Barbara Gordon

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Barbara Gordon
Barbara Gordon alias Batgirl, disegnato da Adam Hughes
Barbara Gordon alias Batgirl, disegnato da Adam Hughes
Lingua orig. Inglese
Alter ego
  • Batgirl II
  • Oracolo (in precedenza)
Autori
Editore DC Comics
1ª app.
Sesso Femmina
Abilità
  • Capacità acrobatiche all'apice della perfezione
  • Esperta nel combattimento e in svariate forme di arti marziali
  • Intelletto geniale
  • Genio dell'informatica
  • Memoria fotografica
  • Esperta di tattiche stealth
  • Abile detective
  • Accesso ad armi, strumenti, veicoli e armature high tech
Affiliazione Birds of Prey
Parenti
  • Roger C. Gordon (padre biologico)
  • Thelma Gordon (madre biologica)
  • James Gordon (zio/padre adottivo)
  • Barbara Eileen Gordon (zia/prima madre adottiva)
  • James Gordon Jr. (cugino/fratello adottivo)
  • Sarah Essen Gordon (seconda madre adottiva)

Barbara Gordon è un personaggio dei fumetti creato da Gardner Fox e Carmine Infantino nel 1966, pubblicato dalla DC Comics. Fa parte dell'universo narrativo di Batman. Dal 1966 al 1986 ha indossato i panni della supereroina Batgirl; dal 1986 al 2011 è stata conosciuta come Oracolo. Con il reboot della DC Comics, i New 52, Barbara Gordon torna a vestire i panni di Batgirl. Le sue avventure sono trattate nella sua testata personale Batgirl.

Biografia del personaggio[modifica | modifica sorgente]

Infanzia[modifica | modifica sorgente]

Barbara, gruppo sanguigno AB negativo[1], nasce in un piccolo paese dell'Ohio da Thelma e Roger Gordon. È una bambina prodigio dotata di intelligenza fuori del comune e di un incredibile talento ginnico, tanto che i suoi genitori intravedono per lei una carriera olimpica. Fin da piccola nutre un'ammirazione smisurata per gli eroi volanti di Metropolis e il suo più ardente sogno è diventare una supereroina come loro.

Quando è poco più che una bambina (11-12 anni), i suoi genitori muoiono in un incidente d'auto (provocato dai problemi del padre con l'alcol): l'esperienza la segna a tal punto che ancora oggi non ama parlare dei suoi genitori biologici: così Barbara (detta anche "Babs") viene affidata allo zio James Gordon, commissario di polizia a Gotham City. Inizialmente la piccola si sente spaesata ed integrarsi in quella città non le è facile; al contempo però si affeziona facilmente a Jim Gordon come se fosse il suo vero padre.

Batgirl[modifica | modifica sorgente]

Exquisite-kfind.png Per approfondire, vedi Batgirl.

La ragazza passa la maggior parte della sua vita nella tetra metropoli e finisce per integrarvisi alla perfezione. Affascinante, atletica, caparbia e indipendente, divenuta adolescente cercherà di pagarsi gli studi universitari da sola lavorando in biblioteca. Nonostante la sua maturità, però, Barbara è pur sempre una ragazzina di 16 anni, e difatti cade fin dal primo momento in un'infatuazione tipicamente adolescenziale per il cavaliere oscuro di Gotham, Batman. La sua ossessione per lui aumenterà ancor di più quando, intrufolatasi di nascosto nell'ufficio del padre adottivo, scoprirà la sua collaborazione con il leggendario crociato.

Tale innocente "cotta" la porta a compiere il passo che cambierà la sua vita per sempre. Invitata al ballo in maschera della polizia in quanto figlia del commissario, Babs si confeziona un costume con le proprie mani e, quasi per gioco, crea la versione femminile di quello di Batman. Arrivata alla festa però, scopre che il criminale noto come Killer Moth l'ha presa d'assalto usando Bruce Wayne come ostaggio; senza pensarci su troppo si fionda sul criminale mettendolo KO e in seguito si presenterà come "Batgirl" (letteralmente ragazza pipistrello). Da allora inizia la sua carriera di combattente contro il crimine, attirando con le sue gesta l'attenzione del Cavaliere Oscuro. Questi, al primo colloquio faccia-a-faccia con lei, si mostra infuriato per il suo comportamento che ritiene pericoloso e stupido. Venire insultata dal suo idolo è uno shock per Barbara, la quale si sente frustrata e triste. In sua difesa arriva però il Robin di allora, che al contrario del suo mentore ritiene la giovane avventuriera molto coraggiosa per la sua scelta e le confida tutta la propria stima, rivelandole inoltre la propria identità di Dick Grayson. Convinto dalle parole di Robin, anche Batman rivela alla ragazza la sua vera identità e, da allora, la giovane entra ufficialmente nel gruppo accettando con gioia e serietà il suo ruolo di Batgirl.

Dopo essere entrata nella squadra proprio grazie al suo appoggio, Barbara inizia a provare strani sentimenti nei confronti di Dick, il quale a sua volta ricambia l'attrazione. I due avranno molti flirt e condivideranno un rapporto complicato. Batgirl apparirà in diverse avventure del "dinamico duo" e lavorerà con molti altri supereroi, tra cui anche la Justice League, divenendo tra l'altro molto amica di Supergirl.

In Batman: The Killing Joke il personaggio subisce una tragica evoluzione. Il Joker, evaso nuovamente da Arkham, medita di far impazzire il commissario Gordon per dimostrare che non è diverso da lui; quindi irrompe nell'appartamento di Barbara sparandole a bruciapelo, denudandola e scattandole delle foto mentre è spogliata e agonizzante per poi usarle come mezzo di tortura contro il padre/zio. La situazione da un lato si conclude per il meglio, con un nuovo arresto del diabolico clown e un Jim Gordon ancora sano di mente, dall'altro invece la ferita riportata da Barbara si rivela drammaticamente grave: la pallottola del Joker le ha penetrato la colonna vertebrale rendendola permanentemente paraplegica.

Oracolo[modifica | modifica sorgente]

È così che Barbara Gordon, appena diciannovenne, si ritrova bloccata per sempre su una sedia a rotelle, costretta ad abbandonare il ruolo di Batgirl e i suoi sogni olimpici e supereroici. La tragedia le provoca una profonda crisi depressiva che la conduce anche a pensare al suicidio; ne verrà tuttavia risollevata dopo diversi mesi dall'eterno innamorato Dick Grayson (ora noto come Nightwing), il quale afferma che per lui non è cambiato nulla e che la ragazza che conosceva non si sarebbe mai lasciata abbattere per una cosa del genere. Convinta dalle parole dell'uomo, Barbara, sfruttando le proprie competenze in campo informatico, la sua grande intelligenza e la sua memoria fotografica, rinasce come "Oracolo" (in seguito a un sogno sull'oracolo di Delphi della mitologia greca, che diverrà il suo avatar)[2].

In questa nuova veste diventa un'informatrice per la polizia e la comunità dei supereroi, lavorando nuovamente con i gruppi Suicide Squad e Justice League, e ripristinando (seppur solo dietro le quinte) la sua carriera da supereroina.

Successivamente Barbara fonda il supergruppo Birds of Prey, un team di combattenti del crimine femminili. La sua prima "collega" è Power Girl (un tempo Supergirl); tuttavia le due, pur essendo ottime amiche fin da teenager, fanno fatica a lavorare insieme avendo un diverso modo di agire e di vedere la giustizia (similmente ai loro mentori Batman e Superman). Alla fine decideranno di operare separatamente, anche se Power Girl collaborerà ancora con la sua vecchia amica in diverse occasioni; in ogni caso, quando Barbara le proporrà di ritornare a lavorare in gruppo, la kriptoniana replicherà: "Noi due riusciremo a lavorare insieme quando l'inferno gelerà, Babs".

In seguito Barbara arruola altri membri per il suo gruppo, trovando una valida assistente e confidente in Black Canary e un'amica nella selvaggia Cacciatrice; con loro forma il nucleo storico del gruppo, cui si uniranno occasionalmente anche Lady Blackhawk e Vixen.

Durante gli eventi di Terra di nessuno, saga in cui Gotham City viene abbandonata dal governo degli Stati Uniti, Oracolo si prende l'incarico di fare da cronista per gli avvenimenti, aiuta sia Batman a riprendere il controllo della città, caduta in mano ai criminali, sia il padre che sta facendo esattamente lo stesso. Quando poi apprende che una nuova Batgirl si è affiancata al Cavaliere Oscuro si sente tradita, e le cose peggiorano ulteriormente quando scopre che in realtà la sua "sostituta" è Helena Bertinelli, la Cacciatrice. Inizialmente la nuova situazione incrina i rapporti fra lei e i due giustizieri, ma alla fine le divergenze si appianano perché Oracolo comprende che l'intenzione degli altri due non era di sostituirla, ma solo di far fronte alle circostanze. Inoltre Batman stesso ordina poi a Helena di smettere i panni di Batgirl perché troppo insubordinata.

Oracolo intanto arruola diversi ragazzini per farle da "spia" in giro per la città e riferirle informazioni utili. Fra tutti questi corrieri la sua preferita, quella con cui instaurerà un rapporto quasi fraterno, è Cassandra Cain, una ragazzina muta ed esperta di arti marziali in quanto addestrata personalmente dal padre (l'assassino David Cain). Babs capisce che la ragazza non è propriamente muta e non conosce solo il linguaggio della violenza, ma semplicemente non le è mai stato insegnato nient'altro; sicché inizia a fornirle i primi rudimenti del dialogo e della scrittura, e contemporaneamente l'addestra a indossare i panni della nuova Batgirl, divenendo in tal modo la sua mentore.

Birds of Prey[modifica | modifica sorgente]

Exquisite-kfind.png Per approfondire, vedi Birds of Prey (fumetto).

In seguito alla battaglia tra Maschera Nera e Batman, che provoca la distruzione della sua casa e quartier generale, Barbara si trasferisce a Metropolis da dove continua a dirigere il suo gruppo dedicandosi principalmente ad esso. Con l'aiuto delle sue compagne svolge diverse missioni sia nella città dell'uomo d'acciaio sia al di fuori, rafforzando via via l'unione e l'efficacia del gruppo.

Durante una missione viene infettata dal virus Brainiac e ottiene il potere della tecnopatia, ovvero di parlare con le macchine utilizzando la mente. L'infezione però la fa stare troppo male e quindi accetta di farsi rimuovere tale abilità con un'operazione del dottor Mid-Nite. Durante la riabilitazione dopo l'operazione scopre di essere di nuovo capace di muovere le dita dei piedi; la ritrovata funzionalità comunque durerà solo per pochi giorni e poi svanirà nuovamente.

In questo periodo Barbara e Dick ricominciano a frequentarsi e riallacciano la loro relazione affrontando una svolta decisiva; infatti, dopo la distruzione di Blüdhaven Dick comprende l'importanza di essere ancora vivo e chiede a Babs di sposarlo. La rossa ovviamente accetta.

In seguito alle macchinazioni di Luthor sul multiverso ed alla disavventura che ne deriva, tuttavia, i due capiscono di non essere ancora pronti per quel passo e decidono di annullare il matrimonio. Tuttavia Dick, prima di lasciarla, le consegna una vecchia foto che li ritrae da piccoli nei rispettivi ruoli di Robin e Batgirl. I due si promettono che il matrimonio non è saltato, ma solo rinviato a quando saranno pronti.

Dopo gli eventi di Batman: R.I.P. i Birds of Prey si sciolgono e Oracolo torna a Gotham, dove riprende ad aiutare Robin e Nightwing in assenza di Batman.

Poteri e abilità[modifica | modifica sorgente]

Barbara Gordon, analogamente a tutti i comprimari di Batman ha doti atletiche straordinarie, in particolare grandi abilità ginniche (acrobata e ginnasta fenomenale) velocità, riflessi e ottime doti da combattimento ancor prima di essere addestrata da Batman, inoltre ha la mentalità di un genio. Barbara eccelle nella Boxe, nel Kung Fu stile del drago, nel Judo, nel Karate e nell'Escrima. È stata per anni sotto i panni di Oracolo dopo la paralisi avvenuta per colpa del Joker. Attualmente è tornata a vestire i panni di Batgirl. Barbara, oltre le perfette doti acrobatiche e fenomenali capacità combattive è un'eccellente ricercatrice, una superba detective e un genio dell'informatica, dove le sue qualità in questo campo non sono seconde a nessuno. Babs è dotata di una memoria fotografica che le permette di copiare perfettamente qualunque cosa abbia visto anche solo di sfuggita, che sia un documento, una lettera, una conversazione o un filmato. Come Batman con Superman, anche Babs grazie alle sue straordinarie capacità fisiche e intellettive si è col tempo guadagnata il rispetto di Power Girl.

Altri media[modifica | modifica sorgente]

Cinema[modifica | modifica sorgente]

Televisione[modifica | modifica sorgente]

Barbara Gordon
  • Nella serie dal vivo del 1966: Batman fu Yvonne Craig, doppiata in italiano da Anna Rosa Garrati, ad interpretare Batgirl. Il personaggio fece il suo debutto in un episodio che adattava per la televisione la prima apparizione del personaggio.
  • La sua versione animata compare nella serie del 1968 Batman e Robin, nei corti animati di Batman e nei prodotti per il market dello show i Superamici, dove però non ha apparizioni.
  • Nelle vesti di Batgirl comparirà anche nella serie animata Gotham Girls, ricoprendo un ruolo da protagonista.
  • Nella serie animata Justice League e nel suo seguito Justice League Unlimited, Barbara compare in un breve cameo mentre parla con Dick Grayson in una dimensione alternativa; ed in un secondo cameo nella nostra dimensione, mentre è insieme a Tim Drake al funerale di Superman; viene poi citata in un episodio natalizio dove si spiega che sta passando le vacanze a sciare con la sua amica Supergirl. Sarebbe dovuta comparire come Oracolo nell'episodio "nuove coppie", che doveva vedere l'esordio animato dei Birds of Prey; ma sembrò troppo cattivo paralizzare anche la sua versione animata e dunque si cambiò la trama dell'episodio e si rinunciò ad una sua comparsa come Oracolo. È da notare che comunque nel suddetto episodio compaiono comunque la Cacciatrice e Black Canary come protagoniste.
  • Nella serie The Batman, il personaggio compare sia nella sua identità civile che nei panni di Batgirl, tuttavia qui viene mostrata come molto più grande di Dick Grayson / Robin, con cui condivide inoltre un rapporto di rivalità. In un episodio ambientato nel futuro inoltre la si mostra nei panni di Oracolo, paralizzata su una sedia a rotelle in seguito di un misterioso incidente. La sua voce in italiano è nuovamente Debora Magnaghi, sia da ragazza che da adulta.

Videogiochi[modifica | modifica sorgente]

Barbara Gordon appare nei seguenti videogiochi:

Note[modifica | modifica sorgente]

  1. ^ Batman & Mr. Freeze: SubZero.
  2. ^ Suicide Squad (Vol. 1) n. 23 (gennaio 1989): "Weird War Tales"
DC Comics Portale DC Comics: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di DC Comics