Cappellaio Matto (DC Comics)

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Cappellaio Matto
Il Cappellaio Matto interpretato da David Wayne nella serie TV Batman degli anni sessanta.
Il Cappellaio Matto interpretato da David Wayne nella serie TV Batman degli anni sessanta.
Universo Universo DC
Nome orig. Mad Hatter
Lingua orig. Inglese
Alter ego Jervis Tetch
Autori
Editore DC Comics
1ª app. ottobre 1948 / aprile 1956
1ª app. in Batman n. 49 / Detective Comics n. 230
Editore it. Arnoldo Mondadori Editore
Interpretato da David Wayne (in Batman serie televisiva)
Voci orig.
Voci italiane
Sesso Maschio
Abilità
  • Mente geniale
  • Genio scientifico, esperto in ingegneria elettronica
  • Cappello dotato di etichette che controllano il pensiero
  • Armamentario per controllare la mente degli uomini
  • Esperto ipnotizzatore
Affiliazione Segreti Sei
« Ti ho messo in testa una piccola, minuscola idea. »
(Il Cappellaio Matto in Batman: Arkham City)

Il Cappellaio Matto (Mad Hatter), il cui vero nome è Jervis Tetch, è un personaggio dei fumetti della DC Comics creato nell'ottobre del 1948 da Bob Kane e Bill Finger. Fa la sua prima apparizione su Detective Comics n. 230.

È un supercriminale, uno dei molti nemici di Batman. L'ingegnere Jervis Tetch, prova una vera e propria ossessione al noto Cappellaio Matto del libro Le avventure di Alice nel paese delle meraviglie di Lewis Carroll, da cui perciò si ispira.[1] Come altri cattivi di Batman, il Cappellaio Matto è diventato un personaggio più oscuro nel corso degli anni. Viene descritto come uno scienziato che inventa e utilizza dispositivi tecnologici per il controllo e la manipolazione della mente delle sue vittime. Il Cappellaio Matto è noto per il suo cappello di colore verde, che di solito è un po' sovradimensionato, in quanto contiene i suoi dispositivi della manipolazione della mente.

Il personaggio è comparso nella popolare serie tv degli anni '60 Batman, nel cartone animato Batman e in Batman - Cavaliere della notte. Nel mondo dei videogiochi lo troviamo principalmente nella serie Batman: Arkham, e nello specifico nel secondo e terzo capitolo: Batman: Arkham City e Batman: Arkham Origins.

Aspetto[modifica | modifica wikitesto]

Il Cappellaio Matto ha subito molti cambiamenti nel suo aspetto fisico nel corso degli anni, ma l'aspetto di base rimane la stesso. Nel suo debutto, era un personaggio molto basso dai capelli castani. Quando riapparve nei primi anni '80, viene descritto come di media statura, con i capelli biondi. Negli anni successivi, ritorna ancora ad essere molto basso ma con i capelli bianchi. Oggi, Tetch ha i capelli rossi ma le sue dimensioni e l'altezza sembra ancora variare. Costanti in tutto le sue raffigurazioni sono una testa leggermente più larga e dei grandi denti. In Segreti Sei # 6 (dicembre 2006), Tetch afferma di soffrire di macrocefalia. L'abbigliamento caratteristico è quello tipico del più noto Cappellaio Matto del libro: classico grande cappello, giacca molto lunga di colore verde e papillon sopra la camicia.

Analisi[modifica | modifica wikitesto]

Jervis Tetch è un ingegnere talmente ossessionato dal libro Le avventure di Alice nel paese delle meraviglie (e dal suo seguito Attraverso lo specchio e quel che Alice vi trovò, in particolare al capitolo A Mad Tea Party) fin da bambino, che ha deciso di assumere l'identità del famoso Cappellaio Matto del racconto. Inoltre è affascinato dai cappelli di ogni forma e dimensione, tanto da volere ad ogni costo, la maschera di Batman.così come dal libro di Carroll. Secondo il dottor Blakloch del manicomio criminale Arkham Asylum:

« Jervis è ossessivo-compulsivo, e altamente delirante. Ha un'immagine di sé molto immatura, così si identifica di più con i bambini rispetto agli adulti. Oh, lui è anche un genio. »
(Da Gotham Central # 20 (agosto 2004), di Ed Brubaker)

Blakloch dice inoltre che, quando è agitato, Tetch inizia a parlare in rima come meccanismo di difesa. Tetch cita spesso e fa riferimento alle meraviglie romanzi di Carroll, e talvolta non riesce a discernere tra queste storie e la realtà. Si tratta di un uomo affetto da disturbi ossessivi compulsivi e da schizofrenia. Jervis Tetch è inoltre ossessionato dalla figura della protagonista del racconto, Alice. Nel graphic novel Arkham Asylum: Una folle dimora in un folle mondo, è implicito il fatto che egli è un pedofilo: infatti nella sua carriera ha ucciso tantissime ragazze che credeva fossero Alice. Inoltre il Cappellaio Matto ha anche una fissazione malsana sui bambini, come quando rapisce una giovane Barbara Gordon e la costringe in un tè party a vestirsi come Alice, così come rapire altri bambini in fuga per farli vestire poi come personaggi del libro di Alice nel paese delle meraviglie.

Biografia[modifica | modifica wikitesto]

Inizio della carriera criminale[modifica | modifica wikitesto]

Il Cappellaio Matto di Carroll a cui si ispira Tetch.

Ossessionato sin dalla tenera età dal famoso libro Alice nel paese delle meraviglie di Lewis Carroll, Jervis Tetch, cresce in solitudine e senza amici, a causa del suo aspetto. Egli diventa un neuroscienziato, e ad un certo punto si muove in una pensione di proprietà di Ella Littleton. Ci fa amicizia con la figlia di Ella, Connie Littleton, ed suoi amici nella sua scuola media Computer Club, a volte aiutandoli con i loro progetti. Pochi anni più tardi, quando Connie è al liceo, lei rimane incinta. Temendo la reazione di sua madre estremamente severa, Connie si trova a lei e richieste era stata violentata da qualcuno squadra di baseball sua scuola superiore, gli Hawks Gotham. Ella, a sua volta, si avvicina Tetch aiuto e lo convince che i falchi Gotham sono "cattivi ragazzi". Tetch si impegna ad utilizzare la sua tecnologia di controllo mentale su un membro della squadra, facendogli utilizzare una pipe bomb per uccidere gli altri giocatori. Anche se questa è la prima azione criminale di Tetch, il suo coinvolgimento nel bombardamento spogliatoio non sarebbe stato scoperto solo anni dopo. Diventa anche un esperto ipnotizzatore ed arrivò a illudersi di essere l'incarnazione di un personaggio della storia, il Cappellaio Matto. Sfruttando le sue abilità nell'ipnotismo ha messo a segno diversi crimini, spesso legati ai temi del libro che hanno ispirato lui e la sua passione per i cappelli, al punto che, per aumentare i suoi poteri ipnotici, è arrivato a impiantare dei chip per il controllo mentale all'interno dei suoi copricapo. Tra tutti i copricapo, quello che preferisce è il cappuccio di Batman: per ottenerlo è disposto a fare qualunque cosa. Nella sua prima apparizione come il Cappellaio Matto, Tetch tenta di rubare un trofeo dal Gotham Yacht Club, e inizia un'ondata di criminalità che termina quando viene sventato da Batman, mentre sta cercando di spettatori rubare da un alto horseshow società. Tetch viene successivamente inviato ad Arkham Asylum (anche se il suo destino non è rivelato fino Detective Comics # 510). Il Cappellaio non è presente nella Golden Age dei fumetti. Nella Silver Age dei fumetti, compare un impostore Cappellaio Matto e si scontra con Batman molte volte. Egli si rivela come un impostore quando il Cappellaio Matto finalmente riappare, sostenendo di avere "smaltiti l'impostore" (anche se l'impostore sarebbe tornato per l'ultima volta in Detective Comics # 573 nel 1987). Accompagnato da alcuni scagnozzi e una scimmietta (denominato "Carroll Lewis", anche se il Cappellaio Matto sostiene che la scimmia si rifiuta di dirgli come si arrivò ad avere quel moniker), il Cappellaio Matto rapisce Lucius Fox, l'amministratore delegato di Wayne Tech. Anche se in possesso di Lucius Fox per il riscatto, il Cappellaio Matto svela anche un dispositivo che gli permette di copiare le conoscenze nel cervello di Fox, che intende usare per fare una fortuna aggiuntivo. Tuttavia, Lucius Fox viene salvato da Batman, che cattura anche il Cappellaio Matto ed i suoi scagnozzi. Successiva apparizione del Cappellaio Matto segna la prima volta che è ritratto in fumetti con i dispositivi di mente-controllo per il quale sarebbe poi diventato più noti . Alleandosi con altri criminali nel tentativo di uccidere Batman, Cappellaio utilizza un cappello mente controllo su Spaventapasseri, costringendo il cattivo (che era stato paralizzato dalla paura) per combattere. Quando Batman supera i suoi aggressori, Tetch fugge e sembra morire su un ponte sotto le ruote di un treno. In realtà egli era fuggito saltando su un camion che era stato passando sotto il ponte. Incontri successivi con Batman provocato Tetch inviati ad Arkham. Durante un altro incontro precoce con Batman, il Cappellaio Matto fugge da Arkham in tempo per Halloween, e fa la sua casa in un antico palazzo che era stato abbandonato dopo anni di omicidi raccapriccianti prima. Ritirandosi a fondo nei suoi deliri su meraviglie, Tetch offre rifugio a bambini fuggiti di casa, chiedendo loro in cambio di vestirsi come i personaggi di Alice nel paese delle meraviglie e assistere i suoi tea parties, dove ricopre il loro tè drogati per tenerli sedato. In questo periodo, Barbara "Babs" Gordon arriva a Gotham, essendo stato adottato da suo zio, il commissario Gordon, in seguito alla morte dei suoi genitori. Homesick e arrabbiato, Barbara litiga con il padre adottivo quando lui proibisce di andare a fare dolcetto o scherzetto, dicendo che Gotham è un posto troppo pericoloso. Barbara si intrufola contro i suoi ordini, e va a Gotham Park, dove si ritrova rapidamente inseguiti da un gruppo di uomini mascherati con coltelli. Il gruppo la circondano, e cominciare il che implica che essi molestare o abusare di lei, facendo Babs urlare per chiedere aiuto. Appare il Cappellaio e spaventa gli uomini di distanza con la sua pistola. Tetch prende Babs al suo "paese delle meraviglie", dove si dovrebbe svolgere il ruolo di Alice. Quando Babs si rifiuta di bere il tè e chiede di lasciare, Tetch rompe con rabbia una teiera, spaventando un altro dei fuggitivi in ​​furtivamente di distanza, mentre l'attenzione di Tetch è su Barbara. Il ragazzo porta la polizia e Batman a nascondiglio di Tetch, e Tetch viene sconfitto da Batman, mentre il commissario Gordon salva Babs. Quando Black Orchid visita Arkham Asylum, nel tentativo di trovare più sul suo passato da Poison Ivy, si è assistito da un dolce (anche se chiaramente folle) Tetch. Dopo Ivy si rifiuta di dare Orchid molto aiuto, Tetch cerca di tirarle su il morale. Egli rivela anche che sta aiutando gli altri detenuti ad Arkham, come portare le cose Ivy per rendere i suoi ibridi pianta-animale con. "Credo che per aiutare le persone," spiega, "noi tutti siamo stati messi qui per uno scopo, lo dico. Ma è comunque bello ottenere un ringraziamento." Tetch è lieta di ricevere un piccolo fiore come la ringrazio per il suo aiuto. Tetch è anche consapevole dell'identità di Animal Man come compagno Baker. Lo si vede ridere istericamente ad Arkham con la pagina finale di "Il ritorno con il Man of the Animal Powers", la seconda storia Animal Man, dopo di che viene trascinato di nuovo nella sua cella. Nella saga Knightfall, il Pazzo Cappellaio è il primo a colpire, dopo il breakout di Arkham. Egli invita tutti i criminali di un tea party a cui Batman e Robin sarebbe venuto. Uno dei malfattori era Film Freak, sul quale Tetch utilizza un dispositivo di controllo mentale, mandandolo a trovare la persona che li ha scoppiato di Arkham. Batman e Robin sono ea sconfiggere il Cappellaio Matto come Film Freak viene sconfitto da Bane. In Robin: Year One, milionario dittatore del terzo mondo Generalissimo Lee assume il Cappellaio Matto di rapire un numero di giovani ragazze che utilizzano i suoi dispositivi di controllo mentale. The Mad Hatter fa impiantando i dispositivi in ​​Walkmen, che dà fuori di ragazze a scuola di Dick Grayson. Il giovane Robin riesce a sconfiggere il Cappellaio Matto, però. Un altro piano consisteva di impiantare i suoi dispositivi in ​​"caffè gratuito e ciambelle" biglietti ha distribuito davanti alle stazioni di polizia di Gotham. Tale piano ha avuto lui la maggior parte dei poliziotti della città di controllo, incitandoli a rubare per lui, e, infine, alla rivolta. Egli aveva anche detective della polizia di Gotham Crispus Allen e Renee Montoya irrompono in una banca per lui. Sasha Bordeaux aiutò Batman fermarlo questa volta. The Mad Hatter si presenta a Gotham City dopo che è stato scosso da un devastante terremoto. Si aggiunge al suo conteggio corpo, cinicamente dell'omicidio di un poliziotto. Il suo obiettivo è quello di portare alla luce un tesoro di oggetti di valore, che alla fine risultano essere cappelli classici. Il ruolo di Tetch nella morte di squadra Gotham Hawks Liceo Baseball è infine scoperto dagli investigatori del Dipartimento di Polizia di Gotham City. Tetch, imprigionato ad Arkham, al momento, viene intervistato per cercare di trovare il suo movente. Dopo aver inviato la polizia via, dicendo loro che la squadra era stata "cattivi ragazzi" che "meritava", contatti Tetch Ella Littleton e la avverte che la polizia potesse scoprire il suo ruolo nel bombardamento. Tetch le aveva dato una delle sue mente controllare cappelli anni prima, che ha usato per cercare di prendere il controllo di una guardia e cercare di aiutare Tetch fuga da Arkham. Il Cappellaio 'colto mentre cerca di fuggire, ei fuochi di guardia controllati mentalmente contro la polizia prima di morire nel fuoco di ritorno. Tetch si è girato più volte e lasciato in condizioni critiche. Affranto per la notizia, Elle Littleton dice inavvertitamente sua figlia Connie che Tetch aveva ucciso la squadra per lei, a "vendicare il suo onore." Connie informa la polizia di tutto ciò che era accaduto, e Ella Littleton viene arrestato. Mentre si lavora con Maschera Nera, il Cappellaio Matto impianta un chip di controllo mentale direttamente nel cervello di Killer Croc, che lo induce a mutare di nuovo a causa del virus che era stato iniettato dal silenzio e l'Enigmista. Killer Croc si imbarca in una missione per ottenere rimborso su quelle responsabili della sua mutazione, e inizia con il Cappellaio Matto. Batman arriva in tempo per salvarlo, ma Killer Croc sfugge. Durante Crisi infinita, il Cappellaio Matto è la prima volta di essere sonoramente battuto da Argo, e poi la lotta con la società segreta dei supercriminali durante la Battaglia di Metropolis.

È stato poche volte a capo di squadre, la più famosa delle quali era quella formata da Hush, Bane, Mister Freeze, Catwoman e il Pinguino, con la quale ha costruito un'armatura potente con quattro braccia, ognuna con diverse funzioni: una con un raggio laser, capace di distruggere qualsiasi cosa, una con una mitragliatrice in grado di sparare,una dotata di forza pari a quella di Bane e l'ultima con una sega elettrica indistruttibile. Il problema è così critico da far intervenire tutta la Justice League: Tetch riesce a indebolire Superman, ma Wonder Woman riesce a distruggere la fonte di energia (alimentata a criptonite) e a far fallire così il piano di Tetch. Un anno dopo che evase dal carcere e ipnotizzò Robin e Batman in modo che tentassero di uccidere il commissario James Gordon; Batman venne considerato da Gotham un fuorilegge, ma Nightwing investigò molto sulla faccenda e scoprì che era stato il Cappellaio, così lo costrinse a togliere a Batman e Robin l'ipnotismo, il Cappellaio fu rinchiuso nell'Arkham Asylum, dove iniziò ad avere buoni rapporti con l'Enigmista.

Poteri e abilità[modifica | modifica wikitesto]

Non è un uomo con una gran prestanza fisica, ma ciò non significa che sia da sottovalutare: è infatti una mente geniale, esperto in ingegneria elettronica. La sua tecnologia viene utilizzata al servizio del crimine, creando dispositivi che controllano la mente di chi ne viene a contatto. In particolare, costruisce delle carte che ricordano l'etichetta del Cappellaio, la famosa "10/6", che, piazzate sulla testa della gente, ne annullano la volontà e li riducono a burattini schiavi di Tetch. Inoltre Tetch, è un esperto ipnotizzatore.

Altri media[modifica | modifica wikitesto]

Animazione[modifica | modifica wikitesto]

Exquisite-kfind.png Lo stesso argomento in dettaglio: Batman (serie animata) e Batman - Cavaliere della notte.

Il personaggio del Cappellaio Matto è presente in diversi episodi delle serie animate Batman e Batman - Cavaliere della notte. Nella serie Batman, uscita tra il 1992 e il 1995, il Cappellaio Matto ha la voce originale di Roddy McDowall mentre in italiano è doppiato da Aldo Stella. Nella seconda serie, Batman - Cavaliere della notte, è doppiato in Italia da Guido Rutta.

Nella serie televisiva animata Batman, fa il suo esordio nella puntata Matto come un cappellaio in cui Jervis Tetch lavora alla Wayne Enterprises, ed è perdutamente innamorato della sua segretaria Alice, già fidanzata. Tetch approfitta di un litigio fra i due per farsi avanti, ma i due si riconciliano; allora impazzisce, si traveste da Cappellaio Matto e rapisce Alice, costringendola ad amarlo grazie ad un chip del controllo della mente inventato da lui. Oppone al suo volere anche altre persone (tra cui il fidanzato di Alice, Billy) dando filo da torcere a Batman, e dopo una dura lotta con lui, resterà imprigionato nella mano di un gargouille e Batman distruggerà il congegno del controllo della mente.

Televisione[modifica | modifica wikitesto]

Exquisite-kfind.png Lo stesso argomento in dettaglio: Batman (serie televisiva).

Il Cappellaio Matto appare in 4 episodi della popolare serie degli anni '60 Batman ed è interpretato da David Wayne.

Basato sul personaggio dei fumetti con lo stesso nome, il personaggio è previsto all'interno della serie ma le origini sono state travisate. Questa versione è basata su quella dell'impostore Mad Hatter. In Batman '66, si scopre che il fratello del Cappellaio Matto è Morris Tetch.

Cinema[modifica | modifica wikitesto]

Il supercriminale è stato considerato come un antagonista in uno degli script non prodotti per un terzo film di Joel Schumacher su Batman. Egli avrebbe dovuto essere interpretato da Robin Williams o Rowan Atkinson. La sua storia è comunque simile a quella dell'Enigmista in Batman Forever.[2]

Il Cappellaio Matto è menzionato nel film d'animazione del 2014 Batman: Assault on Arkham.

Videogiochi[modifica | modifica wikitesto]

Il Cappellaio Matto appare nei seguenti videogiochi:

Nel primo videogioco della serie Batman: Arkham, Batman: Arkham Asylum uscito nel 2009, il personaggio non compare mai fisicamente ma si può comunque sbloccare la sua biografia. Nel giardino botanico del manicomio peró si vedono le sue tazzine da tè.

Il Cappellaio Matto è invece tra gli antagonisti principali del secondo capitolo sviluppato nel 2011 Batman: Arkham City. Il supercriminale, compare tra le missioni secondarie da svolgere durante il gioco. Appena Batman ha salvato Vicki Vale, riceve una chiamata da Alfred: a quanto pare Lucius Fox ha sintetizzato una cura per la sua malattia e gliela spedisce sganciandola da un Batplano. Incredulo Batman raggiunge la posizione e si inietta il siero, cadendo però in una trappola. Quando Batman rinviene si trova in un luogo sconosciuto. È seduto ad un tavolo approntato per l'ora del tè ed attorno a lui ci sono un pugno di detenuti con maschere da coniglio in evidente stato di trance. A capotavola siede il Cappellaio Matto. Questo ha usato le onde del suo cappello per creare un'allucinazione che spingesse Batman ad iniettarsi un sedativo, ora è in suo potere e, mentre il Cavaliere Oscuro ancora non può muoversi, gli cala sulla testa una maschera potenziata con i suoi circuiti di controllo mentale. Ora Batman è schiavo delle stesse allucinazioni del suo nemico e deve resistervi. Dopo un combattimento psicologico strenuo, Batman riprende il controllo di sé e mette il Cappellaio Matto K.O. Nella stanza trova dei nastri che testimoniano come Hugo Strange si sia a lungo servito di Jervis. Tutte le persone che ha controllato per arrivare dov'è ora (Quincy Sharp, la gente di Gotham, le Guardie TYGER) sono state in realtà vittima di una versione chimica della tecnologia di controllo mentale del Cappellaio Matto, un composto che Strange lo ha obbligato a sviluppare strumentalizzando le ossessioni del matto, che, stando alle registrazioni è stato responsabile per il rapimento e l'omicidio di un certo numero di ragazze che egli vedeva come incarnazioni di Alice.

È comparso anche nel prequel della serie Batman: Arkham Origins, uscito nel 2013.

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Will Brooker, Alice’s Adventures: Lewis Carroll in Popular Culture, Continuum International Publishing Group, 2004, pp. 152–153, ISBN 0-8264-1433-8.
  2. ^ Robin Williams in a Batman movie, Thecomicscode.weebly.com. URL consultato il 7 gennaio 2014.

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

DC Comics Portale DC Comics: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di DC Comics