Bane (DC Comics)

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Bane
Bane dipinto da Glenn Fabry
Bane dipinto da Glenn Fabry
Universo Universo DC
Lingua orig. Lingua inglese
Alter ego Dorrance (cognome, il nome non è rivelato)
Autori
Editore DC Comics
1ª app. gennaio 1993
1ª app. in Batman: Vengeance of Bane
Editore it. Glénat (casa editrice)
app. it. 1993
app. it. in Batman - La vendetta di Bane
Interpretato da
Voci orig.
Voci italiane
Sesso Maschio
Abilità
  • Mente geniale[1] e processi mentali potenzati
  • Esperto di armi ed esplosivi
  • Maestro d'arti marziali
  • Forza di volontà disumana e massima resistenza al dolore
  • Genio nella tattica nella strategia, nelle tattiche stealth e nel comando
  • Memoria fotografica
  • Eccellente tiratore e spadaccino
  • Svariate conoscenze scientifiche, investigative e culturali
  • Forza, velocità, riflessi e resistenza metaumana
  • Aumento di forza, resistenza, velocità e fattore di guarigione a livelli sovrumani tramite il Venom[2]
Parenti Edmund Dorrance (padre)
« Distruggeremo Gotham! E dopo, quando avremo finito, e Gotham sarà... cenere... avrai il mio permesso di morire. »
(Bane a Bruce Wayne nel film Il cavaliere oscuro - Il ritorno, di Christopher Nolan (2012))

Bane[3], noto in Italia anche col nome Flagello, il cui vero nome è Dorrance (sconosciuto il nome di battesimo), è un personaggio dei fumetti DC Comics creato da Chuck Dixon e Doug Moench (testi) e Graham Nolan (disegni). È uno degli arcinemici di Batman comparsi più di recente. Si è classificato al trentaquattresimo posto nella classifica dei più grandi cattivi nella storia dei fumetti secondo IGN.

Dotato di una forza sovrumana dallo steroide "Venom" che gli viene iniettato nel corpo tramite dei cavi direttamente collegati con le sue vene, Bane ha una muscolatura incredibilmente possente ed è solito tenere il proprio volto coperto da una maschera simile a quella dei luchadores messicani.[4]

A inizio anni novanta, quando fece la sua comparsa nella città di Gotham, Bane spedì Bruce Wayne sulla sedia a rotelle per un lungo periodo, mostrandosi così come uno degli avversari più pericolosi dell'Uomo Pipistrello.

Biografia del personaggio[modifica | modifica sorgente]

Exquisite-kfind.png Per approfondire, vedi La vendetta di Bane.

Figlio del rivoluzionario Edmund Dorrance, più noto in seguito come il Re Serpente, viene condannato dalla nascita a scontare la pena del padre sfuggito alla giustizia dell'isola di Santa Prisca in un carcere di massima sicurezza, Peña Duro, dove viene sottoposto sin dall'infanzia ad innumerevoli torture che lo hanno trasformato in uno psicopatico pluriomicida.[5] A dispetto dell'aspetto nerboruto e villoso, Bane non si avvale solo della tremenda forza fisica per i suoi piani, ma ha anche un intelletto molto sviluppato e perfino versato nelle arti umanistiche, grazie agli insegnamenti di un ex-gesuita compagno di prigionia. Questa caratteristica lo avvicina per un certo verso ad Edmond Dantès, protagonista del Conte di Montecristo, educato in carcere dall'Abate Faria.[5] In questo particolare si evince l'iniziale intenzione di Dixon di farne quasi un "anti-batman" visto che il Conte di Montecristo (insieme a Zorro) è una delle fonti di ispirazione primarie per la figura del Crociato col Mantello. I dottori del carcere lo usarono come cavia per un potente steroide, il "Venom", che aumentava tremendamente le facoltà fisiche; grazie al nuovo vigore ottenuto, Bane evase dal carcere e raggiunse Gotham City.[5]

L'arrivo a Gotham City[modifica | modifica sorgente]

Exquisite-kfind.png Per approfondire, vedi Batman: Knightfall.
(EN)
« The Batman is Gotham City. I will watch him. Study him. And when I know him and why he does not kill, I will know this city. And then Gotham will be mine! »
(IT)
« Batman è Gotham City. Lo osserverò, lo studierò. E quando saprò perché non uccide, conoscerò questa città. E allora Gotham sarà mia! »
(Bane in Batman: La vendetta di Bane)

Arrivò infine a Gotham City con l'intento di conquistarla, e ciò lo portò inevitabilmente a scontrarsi con Batman, di cui Bane riuscì a scoprire l'identità segreta. Avendo studiato per anni le biografie dei migliori strateghi della storia, Bane ideò un astuto piano per sconfiggere definitivamente il Cavaliere Oscuro: organizzò una maxi-evasione dal carcere di Gotham, talmente violenta che provocò la fuga di orde di criminali per le strade della città, compresi quelli più pericolosi come ad esempio il Joker o lo Spaventapasseri.[6] Batman riuscì a fermarli tutti, non senza riportare ferite e, quando praticamente esausto tornò alla Batcaverna, trovò Bane ed Alfred, privo di sensi. Bane fracassò la schiena a Batman e lo scagliò da una finestra, assumendo il controllo della comunità criminale.[7] Assieme ai suoi complici Trogg, Zombie e Bird, conquistò tutte le famiglie della mala di Gotham, ottenendo, con l'intimidazione e la violenza, il potere assoluto dei traffici della città. Nel frattempo il mantello di Batman passò da Bruce Wayne a Jean-Paul Valley[8]; il nuovo Batman, nonostante le raccomandazioni del suo predecessore, affrontò il possente criminale, venendo in un primo momento battuto; in seguito però, utilizzando un costume da combattimento corazzato e un equipaggiamento più letale, affrontò nuovamente Bane, riuscendo a sconfiggerlo, in quanto Jean-Paul riuscì a privarlo del "Venom", da cui Bane sembrava essere dipendente.[9]

I successivi confronti con Batman[modifica | modifica sorgente]

Dopo i fatti di Batman: Knightfall, Bane, una volta riuscito a ricostruire l'impressionante fisico muscolo per muscolo e a disintossicarsi dal Venom, si recò a Santa Prisca[1] dove interrogò il prete gesuita che lo aveva cresciuto ed educato in Peña Dura sulla vera identità di suo padre.[10] Il prete gli spiegò che suo padre potrebbe essere uno di quattro uomini: un rivoluzionario, un dottore americano, un mercenario inglese ed un banchiere svizzero.[10] Bane, dopo aver ucciso il gesuita, partì per Roma alla ricerca di quest'ultimo e qui fece la conoscenza di Ra's al Ghul, il quale, ritenendolo un nuovo potenziale compagno per sua figlia Talia, lo nominò suo erede, ruolo che in passato aveva scelto per Batman prima che quest'ultimo lo tradisse.[1]

Ritornato a Gotham, Bane affrontò nuovamente Bruce Wayne, tornato nel frattempo a indossare i panni del Cavaliere Oscuro. Batman ottiene il suo rematch con Bane e, finalmente, riesce a sconfiggerlo in un unico combattimento.[11]

In seguito, Bane combatte Azrael nella storia "Angel and the Bane".[12] Ha poi un ruolo coprimario nella storia "Terra di nessuno" nel quale si mette alle dipendenze di Lex Luthor intenzionato a conquistare Gotham, ma viene convinto da Batman a lasciare il piano del filantropo di Metropolis. Dopo la sconfitta di Ra's al Ghul, Bane intraprende una campagna per distruggere Lazarus Pit e, contemporaneamente, fa la conoscenza di Black Canary.[13]

Bane arriverà persino a credere che suo padre sia Thomas Wayne, cosa che in seguito si rivelerà infondata dopo un test del DNA.[14][15][16][17]

Bane, in seguito, scoprirà che il suo vero padre è il mercenario inglese Sir Edmund Dorrance, soprannominato Re Serpente.[18] Bane e Batman si alleeranno per combattere Dorrance e, nel combattimento, Bane sarà ferito e salvato da Batman.[19][20][21]

Apparizioni recenti[modifica | modifica sorgente]

In Infinite Crisis n. 7, Bane attacca Metropolis insieme ad altri criminali e riusce a uccidere l'eroe Judomaster.[22]

Bane riappare in One Year Later alla ricerca dei due Hourman (Rex e Rick Tyler) per chiedergli aiuto. Dopo aver guadagnato la loro fiducia, Bane racconta ai due eroi di come abbia cercato inutilmente di porre fino al traffico di droga a Metropolis e, contemporaneamente, abbia scoperto l'esistenza di un nuovo guerriero a cui è stato iniettato il "Venom". In realtà tale storia era stata inventata da Bane per potersi avvicinare a Rex Tyler, che si scopre essere uno dei responsabili della nascita del "Venom". Alla fine della storia, Bane rimane sepolto tra le macerie del penitenziario Santa Prisca dove era iniziata la sua vicenda[23] In séguito, Bane riappare ancora vivo e riesce a portare la democrazia nel suo paese. Dopo aver scoperto che le elezioni erano state truccate da Computron, uno dei Rainbow Raiders, Bane fa precipitare il paese in una guerra civile e affronta Thomas Jagger, il figlio di Judomaster, venendo sconfitto ma risparmiato da quest'ultimo.[24]

Dopo esser stato reclutato da Amanda Waller nella Suicide Squad, di recente si è aggregato alla squadra di mercenari nota come i Segreti Sei[25]; qui Bane ha mostrato lievi segni di redenzione, in quanto pare abbia abbracciato la fede in Dio.[26], inoltre ha cominciato a provare un forte sentimento paterno verso Scandal Savage, figlia di Vandal Savage, verso la quale è iperprotettivo, tanto che, per aiutare lei e la squadra da un assalto di criminali (in quanto avevano messo una taglia sui Sei), Bane ha assunto una dose di Venom.

Poteri e abilità[modifica | modifica sorgente]

Bane è dotato di un'intelligenza, di una memoria (eidetica) e di una forza di volontà estremamente sviluppate ed è esperto nei campi della strategia e tattica militari e di spionaggio e della chimica. È anche un leader, un truffatore/simulatore, un investigatore ed un escapologo esperto ed è maestro nel combattimento corpo a corpo (è addirittura riuscito ad inventare una tecnica di combattimento tutta sua) e all'arma bianca (abilità che verranno perfezionate ulteriormente da Ra's al Ghul), nell'uso di armi da lancio, di esplosivi e di armi da fuoco, nonché nella guida di veicoli sia terrestri che acquatici che aerei. È anche estremamente colto ed acculturato ed è un poliglotta (oltre alla sua lingua madre, lo Spagnolo, padroneggia anche l'Inglese, il Latino, il Persiano e l'Urdu). La sua intelligenza e le sue innumerevoli abilità sono state più volte elogiate nel fumetto, persino da personaggi del calibro di Ra's al Ghul[1] e dallo stesso Batman. Bane è inoltre dotato di forza, resistenza, velocità, agilità, resistenza al dolore e all'affaticamento, tempi di recupero e riflessi ai limiti delle possibilità umane. Fin dal suo esordio, Bane è stato considerato all'apice della perfezione psicofisica. Tuttavia il suo vero potere risiede nel Venom, un potentissimo super-steroide dagli effetti non permanenti (Bane fa uso di un sofisticato serbatoio di stoccaggio portatile collegato direttamente al suo corpo per assumere una dose regolabile della sostanza, qualora ne avesse bisogno, con la semplice pressione di un tasto) che aumenta le suddette facoltà fisiche del terribile criminale a livelli sovrumani: una dose media della miracolosa sostanza lo può rendere, tra le altre cose, anche in grado di sollevare fino a 3 tonnellate. Tuttavia, nella serie originale a fumetti, a partire da dopo gli eventi di Knightfall, Bane non fa più uso del Venom (poiché questo crea in lui dipendenza e, con l'utilizzo prolungato, anche dei seri danni fisici), almeno fino alle storie più recenti, quando ne assume nuovamente una dose media per salvare Vandal Savage dall'attacco di un'orda di criminali. Nelle sue ultime apparizioni, Bane ha inventato una sua variante del Venom in grado di incrementare forza, resistenza, velocità, agilità, resistenza al dolore e all'affaticamento e riflessi a livelli ancor superiori rispetto a quanto non facesse il Venom originale: con una dose media del nuovo super-steroide, Bane diviene in grado, tra le altre cose, anche di sollevare tra le 5 e le 10 tonnellate e di saltare in alto fino a 30 metri. Diviene inoltre in grado di resistere ai proiettili (anche a quelli di grosso calibro) ed acquisice un fattore rigenerante sovrumano. Con il recente reboot della DC Comics, New 52, Bane appare dotato di forza, resistenza, velocità, agilità, resistenza al dolore e all'affaticamento, tempi di recupero e riflessi sovrumani (ai livelli di quelli ottenuti con il Venom originale nella serie originale a fumetti) anche se non fa uso in alcun modo di sostanze potenzianti (sono sconosciuti i motivi di ciò). Tuttavia mantiene inalterate tutte le sue altre caratteristiche ed abilità. Sebbene Bane preferisca combattere corpo a corpo, negli anni ha fatto uso non poche volte di diverse armi bianche e da fuoco (di grosso calibro), nonché di vari tipi di esplosivi. Bane è uno dei supercriminali più potenti dell'universo DC Comics, nonché uno dei pochi personaggi che sia riuscito a sconfiggere Batman. Dopo Joker ed Harley Quinn è il supercriminale più pericoloso di tutta Gotham City.

Altre versioni[modifica | modifica sorgente]

Nel crossover Marvel vs. DC, Bane affronta in combattimento Capitan America.

Nell'universo Amalgam viene fuso col soldato pazzo della Marvel Nuke, diventando uno dei criminali della serie Bruce Wayne: Agente dello S.H.I.E.L.D.

Altri media[modifica | modifica sorgente]

Animazione[modifica | modifica sorgente]

Cinema[modifica | modifica sorgente]

  • Nel film del 1997 Batman & Robin, diretto da Joel Schumacher, Bane fa il suo esordio sul grande schermo interpretato dal wrestler Robert Swenson. Rispetto al fumetto, viene rappresentato come un tirapiedi dalla scarsa intelligenza, brutale e capace di pronunciare solamente qualche parola, semplificando molto le sue origini e il suo carattere, cosa che ha contribuito all'insuccesso del film[30]. Nel film, prima di diventare Bane, è chiamato Antonio Diego (interpretato da Michael Reid MacKayed), è un criminale ergastolano usato come cavia dallo scienziato Jason Woodrue, per Il Veleno, un potentissimo siero composto da tossine e steroidi in grado di trasformare il più esile degli uomini in un supersoldato da vendere a potenze straniere. Trasformatosi in Bane dopo che Woodrue gli inietta il composto, raggiunge Gotham insieme a Poison Ivy dove affronta Batman, Robin e Batgirl. Alla fine del film viene sconfitto da questi ultimi, i quali lo privano del Venom e della sua straordinaria forza. Nell'edizione italiana il personaggio viene chiamato «Flagello», ovvero la traduzione letterale del suo nome.
Bane nel film Il mistero di Batwoman
  • Appare nel film d'animazione Batman: Il mistero di Batwoman (2003) dove è doppiato in originale da Héctor Elizondo. In questo film, accetta (alle sue condizioni) di aiutare il Pinguino e i boss mafiosi di Gotham City per catturare Batwoman. Bane era interessato a scoprire l'identità di questo nuovo personaggio (e ci riesce) e soprattutto voleva affrontare nuovamente il Cavaliere Oscuro. Non vi riuscirà comunque, poiché la barca su cui combattevano esplode prima che Bane concluda lo scontro ma riuscirà a sopravvivere.
  • Appare nel film d'animazione Superman/Batman: Public Enemies dove affronta Superman e Batman, venendo alla fine sconfitto da Capitan Atom e dalla sua squadra.
  • Nel 2012, Bane è l'antagonista principale del film Il cavaliere oscuro - Il ritorno, terzo e ultimo capitolo della trilogia del cavaliere oscuro diretta da Christopher Nolan. Ad interpretarlo è l'attore britannico Tom Hardy[31][32]. Nel film, Bane è un mercenario al servizio della Setta delle Ombre. Il personaggio appare dotato di forza, resistenza, velocità, agilità e riflessi ai limiti delle capacità umane (superiori anche a quelli di Batman) ma non sovrumani, in quanto nel film non fa uso del Venom. Dimostra però di mantenere inalterata rispetto a quanto si vede nei fumetti la mente geniale sotto ogni punto di vista e l'innata abilità nel campo del combattimento corpo a corpo (è infatti stato addestrato anche lui dalla Setta delle Ombre), dell'investigazione e della strategia (non sembra avere però tutte le altre innate doti mentali ed abilità mostrate nei fumetti). In quanto all'aspetto fisico, rispetto alla versione cartacea è più basso e meno muscoloso, oltre ad essere privo di capelli. Inoltre, si evince che dev'essere di nazionalità orientale (indiano o arabo), e non sudamericano (dominicano) come nei fumetti. Nei flashback viene mostrato che già da giovanissimo viveva rinchiuso in una prigione sperduta in mezzo ad un non meglio specificato deserto orientale, strutturata come un profondissimo pozzo pieno di celle e scalinate, dal quale era impossibile uscire. Lì, un giorno, scoppiò un'epidemia di una non meglio specificato malattia, dalla quale Bane fu colpito. I tentativi dei medici della prigione di salvarlo da morte certa riuscirono, ma lo lasciarano in una perenne agonia fisica di natura non meglio specificata (dalle cicatrici che Bane reca lungo la spina dorsale si evince che si tratti di dolori insopportabili alla succitata struttura ossea). Quando la Setta delle Ombre fece ritorno alla prigione per sterminarne i prigionieri che avevano ucciso l'amore del loro leader e maltrattato la sua figlia Talia (diverso tempo dopo la fuga di quest'ultima dalla prigione grazie all'aiuto dello stesso Bane), i terribil servi di Ra's Al Ghul ritrovarono Bane e lo portarono al cospetto del loro padrone su richiesta di Talia. Ra's gli fece costruire una speciale maschera che gli permette di respirare costantemente uno speciale antidolorifico nebulizzato che gli permette di tenere a bada il dolore, lo istruì, lo allenò e lo addestrò. Venne però scomunicato tempo dopo dallo stesso Ra's perché gli ricordava troppo il dolore causato dall'aver lasciato moglie e figlia in quella terribile prigione. Da quel giorno iniziò a lavorare come mercenario, per poi rimettersi in contatto con Talia a seguito della morte di suo padre, tornando a tutti gli effetti a far parte della Setta delle Ombre e dirigendone assieme a Talia i piani per la distruzione di Gotham City. Il vero nome di Bane e la sua storia precedente alla reclusione non sono rivelati. La storia personale di Bane è dunque radicalmente diversa da quella dei fumetti, e presenta solo alcune analogie e spunti, tra i quali possiamo osservare: -La droga che inala costantemente attraverso la maschera, rimanda al Venom di cui si serve nei fumetti; -L'evasione di massa che causa nel film nella prigione di Black Gate, che rimanda all'evasione di massa da lui causata nei fumetti; -L'azione di spezzare la schiena a Batman in modo analogo ai fumetti. Inoltre, nel film Bane conosce l'identità segreta di Batman perché è la Setta delle Ombre a dirglielo, mentre nei fumetti lo scopre da solo.

Videogiochi[modifica | modifica sorgente]

Bane appare nei seguenti videogiochi:

Note[modifica | modifica sorgente]

  1. ^ a b c d (EN) Chuck Dixon (testi), Graham Nolan (disegni), Batman: Bane of the Demon 1, DC Comics, marzo 1998
  2. ^ Dan Wallace, Bane in Alastair Dougall (a cura di), The DC Comics Encyclopedia, Londra, Dorling Kindersley, 2008 * conoscenza di varie lingue tra cui: lo spagnolo, l'inglese, l'urdu, il persiano e il latino, p. 36.
  3. ^ In italiano significa: veleno
  4. ^ UGO's World of Batman - Rogues Gallery - Bane, UGO. URL consultato il 10 maggio 2005.
  5. ^ a b c (EN) Chuck Dixon (testi), Graham Nolan (disegni), Vengeance of Bane 1993.
  6. ^ (EN) Batman n. 491 - The Freedom of Madness!
  7. ^ (EN) Batman n. 497 - Knightfall 11: The Broken Bat
  8. ^ (EN) Batman n. 499 - Knightfall 15: Knights in Darkness
  9. ^ (EN) Batman n. 500 - Knightfall 19: Dark Angel
  10. ^ a b (EN) Chuck Dixon (testi), Graham Nolan e Eduardo Barreto (disegni), Vengeance of Bane II 1995.
  11. ^ (EN) Chuck Dixon (testi), Graham Nolan (disegni), Detective Comics n. 701 - Legacy, Part Six: Gotham's Scourge, DC Comics, settembre 1996, p. 32.
  12. ^ (EN) Azrael #36-40 (Dicembre 1997 - Aprile 1998)
  13. ^ (EN) Chuck Dixon, Butch Guice, Guice, Butch. "The Suiter" Birds of Prey 26, febbraio 2001, DC Comics.
  14. ^ (EN) Scott Beatty, Mike Collins, Bill Sienkiewicz, "Tabula Rasa, Prologue: The Debvil You Know..." Gotham Knights 33: 22 (Novembre 2002), DC Comics
  15. ^ (EN) Scott Beatty, Roger Robinson, John Floyd, "Tabula Rasa, Part Prima: Skin Trade" Gotham Knights 34: 22 (Dicembre 2002), DC Comics
  16. ^ (EN) Scott Beatty, Roger Robinson, John Floyd, "Tabula Rasa, Part Seconda: Pain and Ink" Gotham Knights 35: 22 (Gennaio 2003), DC Comics
  17. ^ (EN) Scott Beatty, Roger Robinson, John Floyd, "Tabula Rasa, Parte Terza: Pix" Gotham Knights 36: 22 (Febbraio 2003), DC Comics
  18. ^ (EN) Batman: Gotham Knights #49 (Marzo 2004)
  19. ^ (EN) Scott Beatty, Roger Robinson, John Floyd, "Veritas Liberat Capitolo uno: King of the Mountain" Gotham Knights 47: 22 (Gennaio 2004), DC Comics
  20. ^ (EN) Scott Beatty, Roger Robinson, John Floyd, "Veritas Liberat Capitolo due: Family Reunion" Gotham Knights 48: 22 (Febbraio 2004), DC Comics
  21. ^ (EN) Scott Beatty, Roger Robinson, John Floyd, "Veritas Liberat Chapter Three: The Redeemer" Gotham Knights 49: 22 (Marzo 2004), DC Comics
  22. ^ Ray Tate, Infinite Crisis #7 Review - Line of Fire Reviews, Comics Bulletin, 5 maggio 2006. URL consultato il 22 maggio 2008 (archiviato dall'url originale il 6 dicembre 2008).
  23. ^ (EN) Tony Bedard, Scott McDaniel, Andy Owens. "The Venom Connection Part 1" JSA: Classified 17 (novembre 2006), DC Comics
  24. ^ (EN) Tony Bedard, Scott McDaniel, Andy Owens. "The Venom Connection, Part 2 of 2" JSA: Classified 18: 22 (dicembre 2006), DC Comics
  25. ^ Gail Simone, Dale Eaglesham, Brad Walker, Nicola Scott, Segreti Sei (Secret Six), n. 1.
  26. ^ Gail Simone, Dale Eaglesham, Brad Walker, Nicola Scott, Segreti Sei (Secret Six), n. 9.
  27. ^ DCAUResource.com: DCAU Resource - Villains - Bane, DCAU Resource. URL consultato il 29 dicembre 2010.
  28. ^ Adam Beechen, The Batman: Traction Recap, TV.com, 25 settembre 2004. URL consultato l'11 maggio 2008.
  29. ^ Joseph Kuhr, The Batman: Team Penguin Recap, TV.com, 30 settembre 2006. URL consultato l'11 maggio 2008.
  30. ^ Dustin McNeill, Batman & Robin (US - DVD R1) in Reviews, DVD Active. URL consultato il 23 maggio 2008.
    «The only one I can recommend watching is the biography on Bane. Paul Dini of Batman: The Animated Series and Denny O'Neil of DC Comics tell us just how badly Bane was written for the movie making the only thing missing here an apology from screenwriter Akiva Goldsman.».
  31. ^ (EN) Anne Hathaway to Play Selina Kyle in The Dark Knight Rises!, Superhero Hype, 19 gennaio 2011. URL consultato il 16 marzo 2011.
  32. ^ (EN) Geoff Boucher, ‘Dark Knight Rises’: Anne Hathaway will be Catwoman, Tom Hardy is Bane [Updated], Herocomplex.latimes.com, 19 gennaio 2011. URL consultato il 16 marzo 2011.

Altri progetti[modifica | modifica sorgente]

DC Comics Portale DC Comics: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di DC Comics