Ergastolo

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.

L'ergastolo è una pena detentiva a carattere perpetuo inflitta a chi ha commesso un delitto ed equivale alla reclusione a vita.

Nel 2013 una sentenza della Corte europea dei diritti umani ha stabilito che tale pena vìola i diritti umani quando la scarcerazione sia espressamente proibita o quando non sia previsto nell'ordinamento che, non oltre i 25 anni di detenzione, il condannato possa chiedere a un organismo indipendente dal governo una revisione della sentenza o un alleggerimento di pena[1].

Etimologia[modifica | modifica sorgente]

Il termine "ergastolo" deve il suo nome al luogo fisico nel quale il condannato scontava le condanne classificate nel gergo burocratico carcerario con l'espressiva locuzione "fine pena: mai". Nella Roma antica, il termine ergastulum indicava propriamente un campo di lavoro al quale venivano destinati gli schiavi puniti, che praticamente non erano destinati a uscirne. La radice greca del nome dalla quale è mediato il termine latino si riferisce proprio al lavoro, in questo caso forzato.[2]

Ergastolo nei singoli ordinamenti giuridici[modifica | modifica sorgente]

Quadro riassuntivo della detenzione a vita nel mondo:
In blu gli ordinamenti che l'hanno abolita.
In rosso gli ordinamenti che la mantengono.
In verde gli ordinamenti che la mantengono con limitazioni.

Austria[modifica | modifica sorgente]

In linea teorica la legge in Austria ammette il carcere a vita. Dopo un periodo minimo di 15 anni, è tuttavia possibile un provvedimento di scarcerazione, se e quando viene accertato che non c'è più possibilità di recidiva. La decisione è a completa discrezione della corte di appello, e può essere impugnata davanti alla corte suprema. In alternativa, il presidente della repubblica può decidere un provvedimento di grazia, su proposta del ministero della giustizia. I detenuti che hanno commesso reato a una età inferiore a 21 anni possono essere condannati a un massimo di vent'anni di prigione.

Belgio[modifica | modifica sorgente]

In Belgio, la pena dell'ergastolo è assimilata a trent'anni di reclusione al fine di calcolare dopo quanto tempo il detenuto può beneficiare di un provvedimento di scarcerazione: può essere liberato dopo aver scontato un terzo della pena, se prima della condanna è incensurato, oppure dopo aver scontato due terzi della pena, in caso di recidiva. La soluzione è deliberata da un tribunale ed è possibile un ricorso in appello.

Città del Vaticano[modifica | modifica sorgente]

Nella Città del Vaticano l'ergastolo è stata una pena in vigore sino al 12 luglio 2013. Da tale data, Papa Francesco ha sostituito, con un motu proprio, tale pena con la reclusione sino ad un massimo di 35 anni .[3]

Danimarca[modifica | modifica sorgente]

In Danimarca i detenuti possono presentare una richiesta di riduzione della pena dopo 12 anni di reclusione e a condizione di un'iniziativa del ministro della giustizia, del re o della regina di Danimarca che possono concedere la grazia, soggetta a un periodo di cinque anni durante il quale il provvedimento può essere revocato. I detenuti condannati all'ergastolo, nella maggioranza dei casi, sono sottoposti a 16 anni di detenzione effettiva salvo quelli particolarmente gravi. I condannati ritenuti socialmente pericolosi possono essere sottoposti a una detenzione di durata indefinita, finché non si ritiene che sia scomparso tale pericolo. In media, i condannati ritenuti socialmente pericolosi sono sottoposti a 9 anni effettivi di carcere dopodiché il beneficio di un provvedimento di scarcerazione subordina a un periodo cautelare di cinque anni.

Francia[modifica | modifica sorgente]

In Francia, le persone condannate all'ergastolo, prima incensurate, possono beneficiare di un provvedimento di scarcerazione dopo 18 anni, che la corte giudicante può elevare a un minimo di 22 anni per quanti hanno commesso una recidiva. Esclusivamente per l'omicidio di bambini con torture, l'ergastolo può essere convertito in un minimo di 30 anni di carcere. È possibile una scarcerazione prima di questi termini solamente per gravi motivi di salute. Il 7 agosto 2011, il prigioniero francese Pierre Just Marny (Fort-de-France, Martinica, 6 agosto 1943), condannato all’ergastolo nel 1969 per omicidio, si è tolto la vita nel carcere di Ducos, sull’isola della Martinica, dopo 48 anni di carcere. Era il più anziano detenuto di Francia.[4][5]

Finlandia[modifica | modifica sorgente]

Storicamente, il presidente della Finlandia è la sola persona che ha il potere di concedere la grazia alle persone condannate all'ergastolo. A partire dal primo ottobre 2006 però, questo potere è stato concesso anche alla corte d'appello di Helsinki. Un condannato all'ergastolo potrà chiedere la libertà dopo un minimo di 11 anni di carcere. Se la richiesta fosse respinta, potrà essere presentata una nuova richiesta dopo un anno. Se la richiesta fosse accettata, il detenuto sarà sottoposto a tre anni di libertà vigilata, durante i quali non dovrà commettere nessun illecito, prima che gli sia concessa la libertà piena. Se il detenuto aveva meno di 21 anni di età quando è stato commesso il reato, la prima richiesta di scarcerazione potrà essere presentata dopo dieci anni. Una persona che ha commesso un reato da minorenne non potrà essere condannata all'ergastolo.

Germania[modifica | modifica sorgente]

In Germania, il periodo minimo di detenzione da scontare prima di presentare una richiesta di scarcerazione è di 15 anni(§ 49 Abs. 1 Nr. 1 StGB). La corte costituzionale tedesca ha affermato che il carcere a vita, privo di qualsiasi prospettiva di recuperare la propria libertà, lede la dignità della persona contrariamente ai principi fondamentali della costituzione tedesca.

Nei casi in cui il detenuto rappresenti un pericolo attuale ed evidente per la sicurezza della società, la sentenza di condanna può prevedere un periodo ulteriore di detenzione preventiva a valle della condanna legata al reato. Questo secondo periodo di detenzione non è considerato punitivo, ma una protezione della sicurezza. La carcerazione preventiva può essere prorogata indefinitamente finché non si sia accertato che il condannato non potrà commettere altri crimini. In linea teorica la carcerazione preventiva può durare più di dieci anni, ed è utilizzata solamente in casi eccezionali. A partire dal 2006, è possibile disporre la carcerazione preventiva, anche a seguito di una precedente sentenza di condanna, se nel periodo intermedio si manifesta il rischio di una pericolosità sociale da parte del detenuto. Una persona minorenne non può essere condannata all'ergastolo. In questi casi la massima pena è di dieci anni di carcere.

Italia[modifica | modifica sorgente]

In Italia l'ergastolo è la massima pena prevista nell'ordinamento giuridico penale per un delitto; spesso, nella prassi, esso non supera i 30 anni di carcere.

L'ergastolo è previsto dall'art. 22 codice penale. La pena è perpetua, cioè a vita, ed è scontata in uno degli stabilimenti a ciò destinati, con l'obbligo del lavoro e con l'isolamento notturno; l'art. 22 c.p. deve intendersi implicitamente modificato in parte qua, poiché l'art. 6 comma 2 della legge 26 luglio 1975 nº 354 dispone che "i locali destinati al pernottamento dei detenuti consistono in camere dotate di uno o più posti senza distinguere la pena da eseguire". Ne deriva che l'isolamento notturno non è più attuato, mentre quello diurno rimane vigente per via del summenzionato articolo. Il condannato all'ergastolo può essere ammesso al lavoro all'aperto. In realtà la pena massima ammessa nell'ordinamento italiano in qualsiasi forma è di 30 anni, pari a 26 + altri 4 di carcerazione cautelare se al 26º anno non viene chiesta o concessa la libertà condizionale.[senza fonte]

In Italia esistono due tipi di ergastolo: quello normale e quello ostativo. Il primo concede al condannato la possibilità di usufruire di permessi premio, semilibertà o liberazione condizionale. Il secondo, invece, nega al detenuto ogni beneficio penitenziario, a meno che non sia un collaboratore di giustizia.

Ostativo è uno status particolare di quei detenuti (non necessariamente ergastolani) che si trovano ristretti in carcere a causa di particolari reati classificati efferati dal nostro ordinamento giuridico: associazione di tipo mafioso (art. 416 bis c.p.), sequestro di persona a scopo di estorsione (art. 630 c. p.), associazione finalizzata al traffico di droga (art. 74 D.P.R. n. 309/1990), ecc. i quali ostacolano la concessione dei benefici previsti dalla legge (ad esempio: assegnazione lavoro all’esterno; permessi premio; misure alternative alla detenzione; affidamento in prova, detenzione domiciliare, ecc. ). I detenuti all'ergastolo ostativo (in maggioranza condannati per omicidi legati alla mafia) possono ottenere sconti solo nel caso che essi siano collaboratori di giustizia (i c.d. pentiti).

Problemi di costituzionalità[modifica | modifica sorgente]

Il problema principale riguarda il cosiddetto ergastolo ostativo, equivalente all'ergastolo senza condizionale degli altri paesi. Esso viene comminato ai criminali ritenuti estremamente pericolosi, come capi mafiosi responsabili di omicidi. In questi casi non viene quasi mai concesso un attenuamento della pena, nemmeno dopo decenni di carcerazione. L'ergastolo semplice, invece, nonostante sia teoricamente perpetuo, in realtà non è scontato quasi mai completamente, a causa di problemi di incostituzionalità e di sovraffolamento delle carceri.[senza fonte] Il carattere teoricamente perpetuo della condanna pone gravi problemi di compatibilità con l'art. 27 comma 3 della Costituzione e con la Legge Gozzini che ne dà attuazione (oltre a essere, secondo i detrattori, una forma meno violenta di pena di morte, ma con lo stesso effetto). Recita, infatti, tale articolo: "Le pene [...] devono tendere alla rieducazione del condannato". Ripetutamente posto all'attenzione della Corte Costituzionale, da parte dei Giudici di merito, la Consulta le ha sempre respinte sull'assunto che "funzione e fine della pena non sia solo il riadattamento dei delinquenti" e che la pena dell'ergastolo, come si è detto sopra, "non riveste più i caratteri della perpetuità" (Sentenza della Corte costituzionale n. 264 del 1974). Grazie all'intervento della Corte Costituzionale, tale pena è stata esclusa per i minori imputabili, perché incompatibile con la finalità rieducativa del minore, alla quale devono tendere le pene previste per i minori di età.

Libertà sulla parola e fine pena[modifica | modifica sorgente]

Tuttavia, vi è da sottolineare che il carattere di perpetuità di tale pena è mitigato dalla possibilità concessa al condannato di essere ammesso alla libertà condizionale dopo avere scontato 26 anni, qualora ne venga ritenuto attendibilmente provato il ravvedimento.
Tale limite è ulteriormente eroso dalle riduzioni previste per la buona condotta del reo, grazie alle quali vengono eliminati 45 giorni ogni sei mesi di reclusione subiti. D'altro canto la riforma dell'ordinamento penitenziario italiano del 1975, attraverso le previsioni degli artt. 30-ter, comma 4, lett. d) e 50, comma 5, della legge n. 354/1975, poi dalla legge Gozzini, ha contribuito a rimodellare i contenuti dell'ergastolo anche al di là dei profili che attengono alla liberazione condizionale: ha consentito infatti che il condannato all'ergastolo possa essere ammesso, se ritenuto non pericoloso, dopo l'espiazione di almeno 10 anni di pena, ai permessi premio, nonché, dopo 20 anni, alla semilibertà, tranne per l'ostativo. Dopo l'ottenimento della libertà condizionale, di solito dopo 26 anni, l'ergastolano resta in libertà vigilata per altri 5, se non commette reati, dopo di che, dopo circa 30-31 anni, la pena è considerata estinta, anche in caso di ergastolo plurimo, e il condannato è considerato un cittadino libero.[6]

Esemplificazioni[modifica | modifica sorgente]

Nell'ordinamento italiano l'ergastolo è previsto per alcuni delitti contro la personalità dello Stato, contro l'incolumità pubblica e contro la vita cui si aggiungono i reati per cui era prevista la pena di morte (che è sostituita dall'ergastolo ex D. lgs. lgt 10/08/44 n. 224). L'ergastolo è altresì previsto quando concorrono più delitti per ciascuno dei quali è prevista la pena non inferiore a 24 anni (art. 73 co. 2 c.p.).[7]

Il Partito Radicale propose un referendum abrogativo nel 1981 per l'abolizione dell'ergastolo, ma vinse il fronte del no.

Reati[modifica | modifica sorgente]

Molti reati possono essere teoricamente puniti con l'ergastolo, a discrezione dei giudici, secondo il Codice penale italiano.

Ergastolo condizionale[modifica | modifica sorgente]
  • omicidio volontario con premeditazione
  • omicidio volontario con crudeltà e aggravanti (come, per es. legame familiare stretto, violenza efferata e continuata, vilipendio o soppressione di cadavere o attuato contro persona in condizioni di inferiorità fisica o psichica)
  • omicidio volontario compiuto contro un minore di 14 anni
  • omicidio volontario a scopo di terrorismo
  • omicidio volontario durante tentativo di eversione dell'ordine democratico con gravi atti di violenza e atti correlati
  • promozione di insurrezione armata contro lo Stato
  • caso di cittadino che porti le armi contro lo Stato, specialmente in guerra e al servizio di uno Stato straniero dichiarato nemico
  • atti ostili, tramite violenza e arruolamenti, diretti contro Stato straniero, che causino guerra con l'Italia
  • strage dolosa, atti effettuati per portare devastazione e saccheggio
  • fatto o crimine atto a provocare guerra civile, se essa avviene
  • diffusione di epidemia causata volontariamente che uccida almeno una persona, avvelenamento volontario di acque e pozzi che causi la morte di almeno una persona
  • omicidio volontario connesso a traffico di droga internazionale
  • traffico di esseri umani con circostanze aggravanti, come violenza sessuale, riduzione in schiavitù, ecc.
  • violenza sessuale reiterata, recidiva e aggravata, ad es. da prolungati atti persecutori e lesioni gravissime che possano condurre alla morte della vittima, legami famigliari, atti di violenza sessuale su minori
  • alto tradimento
  • tradimento
  • attentato contro il Presidente della Repubblica, che ha sostituito il reato di regicidio, per effetto della caduta della monarchia
  • sequestro di persona, a scopo di estorsione o di terrorismo con conseguente uccisione o morte provocata dell'ostaggio
  • spionaggio (e "intelligenza col nemico") e rivelazione di segreti di stato, se mettono gravemente in pericolo la sicurezza nazionale o causano una guerra
  • spionaggio in tempo di guerra, se raggiunge l'intento di danneggiare lo Stato
  • distruzione o sabotaggio di opere militari in tempo di guerra o in operazioni belliche
  • disfattismo politico, se commesso per favorire uno Stato nemico in tempo di guerra
  • soppressione, procacciamento, falsificazione o sottrazione di atti o documenti concernenti la sicurezza dello Stato, durante operazioni belliche e guerra.
  • usurpazione di comando militare in tempo di guerra
  • attentato contro Capi di stato esteri.
  • genocidio e altri gravi crimini contro l'umanità, come, per es., la morte a seguito di tortura, se provocata da un militare in servizio in operazione bellica
  • crimini di guerra particolarmente gravi.

Dal 1948 in poi è stato applicato solo per i reati correlati all'omicidio, fisicamente compiuto oppure ordinato, tranne in un solo caso: nel 1981 Ali Agca (poi graziato molti anni dopo, dopo aver scontato più di 20 anni) fu condannato all'ergastolo per attentato (non riuscito) contro capo di stato estero, per l'attentato a Giovanni Paolo II, in cui il pontefice rimase gravemente ferito; si trattò dell'ultima e finora unica volta nella storia della Repubblica in cui venne comminata la massima pena che non fosse per un omicidio effettivamente commesso (o di cui si sia il mandante).

Ergastolo ostativo[modifica | modifica sorgente]

Questa pena è di solito applicata solo nei confronti di boss della criminalità organizzata e loro sicari che abbiano eseguito omicidi particolarmente efferati o omicidi plurimi.

Regno Unito[modifica | modifica sorgente]

In Inghilterra, Galles e Irlanda del Nord è previsto per omicidio volontario (e la fattispecie del regicidio), violenza sessuale grave e recidiva, terrorismo e altri reati collegati. I minorenni sotto i 21 anni non possono essere condannati. In Scozia è previsto solo per l'omicidio grave. La libertà condizionale può essere concessa dopo 15 anni, in tutto il Regno Unito, ma una speciale commissione può revocarla a sua discrezione. La grazia reale commuta o condona la pena.

Stati Uniti[modifica | modifica sorgente]

Negli Stati Uniti l'ergastolo è la pena massima, comminata per l'omicidio, la violenza sessuale aggravata e altri gravi reati, solo negli stati dove non vige o non viene applicata la pena di morte (al 2012, circa 22 stati su 50, più un territorio, per legge solo 17). Negli altri stati e nei reati federali è comminato in luogo della pena capitale quando vi siano attenuanti; in certi casi la condanna avviene anche per reati ritenuti meno gravi dell'omicidio negli stati europei, come il traffico di droga, lo stupro, ma anche, negli stati più conservatori, come l'Alabama, per reati minori come il furto se reiterati un certo numero di volte (sebbene sia considerato dalle Nazioni Unite una violazione dei diritti umani comminare l'ergastolo o la pena di morte per reati non violenti)[8]; spesso, quando la pena di morte viene commutata (con la grazia da parte del Governatore o del Presidente o di particolari commissioni, o con la revisione della Corte Suprema) si trasforma in carcere a vita.

L'ergastolo senza condizionale ("life imprisonment", detto anche "life punishment", "life sentence", "lifelong incarceration" o "life incarceration") viene sostenuto da molti giuristi progressisti o contrari alla pena di morte, come valida alternativa, almeno in una prima fase abolizionista, alla pena capitale ("capital punishment" o "death penalty", chiamata anche "death sentence"). In questo caso l'ergastolo viene scontato integralmente e la pena può essere sospesa, annullata o attenuata solo dalla riapertura del processo; la libertà può essere concessa solo con la grazia presidenziale, solitamente concedibile raramente e in caso di assunzione di colpevolezza.[9] In certi casi, come motivi di salute (ad esempio venendo la pena scontata in una casa di cura od ospedale psichiatrico) e buona condotta in cella (il detenuto può essere ammesso a programmi di recupero) può essere allentata o sospesa da una commissione speciale per la grazia, ma il condannato trascorre comunque la maggior parte della vita - anche più di 40 anni di tempo - in carcere (l'ergastolo senza condizionale non va confuso con pene ugualmente pesanti come, ad esempio, la condanna a più di 100 anni di prigione, che è una pena cumulativa di pene minori, ma con cui si può accedere comunque alla liberazione condizionale, quando si ha scontato quasi metà della pena).[10] In Texas, ad esempio, stato che più massicciamente applica la pena di morte, il condannato all'ergastolo senza condizionale può ottenere la liberazione condizionale dopo molti decenni di carcerazione, se viene dato parere positivo dalla Commissione statale per la grazia e la libertà condizionata, che decide se invitare il governatore alla commutazione delle pene, il quale in questo caso è solitamente obbligato alla controfirma dell'atto.[11][12]

Inoltre esiste la condanna all'ergastolo discrezionale, nota come "da 5 anni all'ergastolo", in cui il detenuto resta imprigionato fino a che una commissione non decida altrimenti, senza che il detenuto possa avere diritto alla libertà condizionale.[13]

Ciò servirebbe da deterrente assai maggiore alla morte - seguendo il pensiero di Cesare Beccaria - e darebbe soddisfazione ai familiari delle vittime, senza uccidere il responsabile del delitto con l'esecuzione legale o la vendetta privata.

L'ergastolo con la condizionale, viene concesso in talune circostanze al posto della pena di morte o dell'ergastolo pieno, in alcuni casi (ad esempio omicidio di primo grado, in genere passibile di pena capitale, di particolare gravità ma compiuto da minorenni). Il condannato, similmente all'ergastolo dei paesi europei, può ottenere la libertà condizionale dopo 15 - 20 anni.[14]

Molti sostenitori della pena di morte affermano che in questo modo i peggiori criminali possano tornare liberi, mentre gli abolizionisti vorrebbero l'ergastolo con condizionale come pena principale per l'omicidio di primo grado, riservando l'ergastolo senza condizionale ai peggiori criminali, come i terroristi responsabili di strage, o i serial killer.

Svizzera[modifica | modifica sorgente]

Nella Confederazione elvetica la reclusione perpetua è prevista in teoria ma non applicata nella pratica grazie a semilibertà e liberazione condizionale[15].

Note[modifica | modifica sorgente]

  1. ^ La Corte di Strasburgo abolisce l’ergastolo - Utente Sostenitore - Il Fatto Quotidiano
  2. ^ Etimologia
  3. ^ www.vatican.va
  4. ^ "Detenuto si suicida dopo 48 anni di carcere", Ticinonline, 08/08/2011
  5. ^ "Si uccide in cella dopo 48 anni carcere", ANSA.it, 8 agosto 2011
  6. ^ Valerio Fioravanti è un uomo libero. I parenti delle vittime: "L'errore è a monte"
  7. ^ La disciplina giuridica dell'ergastolo
  8. ^ Oltre 3.000 prigionieri statunitensi condannati all'ergastolo senza possibilità di libertà condizionale per reati non violenti
  9. ^ Chico Forti: lettera aperta alle autorità italiane
  10. ^ USA, 2500 minorenni condannati all'ergastolo
  11. ^ Kenneth Foster, pena commutata
  12. ^ The Texas Law of Parties Snares Another Innocent Man
  13. ^ USA: CONDANNE ALL’ERGASTOLO IN AUMENTO
  14. ^ Incostituzionale ergastolo senza condizionale a minorenni
  15. ^ Svizzera Ristretti Orizzonti, nº 3 - 2002

Bibliografia[modifica | modifica sorgente]

  • C. Brunetti - M. Ziccone, Diritto penitenziario, Simone, Napoli, 2010 ISBN 9788824454537;
  • V. Fiandaca - E. Musco, Diritto penale, Edizioni Zanichelli, 2010;
  • C. Brunetti, Pedagogia penitenziaria, Edizioni Scientifiche Italiane, Napoli, 2005, ISBN 8849510225;

Voci correlate[modifica | modifica sorgente]

Collegamenti esterni[modifica | modifica sorgente]

Altri progetti[modifica | modifica sorgente]

diritto Portale Diritto: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di diritto