Xbox Live

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Xboxlive.png
Distributore Microsoft Corporation
Tipo Servizio online
Data Attivazione 15 novembre 2002[1]
Piattaforme Xbox (2002-2010)[2]
Xbox 360
Xbox One
Membri 48 milioni di account (2014)[3]
Sito web Xbox Live Gold

Xbox Live è un servizio offerto dalla Microsoft Corporation a partire da novembre 2002 per la console Xbox che permette a chi dispone almeno di una connessione ADSL per giocare in multiplayer attraverso Internet. Dal 15 aprile 2010 Xbox Live è disponibile esclusivamente per Xbox 360 e Xbox One.

Una versione aggiornata del servizio chiamata Live Anywhere, presentata contestualmente al lancio della console Xbox 360, permette anche ad altre piattaforme, come Windows Vista e Windows Phone, di utilizzare Xbox Live.

Live Anywhere non è un elemento opzionale, ma è parte integrante della console Xbox 360 attraverso il quale è possibile attivare chat vocali e download di demo tramite il Marketplace presente sulla dashboard della console.

Caratteristiche[modifica | modifica sorgente]

Tipologie di abbonamenti[modifica | modifica sorgente]

Con il lancio della Xbox 360, le offerte Xbox Live comprendono:

  • Xbox Live Silver:
    Permette di collegarsi alla comunità online e creare la propria identità digitale con una gamertag Xbox Live e un Gamer Profile personalizzato. Gli utenti Xbox Live Silver potranno inviare e ricevere messaggi vocali e di testo e raggiungere i propri amici su Xbox Live. Xbox Live Marketplace è il punto di riferimento per scaricare i trailer di nuovi giochi, demo e contenuti extra come nuovi livelli, personaggi e armi. I giocatori possono anche acquistare e scaricare giochi Xbox Live Arcade direttamente sulla propria console Xbox 360 (sono previsti costi aggiuntivi; i download richiedono la presenza di hard disk o memory unit). È gratuito.
  • Xbox Live Gold:
    Comprende tutte le opzioni dell’abbonamento Xbox Live Silver e l'accesso alle esperienze multiplayer esclusive per gli abbonati Xbox Live Gold: partite online in modalità multiplayer, strumenti avanzati per matchmaking e feedback, privilegi esclusivi e bonus su Xbox Live Marketplace (ad esempio sconti sui contenuti). A differenza dell'abbonamento Silver quello Gold è a pagamento mensile oppure a pagamento annuale e richiede la carta di credito. Per chi non la possieda o non la voglia utilizzare, può acquistare l'abbonamento al servizio in sotto forma di card prepagate da riscattare online tramite una procedura dedicata al riscatto. Gli abbonamenti sono acquistabili in tutti i negozi di articoli tecnologici o in quelli specializzati in videogiochi (Media World, GameStop, e molti altri).

Per parteciparvi bisogna iscriversi con abbonamento:

  • 1 mese = 6,99€ (Disponibile solo su Xbox Live acquistando con carta di credito)
  • 3 mesi = 19,99€
  • 12 mesi = 59,99€

Ban[modifica | modifica sorgente]

La Microsoft, per proteggersi dalla pirateria, ha deciso di eseguire controlli ed escludere da Xbox Live tutte le console modificate. Il ban non cancellerà gli account, ma impedirà all'utente di accedere a Xbox Live. Inoltre, tutti i giorni passati dopo il ban verranno sottratti a quelli dell'abbonamento.

Potenziamento dell'infrastruttura[modifica | modifica sorgente]

Nei primi mesi del 2013, a quasi 11 anni dall'attivazione del servizio, Microsoft in occassione dell'uscita di Xbox One, ha annunciato la più grande ristrutturazione di Live: circa 700 milioni di dollari sarebbero stati spesi per portare il numero dei server da 5000 ad oltre 300000 sfruttando il cloud computing per garantire un'esperienza di gioco eccezionale.[4]

Attacchi ad Xbox Live del 2014[modifica | modifica sorgente]

Dopo gli attacchi al PlayStation Network e Battle.net avvenuti il 23 agosto 2014, le attenzioni del gruppo di hacker Lizard Squad, si sono concentrati anche su Xbox Live cercando di mandare i sever della struttura online di Microsoft in crash come quelli di Sony , la notte del 24 agosto. Tuttavia il 25 agosto, i tentativi di danni ad Xbox Live, sono stati respinti dal tempestivo intervento di Microsoft, che grazie anche al fatto degli gli attacchi già avvenuti al PSN, hanno fatto si che l'azienda di Redmond potesse così anticiparsi sui tempi e preparare le contromisure , nelle ore in cui il sistema è stato sotto attacco , Microsoft stessa ha limitato drasticamente le funzionalità della struttura online di Xbox Live , come precauzioni per tutelare la sicurezza sulla privacy degli account dei propri utenti iscritti alla piattaforma.[5] Lizard Squad, dopo essersi già presa gioco della fragilità dei server di Sony con il PSN,[6] al termine del suo lavoro ha emanato giudizi, citando e complimentandosi con Microsoft ed Xbox Live per avergli dato del filo da torcere per non avergli permesso di bucare il sistema di protezione online grazie alle loro contromisure , mentre ha criticato e deriso Sony e PSN, per la scarsa sicurezza ed elevata facilità nella manomissione dei loro server.[7]

Disponibilità[modifica | modifica sorgente]

Xbox Live è attualmente disponibile in 42 nazioni:

Note[modifica | modifica sorgente]

Voci correlate[modifica | modifica sorgente]

Collegamenti esterni[modifica | modifica sorgente]