LexCorp

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.

La LexCorp è una società di capitali dei fumetti di Superman, introdotta nel 1988 da John Byrne.

Storia e descrizione[modifica | modifica wikitesto]

La LexCorp è un vasto insieme di aziende di proprietà di Lex Luthor, il cittadino più ricco e potente di Metropolis che, nato in povertà, eredita un premio assicurativo pari a trecentomila dollari che investe comperando alcune società produttive e commerciali, ampliandone i guadagni e le proprietà fino al giorno in cui si ritrova a capo di uno degli imperi finanziari più in vista del mondo, in perenne competizione con la Wayne Enterprises di Gotham City.

Le attività di punta della LexCorp sono la produzione di armi, l'estrazione e la lavorazione del petrolio e altri minerali, attività bancarie e finanziarie, costruzioni civili, trasporti, commercio, attrazioni turistiche, scienze ecologiche, filantropia. Attualmente, l'erede all'immenso patrimonio di Luthor è la piccola Lena, unica figlia neonata del magnate avuta durante il matrimonio con la contessa Erica Alexandra del Portenza, ora sua ex moglie e nel contempo più grande nemico dopo Superman.

Altri media[modifica | modifica wikitesto]

  • La LexCorp viene citata brevemente dal personaggio di Otis nel film Superman, del 1978, in cui Luthor è presentato come un intrigante speculatore senza scrupoli dedito a pericolosi affari immobiliari nello Stato della California. L' azienda porta il nome Lex Luthor Corporation;
  • Viene inoltre citata in Lois & Clark - Le nuove avventure di Superman, senza sostanziali cambiamenti dalla versione dei fumetti;
  • In Smallville la società chiama LuthorCorp ed è stata fondata dal padre di Lex, Lionel; Lex durante le prime stagioni tenta di aprire la LexCorp, ma fallisce. Nell'ultimo doppio episodio (Finale) una scossa di terremoto fa precipitare alcune lettere dell'insegna della LuthorCorp, che diventa LXCorp.
  • Nel reboot cinematografico di Superman, L'uomo d'acciaio, uscito nel 2013, ci sono molti riferimenti alla LexCorp, nonostante Luthor non compaia mai.