Alfred Pennyworth

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
« Riconosca i suoi limiti, Signor Wayne. »
(Alfred Pennyworth a Bruce Wayne in Il cavaliere oscuro)
Alfred Thaddeus Crane Pennyworth
Alfred nel film Batman: Il mistero di Batwoman
Alfred nel film Batman: Il mistero di Batwoman
Lingua orig. Inglese
Autori
Editore DC Comics
1ª app. aprile-maggio 1943
1ª app. in Batman n. 16
Interpretato da
Voci orig.
Voci italiane
Sesso Maschio
Abilità
  • Mente brillante e saggia
  • Conoscenze mediche, chirurgiche e psicologiche
  • Esperto nell'utilizzo di sistemi informatici ed elettronici
Parenti
  • Wilfred (fratello)
  • Daphne (nipotina)

Alfred Thaddeus Crane Pennyworth, noto semplicemente come Alfred, è un personaggio dei fumetti creato da Bill Finger e Jerry Robinson nel 1943, pubblicato dalla DC Comics. La sua prima apparizione risale al numero 16 della testata Batman (maggio 1943).

Descrizione[modifica | modifica wikitesto]

Alfred Pennyworth nasce in Inghilterra, e ancora in giovane età entra in una delle più prestigiose accademie per maggiordomi, dove segue un corso aggiuntivo di medicina, di letteratura classica e di teatro. Ottenute ottime qualifiche, si ritaglia una carriera di tutto rispetto presso famiglie e luoghi di elevato lignaggio, dove si pone in evidenza come domestico attento e capace, sempre sollecito e disponibile, e come cuoco squisito e giardiniere ricercato. I suoi padroni apprezzano molto la sua pazienza e mitezza, il suo distinto galateo e il fine umorismo.

Dopo un'onorata carriera accetta con onore ed entusiasmo di trasferirsi a Gotham City, negli Stati Uniti per servire il dottor Thomas Wayne, famoso medico miliardario appartenente a un'illustre famiglia dell'alta nobiltà britannica, che per la prima volta serve anche come chauffeur. Grande conoscitore della storia dei Wayne e della loro monumentale e opulenta residenza familiare, che li ospita da sei generazioni, con il tempo si guadagna la fiducia e la stima personale di Thomas e della moglie Martha, da cui viene sempre trattato con affetto e confidenza. Successivamente si prende cura del loro giovane figlio Bruce, con cui instaura un legame molto speciale, tanto che quando i coniugi Wayne vengono assassinati in una rapina continua a servirlo non solo come maggiordomo, ma anche come genitore alternativo insieme alla signora Leslie Thompkins, amica di vecchia data dei Wayne di cui diviene lui stesso un grande amico.

Nel corso degli anni, Bruce matura l'intenzione di combattere il crimine a Gotham City, affinché nessuno più veda morire i propri cari come è successo a lui, e vedendo un pipistrello irrompere nel suo studio privato ha l'idea di assumere una seconda identità a immagine e somiglianza dell'animale. Alfred lo aiuta quindi a definire i dettagli di questo alter ego, e si impegna anima e corpo a preparare i costumi e ad attrezzare la grande caverna sotterranea che Bruce ha scoperto da poco sotto Villa Wayne.

Quando finalmente incomincia a combattere nelle vesti di Batman, il giovane miliardario ha spesso l'occasione di riconoscere quanto importante sia il ruolo di Alfred nel conciliare la sua doppia vita, con tutti gli arguti suggerimenti atti a giustificare o nascondere le ferite riportate nelle battaglie notturne, e con l'insegnamento di una differente inflessione e tonalità per meglio alterare la voce quando indossa la maschera del Cavaliere oscuro. In un secondo momento, però, analogamente alla signora Thompkins l'attento e affezionato maggiordomo esprime al suo protetto una nota di preoccupazione: teme infatti che la grande attenzione che presta a Batman possa in qualche modo finire con il trascurare Bruce Wayne, indirizzandolo verso una totale solitudine. A suo dire l'attività di giustiziere solitario potrebbe finire con l'ossessionarlo, portandolo a trascurare pericolosamente gli affetti, il suo buon nome e il lato migliore della vita, e spesso lo aiuta con energia nei momenti più critici a mantenere un corretto equilibrio tra le due identità.

Infine, dopo molti anni, dedica lo stesso impegno entusiasta verso il giovane Dick Grayson, un artista circense che ha perso i genitori per mano del mafioso Tony Zucco, e che Bruce ha deciso di accogliere a Villa Wayne.

Aspetto[modifica | modifica wikitesto]

Nelle prime apparizioni del fumetto, Alfred appare come un uomo in sovrappeso, meno serio e rasato. Nel 1943 appare per la prima volta nella serie televisiva Batman interpretato da William Austin, che appare con fisico magro e sportivo e baffi sottili. Il successo della serie spinse gli autori dei fumetti a ispirarsi all'aspetto fisico di Austin.[1]

Altri media[modifica | modifica wikitesto]

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Les Daniels (1999). Batman: The Complete History. Chronicle Books. pp. 57–59. ISBN 0-8118-4232-0.
DC Comics Portale DC Comics: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di DC Comics