Stephen Jay Gould

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.

Stephen Jay Gould (New York, 10 settembre 1941New York, 20 maggio 2002) è stato un biologo, zoologo, paleontologo e storico della scienza statunitense.

Docente di zoologia e geologia all'università di Harvard e profondo studioso dell'evoluzionismo, vinse l'American Book Award for Science per Intelligenza e pregiudizio. Ottenne, inoltre, il premio della National Book's Critic Circle Award, un'organizzazione senza scopo di lucro, formata da circa 700 critici letterari interessati ad onorare la qualità di scrittura e comunicazione.

È considerato uno dei divulgatori scientifici più prolifici ed influenti della sua generazione. In questa veste scrisse oltre 300 saggi pubblicati su Natural History e poi raccolti in vari volumi alcuni dei quali tradotti anche in italiano, come Il pollice del panda, Risplendi grande lucciola, Bravo brontosauro, La vita meravigliosa.

In molte occasioni si espresse contro l'oppressione culturale in tutte le sue forme, in special modo contro la pseudoscienza al servizio del razzismo e contro l'insegnamento del creazionismo come teoria scientifica; fu anche ideatore e principale sostenitore del "Principio dei Magisteri Non Sovrapposti" (NOMA) il quale suppone una compatibilità fra religione e scienza, in quanto esse si occuperebbero di due piani differenti (due magisteri) non sovrapponibili[1].

Dopo aver ottenuto un PhD alla Columbia University, nel 1967 divenne un ricercatore ad Harvard. Aiutò nel 1972 Niles Eldredge a sviluppare la sua teoria degli equilibri punteggiati in cui si sostiene che i cambiamenti evolutivi avvengono in periodi di tempo relativamente brevi (su scala geologica) sotto l'impulso di stress ambientali, separati da lunghi periodi di stabilità evolutiva delle forme di vita.

La sua accesa e prolungata polemica contro Richard Dawkins e le sue posizioni sul gradualismo evolutivo filetico nasce dalla sua opposizione al determinismo ad esso sotteso, a favore dell'indeterminismo che sta alla base della maggior parte dei processi biologici innovativi, ovvero delle mutazioni genetiche, come ebbe a dimostrare il biologo molecolare Motoo Kimura negli anni sessanta del Novecento. Nella visione gouldiana, come peraltro in quella già di Jacques Monod e di tutti gli indeterministi, il caso (serie di cause sconnesse o causalità intricata) produce il nuovo, mentre la necessità, attraverso la selezione naturale che opera in base a causalità lineare, conserva l'adatto ed elimina l'inadatto).

Biografia[modifica | modifica wikitesto]

Gould nacque e trascorse i suoi primi anni di vita nel distretto di Queens, New York City. Il padre Leonard lavorava come stenografo del tribunale, e sua madre Eleanor era un'artista. Cresciuto in una famiglia ebraica laica, Gould non partecipava formalmente alle funzioni e preferiva definirsi agnostico[2]. Politicamente, nonostante fosse stato "allevato da un padre marxista", definì le sue idee politiche come "molto differenti" da quelle paterne.[3]

Secondo Gould, il libro che più influenzò le sue idee politiche fu The Power Elite di C. Wright Mills, oltre agli scritti politici di Noam Chomsky.[4]

Nei primi anni sessanta, Gould continuò ad essere esposto al pensiero progressista nel campus dell'Antioch College. Negli anni settanta Gould si unì ad una organizzazione accademica di sinistra chiamata "Science for the People".

Durante tutta la carriera e in tutti i suoi scritti, Gould combatté l'oppressione culturale in tutte le sue forme, specialmente ciò che considerava pseudoscienza al servizio del razzismo e del sessismo.[5]

Gould si sposò due volte. La prima volta con l'artista Deborah Lee, che incontrò frequentando l'Antioch College. Si sposarono il 3 ottobre 1965, e più tardi divorziarono. Il secondo matrimonio fu contratto con la scultrice Rhonda Roland Shearer nel 1995. Dal primo matrimonio ebbe due figli, Jesse ed Ethan, e altri due dal secondo, Jade e London.

Nel luglio 1982 a Gould fu diagnosticato un mesotelioma peritoneale, una forma particolarmente aggressiva di tumore all'addome. Dopo una difficoltosa convalescenza, durata due anni, Gould pubblicò un articolo per il Discover Magazine intitolato "The Median Isn't the Message" (la mediana non rappresenta il messaggio), in cui discuteva la sua reazione alla scoperta che i pazienti affetti da mesotelioma avevano una vita mediana di solo otto mesi dalla diagnosi.[6]

Nell'articolo inizia descrivendo il reale significato nascosto dietro quel numero, ed il suo sollievo nel rendersi conto che le statistiche sono solo delle utili astrazioni e non tengono conto dell'intera gamma di variazioni. La mediana è il punto di mezzo, il che significa che il 50% dei pazienti muore entro 8 mesi, ma l'altra metà vive più a lungo, potenzialmente molto più a lungo. Verificò, quindi, in quale punto di questa gamma di variazioni le sue caratteristiche personali lo ponevano. Considerando il fatto che la diagnosi fosse stata precoce e che egli fosse giovane, ottimista e con le migliori terapie a disposizione, Gould pronosticò di trovarsi nella metà favorita della statistica. Dopo un trattamento sperimentale di radioterapia, chemioterapia, e chirurgia, Gould guarì completamente ed il suo articolo fu fonte di speranza per molti pazienti.

Gould fu un sostenitore dell'utilizzo terapeutico della cannabis. Durante la sua lotta contro il cancro era solito fumare la droga illegale per alleviare il senso di nausea associato alle sue terapie. Secondo Gould il suo uso della cannabis ebbe l'effetto "più importante" nella sua guarigione.[7] Nel 1998 testimoniò in tribunale nel caso di Jim Wakeford, un canadese utilizzatore ed attivista dell'utilizzo della cannabis per scopi terapeutici.

Stephen Jay Gould morì il 20 maggio 2002, a causa di un adenocarcinoma metastatico del polmone, che raggiunse il cervello. Questo tumore era completamente indipendente da quello che lo aveva colpito venti anni prima e dal quale era completamente guarito. Morì nella sua casa "in un letto preparato nella biblioteca del suo loft in SoHo, circondato dalla moglie Rhonda, da sua madre Eleanor e dai molti libri che aveva amato."[8][9]

Carriera scientifica[modifica | modifica wikitesto]

Gould iniziò la sua educazione superiore presso l'Antioch College, laureandosi con una doppia specializzazione in geologia e filosofia nel 1963.[10] Inoltre, durante questo periodo, compì degli studi all'estero presso l'Università di Leeds in Gran Bretagna (UK).[11] Dopo aver completato il suo dottorato alla Columbia University nel 1967, sotto la guida di Norman D. Newell,venne immediatamente assunto dall'Università di Harvard presso cui lavorò fino al termine dei suoi giorni (1967–2002). Nel 1973, Harvard lo promosse a professore di Geologia e curatore di Paleontologia degli invertebrati al Museo di zoologia comparata dell'Università.

Nel 1982 Harvard gli conferì il titolo di professore di Zoologia Alexander Agassiz. L'anno successivo, nel 1983, venne invitato a far parte della American Association for the Advancement of Science, di cui in seguito sarà presidente (1999–2001). L'informativa della AAAS citava i suoi "numerosi contributi sia al progresso scientifico che alla comprensione pubblica della scienza". Occupa la posizione di presidente anche presso la Società paleontologica (19851986) e la Società per lo Studio dell'Evoluzione (19901991).

Nel 1989 Gould viene eletto membro della National Academy of Sciences. Nel periodo 1996–2002 Gould è stato Vincent Astor Visiting Research Professor of Biology alla New York University. Nel 2001 la American Humanist Association lo ha nominato "Umanista dell'anno" per i suoi lavori. Nel 2008, gli è stata assegnata postuma la Medaglia Darwin-Wallace. Fino al 2008 questa onorificenza veniva conferita ogni cinquanta anni dalla Linnean Society of London.[12]

Equilibri punteggiati[modifica | modifica wikitesto]

Agli inizi della sua carriera, Gould e Niles Eldredge svilupparono la teoria degli equilibri punteggiati, nella quale il cambiamento evolutivo è caratterizzato da lunghi periodi di stasi, in cui la specie rimane pressoché immutata, alternati/punteggiati da fasi di cambiamento rapido (in senso geologico).[13] Secondo Gould gli equilibri punteggiati modificano uno dei pilastri fondamentali "nella logica centrale della teoria Darwiniana."[3] Alcuni biologi evoluzionisti hanno argomentato che sebbene l'equilibrio punteggiato sia stato "di grande interesse per la biologia,"[14] ha semplicemente modificato il neo-Darwinismo in un modo pienamente compatibile con ciò che era noto prima.[15] Altri hanno comunque enfatizzato il suo essere una novità dal punto di vista teorico, sostenendo che la stasi evolutiva è stata "non prevista dalla maggior parte dei biologi evoluzionisti" e che "ha avuto una notevole influenza sulla paleontologia e la biologia evoluzionista."[16]

Selezionismo e sociobiologia[modifica | modifica wikitesto]

Gould, oltre ad altre forze non basate sulla selezione naturale, sostenne l'importanza delle limitazioni biologiche nella storia della vita, come le limitazioni imposte dalle vie di sviluppo embriologico alle possibilità evolutive. In particolare considerò molte funzioni di alto livello del cervello umano essere sottoprodotti collaterali dell'attività della selezione naturale, piuttosto che adattamenti diretti. Per descrivere queste caratteristiche accidentali cooptate nello sviluppo evolutivo Gould, in collaborazione con Elisabeth Vrba, coniò il termine preadattamento (o exattamento).[17] Gould sostenne che tale esposizione dello sviluppo cerebrale minasse le fondamenta del determinismo genetico alla base della sociobiologia e della psicologia evoluzionista.

Contro "Sociobiologia"[modifica | modifica wikitesto]

Nel 1975, con la pubblicazione del volume "Sociobiologia. La nuova sintesi" E. O. Wilson introdusse un'analisi del comportamento umano basata su di una struttura sociobiologica.[18] In replica a questa pubblicazione, Gould, Richard Lewontin, e altri (la Società di Studi Sociobiologici) scrissero una, molto citata in seguito, lettera alla The New York Review of Books intitolata "Against 'Sociobiology'" ("Contro 'Sociobiologia'"). Questa lettera aperta criticava la nozione di Wilson di "un punto di vista deterministico della società umana e delle azioni umane."[19] Ma Gould non escluse a priori una spiegazione sociobiologica per molti aspetti del comportamento animale, scrivendo: "i sociobiologi hanno allargato il campo delle storie selettive invocando concetti di fitness inclusiva e selezione di parentela per risolvere (penso con successo) l'irritante problema dell'altruismo (N.d.T.: del come l'altruismo si sia potuto evolvere)- in precedenza il principale ostacolo per una teoria darwiniana del comportamento sociale . . . In questo campo la sociobiologia ha avuto e continuerà ad avere successo. Ed in questo campo le auguro ogni bene. Perché rappresenta un'estensione del Darwinismo ad un reame dove dovrebbe applicarsi."[20]

Cladistica[modifica | modifica wikitesto]

Gould non accettò mai la cladistica come metodo per investigare processi o lineaggi evolutivi, forse perché temeva che tali indagini potessero condurre a trascurare i dettagli della storia biologica, che lui considerava supremamente importanti. Nei primi anni novanta questo lo portò ad una contesa con Derek Briggs, che aveva iniziato ad applicare tecniche di cladistica quantitativa ai fossili delle Burgess Shale, circa i metodi che si sarebbero dovuti usare per interpretare questi fossili.[21] Attorno a questo periodo la cladistica divenne il principale metodo di classificazione nella biologia evoluzionistica. Personal computer economici ma sempre più veloci e potenti resero possibile elaborare enormi quantità di informazioni relative agli organismi viventi e alle loro caratteristiche. Nello stesso periodo lo sviluppo di efficaci tecniche di reazione a catena della polimerasi permisero di applicare la cladistica anche all'analisi di caratteristiche biochimiche e genetiche.[22]

Controversie[modifica | modifica wikitesto]

Gould ha ricevuto molti riconoscimenti per i suoi studi e per le sue opere di divulgazione di storia naturale, [9][23] ma non è stato immune da critiche da parte di appartenenti alla comunità dei biologi che, per varie ragioni, sentivano la sua opera come in contraddizione con punti fondamentali della teoria dell'evoluzione. [24]

Il dibattito pubblico tra i sostenitori di Gould e i suoi critici è stato così aspro da essere stato indicato come "le guerre di Darwin" da diversi commentatori. [25][26][27][28] John Maynard Smith, un eminente biologo evoluzionista inglese, è stato uno tra i più forti critici di Gould. Maynard Smith ha argomentato che Gould avrebbe frainteso il ruolo fondamentale dell'adattamento in biologia, e ha inoltre criticato l'accettazione da parte di Gould della selezione di specie quale importante componente dell'evoluzione biologica.[29] In una recensione del libro di Daniel Dennett L'idea pericolosa di Darwin, Maynard Smith ha scritto che Gould "sta dando ai non-biologi un'immagine in larga misura sbagliata dello stato della teoria dell'evoluzione." [30] Ma Maynard Smith non è stato sistematicamente negativo nel suo giudizio circa l'opera di Gould, scrivendo in una recensione al libro Il pollice del panda che "Stephen Gould è il miglior scrittore di divulgazione scientifica popolare attualmente in attività. . . . Spesso mi fa arrabbiare, ma spero che continui a scrivere saggi come questi."[31]
Inoltre, Maynard Smith è stato tra coloro che hanno accolto con favore il ritorno della paleontologia evoluzionistica al centro del discorso evolutivo operato da Gould e altri.[31][32]

Una delle ragioni di tali critiche è che Gould sembrava presentare la sua idea (gli equilibri punteggiati) come una maniera rivoluzionaria di interpretare il fatto dell'evoluzione, sostenendo l'importanza di altri meccanismi evolutivi rispetto alla selezione naturale darwiniana; meccanismi, che Gould credeva essere stati ignorati da vari scienziati evoluzionisti, che nella sua interpretazione riducevano enormemente l'importanza della selezione naturale nella storia della vita. Come risultato diversi non-specialisti spesso hanno dedotto dai suoi scritti che Gould avesse dimostrato che Darwin e la teoria evolutiva fossero sbagliate (cosa che Gould ha più volte veementemente negato). Come capitato ai lavori di altri scienziati nel campo dell'evoluzione, i lavori di Gould sono stati spesso deliberatamente citati fuori contesto dai creazionisti come "dimostrazione" che gli scienziati non avessero idea di come la vita si fosse evoluta.[33] Gould stesso corresse alcuni di questi fraintendimenti e distorsioni delle sue idee in successivi scritti.[34]

Opere in italiano[modifica | modifica wikitesto]

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Gould, Stephen Jay; (2002); Rocks of Ages: Science and Religion in the Fullness of Life; New York: Ballantine Books; ISBN 034545040X
  2. ^ Stephen Jay Gould, Nonoverlapping Magisteria in Natural History, vol. 106, 1997, pp. 16-22.
  3. ^ a b Gould, Stephen Jay, The structure of evolutionary theory, Cambridge, Belknap Press of Harvard University Press, 2002, ISBN 0-674-00613-5.
  4. ^ Official Transcript for Gould’s deposition in McLean v. Arkansas, 27 novembre 1981. URL consultato il 16 novembre 2007. Quando gli venne chiesto di definire le sue idee politiche, Gould disse: "Le mie idee politiche tendono alla sinistra del centro. D. Può essere più specifico? R. Non saprei come esserlo. Non sono un "joiner", quindi non sono membro di nessuna organizzazione. Ho sempre cercato di non etichettarmi. Ma se leggete il mio libro, The Mismeasure of Man, che non è incluso perché non parla di evoluzione, avrete un'idea del mio pensiero politico." p. 153.
  5. ^ Lewontin, R. & Levins, R., Stephen Jay Gould—what does it mean to be a radical?, Monthly Review, 1º novembre 2002.
    «The public intellectual and political life of Steve Gould was extraordinary, if not unique. First, he was an evolutionary biologist and historian of science whose intellectual work had a major impact on our views of the process of evolution. Second, he was, by far, the most widely known and influential expositor of science who has ever written for a lay public. Third, he was a consistent political activist in support of socialism and in opposition to all forms of colonialism and oppression. The figure he most closely resembled in these respects was the British biologist of the 1930s, J. B. S. Haldane, a founder of the modern genetical theory of evolution, a wonderful essayist on science for the general public, and an idiosyncratic Marxist and columnist for the Daily Worker who finally split with the Communist Party over its demand that scientific claims follow Party doctrine.».
  6. ^ The Median Isn't the Message in Discover, 1982. URL consultato il 16 novembre 2007.
  7. ^ Bakalar, James B.; Grinspoon, Lester, Marihuana, the forbidden medicine, New Haven, Conn, Yale University Press, 1997, ISBN 0-300-07086-1. 39-41; available on-line.
  8. ^ Jill Krementz, Jill Krementz Photo Journal, New York Social Diary, 2002. URL consultato il 16 novembre 2007.
  9. ^ a b Paleontologist, author Gould dies at 60, The Harvard Gazette', 20 maggio 2002. URL consultato il 16 novembre 2007.
  10. ^ Allen, Warren (2008). "The Structure of Gould". In Warren Allen et al. Stephen Jay Gould: Reflections on His View of Life. Oxford: Oxford University Press, p. 24, 59.
  11. ^ Masha, Etkin (2002). "A Tribute to Stephen Jay Gould '63". Antiochian (Winter ed.). Retrieved on 2009-6-4.
  12. ^ Linnean Society of London (2008). "The Darwin-Wallace Medal". Ritirata il 2009-6-4.
  13. ^ Eldredge, Niles, and S. J. Gould (1972). "Punctuated equilibria: an alternative to phyletic gradualism." In T.J.M. Schopf, ed., Models in Paleobiology. San Francisco: Freeman, Cooper and Company, pp. 82-115.
  14. ^ Dawkins, Richard (1999). The Extended Phenotype. Oxfordshire: Oxford University Press. p. 101. ISBN 0-19-288051-9.
  15. ^ John Maynard Smith, Paleontology at the high table in Nature, vol. 309, nº 5967, 1984, pp. 401–402, DOI:10.1038/309401a0.
  16. ^ Mayr, Ernst (1992). "Speciational Evolution or Punctuated Equilibria". In Steven Peterson and Albert Somit. The Dynamics of Evolution. Ithaca: Cornell University Press, pp. 21-48. ISBN 0-8014-9763-9.
  17. ^ S. J. Gould e E. Vrba, Exaptation—a missing term in the science of form in Paleobiology, vol. 8, nº 1, 1982, pp. 4–15.
  18. ^ Wilson, E. O. (1975). Sociobiology: The New Synthesis. Cambridge MA: Harvard University Press.
  19. ^ Allen, Elizabeth, et al. (1975). "Against 'Sociobiology'". [letter] New York Review of Books 22 (Nov. 13): 182, 184-186.
  20. ^ Gould, S. J. (1980). "Sociobiology and the Theory of Natural Selection". In G. W. Barlow and J. Silverberg, eds., Sociobiology: Beyond Nature/Nurture? Boulder CO: Westview Press, pp. 257-269.
  21. ^ Gould, S. J. (1991). "The disparity of the Burgess Shale arthropod fauna and the limits of cladistic analysis". Paleobiology 17 (October): 411-423.
  22. ^ Baron, Christian and J. T. Høeg (2005). "Gould, Scharm and the Paleontologocal Perspective in Evolutionary Biology". In S. Koenemann and R.A. Jenner, Crustacea and Arthropod Relationships. CRC Press. pp. 3–14. ISBN 0-8493-3498-5.
  23. ^ Shermer, Michael (2002). "This View of Science". Social Studies of Science 32 (4): 518.

    Awards include a National Book Award for The Panda’s Thumb, a National Book Critics Circle Award for The Mismeasure of Man, the Phi Beta Kappa Book Award for Hen’s Teeth and Horse’s Toes, and a Pulitzer Prize Finalist for Wonderful Life, on which Gould commented `close but, as they say, no cigar’ Forty-four honorary degrees and 66 major fellowships, medals, and awards bear witness to the depth and scope of his accomplishments in both the sciences and humanities: Member of the National Academy of Sciences, President and Fellow of AAAS, MacArthur Foundation ‘genius’ Fellowship (in the first group of awardees), Humanist Laureate from the Academy of Humanism, Fellow of the Linnean Society of London, Fellow of the Royal Society of Edinburgh, Fellow of the American Academy of Arts and Sciences, Fellow of the European Union of Geosciences, Associate of the Muséum National D’Histoire Naturelle Paris, the Schuchert Award for excellence in paleontological research, Scientist of the Year from Discover magazine, the Silver Medal from the Zoological Society of London, the Gold Medal for Service to Zoology from the Linnean Society of London, the Edinburgh Medal from the City of Edinburgh, the Britannica Award and Gold Medal for dissemination of public knowledge, Public Service Award from the Geological Society of America, Anthropology in Media Award from the American Anthropological Association, Distinguished Service Award from the National Association of Biology Teachers, Distinguished Scientist Award from UCLA, the Randi Award for Skeptic of the Year from the Skeptics Society, and a Festschrift in his honour at Caltech.

  24. ^ Leda Cosmides and John Tooby (1997) write:

    John Maynard Smith, one of the world's leading evolutionary biologists, recently summarized in the NYRB the sharply conflicting assessments of Stephen Jay Gould: "Because of the excellence of his essays, he has come to be seen by non-biologists as the preeminent evolutionary theorist. In contrast, the evolutionary biologists with whom I have discussed his work tend to see him as a man whose ideas are so confused as to be hardly worth bothering with, but as one who should not be publicly criticized because he is at least on our side against the creationists." (NYRB, Nov. 30th 1995, p. 46). No one can take any pleasure in the evident pain Gould is experiencing now that his actual standing within the community of professional evolutionary biologists is finally becoming more widely known. . . But as Maynard Smith points out, more is at stake. Gould "is giving non-biologists a largely false picture of the state of evolutionary theory"—or as Ernst Mayr says of Gould and his small group of allies—they "quite conspicuously misrepresent the views of [biology's] leading spokesmen." Indeed, although Gould characterizes his critics as "anonymous" and "a tiny coterie," nearly every major evolutionary biologist of our era has weighed in a vain attempt to correct the tangle of confusions that the higher profile Gould has inundated the intellectual world with.* The point is not that Gould is the object of some criticism—so properly are we all—it is that his reputation as a credible and balanced authority about evolutionary biology is non-existent among those who are in a professional position to know. *These include Ernst Mayr, John Maynard Smith, George Williams, Bill Hamilton, Richard Dawkins, E.O. Wilson, Tim Clutton-Brock, Paul Harvey, Brian Charlesworth, Jerry Coyne, Robert Trivers, John Alcock, Randy Thornhill, and many others.

    It should be noted that Ernst Mayr in this quotation is not speaking of Gould in particular, and does not mention him by name, but is speaking generally of the critics of the Neo-Darwinian Synthesis. Some of the names Tooby and Cosmides cite are also questionable. For example, Mayr, Williams, Hamilton, Dawkins, Wilson, Coyne, and Trivers have shown great respect for Gould as a scientist. In reference to Maynard Smith's comments, Gould writes "Darwinian Fundamentalism" New York Review of Books 44 (June 12, 1997): 34-37:

    :A false fact can be refuted, a false argument exposed; but how can one respond to a purely ad hominem attack? This harder, and altogether more discouraging, task may best be achieved by exposing internal inconsistency and unfairness of rhetoric. . . . It seems futile to reply to an attack so empty of content, and based only on comments by anonymous critics . . . Instead of responding to Maynard Smith's attack against my integrity and scholarship, citing people unknown and with arguments unmentioned, let me, instead, merely remind him of the blatant inconsistency between his admirable past and lamentable present. Some sixteen years ago he wrote a highly critical but wonderfully supportive review of my early book of essays, The Panda's Thumb, stating: "I hope it will be obvious that my wish to argue with Gould is a compliment, not a criticism." He then attended my series of Tanner Lectures at Cambridge in 1984 and wrote in a report for Nature, and under the remarkable title "Paleontology at the High Table", the kindest and most supportive critical commentary I have ever received. He argued that the work of a small group of American paleobiologists had brought the entire subject back to theoretical centrality within the evolutionary sciences. . . . So we face the enigma of a man who has written numerous articles, amounting to tens of thousands of words, about my work—always strongly and incisively critical, always richly informed (and always, I might add, enormously appreciated by me). But now Maynard Smith needs to canvass unnamed colleagues to find out that my ideas are "hardly worth bothering with." He really ought to be asking himself why he has been bothering about my work so intensely, and for so many years.

  25. ^ Brown, Andrew (1999). The Darwin Wars: The Scientific Battle for the Soul of Man. London: Simon & Schuster. ISBN 0-8050-7137-7
  26. ^ Rose, Steven (2002). "Obituaries: Stephen Jay Gould". The Guardian (May 22): 20.
  27. ^ Blume, Harvey (2002). "The Origin of Specious". The American Prospect (September 22): 41–43.
  28. ^ Sterelny, Kim, Dawkins vs. Gould: Survival of the Fittest, Cambridge, U.K., Icon Books, 2007, ISBN 1-84046-780-0. Also ISBN 978-1-84046-780-2
  29. ^ Maynard Smith, John (1981). "Did Darwin get it right?" The London Review of Books 3 (11): 10-11; Ristampato anche in Did Darwin Get it Right? New York: Chapman and Hall, 1989, pp. 148-156.
  30. ^ Maynard Smith, John (1995). "Genes, Memes, & Minds". The New York Review of Books 42 (Nov. 30): 46–48.
  31. ^ a b Maynard Smith, John (1981). "Review of The Panda's Thumb" The London Review of Books pp. 17–30; Ristampato come "Tinkering" nel suo libro Did Darwin Get It Right? New York: Chapman and Hall. 1989, pp. 94, 97.
  32. ^ Maynard Smith parla di ritorno della paleontologia alla Tavola Alta dell'evoluzione, vedi Ripensare Darwin di Niles Eldreadge, 1999 Einaudi
  33. ^ Wright, Robert (1999). "The Accidental Creationist: Why Stephen J. Gould is bad for evolution". The New Yorker 75 (Dec. 13): 56-65.
  34. ^ Gould, S. J. (1981). "Evolution as fact and theory". Discover 2 (May): 34-37.

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Controllo di autorità VIAF: 108205470 LCCN: n79145199