Mehmet Ali Ağca

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Se riscontri problemi nella visualizzazione dei caratteri, clicca qui.

Mehmet Ali Ağca (pronuncia IPA: mehmet ali aɣʤa; Yesiltepe, 9 gennaio 1958) è un terrorista e criminale turco, condannato per l'assassinio del giornalista Abdi Ipekci e per il tentato omicidio di papa Giovanni Paolo II.

Prime attività terroristiche[modifica | modifica sorgente]

Mehmet Ali Ağca è stato un militante nell’organizzazione terroristica di estrema destra denominata "Lupi grigi". Il 1º febbraio 1979 assassinò il giornalista turco Abdi Ipekci, direttore del quotidiano liberale Milliyet e attivista per i diritti umani. Dopo essere stato condannato alla carcerazione, il 25 novembre 1979 riuscì a evadere dal carcere di massima sicurezza di Kartal Maltepe, in cui era detenuto. In seguito all’evasione partirono le sue prime minacce di attentato al Papa Giovanni Paolo II, probabilmente finalizzate a eliminare i sospetti di un complotto nella successiva azione terroristica, per far pensare invece a un'iniziativa individuale di Ali Ağca.

L'attentato a Giovanni Paolo II[modifica | modifica sorgente]

Il 13 maggio 1981, pochi minuti dopo l'ingresso di Wojtyła in Piazza San Pietro per l'udienza generale, Ali Ağca sparò tre colpi di pistola al papa. Pur riuscendo a raggiungere il colonnato di piazza San Pietro con l'intento di fuggire dal luogo dell'attentato, venne costretto a fermarsi da alcuni astanti. Facendo cadere inavvertitamente la pistola a terra urtando con il braccio una suora lì presente e rimanendo quindi disarmato poté essere arrestato facilmente dalle forze dell'ordine. Riprese la corsa ma ormai disarmato venne bloccato e arrestato nel colonnato. Wojtyła fu presto soccorso e sopravvisse e dopo l'attentato fu sottoposto a un intervento di 5 ore e 30 minuti.

Il processo e le indagini[modifica | modifica sorgente]

Il 22 luglio 1981, dopo tre giorni di processo per direttissima, i giudici della corte di Assise condannarono Mehmet Ali Ağca all’ergastolo per tentato omicidio di Capo di Stato Estero. Ali Ağca rinunciò a presentare appello contro la sentenza di condanna che motivava la pena, esplicitando che l’attentato "non fu opera di un maniaco, ma venne preparato da un’organizzazione eversiva rimasta nell’ombra". La difesa sostenne, invece, che Ali Ağca aveva agito da solo, in preda a una schizofrenia paranoica, mossa dal desiderio di diventare un eroe del mondo musulmano.

Il 12 marzo 1982 il Consiglio nazionale di sicurezza turco confermò la condanna a morte di Ali Ağca per l’uccisione del giornalista. Una successiva amnistia commuterà la pena in dieci anni di detenzione.

Nel 1982, tuttavia, Ali Ağca cambiò versione e cominciò a parlare di una pista bulgara che avrebbe collegato l’attentato al Papa al KDS, i servizi segreti della Bulgaria comunista. Venne anche individuato un presunto complice, Oral Celik, che sarebbe intervenuto in caso di fallimento di Ali Ağca. Nel 1983 Giovanni Paolo II, due giorni dopo Natale, fece visita all'attentatore nel carcere di Rebibbia. I due parlarono da soli per lungo tempo e la loro conversazione è rimasta ancora oggi privata. La sentenza del 29 marzo 1986 non riusci tuttavia a dimostrare la tesi del complotto bulgaro, comunque sempre smentita dal leader comunista di allora Todor Živkov[1]. Il 20 febbraio 1987 il Papa ricevette in udienza la madre e il fratello di Ali Ağca i quali gli chiesero di intercedere per la grazia. La buona condotta in carcere del terrorista turco diminuì ulteriormente la pena: infatti il 25 maggio 1989 il Tribunale di sorveglianza di Ancona gli concesse una riduzione di 720 giorni di reclusione; il 9 gennaio 1994 la riduzione fu di altri 405 giorni; il 18 dicembre 1995 di 180 giorni. Tali provvedimenti consentirono di abbreviare il termine di 26 anni di reclusione, scontati i quali un ergastolano, in base al diritto italiano, può chiedere la libertà condizionata.

L'estradizione in Turchia[modifica | modifica sorgente]

Ali Ağca, nel settembre del 1996, presentò nuovamente la domanda di grazia o in subordine l’espiazione della pena in Turchia. Il 13 giugno 2000, il Presidente della Repubblica Carlo Azeglio Ciampi concesse la grazia dopo che la Santa Sede si era dichiarata "non contraria" al provvedimento. In questo modo, il giorno successivo Ali Ağca viene estradato dall’Italia e giunge a Istanbul. In Turchia, nel carcere di massima sicurezza di Kartal, Ali Ağca da questo momento in poi dovrà scontare 3492 giorni, cioè i dieci anni per l'assassinio del giornalista Abdi Ipekci, durante i quali era evaso in precedenza. Il 18 luglio 2001 un provvedimento del Tribunale costituzionale turco predispose un allargamento dei reati beneficiari di amnistia. L’avvocato di Ali Ağca, Şevket Can Ozbay, ritenne che in base al provvedimento fosse possibile scontare completamente la pena dei dieci anni di detenzione per l’omicidio del giornalista. Se tale interpretazione fosse risultata valida ad Ali Ağca non sarebbero rimasti che altri cinque anni di prigione, avendo già scontato due anni e due mesi.

Sviluppi recenti[modifica | modifica sorgente]

Il 12 gennaio 2006 uscì dal carcere di Kartal a Istanbul. Per un breve periodo se ne persero le tracce, dal momento che non si presentò in questura come avrebbe dovuto, asserendo in seguito di aver voluto evitare la calca dei giornalisti. Dopo soli nove giorni di libertà la Corte suprema turca ordinò che Ali Ağca fosse nuovamente imprigionato per un errato computo nella diminuzione della pena. L'ordinanza di carcerazione fu eseguita il 20 gennaio 2006. Ali Ağca è stato scarcerato il 18 gennaio 2010 dall'istituto di pena di Sincan, alla periferia di Ankara. All'atto della scarcerazione ha dichiarato di essere in realtà il Cristo, di voler riscrivere la Bibbia e ha preannunciato l'apocalisse.

Nel febbraio del medesimo anno ha incontrato Pietro Orlandi (fratello di Emanuela) dichiarando che la sorella, rapita nel lontano 1983, è ancora viva e sta bene. Lo stesso Ali Ağca si è impegnato a contattare i suoi carcerieri per provvedere alla sua liberazione.[2] Alle sue parole non è seguito alcun fatto concreto.

Il 1º febbraio 2013 viene pubblicata la sua autobiografia "Mi avevano promesso il Paradiso. La mia vita e la verità sull'attentato al Papa". Nel suo racconto, oltre a ripercorrere i momenti di quel 13 maggio 1981, giorno dell'Attentato a Giovanni Paolo II e del successivo incontro (27 dicembre 1983), a Rebibbia, con lo stesso Wojtyła, Alì Agca indica quale mandante dell'attacco terroristico, l'ayatollah Ruhollah Khomeyni, reo di avergli ordinato, in turco: "Tu devi uccidere il Papa nel nome di Allah. Tu devi uccidere il portavoce del diavolo in terra, il vicario di satana in questo mondo. Sia morte al capo degli ipocriti, alla guida degli infedeli. Sia morte a Giovanni Paolo II per mano tua... non dubitare mai, abbi fede, uccidi per lui... e poi togliti la vita affinché la tentazione del tradimento non offuschi il tuo gesto... il tuo martirio sarà ricompensato con il paradiso, con la gloria eterna nel regno di Allah".[3]

Note[modifica | modifica sorgente]

  1. ^ «Attentato a papa Wojtyła, la pista più logica è islamica»
  2. ^ Alì Agca, la nuova rivelazione: "Emanuela Orlandi è ancora viva", corriere.it, 2 febbraio 2010.
  3. ^ Il lupo grigio Ali Agca: "l'ayatollah Khomeyni mi ordinò di uccidere Giovanni Paolo II" (VIDEO)

Bibliografia[modifica | modifica sorgente]

  • Roumiana Ougartchinska, La vérité sur l'attentat contre Jean Paul II, Éditions Presses de la Renaissance, Parigi, 2007 ISBN 9782750902841
  • Mehmet Ali Agca, "Mi avevano promesso il Paradiso. La mia vita e la verità sull'attentato al Papa", 2013 ISBN 8861904041

Voci correlate[modifica | modifica sorgente]

Altri progetti[modifica | modifica sorgente]

Controllo di autorità VIAF: 37719233 LCCN: n83157915