Maxwell Lord

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Maxwell Lord
Universo Universo DC
Nome orig. Maxwell Lord IV
Lingua orig. Inglese
Autori
Editore DC Comics
1ª app. maggio 1987
1ª app. in Justice League of America n. 1
Sesso Maschio

Maxwell Lord è un personaggio dei fumetti, creato da Keith Giffen, J.M. DeMatteis (testi) e Kevin Maguire (disegni), pubblicata dalla DC Comics. È un astuto e potente uomo d'affari che fu molto influente nella formazione della Justice League International nell'universo DC.

Biografia del personaggio[modifica | modifica wikitesto]

Inizialmente, Lord lavorò dietro le quinte per stabilire la League, mentre si trovava sotto il controllo del malvagio computer creato da Metron (più tardi attraverso l'uso della ret-con si sarebbe stabilito che il programma Kilg%re avesse preso il controllo della macchina di Metron). Il computer volle che Max mettesse insieme un'organizzazione che mantenesse la pace sulla Terra, come parte del suo piano per la dominazione del mondo.

La spietatezza di Lord all'epoca fu illustrata quando istituì un quasi terrorista disturbato come criminale da sconfiggere per la League, causando la morte di quest'uomo (il "terrorista" pensava di avere una bomba connessa al suo battito cardiaco, ma di fatto, Max l'aveva scollegata). Successivamente, però, si ribellò contro il computer e sembrò averlo distrutto.

Una volta libero dall'influenza del computer, Lord fu descritto come un uomo d'affari immorale, ma non un vero criminale. Durante il periodo in cui Giffen e DeMatteis scrivevano le storie della Justice League, il personaggio fu mostrato in contrasto con la sua coscienza e sviluppò alcune qualità eroistiche; tuttavia, i cambiamenti più recenti dati al suo personaggio da scrittori differenti sembrarono contraddire le precedenti caratterizzazioni.

Potenza ritrovata[modifica | modifica wikitesto]

Originariamente un essere umano, Lord fu uno dei pochi sulla Terra dotato di superpoteri durante il crossover Invasione!, quando una Gene-Bomba fu fatta esplodere da invasori alieni. La bomba attivò un metagene latente presente in una piccola quantità di terrestri. Lord ottenne l'abilità di controllare le menti altrui, sebbene con grande difficoltà.

Dopo che gli ebbero sparato e che finì in coma, all'inizio della parte 15 del crossover Breakdowns tra Justice League of America e Justice League Europe, Dreamslayer, un super criminale, insieme agli Estremisti, un gruppo di servi robotici, distrutta la vita sul loro pianeta, presero il controllo del corpo di Lord e "supercambiarono" il suo potere, permettendogli di controllare migliaia di menti in una volta sola. Utilizzando il corpo e il potere di Lord Dreamslayer fece sì che la Justice League International perdesse il suo presidente e quasi li costrinse a sciogliersi. Finalmente, tuttavia, mentre il posseduto Lord costringeva la JLI a battersi contro sé stessa, Silver Sorceress, pur ferita mortalmente, riuscì a contenere Dreamslayer e lo tenne all'interno della sua mente mentre moriva, portandolo con sé, e mentre Lord veniva liberato, il suo potere scemò.

Cyborg[modifica | modifica wikitesto]

Più tardi, a Lord fu diagnosticato un tumore al cervello, e sembrò morire. Il Kilg%re, tuttavia, aspettava pazientemente il momento adatto per riattivare il suo controllo su Lord e scaricare la sua coscienza in un duplicato di uno dei robot Estremisti, Lord Havok. In questa forma passò qualche tempo sottoponendo la League ad alcuni test, per ragioni sconosciute. Prese anche il controllo di un'organizzazione segreta consociuta come Arcana.

Il suo corpo cyborg successivamente assunse le sembianze della sua forma umana. Di recente, mise insieme alcuni membri della Justice League International, inclusi L-Ron, Capitan Atomo, Blue Beetle, Booster Gold e Fire come i "Super Amici", dicendo che erano "eroi che l'uomo comune poteva chiamare". Queste storie sono raccontate nella miniserie da sei numeri Formerly Known as The Justice League del 2003, e nel suo sequel del 2005, I Can't Believe It's Not The Justice League.

In Crisi d'identità, Lord fu presente ai funerali di Sue Dibny, mentre parlava con Booster Gold.

Crisi Infinita[modifica | modifica wikitesto]

Exquisite-kfind.png Per approfondire, vedi Crisi Infinita.

L'auto-conclusivo da 80 pagine del 2005 Countdown to Infinite Crisis rivelò che Lord non era più un cyborg e, apparentemente, neanche un criminale con poteri psichici; passò degli anni istruendo la JLI a ricercare informazioni sensibili a proposito dei super eroi di tutto il mondo, che egli considerava una minaccia per il pianeta. Allo stesso tempo, sabotò gli sforzi della JLI al fine di rendere il gruppo di super eroi il più inefficace possibile. Alla fine dell'inizio del numero speciale, sparò ed uccise uno dei membri della JLI, Blue Beetle, quando l'eroe scoprì il segreto di Lord e si rifiutò di allearsi con lui.

Durante questo tempo, a Lord fu dato il controllo sul progetto Grande Fratello di Batman, creato da Alexander Luthor Jr., il figlio semi-dio di Lex Luthor, proveniente da una Terra alternativa, per monitorare tutti i contatti super umani (Batman divenne paranoico quando scoprì che la JLA lo aveva controllato, vedi Crisi d'Identità). Lord prese il controllo sul Grande Fratello e lo utilizzò per creare un'armata della OMACs (umani infettati con un virus che li trasformò in cyborg) programmati per cacciare ed uccidere tutti i super umani.

Utilizzò anche i suoi poteri per influenzare la mente di Superman, facendogli sconfiggere brutalmente Batman. Dopo, Superman attaccò Wonder Woman. Superman era sotto la credenza che Wonder Woman fosse il suo vecchio nemico: Brainiac che cercava Lois Lane per ucciderla. Dopo un'epica battaglia tra i due, Wonder Woman riuscì a vincere, sconfiggendo Superman. Quindi si confrontò con Max Lord e lo accecò con il suo lazzo della verità. Gli chiese come liberare Superman; quando lui le rispose che avrebbe prima dovuto ucciderlo, lei gli spezzò il collo. In risposta, il Grande Fratello inviò in via etere l'immagine di Wonder Woman che uccideva Maxwell Lord in tutto il mondo, distruggendo la sua reputazione e l'amicizia con Superman e Batman (che la respinsero, sebbene avesse salvato le loro vite).

Un Anno Dopo[modifica | modifica wikitesto]

Lord riapparve nel 2007 nelle prime due storie della nuova serie di Booster Gold di Geoff Johns e Dan Jurgens. Alla fine della storia 52 Pick-Up, Booster Gold e Blue Beetle passati, presenti e futuri, andarono indietro nel tempo a Countdown to Infinite Crisis e prevenirono che Maxwell Lord uccidesse Ted Kord. Nella successiva storia Blue and Gold, Beetle e Gold scoprirono che salvando la vita di Kord avevano creato una realtà alternativa in cui avevano prevenuto anche che Wonder Woman avesse ucciso Lord, e in cui la OMACs e un Superman sotto controllo mentale avevano mutato l'intero pianeta in una polizia di stato. Lord rivelò che era tornato alla sua forma umana dopo dozzine di operazioni clandestine, e che aveva imparato l'importanza del controllo durante questo periodo. Quando Booster e Beetle ebbero riassemblato il loro vecchio compagno della JLI, Storm Brother I, Lord fu ucciso da Dottor Light, che gli fece un buco nel petto. Kord si rese conto che la sua morte era il solo modo di sistemare la linea temporale, e lasciò la battaglia, presumibilmente per ritornare al passato ed accettare la sua morte.

Nella serie Trinity, il teschio di Lord fu rubato da un gruppo chiamato i Dreambound, e portato a Morgana Le Fey, per utilizzarlo in un incantesimo, che richiedeva un oggetto che avesse qualche connessione a Wonder Woman.

Nel crossover La notte più profonda, Maxwell Lord fu identificato come uno dei deceduti, commemorati sotto la Sala della Giustizia. Il cadavere di Lord fu ricostituito come Lanterna Nera durante questo evento.

Critica[modifica | modifica wikitesto]

Come Lord riebbe un corpo nuovo e furono ricostituiti i suoi poteri telepatici è sconosciuto, e i fan criticarono questa ricarica del personaggio, specialmente dopo l'intervista degli amministratori della DC Comics in cui quest'ultimi rivelarono che sapevano dei problemi della continuità ma decisero di ignorarli. In questa storia, è possibile spiegare i vari errori della continuità come uno degli effetti collaterali dei colpi sferrati da Superboy-Prime all'universo e al suo cambiamento della storia; questo potrebbe anche spiegare il cambiamento del personaggio da eroe a criminale, e potrebbe anche essere stata l'influenza di Alexander Luthor e/o dello Psico Pirata. Gli intenti dello scrittore di suggerire che la precedente vita eroistica di Lord era semplicemente una parte giocata per integrarsi con gli eroi prima del suo piano di tradimento, vennero considerati una contraddizione da parte di numerosi contestatori negli anni.

Dopo il pannello "Crisis Counseling" al Wizard World Chicago, Dan DiDio spiegò i motivi di utilizzo di Maxwell Lord all'interno di Crisi Infinita. Dopo essere passati attraverso varie possibilità su chi sarebbe potuto essere "il nuovo leader per una squadra sotto Checkmate", fu suggerito Maxwell Lord. Molti degli editori pensarono che sarebbe stata un'ottima idea, dato che Lord fu mostrato con una vena di meschinità e aveva già ucciso in precedenza. L'idea fu abbandonata a causa dei continui errori di continuità, come il fatto che fu un cyborg, ma ritornarono sui loro passi dopo aver deciso che nessuna di queste possibilità andava bene. "Pensammo a proposito di questo aspetto della storia (nel quale Maxwell Lord fu trasformato in un cyborg) ancora un po'", spiegò DiDio. "E quindi chiesi, 'Qualcuno l'ha letto?' No. 'A qualcuno è piaciuta l'idea?' No. Così andammo avanti con Max come umano, ed essendo stato umano, e non lasciando che questa piccola parte del passato restasse nel mezzo di questa storia. Noi volemmo il meglio per Countdown (to Infinite Crisis), e per noi, il che significa che Max doveva essere umano".

Una retcon successiva piazzata nella "cyborgizzazione" di Maxwell Lord per un breve periodo, fece sì che Max Lord utilizzasse la sua connessione ai Laboratori Cadmus, Checkmate e il Progetto M per cancellare i cambiamenti apportatigli dal Kilg%re e ritornare ad un sano corpo umano. Le didascalie narrative che lo spiegarono implicarono che, nonostante i suggerimenti precedenti al contrario, la sua riformazione durante Justice League International fu genuina, e solo dopo la sua tramutazione in cyborg e la sua ricostituzione acquisì l'odio verso i metaumani che definì il suo ruolo in Crisi Infinita.

Tutto ciò rivelò il caso anche nel corrente Universo DC. Tuttavia, il corpo da cyborg posseduto da Lord non fu più uno dei corpi posseduti dal clone di Lord Havok, ma un nuovo automa di Nuova Genesi. Scartato dopo la ricostituzione della sua forma biologica, il corpo fu abbandonato in una cantina al Castello, il corrente quartier generale di Checkmate, e trasformato per ospitare la forma corrente di G.I. Robot.

Impatto sui fumetti[modifica | modifica wikitesto]

A causa del modo in cui Maxwell Lord si occupò di Blue Beetle, alcuni appassionati di fumetti cominciarono a fare riferimento a omicidi inspiegabili o rivelazioni scioccanti di personaggi noti che vanno contro la continuità precedente affermando di essere stati "spinti da Max Lord". Infatti, Dan DiDio affermò al Comic-Con del 2008 che "Non avremo a che fare con Barry Allen e Wally West spinti da Maxwell Lord".

Altri media[modifica | modifica wikitesto]

Lord comparve nell'episodio "Ultimatum" della serie animata Justice League Unlimited.

Comparve come un normale umano senza alcun potere speciale, e agiva come manager degli Ultimen, un gruppo di super eroi che lavorava indipendentemente dalla Justice League. Venne fuori, tuttavia, che questi Ultimen erano una serie di forme di vita artificiale clonate e a cui furono date false memorie. Il gruppo fu sviluppato con l'assistenza del Progetto Cadmus come parte di un progetto in via di sviluppo per proteggere la Terra dalla Justice League. Siccome i cloni, nati imperfetti, morirono, furono rimpiazzati finché una nuova generazione di cloni impararono la verità e si ribellarono contro Lord e Cadmus.

Nella serie televisiva Smallville è interpretato dall'attore Gil Bellows nel diciannovesimo episodio della nona stagione intitolato "Charade"(Sciarada). È un membro dell'organizzazione Checkmate, dove ricopre il ruolo di"Re Nero":possiede la capacità di manipolare il pensiero delle persone, potere con cui tenta di scoprire l'identità della"Macchia". Viene sconfitto da Clark Kent, ma riesce a fuggire entrando in contatto con un ambiguo personaggio legato alla Checkmate, la"Regina Rossa". Ricompare nel ventunesimo episodio della nona stagione intitolato "Hostage"(La Regina Rossa). Tortura psichicamente Tess Mercer al fine di scoprire, per conto della"Regina Rossa", l'ubicazione del Libro di Rao, un manufatto kriptoniano. Viene neutralizzato dalla "Regina Rossa"una volta ultimato il suo compito.

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]