Thunderbolt (interfaccia)

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Curly Brackets.svg
Logo Thunderbolt
« Vediamo Thunderbolt come un successore di USB 3.0. In un certo senso, vorremmo realizzare l'unico cavo di cui avrete bisogno »
(Kevin Kahn, Intel senior fellow all'IDF 2011[1])

Thunderbolt è una tecnologia sviluppata da Intel (precedentemente nota con il nome in codice Light Peak),[2] in collaborazione con Apple, allo scopo di collegare una vasta gamma di dispositivi multimediali quali fotocamere digitali, schermi, riproduttori audio/video e unità di memorizzazione.

Caratteristiche tecniche[modifica | modifica sorgente]

La larghezza di banda offerta dalla prima generazione di tale tecnologia raggiunge i 10 Gbit/s bidirezionali. Ogni connettore Thunderbolt porta due canali quindi in teoria ogni connettore è in grado di ricevere e trasmettere 20 Gbit/s. Lo standard è stato sviluppato per poter essere espanso fino a 100 Gbit/s e prevede l'utilizzo dei cavi in fibra ottica per raggiungere le larghezze di banda più elevate.[3][4] Il connettore è identico al connettore mini DisplayPort sviluppato da Apple e difatti Thunderbolt è compatibile con i monitor DisplayPort. Lo standard combina i protocolli di trasferimento dati DisplayPort e PCI Express in un unico flusso dati, questo permette al connettore di gestire sia monitor che periferiche generiche. Nell'idea dei promotori dello standard, Thunderbolt dovrebbe sostituire i diversi connettori presenti nei computer diventando l'unico connettore presente nel computer per il trasferimento dei dati. Lo standard gestisce fino a 6 dispositivi in cascata ed è in grado di alimentare i dispositivi fino ad un massimo di 10 Watt di potenza. Ogni cavo (nell'implementazione in rame) può essere lungo al massimo 3 metri.

Storia[modifica | modifica sorgente]

Intel ha presentato tale tecnologia in occasione dell'IDF svoltosi a San Francisco ad autunno 2009[5]. Nel maggio 2010 Intel ha dimostrato il corretto funzionamento di tale tecnologia grazie all'utilizzo di un particolare chip (di soli 12 mm²) che aveva il compito di convertire in segnali ottici i segnali elettrici elaborabili da un semplice computer portatile. In particolare sono stati mostrati 2 flussi video ad alta definizione inviati separatamente a un televisore sfruttando un box convertitore, necessario in quanto non sono ancora disponibili TV che integrino il chip necessario alla riconversione del segnale ottico.[3][6]

La presentazione e l'uscita commerciale è stata il 24 febbraio 2011, in concomitanza con l'uscita dei nuovi MacBook Pro Apple dotati del nuovo connettore.[2][7]

Confronto[modifica | modifica sorgente]

Thunderbolt va a concorrere direttamente con lo standard USB, l'USB 2.0 come velocità di picco fornisce 480 Mbit/s e l'USB 3.0 fornisce di picco 5,0 Gbit/s; quindi forniscono velocità di picco inferiori allo standard Thunderbolt. Le velocità di picco dichiarate dallo standard USB non sono realmente raggiungibili: lo standard USB si basa sul continuo scambio di messaggi tra l'host e le periferiche, il che introduce una elevata latenza nelle comunicazioni ad alta velocità. La lettura dei dati richiede un messaggio da parte dell'host e nel caso di trasferimento di grandi moli di dati (come possono essere per esempio i flussi video) il meccanismo a messaggi limita la velocità di picco, l'USB 2.0 riesce a raggiungere il 50% delle sue prestazioni massime mentre l'USB 3.0 è limitato a 3,2 Gbit/s.[8]

Thunderbolt offre due canali di comunicazione indipendenti, in teoria ogni singolo canale di comunicazione offre tre volte la velocità massima del protocollo USB 3.0. In pratica la bassa latenza, nell'ordine degli 8 ns anche alla fine della catena di comunicazione, e il leggero protocollo di comunicazione PCI Express permettono di raggiungere prestazioni vicine a quelle massime teoriche.[9] Intel ha mostrato con dei prototipi una velocità di trasferimento dati del 62,5% di quella di picco; il non raggiungimento del massimo teorico era dovuto agli hard disk non abbastanza veloci per saturare il bus di comunicazione.[9][10] Durante la presentazione ufficiale Intel ha mostrato la copia di un file da hard disk allo stesso hard disk a velocità maggiori di 6,4 Gbit/s con apparecchiature commerciali.[11]

Sicurezza[modifica | modifica sorgente]

Thunderbolt, essendo basata su un approccio peer-to-peer, secondo Robert Graham, CEO di Errata Security, nasconde maggiori rischi per la sicurezza di una comune interfaccia di comunicazione. La nuova interfaccia di Intel offrirebbe un appiglio a malintenzionati che accedono fisicamente alla macchina. A differenza dell'interfaccia USB, quest'interfaccia dispone di accesso completo alla memoria del sistema. L'interfaccia espone dei livelli di accesso alla memoria del sistema tipici di bus interni delle macchine (tipo PCI Express) ma con una facilità di accesso maggiore.[12]

Periferiche[modifica | modifica sorgente]

Essendo il protocollo Thunderbolt di fatto una pci-express esterna, si presta a diventare un hub per più porte ed interfacce, soprattutto per quanto riguarda l'ambito laptop dove le connessioni disponibili sono sempre presenti in numero esiguo. Dopo vari ritardi le prime docking station sono in dirittura d'arrivo, permettendo l'uso simultaneo di tutti quei dispositivi che per motivi di banda non possono essere connessi contemporaneamente ad un hub, ad esempio usb.

Voci correlate[modifica | modifica sorgente]

Note[modifica | modifica sorgente]

  1. ^ (EN) Intel Says Its Light Peak Optical Cables May Succeed USB, PCWorld, 14 aprile 2011. URL consultato il 5 maggio 2011.
  2. ^ a b Thunderbolt Technology
  3. ^ a b Mary Branscombe, Intel Light Peak: a tech guide in ZDNet UK, CBS Interactive, 5 agosto 2010. URL consultato il 23 febbraio 2011.
  4. ^ Stuart Fox, Intel's New Light Peak Cable Transfers 10 Gb/S, Puts USB To Shame in Popular Science, Bonnier Group, 24 settembre 2009. URL consultato il 31 ottobre 2010.
  5. ^ PRESS KIT - Intel Developer Forum
  6. ^ Barry Collins, Intel shows off first Light Peak laptop in PC Pro, Dennis Publishing, 4 maggio 2010. URL consultato il 5 maggio 2010.
  7. ^ Apple - Press Info - Apple Updates MacBook Pro with Next Generation Processors, Graphics & Thunderbolt I/O Technology
  8. ^ Hewlett-Packard, Intel, Microsoft, NEC, ST-NXP Wireless e Texas Instruments, Universal Serial Bus 3.0 Specification (ZIP) in Universal Serial Bus 3, USB, 12 novembre 2008, pp. 4-17. URL consultato il 25 febbraio 2011 (archiviato dall'url originale il 25 febbraio 2011).
  9. ^ a b Daniel Eran Dilger, Intel details Thunderbolt, says Apple has full year head start in AppleInsider, AppleInsider, 24 febbraio 2011. URL consultato il 25 febbraio 2011.
  10. ^ Josh Lowensohn, Intel fires up its Thunderbolt tech (live blog) in CNet News, CBS Interactive, 24 febbraio 2011. URL consultato il 25 febbraio 2011.
  11. ^ Video Speed Test intel
  12. ^ IlSoftware.it - L'interfaccia Thunderbolt e i rischi per la sicurezza

Altri progetti[modifica | modifica sorgente]

Collegamenti esterni[modifica | modifica sorgente]