6,7/10 per IMDb,[10] e 88% per Rotten Tomatoes.[11] La critica rimase profondamente colpita dalla trama di questo sequel, e lo giudicò perfino migliore del primo film.[12][13]

Negli Stati Uniti, Superman II incassò $108,185,706, diventando il terzo film campione di incassi del 1981.[14] Ha ottenuto anche un Academy of Science Fiction, Fantasy and Horror Films nello stesso anno.[15]

Superman II è stato segnalato tra i migliori film in diverse classifiche; ad esempio l'interpretazione del Generale Zod si è classificata al trentaduesimo posto tra i 50 Greatest Villains of All Time ("100 migliori cattivi di tutti i tempi"), battendo così anche Lex Luthor che si trovava al 38º posto.[16] Il sito IGN, invece, ha posizionato il Generale Zod al n. 30 nel sondaggio 'Top 50 Comic Book Villains'.[17]

Superman II - The Richard Donner Cut[modifica | modifica wikitesto]

Exquisite-kfind.png Per approfondire, vedi Superman II - The Richard Donner Cut (2006).

Superman II - The Richard Donner Cut costituisce la versione originale del film, con un diverso montaggio voluto dal regista Richard Donner, dal consulente creativo Tom Mankiewicz (che aveva già scritto il primo film[18]) e da Michael Thau, e uscita direttamente in DVD accompagnando la versione ufficiale. La director's cut di Donner è stata montata e completata recentemente, sostituendo le scene girate da Susannah York con quelle interpretate da Marlon Brando. Il film è uscito esclusivamente per il mercato DVD con il titolo Superman II - The Richard Donner Cut. Questa edizione è stata distribuita nel 2006 in Italia, in lingua originale e sottotitolata in italiano, in un cofanetto DVD insieme con la versione ufficiale di Richard Lester. Esiste però una versione doppiata in italiano, non ufficiale, realizzata da una compagnia teatrale milanese che ha eseguito gratuitamente il doppiaggio per i fan della saga.[19] Il film è dedicato alla memoria di Christopher Reeve, «senza il quale non avremmo mai creduto che un uomo potesse volare».

Scene aggiuntive della versione di Donner[modifica | modifica wikitesto]

  • Viene reinserita la scena in cui Jor-El condanna il Generale Zod, Ursa e Non nella zona fantasma
  • Il Generale Zod, Ursa e Non assistono alla distruzione di Krypton e alla partenza di Kal-El per la Terra.
  • Il Generale Zod, Ursa e Non vengono portati e imprigionati nella zona fantasma.
  • Il Generale Zod, Ursa e Non vagano senza meta nello spazio.
  • La zona fantasma viene distrutta da uno dei due missili nucleari usati da Lex Luthor nel primo film, liberando così il Generale Zod, Ursa e Nod che si dirigono verso la Luna.[20]
  • Lois, vedendo una foto di Superman da vicino, capisce che l'uomo d'acciaio è Clark Kent.
  • Perry White affida a Lois e Clark un incarico sotto copertura alla Cascate del Niagara per svelare ai rotocalchi tutti i retroscena di una serie di truffe matrimoniali.
  • Lois si butta dal palazzo del Daily Planet per testare la sua ipotesi, ma Clark riesce a salvarla senza trasformarsi in Superman.
  • Dopo essere scappato di prigione, Lex e la signorina Teschmacher discutono su dove si trovi il nord.
  • Il discorso tra Lex Luthor e la signorina Teschmacher prima di entrare nella fortezza della solitudine.
  • Lex Luthor scopre, attraverso lo spirito di Jor-El, dell'esistenza di tre entità malvagie provenienti da Krypton.
  • Nella camera matrimoniale, Lois spara a Clark e capisce che lui è Superman.
  • Superman si toglie i poteri, nonostante suo padre Jor-El sia contrario.
  • Il Generale Zod spara ai militari durante l'attacco alla casa bianca.
  • Clark ritorna nella fortezza della solitudine e riacquista i poteri grazie all'intervento di suo padre che sparisce per sempre.
  • Versione alternativa della scena finale dello scontro tra Superman e i tre kryptoniani.
  • Superman distrugge la fortezza della solitudine.
  • Lois scrive l'articolo sulla vittoria di Superman.
  • Lois, come il resto del mondo, scorda gli avvenimenti narrati nel film esattamente come avviene nel precedente, quando Superman cambia la rotazione della Terra, facendo tornare indietro il tempo.[21]

Tra le scene eliminate dal regista Richard Lester c'è quella in cui Lex Luthor fugge per la seconda volta dalla prigione grazie all'intervento della signorina Teschmacher.[22] Questo è impossibile, visto che Luthor viene condannato ai lavori forzati, da cui uscirà solo grazie all'intervento di suo nipote Lenny in Superman IV.

Scene presenti nella versione di Lester (eliminate da Donner)[modifica | modifica wikitesto]

  • La scena ambientata a Parigi dove Superman salva Lois e getta la bomba dei terroristi nello spazio.
  • Lois e Clark che entrano nella camera matrimoniale.
  • Le scene con Susannah York.
  • Le scene del combattimento tra Superman e i tre kryptoniani nella fortezza della solitudine.
  • Lois dimentica gli avvenimenti precedenti, compreso il fatto di aver giaciuto con Kal-El, grazie a un bacio che Clark le dà per evitare di farle sopportare l'immane peso della sua identità segreta.

Promozione e critica[modifica | modifica wikitesto]

Il 20 settembre 2006, la Warner Bros. ha presentato il trailer ufficiale in "Superman Collection DVD box set", che comprende un'anteprima dei filmati di Superman II: The Richard Donner Cut.[23] Il 21 novembre 2006, la Warner Bros. ha presentato il trailer in Superman Ultimate Collection DVD box set.

Alla prima del film erano presenti oltre al regista Richard Donner e al produttore Ilya Salkind anche alcuni membri del cast originario. Dopo la proiezione, Richard Donner, Tom Mankiewicz, Margot Kidder, Sarah Douglas e altri membri del cast membri hanno cenato insieme.[24][25][26][27][28] I biglietti per il film sono andati alla Christopher and Dana Reeve Foundation.[29]

Da parte degli aggregatori di recensioni, il film ha ottenuto un punteggio positivo di 86% per Rotten Tomatoes contro l'88% del film originale.[30]

Curiosità[modifica | modifica wikitesto]

  • Il regista Richard Donner cominciò a girare una versione del sequel del suo film girato nel 1978, mentre stava ancora ultimando il primo film.
  • Nella prima versione della sceneggiatura, si era immaginato che la distruzione della zona fantasma fosse dovuta all'esplosione di uno dei due missili nucleari usati da Lex Luthor nel film Superman.[20]
  • In Superman II vengono introdotti strani poteri di cui non c’è traccia nel fumetto, come un potere di levitazione (Zod solleva con un raggio lo sceriffo della contea attaccata alla prima scena del film) e una strana “S” che Superman si toglie dal petto per poi lanciarla contro a chi lo stava attaccando.[31]

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ (EN) Superman Director Up, Up, and Away!, Movies IGN, 11 luglio 2004.
  2. ^ a b c d e f g h Superman II, Superman news, marzo 2011. URL consultato il 6 marzo 2011.
  3. ^ a b c Peter Tonguette, Bright Lights Film Journal :: The Superman Films of Richard Lester, Brightlightsfilm.com. URL consultato il 17 giugno 2010.
  4. ^ a b Barry Freiman, One-on-One Interview with Producer Ilya Salkind in Superman Homepage, febbraio 2006. URL consultato il 9 settembre 2008.
  5. ^ Richard Donner, Tom Mankiewicz, Christopher Reeve, Margot Kidder, Lynn Stalmaster, Marc McClure, Taking Flight: The Development of Superman, 2001, Warner Home Video
  6. ^  . Warner Bros., , 2006
  7. ^ Moviehole.net: Exclusive Interview: Ilya Salkind
  8. ^ Peter Manso, The Way It's Never Been Done Before in Brando the Biography, Hyperion, novembre 1995, ISBN 0-7868-8128-3.
  9. ^ Nicholas Leahy, How Superman flies in Starburst, aprile 1982, pp. 16—19.
  10. ^ Superman II (1980) - IMDb
  11. ^ Superman II Movie Reviews, Pictures, Rotten Tomatoes. URL consultato il 19 dicembre 2010.
  12. ^ Superman :: rogerebert.com :: Reviews, Rogerebert.suntimes.com. URL consultato il 19 dicembre 2010.
  13. ^ Superman II :: rogerebert.com :: Reviews, Rogerebert.suntimes.com. URL consultato il 19 dicembre 2010.
  14. ^ Superman II (1981), Box Office Mojo, 1º gennaio 1982. URL consultato il 19 dicembre 2010.
  15. ^ Superman II (1980) - Awards
  16. ^ The Top 50 Greatest Heroes & Villains Of All Time – ‘Total Film’ Compiled List, Snarkerati.com, 24 novembre 2007. URL consultato il 19 dicembre 2010.
  17. ^ General Zod is number 30 – IGN, IGN. URL consultato il 19 dicembre 2010.
  18. ^ http://www.capedwonder.com/scripts/superman_2-mankiewicz.pdf
  19. ^ Emanuele Manco, Superman torna al cineforum Fantafilm, Corriere della fantascienza, 7 giugno 2010. URL consultato il 30 dicembre 2011.
  20. ^ a b Superman, L'occhio critico, ottobre 2010. URL consultato il 10 febbraio 2010.
  21. ^ Tale montaggio spiega diversamente il motivo per cui Lois Lane non rammenta di poter aver avuto un figlio da Kal-El.
  22. ^ Video can be viewed here, Video.ugo.com. URL consultato il 6 settembre 2010.
  23. ^ http://www.totaleclips.com/player/Bounce.aspx?eclipid=e29065&bitrateid=214&vendorid=235
  24. ^ (EN) Todd Gilchrist, IGN: Superman II (The Richard Donner Cut) Preview, Uk.dvd.ign.com, 3 novembre 2006. URL consultato il 6 settembre 2010.
  25. ^ (EN) Bags and Boards: Donner's Vision Soars at Last, Weblogs.variety.com, 3 novembre 2006. URL consultato il 6 settembre 2010 (archiviato dall'url originale il 18 aprile 2007).
  26. ^ Home Media Magazine - Bringing Digital Entertainment To You, Homemediaretailing.com, 3 novembre 2006. URL consultato il 6 settembre 2010.
  27. ^ http://www.myfoxdetroit.com/myfox/pages/Entertainment/Detail?contentId=1462504&version=2&locale=EN-US&layoutCode=VSTY&pageId=7.1.1
  28. ^ Video on UGO.com, Video.ugo.com. URL consultato il 6 settembre 2010.
  29. ^ Superman Homepage, Superman Homepage. URL consultato il 6 settembre 2010.
  30. ^ (EN) Superman II: The Richard Donner Cut, Rotten Tomatoes. URL consultato l'11 ottobre 2007.
  31. ^ Superman II (1980) – Cast, Credits and Awards in The New York Times. URL consultato il 15 maggio 2011.

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]