Far Cry 2

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Far Cry 2
FarCry2 2010-05-16 22-36-49-21.jpg
Una scena del gameplay..
Sviluppo Ubisoft Montreal
Pubblicazione Ubisoft
Ideazione Clint Hocking
Serie Far Cry
Data di pubblicazione 21 ottobre 2008
Genere Sparatutto in prima persona
Modalità di gioco giocatore singolo, multiplayer
Piattaforma Microsoft Windows, PlayStation 3, Xbox 360
Motore grafico Dunia Engine
Fascia di età Pegi: 16+
Periferiche di input tastiera, mouse, DualShock 3, Sixaxis, gamepad
Preceduto da Far Cry
Seguito da Far Cry 3

Far Cry 2 è il secondo episodio del videogioco sparatutto in prima persona Far Cry, sviluppato dalla Ubisoft dopo aver ottenuto la licenza permanente per l’utilizzo del motore di gioco, il CryEngine di Crytek.[1]

Storia[modifica | modifica sorgente]

Il gioco è stato sviluppato da parte di Ubisoft Montreal, che il 30 marzo 2006 ha comunicato di aver acquisito tutti i diritti di proprietà intellettuale relativi al brand di Far Cry dagli ideatori dello stesso, i Crytek. L'annuncio di Far Cry 2 ha avuto luogo il 19 luglio 2007 a Parigi, da parte di Ubisoft, la quale ha dichiarato che il gioco era in fase di sviluppo, e sarebbe stato rilasciato nella primavera del 2008.

Nel dicembre del 2007, Ubisoft ha annunciato un ritardo nello sviluppo, spostando la data di uscita al 21 ottobre 2008 su PC, Playstation 3 e Xbox 360. Il gioco è stato infine commercializzato il 21 ottobre 2008 su tutte e tre le piattaforme.

Trama[modifica | modifica sorgente]

« Malato? Ti dico io cos'è malato: gli inglesi, gli americani, i canadesi e gli svedesi. Con le loro tasse pagano un pilota automatico che sgancia un missile su un mercato affollato per colpire un solo signore della guerra. Ma bravi. Così la guerra si ferma per altri sei mesi e il prezzo del loro pane di sorgo senza glutine rimane basso. Questo è malato, e la chiamano giustizia internazionale. Questi poveretti non hanno piloti automatici a proteggere i loro interessi a quindicimila chilometri da casa; non hanno una macchina da guerra pagata con le tasse; spesso non hanno nemmeno un cazzo di governo! Il pilota automatico è l'invasore, il pane senza glutine è l'invasore. Gli AK47 sono le grandi livelle sociali: io vendo potere a questa gente. »
(Lo Sciacallo)

Anno 2008: nello stato centrafricano di Leboa-Sako, cade il governo. Immediatamente si formano due fazioni ribelli in lotta fra loro: lo United Front for Liberty and Labour (UFLL) guidato da Addi Mbantuwe, uno spietato signore della guerra, e la Alliance for Popular Resistance (APR), comandata dall'ex maggiore dell'esercito Oliver Tambossa. In questa situazione moltissimi civili fuggono, tuttavia nel paese ci sono ancora alcuni individui, così detti attivisti indipendenti, che si battono per alleviare le sofferenze della popolazione.

Sebbene l'APR sia in vantaggio, la lotta è accanita. Inoltre nello stato africano sono arrivati, attratti dalla guerra e da facili guadagni molti mercenari, che sostengono ora questa ora quella fazione, oppure agiscono per il loro tornaconto personale. Ogni singola arma utilizzata dalle fazioni e dai mercenari è opera di uno spietato commerciante d'armi, detto "lo Sciacallo".

Il giocatore impersonerà un mercenario, scelto fra 9 personaggi messi a disposizione dal gioco, il cui scopo sarà quello di trovare ed uccidere "lo Sciacallo", che alimenta il conflitto. Per fare ciò dovrà servire sia Mbantuwe che Tambossa, in cambio di diamanti e informazioni, cooperando con gli altri otto compagni, giornalisti d'assalto, medici e preti. Inoltre il giocatore, indipendentemente dal personaggio scelto, si troverà di fronte ad un altro problema oltre ai nemici: la malaria. Infatti il protagonista, nella scena iniziale, contrae la malattia e, durante lo svolgersi del gioco, si ritroverà colpito da attacchi febbrili che potrà alleviare tramite assunzione di medicinali. Per questo sarà necessario fare delle missioni speciali per procurarsi le pillole contro questa malattia.

Caratteristiche del gioco[modifica | modifica sorgente]

Sarà possibile scegliere di interpretare uno dei 9 personaggi disponibili, e grazie ad un sistema di gioco "sandbox" il giocatore potrà ad esempio allearsi con una delle fazioni di mercenari presenti, così come mettersi contro un'altra.

Oltre alla trama principale, formata da 33 missioni, si possono fare molte altre cose. Si può ad esempio eseguire missioni per conto delle armerie, che consistono nel distruggere dei camion contenenti munizioni, come ricompensa verranno sbloccate armi e potenziamenti nell'armeria.
Si possono eseguire favori per i propri amici mercenari, che vi daranno missioni di vario genere: dall'uccidere degli spacciatori a distruggere dei carichi di medicine. Come ricompensa in questo caso il giocatore riceverà della reputazione.

Ambientazione, caratteristiche e interazione[modifica | modifica sorgente]

Il gioco è ambientato in Africa, in uno dei tanti stati centro-africani dilaniati da sanguinose guerre civili (probabilmente il Ciad, infatti la prima parte del gioco è ambientata nei dintorni di Pala, città del Ciad appunto). Infatti nel luglio 2007, Ubisoft ha inviato una squadra di sviluppatori in Africa per svolgere una più approfondita ricerca per il gioco e alcuni membri del team di Ubisoft Montreal hanno trascorso 2 settimane in diversi luoghi del continente africano e nelle aree intorno al Kenya per compiere riprese fotografiche reali di fauna selvatica. Il team ha utilizzato quindi in fase di sviluppo il materiale per riprodurre un ambiente quanto più realistico possibile.

Il giocatore potrà muoversi con diversi mezzi, quali camion pesanti, berline anni novanta, fuoristrada, idroscivolanti, deltaplani e un fuoristrada armato con una mitragliatrice pesante. Il tutto avviene in tempo reale e in circa 50 chilometri di aree all'aria aperta tipiche del continente africano che vanno dalla steppa alla savana, dalla giungla al deserto e che, grazie al nuovo motore grafico denominato Dunia engine creato appositamente per Far Cry 2, è possibile godere di un ciclo diurno-notturno, musica dinamica e ambienti realistici spesso distruttibili; in particolare il fuoco può propagarsi in maniera particolarmente realistica.

Il Dunia engine consente al giocatore di interagire con l'ambiente, che si tratti di un cespuglio rotto perché investito con l'auto o di una casa danneggiata da una granata o dal colpo di un bazooka, e consente al giocatore di trovare diversi modi per completare le missioni. Ad esempio: è possibile usare delle molotov per dar fuoco all'erba secca e il fuoco si propagherà, attivando esplosivi e uccidendo i nemici che incontrerà sul suo cammino. Lo stesso succederà con le capanne o sparando agli esplosivi vicino all'erba. Il gioco gestisce anche il tempo e i cambiamenti atmosferici: anch'essi influenzano il giocatore nelle missioni. Di notte è possibile entrare furtivamente negli accampamenti; la pioggia indebolisce gli effetti del fuoco e velocizza il deterioramento delle armi. Sono presenti due modalità: multiplayer e giocatore singolo.

Editor mappe[modifica | modifica sorgente]

Il gioco permette di creare delle grandi mappe pubblicabili Online. Grazie al potente editor, le mappe possono essere molto dettagliate e varie. Per esempio si possono creare deserti, città africane, fitte foreste o vastissime bidonville. Tutte queste mappe possono essere rese più dettagliate da molti elementi tipici del continente africano come vasi, ceste o chioschi che danno più realismo ai luoghi, e possono essere arricchite con textures che cambiano zone del suolo rendendole sabbiose, rocciose ecc.

Si possono anche creare rilievi o depressioni per dare vita a canyon, fiumi o ad alte montagne. Le mappe possono essere scaricate da Internet ed essere giocate da una vastissima community di persone che sfrutteranno gli elementi forniti dal creatore della mappa, come mitragliatrici su treppiede, per vincere la sfida proposta (che può variare dal semplice Death-match alla caccia al diamante).

Voci correlate[modifica | modifica sorgente]

Collegamenti esterni[modifica | modifica sorgente]

Note[modifica | modifica sorgente]

videogiochi Portale Videogiochi: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di videogiochi