Sarah Essen Gordon

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Sarah Essen Gordon
Lingua orig. Inglese
Autori
Editore DC Comics
1ª app. marzo 1987
1ª app. in Batman n. 405
Sesso Femmina
Luogo di nascita Chicago
Parenti

Sarah Essen Gordon è un personaggio dei fumetti creato da Frank Miller e David Mazzucchelli nel 1987 e pubblicato da DC Comics. Presentata all'interno della storia Batman: Anno uno, è una poliziotta che ha una relazione con James Gordon.

Biografia del personaggio[modifica | modifica sorgente]

Nata a Chicago, la poliziotta Sarah Essen si trasferisce a Gotham City, dove inizia una relazione con il collega sergente James Gordon, sposato e con la moglie in attesa di un figlio; quando Gordon, ricattato, confessa la relazione alla moglie, Sarah si trasferisce a New York[1].

Dopo essersi sposata con un poliziotto ucciso in servizio, fa ritorno a Gotham, dove ritrova Gordon divorziato, e i due convolano a nozze[2].

Il sindaco Krol, in rotta con James Gordon per il suo rifiuto a chiedere a Batman aiuto per la lotta alla criminalità in vista delle elezioni[3] offre l'incarico di Gordon a Sarah, che accetta per evitare che il compagno, valido poliziotto, venga licenziato; Gordon, retrocesso, non digerisce la cosa, dimettendosi e ingrandendo così la crisi tra i due[4]; la coppia si riappacifica quando lei decide di appoggiare la candidatura del compagno a sindaco, che però a sua volta decide di ritirarsi, appoggiando il candidato Marion Grange[5]. Quando quest'ultima viene eletta, restituisce il comando a Gordon, ed offre a Sarah il ruolo di mediatrice tra e l'ufficio comunale e il distretto di polizia.

Durante l'anno successivo al terremoto che sconvolse la città, Sarah resta a fianco del marito; quando il Joker prende in ostaggio dei ragazzini, la donna si offre come ostaggio in cambio degli innocenti: il criminale le spara, uccidendola[6].

(EN)
« I always called her Sarah, and now it's too late to call her Mom »
(IT)
« L'ho sempre chiamata Sarah. E ora è troppo tardi per chiamarla mamma. »
(Barbara Gordon, in lacrime al funerale di Sarah Essen[6])

Altre versioni[modifica | modifica sorgente]

Sarah Essen è citata in Il ritorno del Cavaliere Oscuro (1986) e in All Star Batman e Robin (2005 - 2008)

Note[modifica | modifica sorgente]

  1. ^ Batman n. 405, marzo 1987
  2. ^ Legends of the Dark Knight Annual n. 2, 1992
  3. ^ (EN) Black Mask: The Spidered Face. Batman n. 518, DC Comics, maggio 1995 (tradotto in Batman n. 11, Play Press, ottobre 1995)
  4. ^ (EN) Fades to Black. Batman n. 520, DC Comics, luglio 1995 (tradotto in Batman n. 15, Play Press, gennaio 1996
  5. ^ (EN) Frozen Assets. Batman n. 525, DC Comics, dicembre 1995 (tradotto in Batman n. 31, Play Press, settembre 1996)
  6. ^ a b End Game: part Two, Detective Comics n. 741, febbraio 2000 (tradotto in Batman: Nuova Serie n. 18, Play Press, ottobre 2000)

Collegamenti esterni[modifica | modifica sorgente]

DC Comics Portale DC Comics: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di DC Comics