Xbox One

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Xbox One

Xboxone.png

Xbox One Console Set.jpg
Produttore Microsoft
Tipo Console
Generazione Ottava
Presentazione
alla stampa
21 maggio 2013
In vendita Stati Uniti 22 novembre 2013
Europa 22 novembre 2013
settembre 2014 in: Belgio, Danimarca, Finlandia, Giappone, Olanda, Norvegia, Russia, Svezia e Svizzera.[1]
Supporto di
memorizzazione
Blu-ray Disc
CD-ROM
DVD-ROM
HDD 500 GB
Dispositivi
di controllo
Gamepad
Kinect One
tastiera
Servizi online Xbox Live
Skype (messaggistica, chiamate e videochiamate)
Facebook
Twitter
MSN (messaggistica istantanea)
YouTube
Bing
OneDrive (per salvataggi e profili)
Mediaset Premium (solo in Italia).
Unità vendute 4,21 milioni (5 aprile 2014)[2]
Gioco più diffuso Call of Duty: Ghosts 1,67 milioni (5 aprile 2014)[3]
Predecessore Xbox 360

La Xbox One, è una console prodotta da Microsoft, dotata di varie funzioni multimediali oltre a quelle di intrattenimento videoludico. Essa fa parte dell'ottava generazione di console, e compete commercialmente con la PlayStation 4 di Sony e il Wii U di Nintendo.

Sviluppo[modifica | modifica sorgente]

I fan avevano inizialmente attribuito alla console il nome Xbox 720, battezzata dalla casa con il nome di Xbox One (il termine "One" è una abbreviazione della frase "All in One" ovvero "Tutto in Uno") durante la conferenza tenutasi a Maggio (A new generation revealed). Il progetto originale era chiamato Durango.

La console è stata ufficialmente annunciata il 21 maggio 2013 durante l'evento Xbox Reveal a Redmond e messa in commercio in 13 paesi (tra cui l'Italia) il 22 novembre 2013 ed è arrivata nei rimanenti entro il 2014.

La Xbox One ha una CPU con otto core x86-64 (due moduli da 4 core utilizzati contemporaneamente[4]), 8 Gigabyte di RAM, (di cui 3 GB sono usati per le applicazioni e per il sistema operativo), un hard drive da 500 GB, una memoria esram da 32MB, legge i dischi Blu-Ray, supporta la risoluzione 4K (3840x2160) e ha un'uscita audio surround 7.1

Yusuf Mehdi di Microsoft ha affermato che non c'è nessuna restrizione che impedisce ai giochi di essere visualizzati a 4K, anche se questa tecnologia richiede una grande quantità di risorse grafiche che attualmente la console non possiede.

La console dispone inoltre due porte HDMI 1.4, una in entrata e una in uscita, ma non ha uscite per il video composito o il component.[5] Alcuni dettagli essenziali non sono stati ancora divulgati, come le reali caratteristiche del chip video. Tuttavia, durante l'evento HotChips 2013 Microsoft ha dichiarato che CPU e GPU sono supportati da 15 processori "special purpose", tra i quali un chip audio dedicato, dotato di due core vettoriali.[6] La console è stata anche presentata all'E3 2013[7] e alla GamesCon 2013 di Colonia.[8] La Microsoft ha inoltre annunciato che sono in sviluppo 15 esclusive per Xbox One, di cui 8 sono nuove IP. Durante marzo 2014 la Microsoft ha annunciato ufficialmente che la Xbox One sarà completamente compatibile con le nuove librerie grafiche DirectX 12.

Sistema operativo[modifica | modifica sorgente]

La console ha 3 differenti sistemi operativi: Xbox OS, un OS basato sul kernel di Windows 8, un terzo sistema operativo che si occupa della comunicazione in multitasking degli altri due OS senza perdere fluidità.

Controller[modifica | modifica sorgente]

Il nuovo controller ha un design molto simile al controller di Xbox 360. I pad direzionali sono stati resi più "tradizionali" rispetto a quelli della precedente console; le batterie durano più a lungo e la precisione dei grilletti analogici è stata migliorata, secondo gli sviluppatori, del 50% grazie a un innovativo sistema di vibrazione, che rende quest'ultimi più solidi rispetto al passato. Il controller dispone di un vano per 2 batterie stilo, sostituibili poi con il Recharge Kit originale (pacco batteria e cavo USB per la ricarica). Con la tecnologia next-gen si utilizza un trigger più ergonomico che dona all'utente esperienze di videogioco uniche e due pad analogici che permettono una giocabilità migliorata del 25%.

Il controller è stato studiato per non distrarre l'utente dallo schermo, è per questo che non troviamo pulsanti aggiuntivi oltre ai classici tasti.

I progetti per il controller sono costati 100 milioni di dollari. Nei progetti c'erano controller con altoparlanti, luci integrate, e addirittura un'apparecchiatura in grado di emulare odori, oppure fatti di uno speciale materiale che si adatta alla forma delle mani; tutte queste tecnologie avrebbero ridotto notevolmente la durata della batteria e aumentato la distrazione dell'utente nei momenti di gioco, per questo si è preferito migliorare al massimo il controller della Xbox 360.

Xbox Live[modifica | modifica sorgente]

I server del nuovo Xbox Live sono stati aumentati dai 5.000 di Xbox 360 a 300.000 ed è disponibile un sistema di salvataggio in cloud per musica, film, giochi e altri contenuti.

Questo rappresenta un punto di forza per Xbox One perché, come dichiarato da Microsoft, permetterà ai server di aiutare la console durante il calcolo grafico di alcune scene (da precisare che il Cloud Computing non è mai stato utilizzato e che questa feature richiederà una connessione molto performante.

Questione sulla connessione obbligatoria e sui giochi usati[modifica | modifica sorgente]

Xbox One in esposizione all'E3.

Il 7 giugno 2013, a pochi giorni dalla conferenza dell'E3, Microsoft ha rilasciato delle FAQ in cui spiega alcune funzionalità della sua nuova console; questo in seguito ai rumor circolanti in rete, definiti "inaccurati e incompleti" da Larry Hyrb, riguardo ad una possibile connessione obbligatoria alla rete e al modo in cui verranno gestiti i giochi usati.

La nuova Xbox richiederà l'installazione obbligatoria dei giochi, che verranno poi collegati in modo univoco all'account e una volta inseriti nella libreria giochi non ci sarà più bisogno del disco. Microsoft ha pensato alla Xbox One come una console obbligatoriamente connessa alla rete per sfruttare al meglio tutte le funzionalità. Si potrà comunque giocare offline per un tempo massimo di 24 ore dall'ultima connessione quando si è sulla console contrassegnata come "principale" dell'account, mentre questo tempo scende ad 1 ora nel momento in cui si sta giocando su un'altra console. Questo controllo è necessario per verificare le licenze dei prodotti.

È stato specificato che trascorso questo tempo offline la console sarà comunque utilizzabile per guardare la TV e un film in Blu-Ray o DVD.

Sulla console "principale" sarà possibile condividere i propri titoli con i propri famigliari per un massimo di 10 account, ma questa caratteristica deve essere ancora approfondita e spiegata nei dettagli.

Per quanto riguardala possibilità di prestare e vendere i propri giochi, Microsoft ha detto che sarà "a discrezione del publisher", nel senso che potrebbe anche essere bloccata.

Per quelli che lo permetteranno, il prestito di un titolo sarà possibile solo verso un account presente nella propria lista di amici da almeno 30 giorni, e potrà avvenire una sola volta. Quindi più che di un prestito si tratterà di una cessione gratuita della licenza.

Il mercato dell'usato, sempre per i publisher che lo permetteranno, avverrà tramite partner commerciali selezionati e abilitati alla compravendita delle licenze.

Microsoft non ha comunque detto come si comporterà in prima persona con i propri titoli, prendendo una posizione attendista.

Diversi publisher, interpellati a proposito di come gestiranno il mercato dell'usato, hanno dichiarato di essere rimasti spiazzati da questo sistema che verrà introdotto da Microsoft e di non essere ancora pronti a riguardo.

Critiche e cambio di politica[modifica | modifica sorgente]

Tale scelta di marketing da parte di Microsoft ha suscitato però non poche polemiche in tutto il mondo, portando l'azienda addirittura a bloccare i commenti sul suo canale ufficiale di YouTube, a causa dell'elevato numero di critiche negative da parte degli utenti.[9] Oltre ai responsi estremamente negativi, sarebbero circolate in rete delle notizie secondo la quale Microsoft avesse in un primo momento corrotto alcuni critici in modo da far guadagnare al nuovo prodotto un aspetto "commercialmente" più positivo;[10] e successivamente avrebbe addirittura pagato publisher e sviluppatori per non mostrare i loro titoli alla conferenza E3 di PlayStation 4, così da ridurne l'impatto sul pubblico.[11]

A peggiorare la situazione si è aggiunto un commento di Don Mattrick rilasciato l'11 giugno che recita: "Fortunatamente noi abbiamo un prodotto per persone che non sono in grado di avere una connessione ad Internet; si chiama Xbox 360".[12][13] Questa espressione di Mattrick ha sia ingigantito le polemiche che suscitato grande ilarità poiché, a detta di molti, Mattrick ha trascurato il fatto che molte persone preferirebbero giocare con una PlayStation 4 o un PC, piuttosto che usare una Xbox 360.

Difatti, a causa delle pressioni e critiche del web in fermento e dei continui trolling da parte di Sony,[14][15] il 19 giugno 2013, Microsoft, nella persona di Don Mattrick, ha rilasciato un comunicato dove dichiara che la console non richiede più una connessione obbligatoria ogni 24 ore, ma solo al momento del setup iniziale. Inoltre si conferma la non presenza del blocco dei giochi usati.[16]

La console è anche region free, ma nonostante ciò i servizi a pagamento online sono limitati. [17]

Connettività[modifica | modifica sorgente]

La Xbox One permette l'accesso istantaneo e simultaneo a film, TV in diretta, musica e internet. Come per il predecessore, Xbox One supporta, a partire dall'11 dicembre 2013, la visione dei canali a pagamento di Mediaset Premium in Italia, tramite l'applicazione Premium Play.[18]

Tramite un accessorio esterno la console permette di guardare canali TV in diretta, in modo simile a quanto fatto da Google con Google TV. La nuova divisione Xbox Entertaiment Studios inoltre si occupa di sviluppare contenuti esclusivi per la nuova Xbox, tra cui una serie televisiva basata sul franchise di Halo e prodotta da Steven Spielberg.

Controllo vocale[modifica | modifica sorgente]

La Xbox One dispone di un sistema di comandi vocali da usare tramite il Kinect One. Questa funzione permette agli utenti di controllare tutta l'interfaccia Xbox tramite la propria voce: ad esempio si può cambiare canale TV, mettere in pausa un film o controllare le schermate Skype e internet tramite la voce. Questa nuova tecnologia permette di giocare in modalità cooperativa, mentre si parla con gli amici o con chiunque altro utilizzando come connessione Skype. Tutte le funzioni di Xbox One sono gestibili con la voce.

Kinect One[modifica | modifica sorgente]

Il nuovo Kinect ha una risoluzione a 1080p e lavora processando 2 GB di dati al secondo. Inoltre è in grado di riconoscere fino a 6 giocatori e riesce a monitorare dati come il battito cardiaco e i movimenti dei muscoli facciali.

Riguardo alla privacy, è stato dichiarato che è facilmente riconoscibile quando il Kinect è acceso o spento, e che l'utente ha il pieno controllo su questa periferica, la quale non deve neanche restare sempre connessa alla console. Il nuovo Kinect ha una giocabilità molto superiore al modello precedente, grazie ad un "lag time" di soli 40 MS.

Retrocompatibilità[modifica | modifica sorgente]

Al momento del lancio della console, la Microsoft ha dichiarato che la Xbox One non sarebbe stata retrocompatibile con i giochi delle precedenti console Xbox e Xbox 360. Tuttavia, nell'annuale riunione degli sviluppatori per le piattaforme Microsoft, tenutasi ad aprile 2014, l'idea di un emulatore per i giochi della Xbox 360 è tornata in auge e si attendono conferme dalla casa produttrice.

Console War e Resolution War[modifica | modifica sorgente]

Al lancio la console Microsoft ha dato prova della sua inferiorità hardware rispetto alla rivale Play Station 4 tanto che i giochi giravano a risoluzioni inferiori e con livello di dettaglio più scarso. Questa è stata battezzata Resolution War (guerra delle soluzioni). Microsoft ha annunciato che è a lavoro per migliorare i Kit di Sviluppo (SDK) per permettere più facilmente agli sviluppatori di raggiungere i 1080p nativi e sfruttare meglio l'hardware.

I primi mesi di vita[modifica | modifica sorgente]

Nel corso dei primi mesi di vita Microsoft ha rilasciato molti aggiornamenti per la sua console, tesi a migliorarne la capacità di calcolo e minimizzare lo spreco di risorse.

Specifiche tecniche[modifica | modifica sorgente]

Contenuto della confezione[modifica | modifica sorgente]

  • Console Xbox One
  • Sensore Kinect One
  • Alimentatore
  • Controller (controller celebrativo per DayOne Edition)
  • Obiettivi esclusivi (solo per la DayOne Edition)
  • Cavo HDMI 4K ready
  • Xbox One Headset

Giochi[modifica | modifica sorgente]

Sono stati confermati, come titoli in sviluppo per Xbox One, i seguenti giochi (in grassetto quelli disponibili al lancio della console):

Titolo Publisher / Sviluppatore Data di rilascio
Assassin's Creed IV: Black Flag Ubisoft Montreal 22 novembre 2013
Battlefield 4 EA / DICE 22 novembre 2013
Below Microsoft Studios / Capybara Games TBA
Beyond Good & Evil 2 Ubisoft / Ubisoft Montpellier TBA
Call of Duty: Ghosts Activision / Infinity Ward 22 novembre 2013
Carmageddon: Reincarnation Stainless Games 2014
Child of Light Ubisoft / Ubisoft Montreal 2014
The Crew Ivory Tower / Ubisoft Reflections 2014
Crimson Dragon Microsoft Game Studios / Grounding, Inc. Land Ho! Co. Ltd. 22 novembre 2013
Cyberpunk 2077 CD Projekt RED 2015
D4 Microsoft Game Studios / Access Games TBA
Dead Rising 3 Microsoft Game Studios / Capcom Vancouver 22 novembre 2013
Destiny Activision / Bungie 2014
Dragon Age: Inquisition Electronic Arts / BioWare 2014
DreamPark Tycoon RedCoin Games marzo 2014
Dying Light Warner Bros. Interactive Entertainment / Techland 2014
Earth No More Radar Group 3D Realms TBA
EA Sports UFC EA Sports / EA Canada 5 maggio 2014
FIFA 14 EA Sports 22 novembre 2013
Final Fantasy XV Square Enix TBA
Forza Motorsport 5 Microsoft Game Studios / Turn 10 Studios 22 novembre 2013
Just Dance 2014 Ubisoft 22 novembre 2013
Kinect Sports Rivals Microsoft Game Studios / Rare 2014
Kingdom Hearts III Square Enix TBA
Lego Marvel Super Heroes Traveller's Tales / WBIE 22 novembre 2013
LocoCycle Microsoft Game Studios / Twisted Pixel Games 2013
Lords of the Fallen City Interactive / Deck 13 CI Games 2014
Mad Max Warner Bros. Interactive Entertainment / Avalanche Studios 2014
Madden NFL 25 EA Sports 22 novembre 2013
Metal Gear Solid: Ground Zeroes

Metal Gear Solid V: The Phantom Pain

Konami / Kojima Productions 20 marzo 2014

TBA 2014

Metro Redux Deep Silver / 4A Games TBA
Minecraft: Xbox One Edition Mojang 22 novembre 2013
NBA 2K14 Visual Concepts / 2K Sports 22 novembre 2013
NBA Live 14 EA Sports 22 novembre 2013
Need for Speed: Rivals EA / Criterion Games 22 novembre 2013
Plants vs Zombies: Garden Warfare Electronic Arts / PopCap Games 27 febbraio 2014
Powerstar Golf Microsoft Game Studios / Zoë Mode 2013
Project Spark Microsoft Game Studios / Team Dakota 2014
Quantum Break Microsoft Game Studios / Remedy Entertainment 2014
Ryse: Son of Rome Microsoft Game Studios / Crytek 22 novembre 2013
Skylanders: Swap Force Activision / Vicarious Visions 22 novembre 2013
Sunset Overdrive Microsoft Game Studios / Insomniac Games TBA
Thief Eidos Montreal 28 febbraio 2014
The Evil Within Bethesda Softworks / Tango Gameworks Q1 2014
Titanfall Electronic Arts / Respawn Entertainment 13 marzo 2014
The Witcher 3: Wild Hunt CD Projekt RED 2014
Tomb Raider (2013) Cristal Dinamics 31 gennaio 2014
Watch Dogs Ubisoft Montreal 27 maggio 2014
Wolfenstein: The New Order Bethesda Softworks / MachineGames 20 maggio 2014
Zoo Tycoon Microsoft Game Studios / Frontier Developments 22 novembre 2013

Note[modifica | modifica sorgente]

Collegamenti esterni[modifica | modifica sorgente]