Risoluzioni standard

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.

Le risoluzioni standard o modalità video sono combinazioni di parametri utilizzate dall'industria elettronica per definire l'interfaccia video di un computer. Tali parametri di solito sono la risoluzione dei display (specificata dalla larghezza e altezza in pixel), la profondità di colore (espressa in bit) e la velocità di refresh (refresh rate, espressa in hertz).

Storia[modifica | modifica wikitesto]

Le risoluzioni standard utilizzate nei PC in questi anni (fine del XX secolo e inizi XXI secolo) si sono evolute moltissimo: si va dai semplici frame buffer dei primi anni, caratterizzati solo da risoluzione video e refresh rate, fino ai moderni sistemi dotati di un insieme molto più ampio di comandi e funzioni pilotabili via software.

L'evoluzione dell'informatica e dell'elettronica ha modificato nel tempo l'interfaccia di interazione tra computer ed operatore. Se fino alla metà negli anni settanta, era la normalità l'uso delle schede perforate e di pannelli a spie luminose per leggere i risultati dei calcoli, divenne poi possibile interagire con gli elaboratori attraverso videoterminali a carattere. L'evoluzione successiva ha portato alla nascita di numerosi standard grafici che introdussero linee e curve e successivamente i colori.

La continua evoluzione dell'elettronica e della tecnologia di visualizzazione aumenta sempre più la definizione, la superficie visualizzabile e le dimensioni stesse degli schermi.

Fino al 2003, la maggior parte dei monitor aveva un Aspect ratio di 4:3 e qualcuno di 5:4. Dal 2003 al 2006 si sono resi disponibili vari monitor con un rapporto di risoluzione di 16:9, inizialmente sui laptop e successivamente sui monitor per PC. Questo cambiamento è dovuto sia al fatto che con questo rapporto si vedono meglio film e giochi ma soprattutto le attività di videoscrittura ne hanno tratto beneficio potendo visualizzare due pagine A4 affiancate, così come anche il CAD che ha potuto sfruttare lo spazio in più per la visualizzazione dei menù a fianco del disegno grafico. La Video Electronics Standards Association (VESA) ha definito diversi standard video mentre quelli ergonomici sono definiti dal TCO.

Principali risoluzioni utilizzate in informatica[modifica | modifica wikitesto]

Nella tabella, qui sotto riportata, troviamo le risoluzioni video più comuni nei PC che si sono evoluti dall'originale IBM PC, più alcune che sono supportate da altri tipi di computer come ad esempio gli Apple Macintosh. La Video Electronics Standards Association (VESA) ha curato le specifiche di molti di questi standard.

Vector Video Standards2.svg
Tabella delle risoluzioni standard dei display
Standard Video Nome completo Descrizione risoluzione del display (pixel) Aspect ratio profondità del colore (bpp) Interfaccia video
MDA Monochrome Display Adapter Lo standard originale sugli IBM PC e IBM PC XT con 4 kB di video RAM. Introdotto nel 1981 dall'IBM. Supporta unicamente la modalità testuale. 720×350 (text) 72:35 1 bpp MDA
CGA Color Graphics Adapter Introdotto nel 1981 by IBM è il primo standard video a colori per gli IBM PC. Le schede grafiche CGA erano dotate di 16 KB video RAM. 640×200 (128k)
320×200 (64k)
160×200 (32k)
16:5
16:10
4:5
1 bpp
2 bpp
4 bpp
CGA
Hercules Una modalità video monocromatica con un'ottima visualizzazione del testo e della grafica per l'epoca in cui fu introdotta (1982). Divenne molto popolare abbinata al software di foglio elettronico Lotus 1-2-3 che è stato una delle prime killer application. 720×348 (250.5k) 60:29 1 bpp MDA
EGA Enhanced Graphics Adapter Introdotta da IBM nel 1984 con una risoluzione di 640 × 350 pixel su 16 colori (4 bit per pixel, o bpp), selezionabili fra 64 colori di base (palette) (2 bit per ciascuna componente rossa-verde-blu). 640×350 (224k) 64:35 4 bpp EGA
Professional Graphics Controller Introdotta nel 1984 per il PC-bus ISA a 8 bit, aveva a bordo un acceleratore hardware 2D e 3D ed era stata pensata per applicazioni CAD 640×480 (307k) 4:3 8 bpp PGC
MCGA Multi-Color Graphics Array Introdotta nel 1987 per gli IBM Personal System/2 (PS/2) con un costo ridotto rispetta alla VGA. MCGA ha una risoluzione di 320x200 pixel con 256 color (da una palette di 262,144 colori, e una risoluzione di 640x480 unicamente in bianco e nero in quanto la video ram era di soli 64k mentre quella della VGA era di 256k. 320×200 (64k)
640×480 (307k)
16:10
4:3
8 bpp
1 bpp
VGA Standard
8514 Modalità video di IBM introdotta nel 1987 praticamente assieme alla VGA. Era caratterizzata dalla risoluzione 1024x768 (precursore di XGA) ma aveva un video interlacciato a 43.5 Hz. 1024×768 (786k) 4:3 8 bpp VGA Interlacciato
VGA Video Graphics Array Introdotta nel 1987 da IBM. Oggi per VGA si intende la risoluzione 640x480 a 16 colori ma VGA è un insieme di risoluzioni che comprendono anche 320x200 a 256 colori e 720x400 in modalità testo. I display VGA e le schede video VGA sono generalmente in grado di operare in modalità grafica Mode X, una modalità non documentata per aumentare le prestazioni, utilizzata in particolare dai giochi. 640×480 (307k)
640×350 (224k)
320×200 (64k)
720×400 (text)
4:3
64:35
16:10
9:5
4 bpp
4 bpp
4/8 bpp
4 bpp
VGA Standard
SVGA Super VGA Uno standard video introdotto nel 1989 dalla Video Electronics Standards Association (VESA) per il mercato dei PC IBM compatibili. 800×600 (480k) 4:3 4 bpp VESA VGA
XGA Extended Graphics Array Introdotto da IBM nel 1990. XGA-2 ha poi aggiunto un supporto per più colori e ad un maggiore refresh rate e il supporto della risoluzione 1360 × 1024 a 16 colori (4 bit per pixel). 1024×768 (786k)
640×480 (307k)
4:3
4:3
8 bpp
16 bpp
VESA VGA
XGA+ Extended Graphics Array Plus Nome non ufficiale per riferirsi alla risoluzione di 1152 x 864, che è la risoluzione 4:3 più ampia sotto il milione di pixel. Apple Computer ha impiegato una variante di questa risoluzione a 1152x870 e Sun Microsystems a 1152x900. 1152×864 (786k)
640×480 (307k)
4:3
4:3
8 bpp
16 bpp
VESA VGA
QVGA Quarter VGA Un quarto della risoluzione VGA 320×240 (75k) 4:3 Non definita
WQVGA Wide Quarter VGA Risoluzione orizzontalmente ampia come la VGA ma con circa la metà delle linee 480×272 (126k) 16:9 Non definita
HQVGA Half QVGA Un ottavo della risoluzione VGA 240×160 (38k) 3:2 Non definita
QQVGA Quarter QVGA Un sedicesimo della risoluzione VGA 160×120 (19k) 4:3 Non definita
WXGA Widescreen Extended Graphics Array Una variante dello standard XGA con un Aspect ratio 16:9 o 16:10 che si è molto diffuso sui notebook più recenti (2008). 1280×720 (922k)
1280×800 (1024k)
1440×900 (1296k)
16:9 or 16:10 32 bpp VESA VGA
SXGA Super XGA Una modalità de facto ampiamente utilizzata con 32 bit Truecolor, con un particolare aspect ratio di 5:4 invece del più comune 4:3 che comporta una leggera distorsione delle immagini in formato 4:3. Questa modalità è utilizzata sulla maggior parte dei display LCD da 17". 1280×1024 (1310k) 5:4 32 bpp VESA VGA
WXGA+ Widescreen Extended Graphics Array PLUS Variante del formato WXGA molto utilizzata sugli ultimi (2008) portatili e sui monitor 19" caratterizzati da un rapporto di risoluzione 16:10. 1440×900 (1296k) 16:10 32 bpp VESA VGA
SXGA+ Super Extended Graphics Array Plus Molto frequente su laptop con display da 14" e 15" e su videoproiettori DLP. 1400×1050 (1470k) 4:3 32 bpp VESA VGA
WSXGA+ Widescreen Super Extended Graphics Array Plus molto frequente su Monitor widescreen da 19" 21" e 22" e su laptop con display 15.4" e 17. 1680×1050 (1764k) 16:10 32 bpp VESA VGA
UXGA Ultra XGA Una risoluzione standard de facto Truecolor. 1600×1200 (1920k) 4:3 32 bpp VESA VGA
Full-HD Full High Definition (1080p) È la risoluzione nativa per molti monitor LCD widescreen 24", oltre ad essere la risoluzione delle HDTV per le modalità 1080p o 1080i. 1920×1080 (2073k) 16:9 32 bpp DVI Single Link
WUXGA Widescreen Ultra Extended Graphics Array Una versione wide di UXGA molto utilizzato nei notebook di fascia alta con display da 15,4" o 17" 1920×1200 (2304k) 16:10 32 bpp DVI Single Link
QXGA Quad Extended Graphics Array Quattro volte la risoluzione XGA 2048×1536 (3146k) 4:3 32 bpp DVI Dual Link
WQXGA Widescreen Quad Extended Graphics Array Modalità video apparsa per la prima volta su Apple Cinema 30" e divenuta standard su monitor da 30", richiede connessioni DVI o HDMI dual link. 2560×1600 (4096k) 16:10 32 bpp DVI Dual Link
QSXGA Quad Super Extended Graphics Array 2560×2048 (5243k) 5:4 32 bpp DisplayPort 1.1 4-Lane
WQSXGA Wide Quad Super Extended Graphics Array 3200×2048 (6554k) 25:16 32 bpp Non ancora supportata
QUXGA Quad Ultra Extended Graphics Array Quattro volte la risoluzione UXGA. Richiede più connessioni DVI (4 single link o 2 dual link). In futuro sarà supportata da una singola connessione DisplayPort. 3200×2400 (7680k) 4:3 32 bpp Non ancora supportata
WQUXGA Wide Quad Ultra Extended Graphics Array Utilizzata dai monitor IBM T220/T221 LCD non più disponibili sul mercato. 3840×2400 (9216k) 16:10 32 bpp Non ancora supportata
HXGA Hexadecatuple Extended Graphics Array 4096×3072 (12583k) 4:3 32 bpp Non ancora supportata
WHXGA Wide Hexadecatuple Extended Graphics Array 5120×3200 (16384k) 16:10 32 bpp Non ancora supportata
HSXGA Hexadecatuple Super Extended Graphics Array 5120×4096 (20972k) 5:4 32 bpp Non ancora supportata
WHSXGA Wide Hexadecatuple Super Extended Graphics Array 6400×4096 (26214k) 25:16 32 bpp Non ancora supportata
HUXGA Hexadecatuple Ultra Extended Graphics Array 6400×4800 (30720k) 4:3 32 bpp Non ancora supportata
WHUXGA Wide Hexadecatuple Ultra Extended Graphics Array 7680×4800 (36864k) 16:10 32 bpp Non ancora supportata

Significato prefissi nella nomenclatura delle risoluzioni[modifica | modifica wikitesto]

Sebbene i prefissi comuni super S e ultra U' non indicano una specifica variazione alla risoluzione standard, molti prefissi hanno, invece, uno specifico significato:

Quarter (Q)
Un quarto della risoluzione di base. Es. QVGA indica una risoluzione di 320×240 che è la metà della larghezza e la metà dell'altezza, ossia un quarto del totale dei pixel, della risoluzione VGA di 640×480. Nelle alte risoluzioni Q significa "Quad" ossia quattro volte.
Wide (W)
Risoluzione più ampia di quella base, di cui mantiene il numero di righe, che permette un Aspect ratio di 16:9 o 16:10.
Quad(ruple) (Q)
Quattro volte i pixel della risoluzione di base ossia due volte in orizzontale e due volte in verticale il numero di pixel.
Hexadecatuple (H)
Sedici volte i pixel della risoluzione di base ossia quattro volte in orizzontale e quattro volte in verticale il numero di pixel.
Ultra (U)
eXtended (X)

Questi prefissi possono anche combinarsi come, ad esempio in WQXGA o WHUXGA.

Tipi di interfacce video per PC[modifica | modifica wikitesto]

Nella colonna interfaccia video della tabella precedente è riportata il tipo di interfaccia video che permette di collegare un monitor ad un PC e visualizzare la risoluzione indicata secondo le seguenti specifiche:

N.B. Queste sono indicazioni generali per un corretto funzionamento. In realtà, ad esempio, si potrebbe anche utilizzare una connessione VESA VGA per visualizzare in risoluzione WUXGA anche se questo non è consigliato. Per aumentare la risoluzione si possono aumentare anche i collegamenti video, utilizzando ad esempio 2 o 4 collegamenti DVI, o diminuire la velocità di refresh.

Principali risoluzioni utilizzate in TV e Videoproiettori[modifica | modifica wikitesto]

Nella tabella qui sotto riportata troviamo le risoluzioni video più comuni nei TV e nei videoproiettori. Nella tabella seguente 60 Hz o 60 FPS sono un'approssimazione. Il valore preciso è 60 \frac {1000}{1001} ossia circa 59,94.

Risoluzioni dello schermo.svg
Tabella delle risoluzioni standard di TV e Videoproiettori
Standard Video Descrizione risoluzione del display (pixel) Aspect ratio profondità del colore (bpp) frame per secondo
480i Video a risoluzione standard NTSC a 60 Hz interlacciato 720×480 (337.5k) 3:2 (1.5:1) 24 bpp 30
480p Video a risoluzione standard NTSC a 30 Hz progressivo. 720×480 (337.5k) 3:2 (1.5:1) 24 bpp 30
576i Video a risoluzione standard PAL a 50 Hz interlacciato 720×576[1] (405k) 4:3 (1.33:1) 24 bpp 25
576p Video a risoluzione standard PAL a 25 Hz progressivo. 720×576[1] (405k) 4:3 (1.33:1) 24 bpp 25
720p Formato video HDTV 1280x720 a 60 Hz progressivo. Esistono anche le varianti a 24, 25, 30 e 50 Hz. Chiamato HD Ready 1280×720 (1024k)
1360x768 (1044k)
1366x768 (1049k)
16:9 (1.78:1) 24 bpp 50-60
1080i Formato video HDTV 1920x1080 a 60 Hz interlacciato. Esiste anche la variante a 50 Hz. 1920×1080 (2073k) 16:9 (1.78:1) 24 bpp 25-30
1080p Formato video HDTV 1920x1080 a 60 Hz progressivo. Esistono anche le varianti a 24, 25, 30 e 50 Hz. Chiamato Full HD 1920×1080 (2073k) 16:9 (1.78:1) 24 bpp 50-60
2K Proiezione di film digitali in sale cinematografiche DLP. 2048×1080 (2212k) 1.8962:1 48 bpp 24
WQXGA Widescreen Quad eXtended Graphics Array 2560×1600 (4096k) 16:10 24 bpp 50-60
Super HD (2160p) Televisioni 4K 3840×2160 (8294k) 16:9 (1.78:1) 24 bpp 50-60
Super HD (4K) Proiezione di film digitali in sale cinematografiche DLP. 4096×2160 (8847k) 1.8962:1 48 bpp 24
Ultra HD 8K 8K Ultra Alta Definizione 7680×4320 (33177k) 16:9 (1.78:1) 30 bpp - 36 bpp 50-60

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ a b Il pixel aspect ratio risulta essere maggiore di uno: anziché essere quadrato, un pixel risulta leggermente rettangolare.

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

informatica Portale Informatica: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di informatica