Video a componenti

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Tre cavi, ognuno con connessione RCA ad entrambi i capi, sono spesso usati per trasmettere segnale video analogico

Il video a componenti, anche noto come component, è una tipologia di formato video analogico che si contrappone al video composito.

Il video a componenti si contraddistingue dal video composito per il fatto di avere le informazioni video distinte in più componenti separate, diversamente dal video composito che invece le miscela in un unico flusso informativo.

Attualmente negli impianti domestici i cablaggi video a componenti vengono gradatamente sostituiti dai cablaggi digitali DVI e HDMI in grado di fornire maggiore comodità. In ambito professionale invece il video a componenti è ancora largamente utilizzato nei cablaggi di qualità.

Video analogico a componenti[modifica | modifica sorgente]

I segnali video analogici devono fornire informazioni (note anche come componenti) relative ai segnali rosso, verde e blu (i colori primari) per creare un'immagine televisiva. Il tipo più semplice di video a componenti, RGB, consiste di tre segnali discreti rosso, verde e blu trasportati da tre distinti cavi coassiali poi opportunatamente miscelati per ottenere l'immagine reale con tutti colori desiderati.

Esistono alcune varianti sul formato, relative a come le informazioni di sincronismo sono gestite: se integrate nel canale verde, questo sistema prende il nome di sync-on-green (RGsB). Altri schemi usano un canale di sincronismo separato, come per esempio nel caso del connettore SCART in cui i segnali usano quattro pin (R,G,B + sync) dei ventuno disponibili (RGBS), più una massa comune. Un altro schema possibile è il SVGA, usato a livello globale per i monitor dei computer; questo schema è noto talvolta come RGBHV, poiché gli impulsi di sincronismo verticali e orizzontali usano a loro volta linee separate.

Un tipo alternativo di divisione dei componenti non usa i segnali RGB ma, al loro posto, un segnale senza informazioni di colore, chiamato luminanza (Y) combinato con uno o più segnali che trasportano le informazioni di crominanza (C). Canali di crominanza più numerosi permettono una maggiore precisione di mappatura nello spazio colore RGB. Questo schema di separazione è una trasformazione lineare dello spazio colore sRGB, e dà luogo al tipo di segnale a cui ci si riferisce di solito quando si parla di video a componenti. Alcune varianti di questo formato includono gli schemi YUV, YCbCr, YPbPr e YIQ, che sono comunemente usati nei sistemi video. In questo caso, il segnale a componenti viene trasmesso lungo tre cavi coassiali. In ambito televisivo, questo tipo di connessione è molto comune nei videoregistratori Betacam.

Nei sistemi video a componenti, i segnali di sincronizzazione devono essere trasmessi insieme alle immagini, di solito con uno o due cavi separati oppure inseriti nel periodo di cancellazione di uno o di tutti i componenti. Nell'ambito informatico è molto comune avere i sincronismi separati, mentre nelle applicazioni video è più frequente inserire i sincronismi nel componente Y, che a tutti gli effetti è un segnale televisivo monocromatico completo.

Un segnale video a componenti è anche il formato S-Video, che separa luminanza e crominanza su due cavi separati. Questo tipo di connessione, tuttavia, non può trasmettere immagini ad alta definizione o di qualità digitale (intesa come immagini con più di 480 linee interlacciate in NTSC e 576 in PAL). Il video a componenti, invece, è adatto a segnali come 480p, 720p, 1080p, mentre è richiesta una connessione digitale come DVI (solo video) e HDMI (che può includere fino a 8 canali audio) per avere i migliori risultati alle risoluzioni più elevate (superiori a 1080p).

Esempi di standard internazionali per il video a componenti sono:

  • RS-170 RGB (525 linee, basato su temporizzazioni NTSC, e noto ora come EIA/TIA-343)
  • RS-343 RGB (525, 625 o 875 linee)
  • STANAG 3350 Analogue Video Standard (NATO versione militare dello standard RS-343 RGB)

Voci correlate[modifica | modifica sorgente]

Altri progetti[modifica | modifica sorgente]