Ladyhawke

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
« Sempre insieme, eternamente divisi… »
(Philippe Gaston, il Topo, parlando della maledizione dei protagonisti)
Ladyhawke
Ladyhawke.jpg
Una scena del film
Titolo originale Ladyhawke
Paese di produzione Stati Uniti
Anno 1985
Durata 116 min
Colore colore
Audio sonoro
Rapporto 2.35 : 1
Genere epico, fantastico, avventura, romantico
Regia Richard Donner
Soggetto Edward Khmara
Sceneggiatura Edward Khmara, Tom Mankiewicz, Michael Thomas, David Webb Peoples
Produttore Lauren Shuler
Fotografia Vittorio Storaro
Montaggio Stuart Baird
Effetti speciali John Richardson
Musiche Andrew Powell
Scenografia Wolf Kroeger e Giovanni Natalucci
Costumi Nanà Cecchi
Interpreti e personaggi
Doppiatori italiani
Premi
  • Nomination all'Oscar nel 1986 per: Miglior sonoro (Best Sound) e Miglior montaggio sonoro (Best Effects - Sound Effects Editing).

Ladyhawke è un film del 1985 diretto da Richard Donner. Nel cast figurano Rutger Hauer, Michelle Pfeiffer e Matthew Broderick.

Trama[modifica | modifica sorgente]

La storia si svolge nel XIII secolo. Il piccolo ladro Philippe Gaston (detto le Rat, il Topo) riesce a fuggire dalle prigioni della fortezza di Aguillon poco prima della sua esecuzione; durante la fuga dalla città rischia di venire nuovamente catturato dalle guardie dello spietato Vescovo ma in suo aiuto accorre l'ex capitano della guardia Etienne Navarre che, battendosi contro i suoi vecchi soldati, lo porta al sicuro.

Navarre è sempre accompagnato da un bellissimo falco (che in realtà è una poiana codarossa)[1], al quale è molto legato. L'ex capitano afferma di aver aiutato Philippe a scappare perché lui ha un compito, uccidere il Vescovo e, essendo il Topo l'unico ad essere riuscito a fuggire dalla prigione di Aguillon, è l'unico che lo può condurre in città: Philippe accetta con estrema riluttanza e viene legato da Navarre perché non scappi. Philippe tenta di fuggire ma si ritrova davanti un feroce lupo nero che, però, si ammansisce totalmente alla presenza di una splendida giovane donna apparsa dal nulla. Alcune notti dopo, Philippe (legato da Navarre perché non tenti nuovamente la fuga) viene liberato dalla stessa donna e fugge.

La mattina successiva, Philippe è nuovamente rintracciato dai soldati del Vescovo ma in suo soccorso giungono nuovamente Navarre e il falco che, nello scontro che ne segue, rimangono feriti. Navarre rimane misteriosamente sconvolto per la sorte del volatile e ordina a Philippe di portarlo presso un monaco di nome Imperius in quanto lui non può farlo. Anche il monaco rimane esterrefatto dalla sorte del falco e si accinge a prestargli tutte le cure possibili; sebbene Imperius abbia ordinato a Philippe di non entrare nella stanza in cui si trova il volatile, il giovane lo fa ma, invece del falco trova la giovane donna che lo aveva salvato, con una freccia conficcata nella spalla, proprio come il falco.

Imperius racconta al ragazzo che, all'incirca due anni prima, Isabeau d'Anjou giunse ad Aguillon per via della morte di suo padre e, nonostante molti si fossero innamorati di lei per la sua bellezza, lei ricambiò solo l'amore di Navarre. I due amanti dovettero, però, mantenere segreto il loro sentimento perché anche il Vescovo era innamorato di lei e, data la sua malvagità, non avrebbe mai tollerato l'idea di saperla felice con un altro uomo. I due furono però involontariamente traditi dal loro confessore (lo stesso Imperius) in quanto questi, ubriaco, confessò al Vescovo la loro relazione. Il malvagio prelato, allora, pur di far sì che i due non si potessero amare, stipulò con Satana in persona un patto che avrebbe condannato Isabeau a essere un falco di giorno e Navarre un lupo (lo stesso che aveva visto Philippe) la notte.

La mattina dopo, i soldati del Vescovo attaccano le rovine del castello e Philippe aiuta Isabeau a fuggire assistendo di persona alla sua metamorfosi. Navarre giunge in loro soccorso e li salva. Imperius rivela a Philippe e Navarre che ben presto ci sarà l'opportunità di rompere la maledizione e far tornare normali i due innamorati, poiché ci sarà "Una notte senza il giorno e un giorno senza la notte". Per permettere che la maledizione abbia fine, però, Navarre deve rinunciare al suo desiderio di vendetta sul Vescovo (se uccidesse il prelato la maledizione durerebbe in eterno). Philippe poi segue Navarre ad Aguillon. Si fermarono a dormire e, mentre Philippe si stiracchia, arriva in picchiata il falco che al posto di appoggiarsi sul braccio di Navarre, si posa su quello di Philippe perché ha fatto di tutto per proteggerlo.

Dopo tre giorni, il gruppo giunge ad Aguillon e Navarre ordina a Imperius di uccidere il falco se avesse udito le campane della chiesa suonare poiché avrebbe significato il fallimento e l'uccisione di Navarre stesso. Philippe, nel frattempo, giunge in chiesa mediante le fogne (grazie alle quali era fuggito) per aprire il portone della chiesa e permettere a Navarre di entrare; Philippe ha con sé anche la grande spada a due mani di Navarre, al quale aveva fatto credere di averla persa (e a cui il capitano teneva moltissimo in quanto simbolo del suo casato e strumento col quale avrebbe ucciso il Vescovo), per farlo desistere dal suo piano di omicidio. Navarre entra in chiesa e uccide, proprio grazie alla spada che Philippe all'ultimo momento gli passa, il capitano della guardia che aveva preso il suo posto e, convinto che Imperius abbia ucciso Isabeau perché le campane avevano effettivamente suonato, si appresta a uccidere il Vescovo. In quel momento avviene un'eclissi solare ("Una notte senza il giorno e un giorno senza la notte") e Isabeau compare improvvisamente, umana. La maledizione ha quindi termine, ma il perfido Vescovo tenta di uccidere la donna; Navarre, prontamente, lancia la spada contro il malvagio prelato e lo uccide. Imperius e Philippe vengono ringraziati dai due giovani che sono finalmente liberi di vivere la loro vita insieme.

Ambientazione[modifica | modifica sorgente]

La località da cui Philippe evade, nell'originale è Aquila[2] o L'Aquila[3] e lo stesso Vescovo è il vescovo della città, ma nel doppiaggio italiano L'Aquila è diventata Aguillon, in modo da assumere dei richiami francofoni ed evitare probabilmente che al vescovo della città abruzzese venisse accostata l'immagine di un personaggio malvagio, seppur solo a livello cinematografico.

Seppur la trama nell'edizione italiana voglia richiamare un'ambientazione francese, il film è stato girato quasi interamente in Italia, nelle province di Cremona, Parma e Piacenza e nel Parco Nazionale del Gran Sasso e Monti della Laga, a Pereto, a Campo Imperatore (in Provincia dell'Aquila), dove il falco viene ferito, al Passo Giau e al piccolo lago d'Antorno nelle vicinanze del lago di Misurina nelle Dolomiti. Il rifugio del monaco è la Rocca di Calascio, appositamente scenografata con l'aggiunta di corone alle torri (tra cui quella da cui precipita Michelle Pfeiffer), mentre i borghi medievali mostrati includono le località di Torrechiara (il castello), Castell'Arquato (PC), Soncino (CR) e Bacedasco, frazione di Vernasca (PC). La veduta esterna in lontananza del borgo di Aguillon (Aquila in originale) è in realtà quella di Castel del Monte (Provincia dell'Aquila), a cinque chilometri da Rocca Calascio. La chiesa al cui interno si svolge la scena finale (ricostruita a Cinecittà) è San Pietro a Tuscania.

Colonna sonora[modifica | modifica sorgente]

La colonna sonora del film è opera di Andrew Powell, un compositore ed orchestratore ben conosciuto per il suo lavoro con Alan Parsons e Eric Woolfson, membri del gruppo The Alan Parsons Project.

Nel 1996 ne è stata pubblicata la versione definitiva dal titolo Ladyhawke - Original Motion Picture Soundtrack; quest'album, edito dalla GNP Crescendo, sostituisce a tutti gli effetti la prima versione uscita nel 1985 e contiene brani inediti e non rielaborati.

Premi[modifica | modifica sorgente]

Il film ha ricevuto le candidature agli Oscar del 1986 come Miglior sonoro (Best Sound) e Miglior montaggio sonoro (Best Effects - Sound Effects Editing), senza tuttavia vincere i premi. Ha vinto il Saturn Award dell'Academy of Science Fiction, Fantasy & Horror Films per i Migliori costumi (Best Costumes) e come Migliore film fantasy (Best Fantasy Film), e, sempre per il Saturn Award, ha ricevuto le candidature come Migliore musica (Best Music) e Migliore attrice (Best Actress). Ha vinto anche i Golden Reel Award della Motion Picture Sound Editors statunitense come Best Sound Editing - ADR e Best Sound Editing - Sound Effects.

Oltre a questo, è stato candidato al Premio Hugo come Best Dramatic Presentation e per il Young Artist Awards come Best Family Motion Picture - Adventure[4].

Note[modifica | modifica sorgente]

  1. ^ http://www.lafalconeria.it/forum/index.php?topic=1529.40;wap2 Film Falconeria
  2. ^ Secondo l'IMDB.
  3. ^ Secondo altre fonti; va notato che l'antico nome di L'Aquila è Aquila.
  4. ^ Scheda dei premi, del film da IMDb

Altri progetti[modifica | modifica sorgente]

Collegamenti esterni[modifica | modifica sorgente]