Biblioteconomia

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Se riscontri problemi nella visualizzazione dei caratteri, clicca qui.

La biblioteconomìa (pron. [bibljoˌtɛˑkonoˈmiːa]) è la disciplina che studia l'organizzazione delle biblioteche. Il suo campo di indagine va dallo studio dell'acquisizione dei beni librari o di risorse informative alla loro catalogazione, indicizzazione e conservazione, dalla localizzazione delle biblioteche alle procedure di accessibilità ai servizi da esse offerte.

Tipologie di biblioteca[modifica | modifica sorgente]

In biblioteconomia si distinguono alcune tipologie di biblioteca:

  • Biblioteca nazionale, di proprietà statale, il cui scopo è quello di preservare e documentare il patrimonio librario e documentario di una comunità nazionale;
  • Biblioteca pubblica, che può essere di proprietà statale, regionale o locale, è accessibile a tutti (senza limiti di età) e vede prevalere l'aspetto della fruizione su quello della conservazione; In Italia sono tali le biblioteche dipendenti dai Comuni.
  • Biblioteca specializzata, che presenta cioè un corpus di documenti limitato a un determinato ambito (es. biblioteca musicale, biblioteca di storia locale ecc.)
  • Biblioteca specialistica, l'accesso alla quale è limitato a determinate categorie di persone (es. biblioteca di dipartimento universitario, biblioteca di centro di ricerca ecc.)

Voci correlate[modifica | modifica sorgente]

Bibliografia[modifica | modifica sorgente]

Collegamenti esterni[modifica | modifica sorgente]

storia Portale Storia: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di storia