Gameloft

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Se riscontri problemi nella visualizzazione dei caratteri, clicca qui.
Gameloft
Logo
Stato Francia Francia
Tipo Sussidiaria
Borse valori Euronext: GFT
Fondazione 1999
Sede principale Parigi
Persone chiave
Prodotti Videogiochi
Fatturato Green Arrow Up.svg 1.100.000 € (2008)
Dipendenti Green Arrow Up.svg 4.000 (2008)
Note http://blog.gameloft.com/italia
Sito web www.gameloft.it

Gameloft è un editore internazionale e sviluppatore di videogiochi per Console portatili e Cellulare e Console con sede in Francia e uffici siti globalmente.

Detiene oltre 4.000 dipendenti distribuiti nel mondo; nel 2005 ha consolidato i suoi guadagni con un reddito pari a 20,4 milioni di euro, con un incremento del 134% rispetto all'anno precedente e vanta una rete di distribuzione in oltre 80 Paesi.

Gameloft sviluppa videogiochi con tecnologia Java, Brew e Symbian.

La società fu fondata nel 1999 dalla famiglia Guillemot come società sussidiaria di Ubisoft Entertainment, con accordi commerciali stipulati con Longtail Studios, Universal Pictures, Paramount Studios, Dreamworks, Vans, Derek Jeter, Vijay Singh e Geoff Rowley.

Inizialmente la compagnia si è dedicata allo sviluppo di giochi per Console portatili e Cellulari, per estendere successivamente il suo settore alle Console quali Sony PlayStation 3, Nintendo DSi, Wii, Xbox 360, iPhone e Smartphone equipaggiati con sistema operativo Windows Mobile e Android.

Grazie agli innumerevoli accordi di licenza quali Uno, Ferrari, Shrek, CSI, Spider-Man e Brothers in Arms, Gameloft ha dato vita ad importanti collaborazioni con diversi brand. Oltre alle partnership, Gameloft ha creato e sviluppato alcuni brand di proprietà come Real Football, Asphalt, N.O.V.A. Near Orbit Vanguard Alliance e Brain Challenge.

A gennaio 2010 la società ha dichiarato di aver venduto 10 milioni di titoli tramite App Store[1] e successivamente durante la presentazione di iPad ha mostrato N.O.V.A. Near Orbit Vanguard Alliance, uno dei primi giochi disponibili per il tablet di Apple.

Videogiochi sviluppati dalla Gameloft[modifica | modifica wikitesto]

Cellulare/Nokia N-Gage[modifica | modifica wikitesto]

1999 - 2003[modifica | modifica wikitesto]

2004[modifica | modifica wikitesto]

2005[modifica | modifica wikitesto]

2006[modifica | modifica wikitesto]

2007[modifica | modifica wikitesto]

2008[modifica | modifica wikitesto]

2009[modifica | modifica wikitesto]

2010[modifica | modifica wikitesto]

2011[modifica | modifica wikitesto]

iPod[modifica | modifica wikitesto]

2007[modifica | modifica wikitesto]

2008[modifica | modifica wikitesto]

iPhone e iPod Touch[modifica | modifica wikitesto]

2008[modifica | modifica wikitesto]

2009[modifica | modifica wikitesto]

2010[modifica | modifica wikitesto]

2011[modifica | modifica wikitesto]

iPad[modifica | modifica wikitesto]

2010[modifica | modifica wikitesto]

2011[modifica | modifica wikitesto]

Android[modifica | modifica wikitesto]

2010[modifica | modifica wikitesto]

2012[modifica | modifica wikitesto]

2011[modifica | modifica wikitesto]

Palm Pre[modifica | modifica wikitesto]

2009[modifica | modifica wikitesto]

2010[modifica | modifica wikitesto]

Nintendo DSi[modifica | modifica wikitesto]

2008[modifica | modifica wikitesto]

2009[modifica | modifica wikitesto]

2010[modifica | modifica wikitesto]

Nintendo Wii[modifica | modifica wikitesto]

2008[modifica | modifica wikitesto]

2009[modifica | modifica wikitesto]

2010[modifica | modifica wikitesto]

PlayStation 3[modifica | modifica wikitesto]

2008[modifica | modifica wikitesto]

2009[modifica | modifica wikitesto]

2010[modifica | modifica wikitesto]

2011[modifica | modifica wikitesto]

PSP[modifica | modifica wikitesto]

2008[modifica | modifica wikitesto]

2009[modifica | modifica wikitesto]

2010[modifica | modifica wikitesto]

  • UNO (Mar. 10)

2011[modifica | modifica wikitesto]

Xbox 360[modifica | modifica wikitesto]

2008[modifica | modifica wikitesto]

2010[modifica | modifica wikitesto]

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Gameloft raggiunge i 10 milioni di download paganti su App Store, www.gameloft.it, 6 gennaio 2010. URL consultato il 6 gennaio 2010.

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]